Illuminazione d'epoca e creazione di silhouette

Illuminazione d'epoca e creazione di silhouette

Quando il maggiordomo avrebbe acceso la candela del suo padrone, tuttavia, gli fu proibito. Quest'ultimo non si sarebbe ritirato. "Ho molti opuscoli da finire", disse a Catherine, "prima di poter chiudere gli occhi .." - Northanger Abbey di Jane Austen
Cosa significa esattamente questa affermazione? Perché una persona seduta in un salotto pieno di candelabri avrebbe bisogno di una candela personale? Entriamo nell'era delle luci d'epoca a lume di candela e cerchiamo di avere un'idea migliore del tempo di Jane Austen. Accendere "la candela del suo padrone" si riferisce all'accensione di una candela con cui illuminare la strada per andare a letto. C'erano persino candelabri speciali chiamati candelabri da camera per lo scopo. Avevano un'ampia base per evitare che la cera gocciolasse sulla mano o sui tappeti, una maniglia per un facile trasporto e talvolta uno smorzatore attaccato per facilitare lo spegnimento della candela prima di andare a dormire. Alcuni candelabri da camera avevano persino uno scudo sul lato opposto al manico per impedire che la fiamma venisse spenta da una brezza errante nel corridoio. Perché non illuminare semplicemente il corridoio con candele in focaccine da parete? Era costoso illuminare un corridoio non in uso costante e pericoloso lasciare le candele incustodite, quindi le candele venivano usate solo se necessario.

Accendere un fiammifero?

L'oscurità della luce emessa dalla sua candela la fece voltare allarmata; ... ahimè! È stato spento e spento in uno. Una lampada non avrebbe potuto scadere con un effetto più terribile. Catherine, per alcuni istanti, rimase immobile per l'orrore. È stato fatto completamente; non un residuo di luce nello stoppino poteva dare speranza al respiro che si riaccendeva. L'oscurità impenetrabile e inamovibile riempiva la stanza. - L'abbazia di Northanger
Una candela che si spegneva completamente sconvolse Catherine. Perché non lo riaccende semplicemente? L'idea di rapidi fiammiferi di illuminazione iniziò con la scoperta dell'elemento altamente infiammabile fosforo nel 1669 da parte di un commerciante tedesco che si dilettava di alchimia di nome Henning Brand. Diversi chimici del XVII secolo usarono l'elemento appena scoperto per fabbricare dispositivi che potevano essere usati per accendere rapidamente un fuoco, ma poiché il fosforo costava l'equivalente di diverse centinaia di libbre per oncia ed era altamente instabile, queste prime partite erano terribilmente costose e piuttosto pericolose. Nel 1781, un gruppo di chimici francesi sviluppò la candela fosforica o il fiammifero etereo. Consisteva in un tubo di vetro sigillato contenente un foglio di carta con la punta di fosforo, che si accendeva quando veniva esposto all'ossigeno rompendo il vetro. Tuttavia questi fiammiferi erano costosi e il delicato tubo di vetro si spezzava facilmente e spesso scoppiava in fiamme in tasca! Sarebbe stato il 1826 prima che John Walker, un farmacista inglese, creasse le partite di attrito che colpiscono ovunque. Le stecche di legno con la punta di clorato di potassio, solfuro di antimonio e gomma arabica si sono accese quando la testa del fiammifero è stata tirata attraverso una piega di carta vetrata fine. Nel 1829, fiammiferi simili conosciuti come "Lucifers" furono venduti in tutta Londra. Quindi sembra improbabile che il maggiordomo dell'abbazia di Northanger stesse per accendere un fiammifero per accendere "la candela del suo padrone" o che Catherine avrebbe avuto un fiammifero.

Pietra focaia e acciaio

... quanto è meglio trovare un fuoco pronto acceso, che dover aspettare tremando al freddo che tutta la famiglia sia a letto, come tante povere ragazze sono state obbligate a fare, e poi avere una vecchia serva fedele che spaventa uno entrando con un frocio! - L'abbazia di Northanger
La selce e l'acciaio rimasero il metodo principale per accendere il fuoco fino alla metà del XIX secolo. Questo metodo prevedeva di colpire con forza un pezzo di selce contro un pezzo di acciaio in modo che la scintilla risultante cadesse su un'esca o un fiammifero rudimentale, realizzato avvolgendo un po 'di cotone o carta rivestita di cera attorno a un'estremità di una stecca di legno. Spesso ci sono voluti diversi colpi per ottenere una buona scintilla che ha acceso l'esca o il fiammifero. La selce e l'acciaio sono arrivati ​​come kit in una piccola scatola rotonda di legno o latta chiamata scatola per esca. Conteneva un pezzo di acciaio realizzato a forma di manico in modo che fosse facile da afferrare e un pezzo di selce affilata. La scatola dell'esca che conteneva la pietra focaia e l'acciaio era usata per contenere il materiale chiamato esca che sarebbe stato acceso con le scintille. Tow era l'esca più comunemente usata. È un sottoprodotto della produzione di lino o lino. Quando le fibre di lino vengono pettinate prima di essere filate in lino, le fibre grossolane e rotte vengono rimosse. Questo rottame è chiamato "rimorchio" in inglese antico. Se secco, è altamente infiammabile. Il processo di innesco di una scintilla comporta la rasatura di piccoli pezzi dall'acciaio con il bordo affilato della pietra focaia. Le scintille provengono dai trucioli d'acciaio riscaldati per attrito, non dalla selce. Per innescare una scintilla, l'acciaio è stato puntato nella polveriera per dirigere le scintille nell'esca. Quindi la pietra focaia è stata battuta lungo l'acciaio con un angolo basso in modo che l'acciaio rimanesse vicino all'esca senza colpire l'esca con la selce. Le dita dovevano essere tenute lontane dal bordo dell'acciaio per evitare di tagliarle con la pietra focaia affilata. Quando la pietra focaia è diventata opaca, è stata scheggiata per formare un nuovo bordo affilato. Nelle fredde mattine d'inverno, una scintilla doveva essere accesa nel buio con mani fredde. Questo era generalmente il compito del cuoco in difficoltà che si alzava per primo per accendere il fuoco della cucina per la giornata. I servi potevano quindi portare le fascine dal fuoco della cucina per accendere i fuochi nel resto della casa.

Candele

Questo è davvero strano! Non mi aspettavo uno spettacolo come questo! Un enorme petto pesante! Cosa può contenere? Perché dovrebbe essere posizionato qui? Anche spinto indietro, come se volesse essere fuori dalla vista! Lo esaminerò - mi costa quanto può, lo esaminerò - e anche direttamente - alla luce del giorno. Se rimango fino a sera la mia candela potrebbe spegnersi. - L'abbazia di Northanger
Le candele erano fatte di sego di manzo o cera d'api o entrambe. Le candele di sego di manzo sebbene più economiche, fumavano, avevano un cattivo odore ed erano piuttosto morbide e tendevano a piegarsi. La piccola nobiltà preferiva la cera d'api perché aveva un odore migliore ed emetteva meno fumo. Alcune famiglie parsimoniose usavano candele di sego negli alloggi del servo. Poiché la cera d'api si attacca agli stampi, questo tipo di candela può essere realizzato solo con il metodo a immersione. Stoppini di cotone o lino ritorto sono stati drappeggiati su una lunghezza di legno per consentire la creazione di più candele contemporaneamente. Il legno una volta abbassato e sollevato ripetutamente su una pentola di cera d'api sciolta ha immerso gli stoppini nella cera calda e poi fuori a raffreddare. Gradualmente uno strato dopo l'altro di cera si è accumulato attorno agli stoppini producendo alla fine un paio di coni lunghi e sottili su ciascuna estremità dello stoppino drappeggiato. Il pezzo di stoppino che era stato sopra il legno non era ricoperto di cera. Potrebbe quindi essere tagliato separando ogni coppia di candele. Le candele di sego venivano prodotte versando sego di manzo fuso in stampi per candele con uno stoppino tenuto al centro da un pezzo di filo metallico posto sopra lo stampo. Una volta che il sego si è raffreddato, lo stampo, che conteneva più aperture lunghe e sottili, è stato aperto. Si divide a metà per una facile rimozione delle candele. A volte un po 'di cera d'api veniva mescolata con il sego per produrre una candela meno incline a piegarsi o la candela di sego veniva rivestita con alcuni strati di cera d'api per rafforzarla.

Una fonte di intrattenimento

Le candele hanno anche fornito una fonte di intrattenimento serale. Una candela avvicinata al profilo di una persona potrebbe proiettare un'ombra su un pezzo di carta attaccato al muro che potrebbe essere disegnato intorno e annerito di nerofumo o goffo risultando in una silhouette. In quei giorni prima della fotografia, una silhouette forniva un modo semplice ed economico per prendere le sembianze di qualcuno. Poiché chiunque poteva creare una silhouette, la loro realizzazione divenne un'attività di festa popolare nel XVIII e XIX secolo. Jane Austen non ha ritratto questa attività nei suoi libri, ma esistono sagome di membri della famiglia Austen. Il termine "silhouette" deriva dal nome di Etienne de Silhouette (1709-1767), un francese che fu ministro delle finanze di Luigi XV. Etienne de Silhouette, sebbene non sia l'ideatore di questo tipo di tracciamento, divenne sinonimo di forma d'arte grazie alla sua capacità di creare pezzi elaborati. Gli inglesi li chiamavano "ombre". Fare sagome era uno dei passatempi preferiti alla corte di Giorgio III. Il re amava organizzare feste all'ombra. Nel 1775, la signora Samuel Harrington ha inventato il pantografo. Questo dispositivo meccanico potrebbe essere utilizzato per ingrandire o ridurre le dimensioni di un disegno. Una silhouette, normalmente realizzata a grandezza naturale, potrebbe essere ridotta a una dimensione inferiore utilizzando il pantografo. Queste sagome in miniatura erano estremamente popolari perché potevano essere utilizzate in gioielli come medaglioni e cammei. Anche le tendenze di decorazione popolari hanno influenzato le silhouette. Durante il periodo in cui Wedgwood commercializzava copie decorative della collezione di vasi etruschi a figure rosse di Sir William Hamilton, divenne popolare dipingere sagome in gauche color terracotta in modo che il prodotto finito assumesse l'aspetto di una figura rossa su sfondo nero. La candela, il suo utilizzo e gli accessori hanno contribuito a definire il mondo in cui Jane Austen ha vissuto e rappresentato nei suoi libri. Gettare un po 'di luce sulla candela potrebbe illuminare i romanzi di Jane Austen.

*****

Sharon Wagoner è curatrice di L'indice georgiano. Visita questo sito per un tour storico attraverso la Regency London! Fonti dell'illustrazione: Candela da camera, Dover, senza copyright. Illustrazione di Flint & Steel originariamente da William Smith, Morley: Ancient and Modern, London, 1886. Ho preso questa illustrazione da Raffaella Sarti, Europe at Home: Family and Material Culture 1500-1800. Londra: Yale University Press, 2002. Senza copyright Silhouette Making: Artist Unknown Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro libreria per altri libri sui georgiani e sulla vita di Jane.