In difesa di Edmund Bertram

Vorrei provare a difendere Edmund Bertram (Mansfield Park). Il problema è che, sebbene io ritenga che sia sviluppato in modo molto più completo e coerente di Edward Ferrars (Senso e sensibilità), la difesa dovrebbe essere basata su passaggi sparsi, poiché le coscienze in evoluzione dei libri sono quelle delle donne. Abbiamo spesso parlato di come non vediamo abbastanza nel cambiamento di cuore di Darcy, nella rivoluzione dei sentimenti del Capitano Wentworth. Dobbiamo ammirare Edmund ed Edward per quello che sono dal momento in cui li incontriamo; anche se, ancora una volta, Edmund è un miglioramento rispetto a Edward, perché si evolve davanti a noi mentre il suo corteggiamento di Mary Crawford procede, viene ostacolato e finalmente si conclude. Quello che mi piace di Edmund è come, tranne nel caso di Mary (Cupido è cieco!), Non si fa mancare nulla, e la sua gentilezza si basa sulle cose più sottili, che è com'è nella vita. Le piccole cose contano così. Dovrebbe anche essere per motivi morali: è buono, gentile, onesto, assolutamente leale, non disposto a ferire, sensibile. Anche questo, credo, è vero per tutti gli eroi di Austen una volta che li conosciamo. Ci sono anche molte scene lunghe tra Fanny Price ed Edmund che ci mancano Senso e sensibilità; entrano anche negli arbusti, come Emma e Knightley, e lui fa di Henry Crawford il caso migliore che chiunque nel romanzo faccia, perché lo fa basato sulla natura di Fanny: la sua "allegria" "contrasterà" la tendenza di Fanny, , non essere allegri; "Non vede difficoltà da nessuna parte; e la sua simpatia e allegria ti saranno di costante sostegno" (Capitolo 35). Vede che non sono uguali, ma Crawford ha i punti di forza che mancano a Fanny, che l'aiuteranno e la rallegreranno. Alla fine la guarda anche per vedere (perché è sotto tensione emotiva, per doverlo ascoltare) "stanchezza e angoscia in faccia, e ha subito deciso di resistere". Piccole frasi come questa suonano a casa. C'è molto di più su Fanny, anche cose divertenti, come quando parla del "nome Edmund. È un nome di eroismo e fama - di re, principi e cavalieri; e sembra respirare lo spirito della cavalleria". e calorosi affetti "(capitolo 22). Ragazzo, ha capito male! Henry non aveva speranza; Austen dice apertamente che quello di Fanny era un "cuore preimpegnato" assolutamente. Edmund ama Fanny ma ha anche i suoi limiti. Non può sentire cose che non gli è stato fatto provare personalmente. Indovina su Henry da un punto di vista maschile (non pensa a cosa soffrirebbe Fanny a causa dei flirt annuali né sospetta cosa potrebbero comportare); e dopo tutto, Fanny non ha avuto la possibilità di conoscere Henry e non siamo sicuri di quale sarebbe stato il futuro. Ma conosce la signora Norris. La conosciamo. Per un lungo periodo di tempo e da molti atti e parole. Lo stesso Edmund non ha mai provato cosa vuol dire essere un estraneo e ha trattato il modo in cui è stata Fanny. È l'unica persona che mi aspettavo di difendere Fanny, ma non la difende quando rifiuta Henry. Dovrebbe avere i suoi valori, la sua intuizione e la forza di difendere ciò in cui crede, se vuole essere il tipo di clero di cui teneva conferenze a Mary Crawford. Pensa che i gentiluomini trattino sempre le loro donne come ha fatto suo padre? So che ha avuto una vita protetta, ma avrebbe dovuto pensare che Henry potrebbe non essere adatto a Fanny. Vorrei suggerire che molti sono troppo duri con Edmund Bertram; è egocentrico; vede il mondo in base ai suoi desideri e valori, e niente nella sua vita gli ha insegnato a considerarsi insignificante, ma non è il signor Collins. Non è spiritoso e non sa come flirtare e giocare con leggerezza, ma non è un ipocrita, non un adulatore, non uno sciocco. Credo che sia genuinamente religioso e abbia una visione genuinamente religiosa del comportamento sessuale; è inorridito dal comportamento di Maria ed Henry. (In realtà provo un senso di orrore più forte dalle sue parole rispetto a quelle di Fanny; Fanny sembra addolorata, e più preoccupata per sua zia e suo zio e per Edmund che radicalmente sconvolta dal "peccato" - non che non lo consideri gravemente; lo fa ). Edmund non è un personaggio centrale in Mansfield Park. Come Fanny ha i suoi difetti, ma non sono quelli principali dell'egoismo senza cuore e dei falsi valori che molti altri nel libro agiscono deliberatamente o inconsapevolmente. Ellen Moody, docente di inglese alla George Mason University, ha compilato i calendari più accurati per il lavoro di Jane Austen, fino ad oggi. Lei ha creato linee temporali per ciascuno dei sei romanzi e per i tre frammenti di romanzo incompiuto. Attualmente sta lavorando a un libro, L'Austen Film. Visita lei sito web per ulteriori articoli relativi ad Austen. Questo pezzo è stato pubblicato oralmente su Austen-L ed è usato su autorizzazione. Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro libreria su janeaustengiftshop.co.uk