Tableaux Vivants

Tableau vivant (plurale: tableaux vivants) è francese per "immagine vivente". Il termine descrive un gruppo sorprendente di attori o modelli di artisti vestiti in modo appropriato, posti con cura e spesso illuminati in modo teatrale. Per tutta la durata della visualizzazione, le persone mostrate non parlano né si muovono. La frase e la pratica iniziarono probabilmente in drammi liturgici medievali come la Messa d'Oro, dove in occasioni speciali una Messa era punteggiata da brevi scene drammatiche e tableaux. Erano una caratteristica importante delle feste per matrimoni reali, incoronazioni e ingressi reali nelle città. Spesso gli attori imitavano le statue, in modo molto simile ai moderni intrattenitori di strada, ma in gruppi più grandi, montati su elaborate tribune temporanee lungo il percorso del corteo principale. secolo. Costituiti da persone, di solito ospiti facoltosi a una festa, che si travestono e si atteggiano a un dipinto o un'acquaforte a loro scelta, svolgono un ruolo fondamentale in diversi romanzi del giorno, tra cui Jane Eyre e La casa dell'allegria. Piccante e brillante, si è più o meno estinto a seguito del boom dell'industria dell'intrattenimento nel XX secolo e della nascita della cinematografia. ** I Tableaux Vivants si sono evoluti da performance educative e artistiche a giochi di società e sciarade e poi, durante l'epoca vittoriana, hanno preso una svolta più oscura con l'introduzione di "pose plastiques" - attrici poco vestite che ricreavano statue famose. Le seguenti istruzioni per giocare a Tableaux Vivants provengono da Cassell's Book of Amusements, Card Games and Fireside Fun, 1881.
Tableaux Vivants Secondo alcune persone, i Tableaux Vivants possiedono attrattive ancora maggiori di Charades, semplicemente per il motivo che nella loro rappresentazione non è richiesto alcun potere di conversazione. Gli artisti devono rimanere perfettamente in silenzio, guardando piuttosto che esprimere i loro pensieri; proclamando dall'atteggiamento in cui si pongono e dall'espressione del loro volto la storia che hanno da raccontare. Per altri, tuttavia, questa recitazione silenziosa è infinitamente più difficile dei discorsi e dei gesti incessanti richiesti negli attori farsa. Naturalmente attivo e dotato di un flusso di parole pronto, il calvario di dover rimanere immobili e silenziosi, anche per tre o quattro minuti, sarebbe uguale all'infliggere a se stessi un dolore assoluto. Tuttavia non dobbiamo essere portati a pensare che gli individui privi di carattere siano i più idonei a prendere parte a Tableaux Vivants; nessun errore maggiore potrebbe essere commesso. La relazione sarà sicuramente un fallimento a meno che gli attori non solo non abbiano la perfetta padronanza dei sentimenti, ma siano anche in grado di entrare completamente nello spirito del soggetto che cercano di rappresentare. Sarebbe inutile aspettarsi che una signora impersonasse Lad Macbeth che non aveva mai letto la commedia e che, quindi, non sapeva nulla dei motivi che avevano spinto quella donna ambiziosa nella sua colpevole carriera. Per dare effetto alla scena, il soggetto deve essere familiare e completamente compreso dagli attori. Raramente ci sono difficoltà nella selezione dei soggetti. I ricordi storici sono sempre accettabili e possono essere fatti parlare in modo molto chiaro per se stessi, mentre scene fittizie e poetiche possono essere rese semplicemente affascinanti. Parlando per esperienza, uno dei Tableaux Vivants più belli che abbiamo mai visto è stato preso dal "Racconto d'inverno" di Shakespeare. Non appena la tenda fu tirata da parte, Hermione fu vista su un piedistallo rialzato, così senza vita e calma che avrebbe potuto essere scambiata per marmo. Davanti a lei stava Leontes, e il vecchio, con sua figlia Perdita, appesa al braccio, entrambi evidentemente ammutoliti per lo stupore alla somiglianza della statua con lei che per tanti anni avevano creduto morta; mentre Camillo, Glorizel e Polienes rimasero a guardare meravigliati. La buona Paulina, vestita da matrona siciliana, stava dietro lo Statuto, o meglio da una parte, come espositrice di esso. Di lì a poco si udirono note di musica gentile, quando la Statua si allontanò con grazia dalla sua elevazione, diede la mano a Leonte e fu da lui abbracciata. Il sipario qui è stato nuovamente tirato in avanti, nascondendo alla nostra vista un'immagine che da allora è stata stampata indelebilmente nella nostra memoria. Per scene di tableaux comici da paese delle fate o filastrocche, risponderebbe ammirevolmente allo scopo. Qualche giovane donna con i capelli lunghi potrebbe essere vista inginocchiata come Fatima, davanti al marito crudele e dal cuore duro, Barba Blu; lui con i suoi capelli in una mano e una spada sguainata nell'altra, sul punto di commettere l'orrenda azione; la sorella intanto sforzando gli occhi fuori dal finestrino, per scorgere i suoi fratelli, che sa che stanno arrivando a tutta velocità in soccorso. Per quanto riguarda l'allestimento della scenografia, sono questioni che devono essere lasciate al gusto e alla fantasia dei gestori dell'azienda, i quali scopriranno presto che il successo dei Tableaux, anche più di Charades, dipende molto dall'abbigliamento e dall'ambiente. Le sciarade parlano da sole, ma i Tableaux sono così presto finiti, che a meno che gli attori non assumano un po 'l'abito dei personaggi che tentano di impersonare, il pubblico non indovinerà facilmente il soggetto scelto. Non c'è dubbio che sia con gli interpreti di Charade, sia con coloro che prendono parte a Tableaux Vivants, l'abito assunto conferisce un'importanza al procedimento che altrimenti non esisterebbe, e agisce come una sorta di ispirazione (soprattutto sui giovani) , facendoli forse perdere più completamente la propria personalità in cercando di essere qualcun altro.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati