Un punto d'ispirazione austriaca

Donna che esegue materiale attraverso una macchina da cucire

La pandemia COVID-19 ha colpito tutti noi in modi diversi, ma tenendo a mente i giorni brevi e spesso bui dell'inverno, ho deciso che questo era l'anno in cui avrei ripreso conoscenza di un hobby a cui avevo rinunciato anni fa - cucire. Niente di troppo ambizioso, capisci, ma sono determinato per creare qualcosa di indossabile.

Quando ero posseduto dall'entusiasmo e dalla sicurezza della giovinezza (molti anni fa), ricordo di aver preso in prestito la vecchia macchina da cucire di mia madre e di essermi imbarcato in vestiti a trapezio e top con le spalline (nel caso non ti fossi già reso conto che erano gli anni '70, il decennio prima dei grandi capelli e delle gonne ra-ra). In realtà sto facendo un lavoro credibile con gli oggetti che ho affrontato, ma onestamente mi costringe ad ammettere che erano piuttosto semplici. Dov'è finita quella fiducia? Quand'è che la mia capacità di afferrare un po 'di materiale e di precipitarmi dritta è caduta lungo la strada? Anche le tende di ricambio di mia madre non erano al sicuro dal mio zelo nel cucire. La mia scusa è che la mia macchina moderna, acquistata in un recente impeto di entusiasmo e ostinata determinazione a dominare "la bestia", sembra molto più complicata di quella vecchia a manovella.

Mi è capitato di rileggere alcune delle lettere di Jane Austen, e mi sono chiesto cosa avrebbe pensato Jane di tutte le varietà di materiale a nostra disposizione oggi con un clic di un pulsante online, consegnato alla nostra porta anche se noi non posso visitare il mercato locale e passare anni a curiosare tra le bancarelle di materiale (se siamo abbastanza fortunati da avere ancora un mercato locale in tempi normali). Il cucito necessario faceva così tanto parte della vita di una donna allora.

L'imbarazzo della scelta, guardo le varietà di modelli e trame, poliestere, cotone, chiffon, seta e lana, e finisco per non comprare nulla. Jane Austen, tuttavia, sembra aver passato molto del suo tempo a valutare i pro ei contro di materiali diversi quando non c'era Internet per aiutarla e doveva essere fatto nel modo più duro, con i piedi che arrancavano per i negozi. Scrive a Cassandra nel giugno 1799 di garze disponibili a 4 scellini a yard, mussole colorate a 3 scellini e sixpence a yard nell'aprile 1811 (anche se avverte Cassandra che le macchie sono rosse e niente come il verde che era stato specificato) e riferisce del successo delle guarnizioni che ha messo sul suo abito di garza nel marzo 1814.

Al momento, ricordo a me stesso Harriet Smith e il suo interminabile dithering in Emma, ​​lottando per decidere se la vuole materiale del vestito e il nastro che le è stato inviato a scuola o nella residenza di Woodhouse. Ricordo a me stesso che devo comprare qualcosa e iniziare.

Oh beh, c'è sempre domani ...

Margaret Mills è una docente part-time di educazione degli adulti. Tiene discorsi su una serie di argomenti, tra cui, ovviamente, Jane Austen. Se tu, come Margaret, sei stato ispirato da Jane Austen, ci piacerebbe avere tue notizie. Fare clic qui per leggere la guida su come inviare il proprio blog al blog del Jane Austen Center.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati