Cosa rende Persuasion Unique?

In un articolo intitolato "A Masterpiece of Delicate Strength" Elizabeth Bowen afferma: "Non prima che lei [Austen] arrivasse a scrivere Persuasione ha rotto con i suoi limiti auto-impostati. Qualcosa nella sua richiesta di liberazione, espressione, prima che fosse troppo tardi? "Non si può fare a meno di chiedersi dopo aver letto il romanzo quale direzione avrebbe preso la sua scrittura se fosse vissuta oltre i 42 anni. Forse Persuasione ci dà un'idea. un cambiamento, un cambiamento. Nel suo famoso saggio Virginia Woolf scrive: Vivace, irrefrenabile, dotata di un'invenzione di grande vitalità, non c'è dubbio che avrebbe scritto di più, se fosse vissuta, ed è allettante considerare se non avrebbe scritto diversamente. I confini erano segnati; lune, montagne e castelli giacevano dall'altra parte. Ma a volte non era tentata di trasgredire per un minuto? Non stava cominciando, nel suo modo allegro e brillante, a contemplare un piccolo viaggio di scoperta? Amanda Root: Anne Elliot, Persuasion, 1995 Persuasione è un romanzo di relazioni personali e non l'incarnazione di un tema. È contenuto nella coscienza dell'eroina e la società sembra avere meno importanza e esserci come sfondo .. Virginia Woolf ha espresso l'unicità di Persuasione quasi un ossimoro: "C'è una bellezza particolare e una particolare ottusità in Persuasione "scrive. Il mio saggio tenterà di mostrare dove sta la" particolarità "di questo romanzo. Virginia Woolf attribuisce la" ottusità "alla fase di transizione tra due periodi in cui lo" scrittore è un po 'annoiato "dalle vanità di un Sir Walter o lo snobismo di Elizabeth Elliott, credo che questa impressione sia dovuta all'abbandono del dialogo come unico mezzo per trasmettere la commedia. Persuasione ha un punto di vista fisso e vediamo il ridicolo di Sir Walter attraverso gli occhi di Anne dove si tinge di dolore per l'imbarazzo. Woolf scrive "la satira è dura e la commedia cruda .. La sua mente [di Austen] non è del tutto concentrata sul suo oggetto". C'è un nuovo elemento in Persuasione [...] Comincia a scoprire che il mondo è più grande, più misterioso e più romantico di quanto avesse immaginato. Sentiamo che sia vero per se stessa quando dice di Anne: "Era stata costretta alla prudenza nella sua giovinezza, ha imparato il romanticismo mentre cresceva - il seguito naturale di un inizio innaturale". The Walk, Persuasion, 1995 In effetti in questo romanzo c'è uno stato d'animo malinconico, triste e sospettosamente autobiografico. È pervasa da una triste pace interiore, la pace che arriva con la fine della speranza. Ma al di là del tono, ci sono momenti specifici in cui difficilmente riconosciamo lo stile di Austen: nel lirismo e nella sensibilità alla natura del brano seguente per esempio: Il suo piacere nel camminare deve derivare dall'esercizio e dalla giornata, dalla vista dell'ultimo sorrisi dell'anno sulle foglie fulve e sulle siepi appassite, e dal ripetere a se stessa alcune delle mille descrizioni poetiche esistenti dell'autunno, quella stagione di peculiare e inesauribile influenza sulla mente del gusto e della tenerezza, quella stagione che ha attinto da ogni poeta, degno di essere letto, qualche tentativo di descrizione, o qualche verso di sentimento. O le seguenti righe in cui Austen si immerge nello spirito romantico entrando in empatia con la natura e riconoscendo le rassicuranti pretese della memoria:
    "Le ultime ore sono state certamente molto dolorose", rispose Anne: "ma quando il dolore è passato, il ricordo di esso spesso diventa un piacere. Non si ama un luogo meno per aver sofferto in esso, a meno che non sia stato tutto sofferenza. , nient'altro che sofferenza, cosa che non era affatto il caso di Lyme.
    Ciaran Hinds: Capitano Wentworth, Persuasion, 1995 Un'altra differenza più cruciale tra Persuasione e quattro degli altri romanzi hanno a che fare con il modello strutturale. C.S. Lewis osserva giustamente che questo romanzo, insieme a Mansfield Park, "non usa il modello di" inganno ". Infatti non c'è risveglio per Anne. È Wentworth che si sveglia. Anne non si è sbagliata: non ha incolpato Lady Russell, non si è incolpata di essere stata guidata da lei, ma sentiva che se un giovane, in circostanze simili, avesse chiesto un consiglio a lei, non avrebbe mai ricevuto nessuno di questi. una tale miseria immediata, un bene futuro così incerto. Alla fine del secondo volume, ancora una volta Anne dichiara che se c'è stato un errore, è stato fatto da Lady Russell: Ho riflettuto sul passato e ho cercato di giudicare in modo imparziale ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, intendo per me stesso; e devi credere che avevo ragione, per quanto ne soffrissi, che avevo perfettamente ragione nell'essere guidato dall'amico che amerai meglio di quanto ami ora. Per me era al posto di un genitore. Non fraintendetemi, comunque. Non sto dicendo che non abbia sbagliato nei suoi consigli. Forse era uno di quei casi in cui un consiglio è buono o cattivo solo a seconda dell'evento che decide; e per quanto mi riguarda, certamente non dovrei mai, in nessuna circostanza di tollerabile somiglianza, dare un simile consiglio. Ma voglio dire che ho fatto bene a sottomettermi a lei, e che se avessi fatto diversamente, avrei sofferto di più nel continuare il fidanzamento di quanto abbia fatto anche nel rinunciarci, perché avrei dovuto soffrire nella mia coscienza. Non ho ora, per quanto un tale sentimento è ammissibile nella natura umana, nulla di cui rimproverarmi; e se non mi sbaglio, un forte senso del dovere non è una parte negativa della parte di una donna. Anne, come Fanny Price, è irreprensibile, ma a differenza di Fanny non è mai troppo mansueta, sottomessa o topa. Non ha mai pietà di se stessa. Un'altra caratteristica, che distingue Persuasione dagli altri quattro ma è comune con Mansfield Park è la solitudine dell'eroina. Anna "senza conseguenze" "non era nessuno né con il padre né con la sorella: la sua parola non aveva peso; la sua convenienza era sempre quella di cedere - era solo Anne. È sfruttata ma non valorizzata. Non ha confidenti, anche se possiamo supporre che in passato ci siano state confidenze tra lei e Lady Russell. E nella sua solitudine soffre. È esclusa e costretta a osservare: per molto di ciò che osserva, disapprova. Disapprova proprio come Fanny disapprova, ma ci piace di più Anne perché non ha l'insipidità di Fanny. La sua passione, la sua intuizione, la sua maturità, la sua forza d'animo ci attraggono. La passione è ciò che manca a Fanny! Inoltre, Anne guadagna dall'avere un amante molto più attraente e interessante di Edmund Bertram. Mary Musgrove, Persuasione, 1995 Veniamo ora alla più importante innovazione stilistica: l'espressione della passione. Abbiamo fatto molta strada da quando Marianne è stata rimproverata dalla sorella per imprudenti manifestazioni di forte emozione. Molte delle scene cruciali sono vissute attraverso la confusione delle vertigini che la vicinanza di Wentworth suscita. Ecco la scena del suo ingresso che è stata ritardata in una deliziosa suspense:
    • Maria, molto gratificata da questa attenzione, fu felicissima di riceverlo; mentre mille sentimenti si riversavano su Anne, di cui questa fu la più consolante, che presto sarebbe finita. E presto finì. Due minuti dopo la preparazione di Charles, apparvero gli altri; erano in salotto. I suoi occhi incontrarono per metà quelli del capitano Wentworth; un inchino, una riverenza passata; sentì la sua voce - parlò con Mary; ha detto tutto ciò che era giusto; disse qualcosa alla signorina Musgroves, abbastanza per segnare un passo facile; la stanza sembrava piena, piena di persone e di voci, ma pochi minuti la finirono. Charles si fece vedere alla finestra, tutto era pronto, il loro visitatore si era inchinato ed era sparito; se ne erano andate anche le signorine Musgroves, che avevano deciso all'improvviso di raggiungere la fine del villaggio con gli sportivi; la stanza era sgombra e Anne avrebbe potuto finire la colazione come poteva.
'È finita! è finita!' ripeté a se stessa ancora, e ancora con nervosa gratitudine. "Il peggio è passato!" Mary ha parlato ma non ha potuto partecipare. Lo aveva visto. Si erano incontrati. Erano stati di nuovo nella stessa stanza! Marilyn Butler scrive dell'effetto della forte tensione nervosa: In Emma la sintassi è usata per suggerire un'emozione intensificata, ma non c'è nulla che si avvicini al punto di vista esclusivamente soggettivo diPersuasione,. Nel romanzo precedente il dialogo è importante, e anche il discorso indiretto e libero di Emma può incorporare i toni della conversazione di un altro personaggio. Qui Anne è davanti a noi, e nessun altro. La sua visione selettiva della "realtà" esterna, il suo travolgente senso emotivo di un climax che è anche anti-climax, sono suggeriti dalla distorsione del romanziere delle due dimensioni esterne "normali": il tempo è spericolato accelerato, lo spazio grottescamente contratto. L'implicazione, come sempre nella presentazione di Anne, è che i sensi hanno un vantaggio decisivo sulla ragione e sui fatti. 'Ahimè! Con tutti i suoi ragionamenti, ha scoperto che otto anni per trattenere i sentimenti possono essere poco più che niente ». Qui è opportuno citare la rivale realista di Jane Austen Maria Edgeworth sulla sottigliezza della scrittura soggettiva in tre scene in particolare: Non vedi il capitano Wentworth, o piuttosto non senti al suo posto che le prende di dosso il chiassoso bambino mentre si inginocchia accanto al ragazzo malato sul divano? E il primo incontro dopo la loro lunga separazione non è ammirevolmente ben fatto? E la conversazione sentita sul dado? Persuasione, 1995La trama è incentrata su Anne piuttosto che su lei e Wentworth insieme: in quello che fa, inconsapevolmente fino a poco prima della fine, semplicemente essendo se stessa, per riportare Wentworth a lei gradualmente; e in quello che intanto subisce nei suoi pensieri privati, poiché non c'è nessuno a cui possa parlarne. Silenziosa mentre passa dallo stato di "tranquillità desolata" in cui la vediamo per la prima volta, attraverso una dolorosa agitazione quando lei e Wentworth si incontrano, un dolore più attenuato quando pensa che sicuramente sposerà Louisa ma ricorda la sua crescente gentilezza verso se stessa, poi assorbimento in altri interessi quando si riunisce alla sua famiglia a Bath, poi improvvisa speranza in cui credeva solo a metà quando sente del fidanzamento di Louisa con Benwick, poi piena felicità quando si convince al concerto che Wentworth ha "almeno un cuore che le ritorna" , poi preoccuparsi quando scopre la sua gelosia per il signor Elliott, al suo stato finale quando entra in casa sua dopo la riconciliazione, "più felice di quanto chiunque in quella casa avrebbe potuto concepire". La trama è delimitata da questi estremi di sentimento in Anne e il modello generale per la percezione del lettore è una suspense dolorosa seguita da gratificazione e rilascio. Persuasione, 1995È senza dubbio questa nuova trama della prosa di Austen che Virginia Woolf aveva in mente quando meditò su ciò che Austen avrebbe scritto: Ma lei avrebbe saputo di più. Il suo senso di sicurezza sarebbe stato scosso. La sua commedia avrebbe sofferto. Si sarebbe fidata di meno (è già percepibile inPersuasione) al dialogo e ancora alla riflessione per farci conoscere i suoi personaggi. Quei meravigliosi discorsi che riassumono, in pochi minuti di chiacchiere, tutto ciò di cui abbiamo bisogno per conoscere per sempre un ammiraglio Croft o una signora Musgrove, quel metodo breve, a caso, che contiene capitoli di analisi e la psicologia, sarebbe diventata troppo rozza per contenere tutto ciò che ora percepiva della complessità della natura umana. Avrebbe escogitato un metodo, chiaro e composto come sempre, ma più profondo e suggestivo, per trasmettere non solo ciò che le persone dicono, ma ciò che non dicono; non solo quello che sono, ma quello che è la vita.

*****

Françoise Coulont-Henderson insegna lingua e letteratura francese in una piccola università di arti liberali negli Stati Uniti. Ha scoperto Jane Austen in tarda età. Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuggire nel mondo di Jane Austen.  

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati