Louise Élisabeth Vigée Le Brun

"Così graziosamente fatto! Proprio come lo sono sempre i tuoi disegni, mia cara. Non conosco nessun corpo che disegni così bene come te. L'unica cosa che non mi piace del tutto è che lei sembra essere seduta fuori di casa, con solo un piccolo scialle sulle spalle e fa pensare che debba prendere freddo. " -Emma
Louise Élisabeth Vigée Le Brun (Marie Élisabeth Louise; 16 aprile 1755-30 marzo 1842) è stata una pittrice francese ed è riconosciuta come la più famosa pittrice del XVIII secolo. Il suo stile è generalmente considerato rococò e mostra interesse per il soggetto della pittura neoclassica. Vigée Le Brun non può essere considerata una neoclassista pura, tuttavia, in quanto crea principalmente ritratti in abiti neoclassici piuttosto che la pittura di storia. Nella sua scelta di colore e stile mentre prestava servizio come ritrattista di Maria Antonietta, Vigée Le Brun è puramente rococò.

Primi anni di vita

Nata a Parigi il 16 aprile 1755, Marie Élisabeth Louise Vigée era la figlia di un ritrattista e appassionato pittore, Louis Vigée, dal quale ricevette le prime istruzioni. Sua madre era una parrucchiera. Fu mandata a vivere con i parenti a Épernon fino all'età di 6 anni quando entrò in un convento dove rimase per cinque anni. Suo padre morì quando lei aveva 12 anni a seguito di un'infezione da un intervento chirurgico per rimuovere una lisca di pesce alloggiata nella sua gola. Nel 1768, sua madre sposò un ricco gioielliere, Jacques-Francois Le Sèvre e la famiglia si trasferì in rue Saint-Honoré, vicino al Palais Royal. Successivamente è stata patrocinata dalla ricca ereditiera Louise Marie Adélaïde de Bourbon, moglie di Philippe Égalité. Durante questo periodo Louise Élisabeth ha beneficiato dei consigli di Gabriel François Doyen, Jean-Baptiste Greuze, Joseph Vernet e altri maestri del periodo. Quando era nella sua prima adolescenza, Louise Élisabeth dipingeva ritratti professionalmente. Dopo che il suo studio è stato sequestrato, per esercitare senza licenza, ha presentato domanda all'Académie de Saint Luc, che ha involontariamente esposto le sue opere nel loro Salon. Il 25 ottobre 1783 è stata nominata membro dell'Académie.

Maria Antonietta

Il 12 febbraio 1780 Vigée Le Brun diede alla luce una figlia, Jeanne Julie Louise, che chiamò "Julie". Il 7 agosto 1775 sposò Jean-Baptiste-Pierre Le Brun, pittore e mercante d'arte. (Il prozio di suo marito era Charles Le Brun, primo direttore dell'Accademia di Francia sotto Luigi XIV.) Vigée Le Brun dipinse ritratti di molti nobili del tempo e mentre la sua carriera sbocciava, fu invitata alla Reggia di Versailles per dipingere Maria Antonietta. La regina era così contenta che per un periodo di sei anni, Vigée Le Brun dipinse più di trenta ritratti della regina e della sua famiglia, portandola ad essere comunemente considerata la ritrattista ufficiale di Maria Antonietta. Sebbene benefica durante il regno dei reali borbonici, questa etichetta si rivelò problematica in seguito. Nel 1781 lei e suo marito visitarono le Fiandre e i Paesi Bassi dove vedere le opere dei maestri fiamminghi la ispirò a provare nuove tecniche. Lì dipinse ritratti di alcuni nobili, incluso il principe di Nassau. Il 31 maggio 1783 Vigée Le Brun fu accettata come membro dell'Académie Royale de Peinture et de Sculpture francese. Ha presentato numerosi ritratti insieme a un dipinto di storia allegorica che lei considerava morceau de réception — La Paix qui ramène l'Abondance (La pace riporta la prosperità). L'Accademia non collocava il suo lavoro all'interno di una categoria accademica di tipo pittorico: storia o ritrattistica. Lo stesso giorno è stata ammessa anche Adélaïde Labille-Guiard. L'ammissione di Vigée Le Brun è stata opposta sulla base del fatto che suo marito era un mercante d'arte, ma alla fine sono stati annullati da un ordine di Luigi XVI perché Maria Antonietta ha esercitato una notevole pressione sul marito per conto del suo pittore. L'ammissione di più di una donna nello stesso giorno all'Académie ha incoraggiato il confronto tra le opere delle donne invece di una donna in contrasto con i membri esistenti, che erano uomini. Nel 1789 le successe come pittrice di corte a Maria Antonietta da Alexander Kucharsky.

rivoluzione francese

Dopo l'arresto della famiglia reale durante la rivoluzione francese, Vigée Le Brun è fuggita dalla Francia con la sua giovane figlia Julie. Ha vissuto e lavorato per alcuni anni in Italia, Austria e Russia, dove la sua esperienza nel trattare con una clientela aristocratica era ancora utile. A Roma i suoi dipinti riscuotono un grande successo di critica e viene eletta all'Accademia romana di San Luca. In Russia, fu ricevuta dalla nobiltà e dipinse numerosi aristocratici, compresi i membri della famiglia di Caterina la Grande. Sebbene l'estetica francese fosse ampiamente ammirata in Russia, rimanevano alcune differenze culturali in ciò che era ritenuto accettabile. Catherine inizialmente non era soddisfatta del ritratto di Vigée Le Brun delle sue nipoti, Elena e Alaxandra Pavlovna, a causa dell'area di pelle nuda rivelata dagli abiti a maniche corte. Per compiacere l'imperatrice, Vigée Le Brun ha aggiunto maniche che conferiscono all'opera il suo aspetto caratteristico. Questa tattica sembrava efficace nel compiacere Catherine mentre accettava di sedersi per Vigée Le Brun (sebbene Catherine morisse di un ictus prima che questo lavoro iniziasse). Mentre si trovava a San Pietroburgo, Vigée Le Brun è stata nominata membro dell'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo. Con grande sgomento di Vigée Le Brun, sua figlia Julie sposò un nobile russo. Dopo una sostenuta campagna da parte del suo ex marito e altri membri della famiglia per far rimuovere il suo nome dalla lista degli emigrati controrivoluzionari, Vigée Le Brun poté finalmente tornare in Francia durante il regno dell'imperatore Napoleone I. più etichettata come emigrata, il suo rapporto con il nuovo regime non fu mai del tutto armonioso, come ci si poteva aspettare visto che era una forte monarchica ed ex ritrattista di Maria Antonietta. Molto richiesta dall'élite europea, visitò l'Inghilterra all'inizio del XIX secolo e dipinse il ritratto di diversi notabili britannici tra cui Lord Byron. Nel 1807 si recò in Svizzera e divenne membro onorario della Société pour l'Avancement des Beaux-Arts di Ginevra. Ha pubblicato le sue memorie nel 1835 e nel 1837, che forniscono una visione interessante della formazione degli artisti alla fine del periodo dominato dalle accademie reali. Il suo ritratto del collega pittore neoclassico, Hubert Robert, è a Parigi al Musée National du Louvre. Ancora molto attiva con la sua pittura sulla cinquantina, acquistò una casa a Louveciennes, Île-de-France, dove visse fino a quando la casa fu conquistata dall'esercito prussiano durante la guerra nel 1814. Rimase a Parigi fino alla sua morte il 30 Marzo 1842, quando il suo corpo fu riportato a Louveciennes e sepolto nel Cimetière de Louveciennes vicino alla sua vecchia casa. Il suo epitaffio sulla lapide afferma "Ici, enfin, je reposé ..." (Qui, finalmente, mi riposo ...). Vigée Le Brun ha lasciato in eredità 660 ritratti e 200 paesaggi. Oltre alle collezioni private, le sue opere possono essere trovate nei principali musei in Europa e negli Stati Uniti.
A partire dal Wikipedia.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati