Amore e amicizia

Lettera il primo
da Isabel a Laura

Quante volte, in risposta ai miei ripetuti intrighi di fornire a mia figlia un dettaglio regolare delle disgrazie e delle avventure della tua vita, hai detto "No, amico mio, non soddisferò mai la tua richiesta finché non sarò più in Pericolo di rivivere di nuovo quelle terribili. "

Sicuramente quel momento è ormai vicino. Sei in questo giorno 55. Se si può mai dire che una donna è al sicuro dalla perseveranza determinata di Amanti antipatici e dalle persecuzioni crudeli di Padri ostinati, sicuramente deve essere in un tale momento della Vita.

Isabel.


Lettera 2nd
Laura a Isabel

Sebbene non possa essere d'accordo con te nel supporre che non sarò mai più esposto a disgrazie immeritate come quelle che ho già sperimentato, tuttavia per evitare l'imputazione di ostinazione o di cattiva natura, gratificherò la curiosità di tua figlia; e possa la forza d'animo con cui ho sofferto le molte afflizioni della mia vita passata, dimostrarle un'utile lezione per il sostegno di coloro che possono capitarle nella sua.

Laura.


Lettera 3
Laura a Marianne

COME Figlia del mio più intimo amico, penso che tu abbia diritto a quella conoscenza della mia infelice storia, che tua Madre tante volte mi ha sollecitato a darti.

Mio padre era originario dell'Irlanda e abitante del Galles; mia madre era la figlia naturale di un coetaneo scozzese di una ragazza dell'opera italiana: sono nata in Spagna e ho ricevuto la mia educazione in un convento in Francia.

Quando raggiunsi il mio diciottesimo anno, fui richiamato dai miei genitori sul mio tetto paterno in Galles. La nostra villa era situata in una delle parti più romantiche della Vale of Uske. Sebbene i miei incantesimi siano ora notevolmente ammorbiditi e in qualche modo indeboliti dalle disgrazie che ho subito, una volta ero bella. Ma bella com'ero, le Grazie della mia Persona erano l'ultima delle mie Perfezioni. Di ogni realizzazione abituata al mio sesso, ero Padrona. Quando ero al convento, i miei progressi avevano sempre superato le mie istruzioni, i miei acquisti erano stati meravigliosi per la mia età e avevo superato in breve i miei Maestri.

Nella mia mente, ogni virtù che potesse adornarla era centrata; era il Rendez-vous di ogni buona qualità e di ogni nobile sentimento.

Una sensibilità troppo tremante per ogni afflizione dei miei Amici, mia Conoscenza, e in particolare per ogni mia afflizione, era la mia unica colpa, se si poteva chiamare colpa. Ahimè! come è cambiato ora! Anche se in effetti le mie stesse disgrazie non mi impressionano meno di quanto non abbiano mai fatto, eppure ora non provo mai quelle di un altro. Anche i miei successi iniziano a svanire - non so cantare così bene né ballare con tanta grazia come una volta - e ho completamente dimenticato il Minuetto Dela Cour.

Adeiu.
Laura.


Lettera 4
Laura a Marianne

IL NOSTRO quartiere era piccolo, perché era composto solo da tua Madre. Probabilmente ti ha già detto che, essendo stata lasciata dai suoi genitori in circostanze indigenti, si era ritirata in Galles per motivi economici. Ecco, il nostro freindship è iniziato per la prima volta. Isabel aveva allora uno e vent'anni. Anche se piacevole sia nella sua persona che nei modi, (tra di noi) non ha mai posseduto la centesima parte della mia bellezza o dei miei successi. Isabel aveva visto il mondo. Aveva trascorso 2 anni in uno dei primi collegi a Londra; aveva trascorso due settimane a Bath e una sera aveva cenato a Southampton.

"Attenta, mia Laura, (diceva spesso) Attenta alle insipide Vanità e alle oziose Dissipazioni della Metropoli d'Inghilterra; Attenta agli insignificanti Lussi di Bath e al pesce puzzolente di Southampton."

"Ahimè! (Esclamai) come posso evitare quei mali a cui non sarò mai esposto? Che probabilità c'è che io abbia mai assaggiato le Dissipazioni di Londra, i Lussi di Bath, o il puzzolente Pesce di Southampton? Io che sono condannato sprecare i miei giorni di giovinezza e bellezza in un umile cottage nella valle di Uske ".

Ah! Non pensavo allora di essere stato ordinato così presto di lasciare quell'umile Cottage per gli ingannevoli piaceri del mondo.

Adeiu
Laura.


Lettera 5
Laura a Marianne

UNA sera di dicembre, mentre mio padre, mia madre ed io eravamo organizzati in conversazioni sociali intorno al nostro caminetto, all'improvviso siamo rimasti molto sbalorditi nel sentire un violento bussare alla porta esterna del nostro rustico lettino.

Mio padre iniziò: "Che rumore è questo" (disse). "Suona come un forte bussare alla porta" - (rispose mia madre). "Lo fa davvero" (gridai). "Sono della vostra opinione; (disse mio padre) certamente sembra derivare da una violenza non comune esercitata contro la nostra porta inoffensiva." "Sì (esclamai) non posso fare a meno di pensare che deve essere qualcuno che bussa per l'ammissione."

"Questo è un altro punto (rispose lui); Non dobbiamo fingere di determinare per quale motivo la persona può bussare - anche se qualcuno picchia alla porta, ne sono in parte convinto".

Qui, un secondo tremendo rap interruppe mio padre nel suo discorso e allarmò in qualche modo mia madre e me.

"Non era meglio che andassimo a vedere chi è? (Disse) I domestici sono fuori." "Penso che l'abbiamo fatto" (ho risposto).

"Certamente, (aggiunse mio Padre) a tutti i costi." "Andiamo adesso?" (disse mia madre). "Prima è, meglio è", (rispose lui). "Oh! Non perdiamo tempo" (gridai).

Un terzo rap, più violento che mai, ha di nuovo assalito le nostre orecchie. "Sono certo che qualcuno bussi alla Porta" (disse mia madre). "Penso che ci debba", (rispose mio padre). "Immagino che i servi siano tornati; (dissi) credo di aver sentito Maria che va alla Porta." "Ne sono felice (gridò mio padre) perché desidero ardentemente sapere chi è."

Avevo ragione nella mia congettura; poiché Maria, entrando immediatamente nella stanza, ci informò che un giovane gentiluomo e il suo servo erano sulla porta, che si erano persi, avevano molto freddo, e implorarono di scaldarsi al nostro fuoco.

"Non vuoi ammetterli?" (ho detto io). "Non hai obiezioni, mia cara?" (disse mio padre). "Nessuno al mondo" (rispose mia madre).

Mary, senza attendere ulteriori comandi, lasciò immediatamente la stanza e tornò rapidamente, presentando il più bello e amabile Giovane che avessi mai visto. La serva, si teneva per sé.

La mia naturale sensibilità era già stata fortemente influenzata dalle sofferenze dello sfortunato straniero e non appena lo vidi per la prima volta, sentii che da lui doveva dipendere la felicità o la miseria della mia vita futura.

Adeiu
Laura.


Lettera 6
Laura a Marianne

Il nobile giovane ci informò che il suo nome era Lindsay - per ragioni particolari, tuttavia, lo nasconderò sotto quello di Talbot. Ci disse che era figlio di un baronetto inglese, che sua madre non aveva più avuto molti anni e che aveva una sorella di taglia media. "Mio padre (continuò) è un meschino e mercenario disgraziato - è solo per amici così particolari come questo caro partito che tradirei così i suoi fallimenti. Le vostre virtù, il mio amabile Polydore (rivolgendosi a mio padre), il vostro caro Claudia, e la tua, mia affascinante Laura, chiamatemi a riporre in te la mia fiducia. " Ci siamo inchinati. "Mio padre, sedotto dal falso sguardo della Fortuna e dall'illusione del titolo, ha insistito perché dessi la mia mano a Lady Dorothea." No, mai, "esclamai." Lady Dorothea è adorabile e coinvolgente; preferisco no donna a lei; ma sappi, signore, che disprezzo di sposarla in conformità con i tuoi desideri. No! Non si dirà mai che ho obbligato mio padre. "" Tutti ammiravamo la nobile virilità della sua risposta. Lui continuò:

"Sir Edward rimase sorpreso; forse poco si aspettava di incontrare un'opposizione così vivace alla sua volontà." Dove, Edward in nome della meraviglia (disse che) hai colto questo insignificante incomprensibile? Hai studiato romanzi, Io sospetto.' Ho disprezzato rispondere: sarebbe stato al di sotto della mia dignità. Ho montato il mio cavallo e seguito dal mio fedele William, mi sono diretto in avanti per quello di mia zia. "

"La casa di mio padre si trova nel Bedfordshire, quella della zia nel Middlesex, e anche se mi lusingo di essere un tollerabile esperto di geografia, non so come sia successo, ma mi sono ritrovato a entrare in questa bellissima valle che trovo si trova nel Galles del sud, quando mi aspettavo di essere arrivato da mia zia. "

"Dopo aver vagato per un po 'di tempo sulle rive dell'Uske senza sapere da che parte andare, ho cominciato a lamentarmi del mio crudele Destino nel modo più amaro e patetico. Ormai era perfettamente buio, non c'era una sola stella a dirigere i miei passi , e non so cosa mi sarebbe potuto accadere, se non avessi discernuto a lungo attraverso la solenne Tenebra che mi circondava una Luce lontana, che, avvicinandomi, ho scoperto essere la vivace Fiammata del tuo fuoco. combinazione di disgrazie sotto le quali ho lavorato, vale a dire paura, freddo e fame, ho esitato a non chiedere l'ammissione, che alla fine ho guadagnato; e ora, mia adorabile Laura (continuò, prendendomi la mano) quando posso sperare di ricevere quella ricompensa di tutte le dolorose sofferenze che ho subito nel corso del mio attaccamento a te, a cui ho sempre aspirato. Oh! quando mi ricompenserai con Te? "

"In questo momento, caro e amabile Edward," (risposi). Siamo stati subito uniti da mio Padre, il quale, sebbene non avesse mai preso ordini, era stato allevato alla Chiesa.

Adeiu
Laura.


Lettera 7th
Laura a Marianne

Siamo rimasti solo pochi giorni dopo il nostro matrimonio nella valle di Uske. Dopo aver preso un affettuoso addio di mio padre, mia madre e la mia Isabel, accompagnai Edward da sua zia nel Middlesex. Philippa ci ha accolti entrambi con ogni espressione di affettuoso Amore. Il mio arrivo fu davvero una sorpresa molto gradevole per lei, poiché non solo era stata totalmente ignorante del mio matrimonio con suo nipote, ma non aveva mai avuto la minima idea che ci fosse una persona del genere nel mondo.

Augusta, la sorella di Edward, era in visita da lei quando arrivammo. L'ho trovata esattamente come suo fratello l'aveva descritta: di taglia media. Mi ha ricevuto con uguale sorpresa, anche se non con uguale cordialità, come Philippa. C'era una sgradevole freddezza e una riservatezza proibitiva nella sua accoglienza che era altrettanto angosciante e inaspettata; niente di quell'interessante sensibilità o amabile simpatia nei suoi modi e nel suo discorso quando ci siamo incontrati per la prima volta, il che avrebbe dovuto distinguere la nostra presentazione reciproca. Il suo linguaggio non era né caldo né affettuoso, le sue espressioni di riguardo non erano né animate né cordiali; le sue braccia non erano aperte per accogliermi al suo Cuore, ma le mie erano tese per stringerla al mio.

Una breve conversazione tra Augusta e suo fratello, che udii per caso, accrebbe la mia antipatia per lei e mi convinse che il suo cuore non era più formato per i legami morbidi dell'Amore che per l'affettuoso rapporto di Freindship.

"Ma credi che mio Padre si riconcilierà mai con questa imprudente connessione?" (detto Augusta).

"Augusta (rispose il nobile giovane) Pensavo che tu avessi un'opinione migliore di me, piuttosto che immaginare che mi sarei così umilmente degradato da considerare il Concorso di mio Padre in uno qualsiasi dei miei affari, sia di conseguenza che di preoccupazione per me. Augusta, dimmelo con sincerità: mi hai mai saputo consultare le sue inclinazioni, o seguire il suo Consiglio nel minimo insignificante particolare, dall'età di quindici anni? "

"Edward (rispose lei) sei sicuramente troppo diffidente nei tuoi elogi. Dato che avevi solo quindici anni! Mio caro fratello, da quando avevi cinque anni, ti assolvo completamente di aver mai contribuito volontariamente alla soddisfazione di tuo padre. Ma tuttavia, non sono senza timore che tu sia presto obbligato a degradarti ai tuoi occhi cercando un sostegno per tua moglie nella generosità di Sir Edward. "

"Mai, mai Augusta mi umilierò così tanto. (Disse Edward) Sostegno! Che sostegno vorrà Laura che potrà ricevere da lui?"

"Solo quelle insignificanti di Victuals and Drink," (rispose lei).

"Vittime e bevi! (Rispose mio marito in un modo nobilmente sprezzante) e pensi allora che non ci sia altro sostegno per una mente esaltata (come quella della mia Laura) se non il meschino e indelicato impiego del mangiare e del bere?"

"Nessuno che io sappia, così efficace" (rispose Augusta).

"E allora non hai mai provato i piacevoli dolori dell'amore, Augusta? (Rispose il mio Edoardo) Sembra impossibile al tuo vile e corrotto palato, esistere sull'amore? Non riesci a concepire il lusso di vivere in ogni angoscia che la povertà infliggere, con l'oggetto del tuo più tenero affetto? "

"Sei troppo ridicolo (disse Augusta) per litigare; forse, però, potresti col tempo convincerti che ..."

Qui mi è stato impedito di ascoltare il resto del suo discorso, dall'apparizione di una giovane donna molto bella, che è stata introdotta nella stanza alla porta di cui stavo ascoltando. Sentendola annunciare con il nome di "Lady Dorothea", lasciai immediatamente il mio incarico e la seguii nel Parlor, perché ricordavo bene che era la Signora proposta come moglie per il mio Edward dal baronetto crudele e implacabile.

Anche se la visita di Lady Dorothea era nominalmente a Philippa e Augusta, eppure ho qualche motivo per immaginare che (conoscendo il matrimonio e l'arrivo di Edward) vedermi fosse il motivo principale.

Mi accorsi presto che, sebbene bella ed elegante nella sua persona, e anche se facile ed educata nel suo discorso, era di quell'ordine inferiore di Esseri per quanto riguarda i sentimenti delicati, i sentimenti teneri e la sensibilità raffinata, di cui Augusta era una.

Rimase solo mezz'ora e nessuno dei due, nel corso della sua visita, mi ha confidato alcuno dei suoi pensieri segreti, né mi ha chiesto di confidare con lei nessuno dei miei. Immaginerai quindi facilmente, mia cara Marianne, che non potevo provare alcun affetto ardente o attaccamento molto sincero per Lady Dorothea.

Adeiu
Laura.


Lettera 8
Laura a Marianne, in continuazione

LADY DOROTHEA non ci aveva lasciati molto prima che venisse annunciato un altro visitatore, inaspettato come sua Signoria. Fu Sir Edward, che informato da Augusta del matrimonio di suo fratello, venne senza dubbio a rimproverarlo per aver osato unirsi a me senza la sua Conoscenza. Ma Edward, prevedendo il suo disegno, gli si avvicinò con eroica fortezza non appena entrò nella stanza, e si rivolse a lui nel modo seguente.

"Sir Edward, conosco il motivo del tuo viaggio qui - sei venuto con il semplice disegno di rimproverarmi di essere entrato in un fidanzamento indissolubile con la mia Laura senza il tuo consenso. Ma signore, mi vanto dell'atto. - Lo è il mio più grande vanto, di essere incorso nel dispiacere di mio Padre! "

Così dicendo, mi prese la mano e mentre Sir Edward, Philippa e Augusta riflettevano senza dubbio con ammirazione sul suo intrepido coraggio, mi condusse dal salotto alla carrozza di suo padre, che era ancora alla porta, e nella quale fummo immediatamente convogliati dall'inseguimento di Sir Edward.

Dapprima i Postiglioni avevano ricevuto solo l'ordine di prendere la strada per Londra; non appena riflettemmo a sufficienza, tuttavia, ordinammo loro di recarsi a M ----, la sede dell'amico più particolare di Edward, che distava solo poche miglia.

A M ---- siamo arrivati ​​in poche ore; e inviando i nostri nomi, siamo stati immediatamente ammessi da Sophia, la moglie dell'amica di Edoardo. Dopo essere stato privato nel corso di 3 settimane di una vera amica (per questo chiamo tua Madre), immagina i miei trasporti nel vedere uno veramente degno del Nome. Sophia era piuttosto al di sopra della taglia media; forma più elegante. Un debole languore si diffuse sui suoi bei lineamenti, ma aumentò la loro Bellezza. - Era la caratteristica della sua mente. - Era tutta sensibilità e sentimenti. Volammo l'uno nelle braccia dell'altro e dopo aver scambiato i voti di reciproca amicizia per il resto delle nostre vite, ci svelammo immediatamente i segreti più intimi dei nostri cuori. - Siamo stati interrotti nel delizioso Impiego dall'ingresso di Augustus (l'amico di Edward), appena rientrato da una passeggiata solitaria.

Non ho mai visto una scena così toccante come l'incontro di Edward e Augustus.

"La mia vita! La mia anima!" (esclamò il primo) "Il mio adorabile angelo!" (rispose quest'ultimo), mentre volavano l'uno nelle braccia dell'altro. Era troppo patetico per i sentimenti di Sophia e di me - Svenimmo alternativamente su un divano.

Adeiu
Laura.


Lettera il nono
Dallo stesso allo stesso

VERSO la chiusura della giornata, abbiamo ricevuto la seguente Lettera da Philippa.

"Sir Edward è molto irritato dalla tua brusca partenza; ha riportato Augusta con sé nel Bedfordshire. Per quanto io desideri godermi di nuovo la tua affascinante società, non posso decidere di strapparti da quella di amici così cari e meritevoli - Quando il tuo La visita a loro è terminata, spero che tornerai tra le braccia della tua Philippa. "

Abbiamo restituito una risposta adeguata a questa nota affettuosa e, dopo averla ringraziata per il suo gentile invito, le abbiamo assicurato che ce ne saremmo certamente avvalsi, ogni volta che non avessimo altro posto dove andare. Anche se certamente nulla avrebbe potuto, a qualsiasi Essere ragionevole, essere apparso più soddisfacente di una risposta così grata al suo invito, eppure non so come fosse, ma era certamente abbastanza capricciosa da dispiacersi del nostro comportamento e in poche settimane , o per vendicare la nostra condotta, o per rivivere la sua solitudine, sposò un giovane e analfabeta cacciatore di fortuna. Questo passo imprudente (sebbene fossimo consapevoli che probabilmente ci avrebbe privato di quella fortuna che Philippa ci aveva mai insegnato ad aspettarci) non poteva, da parte nostra, suscitare dalle nostre esaltate Menti un solo sospiro; tuttavia timorosa che potesse rivelarsi una fonte di infinita miseria per la Sposa illusa, la nostra tremante Sensibilità fu molto colpita quando fummo informati per la prima volta dell'Evento. Le affettuose suppliche di Augusto e Sofia che avremmo considerato per sempre la loro Casa come la nostra Casa, ci hanno facilmente convinto a decidere di non lasciarle mai più. Nella società del mio Edward e di questa amabile coppia, ho passato i momenti più felici della mia vita; Trascorremmo il nostro tempo in modo delizioso, in proteste reciproche di amicizia e in voti di amore inalterabile, in cui eravamo sicuri di essere interrotti da visitatori invadenti e sgradevoli, come avevano fatto Augusto e Sofia, al loro primo ingresso nel vicinato, cura di informare le Famiglie circostanti, che poiché la loro Felicità era interamente incentrata su se stesse, non desideravano nessun'altra società. Ma ahimè! mia cara Marianne, la felicità di cui godevo allora era troppo perfetta per durare. Un colpo severissimo e inaspettato distrusse immediatamente ogni sensazione di piacere. Convinto come devi essere da quello che ti ho già detto riguardo ad Augusto e Sofia, che non c'è mai stata una Coppia più felice, non ho bisogno, immagino, di informarti che la loro unione era stata contraria alle inclinazioni dei loro Genitori Crudeli e Mercenari; che aveva tentato invano con ostinata perseveranza di costringerli a un matrimonio con coloro che avevano mai aborrito; ma con una Fortezza Eroica degna di essere imparentata e ammirata, entrambi avevano costantemente rifiutato di sottomettersi a un potere così dispotico.

Dopo essersi liberati così nobilmente dalle catene dell'Autorità Genitoriale, per mezzo di un Matrimonio Clandestino, erano determinati a non rinunciare mai alla buona opinione che avevano guadagnato nel mondo, così facendo, accettando qualsiasi proposta di riconciliazione che potesse essere loro offerta da i loro Padri - a questa prova ulteriore della loro nobile indipendenza, tuttavia, non furono mai esposti.

Erano sposati da pochi mesi quando iniziò la nostra visita, durante i quali furono ampiamente sostenuti da una considerevole somma di denaro che Augusto aveva gentilmente sottratto dall'Ecritoire del suo indegno padre, pochi giorni prima della sua unione con Sophia.

Al nostro arrivo le loro spese furono notevolmente aumentate, sebbene i loro mezzi per rifornirle fossero quasi esaurite. Ma loro, Esaltate Creature! disprezzato per riflettere un momento sulle loro angosce pecuniarie, e sarebbe arrossito all'idea di pagare i loro debiti. - Ahimè! qual era la loro ricompensa per un comportamento così disinteressato! Il bellissimo Augusto fu arrestato e fummo tutti distrutti. Un tale perfido tradimento negli spietati autori dell'Atto sconvolgerà la tua natura gentile, Carissima Marianne, per quanto abbia poi influenzato la delicata sensibilità di Edward, Sophia, la tua Laura e dello stesso Augustus. Per completare tale impareggiabile barbarie, siamo stati informati che a breve avrebbe avuto luogo un'esecuzione alla Camera. Ah! cosa potevamo fare ma cosa abbiamo fatto! Sospirammo e svenimmo sul divano.

Adeiu
Laura


Lettera decima
Laura in continuazione

QUANDO eravamo in qualche modo ripresi dalle travolgenti effusioni del nostro dolore, Edward desiderava che considerassimo quale fosse il passo più prudente da fare nella nostra infelice situazione, mentre riparava il suo amico imprigionato per lamentarsi delle sue disgrazie. Avevamo promesso che l'avremmo fatto e lui si è messo in viaggio verso la città. Durante la sua assenza abbiamo rispettato fedelmente il suo desiderio e, dopo la più matura delibera, alla fine abbiamo convenuto che la cosa migliore che potevamo fare era lasciare la casa; di cui ogni momento ci aspettavamo che gli ufficiali di giustizia prendessero possesso. Attendemmo quindi con la massima impazienza il ritorno di Edoardo, per comunicargli il risultato delle nostre Deliberazioni. Ma nessun Edward apparve. Invano abbiamo contato i noiosi Momenti della sua Assenza - invano abbiamo pianto - invano abbiamo persino sospirato - nessun Edward è tornato. - Questo è stato un colpo troppo crudele e troppo inaspettato alla nostra gentile sensibilità - non potevamo sostenerlo - potevamo solo svenire. Alla fine, raccogliendo tutta la risoluzione di cui ero padrona, mi alzai e, dopo aver preparato alcuni indumenti necessari per Sophia e per me, la trascinai su una carrozza che avevo ordinato e partimmo immediatamente per Londra. Poiché l'Habitation of Augustus si trovava a meno di dodici miglia dalla città, non passò molto tempo prima che arrivassimo lì, e non appena entrammo a Holbourn, abbassando uno degli occhiali frontali, chiesi a ogni persona dall'aspetto decente che passò "Se avessero visto il mio Edward?"

Ma poiché guidavamo troppo rapidamente per permettere loro di rispondere alle mie ripetute domande, ho ottenuto poche o addirittura nessuna informazione su di lui. "Dove devo guidare?" disse il Postiglione. "A Newgate, Gentle Youth (risposi io), per vedere Augustus". "Oh! No, no, (esclamò Sophia) non posso andare a Newgate; non potrò sostenere la vista del mio Augustus in una reclusione così crudele - i miei sentimenti sono sufficientemente scioccati dal racconto della sua angoscia, ma per ecco che sopraffà la mia sensibilità. " Poiché ero perfettamente d'accordo con lei nella Giustizia dei suoi sentimenti, il Postiglione fu immediatamente indirizzato a tornare nel Paese. Forse potresti essere rimasto un po 'sorpreso, mia cara Marianne, che nell'angoscia che ho sopportato allora, privo di qualsiasi sostegno e privo di alcuna abitazione, non avrei mai dovuto ricordare una volta mio padre e mia madre o il mio cottage paterno nella valle di Uske. . Per giustificare l'apparente dimenticanza, devo informarvi di una circostanza insignificante che li riguarda, di cui non ho ancora parlato. La morte dei miei genitori, poche settimane dopo la mia partenza, è la circostanza a cui alludo. Con la loro morte sono diventato il legittimo Ereditario della loro Casa e Fortuna. Ma ahimè! la Casa non era mai stata la loro, e la loro fortuna era stata solo un'annualità per le loro vite. Questa è la depravazione del mondo! A tua madre sarei dovuto ritornare con piacere, sarei stato felice di averle presentato la mia affascinante Sophia, e avrei dovuto passare con audacia il resto della mia vita nella loro cara società nella valle di Uske, se non avessi avuto un ostacolo al l'esecuzione di un piano così gradevole, intervenne; che è stato il matrimonio e il trasferimento di tua madre in una lontana parte dell'Irlanda.

Adeiu.
Laura.


Lettera 11th
Laura in continuazione

"HO una relazione in Scozia (mi disse Sophia mentre lasciavamo Londra) che sono certo non esiterebbe a ricevermi". "Devo ordinare al ragazzo di venire lì?" dissi - ma ricordandomi subito, esclamai: "Ahimè, temo che sarà un viaggio troppo lungo per i cavalli". Non volendo, tuttavia, agire solo in base alla mia inadeguata conoscenza della forza e delle capacità dei cavalli, consultai il Postiglione, che era interamente della mia opinione riguardo alla faccenda. Decidemmo quindi di cambiare i cavalli nella prossima città e di viaggiare per il resto del viaggio. - Quando arrivammo all'ultima locanda in cui dovevamo fermarci, che si trovava a poche miglia dalla House of Sophia's Relation, non volendo invadere la nostra Società su di lui inaspettatamente e impensabile, abbiamo scritto una nota molto elegante e ben scritta per lui contenente un resoconto della nostra situazione indigente e malinconica e della nostra intenzione di trascorrere alcuni mesi con lui in Scozia. Non appena spedimmo questa Lettera, ci preparammo immediatamente a seguirla di persona, e stavamo entrando nella carrozza per quello scopo, quando la nostra attenzione fu attratta dall'ingresso di una carrozza coronata e 4 nel cortile della locanda. Un gentiluomo notevolmente avanzato negli anni, discendeva da esso. Alla sua prima apparizione la mia sensibilità fu meravigliosamente colpita, e prima che lo avessi guardato una seconda volta, un'istintiva simpatia sussurrò al mio cuore che era mio nonno. Convinto di non potermi sbagliare nella mia congettura, balzai immediatamente dalla carrozza in cui ero appena entrato e, seguendo il Venerabile Straniero nella stanza in cui era stato presentato, mi gettai in ginocchio davanti a lui e lo pregai di riconoscermi come suo nipote. Sobbalzò, e dopo aver esaminato attentamente i miei lineamenti, mi sollevò da terra e gettandomi le braccia nonne intorno al collo, esclamò: "Ti riconosco! Sì, cara somiglianza della mia Laurina e della figlia di Laurina, dolce immagine della mia Claudia. e la madre della mia Claudia, ti riconosco come la figlia dell'una e la nipote dell'altra ". Mentre mi abbracciava così teneramente, Sophia, sbalordita dalla mia precipitosa partenza, entrò nella stanza in cerca di me. Non appena aveva attirato l'attenzione del venerabile Peer, egli esclamò con ogni segno di stupore: "Un'altra nipote! Sì, sì, vedo che sei la figlia della primogenita di mia Laurina; la tua somiglianza con la bella Matilda proclama a sufficienza esso. " "Oh! Rispose Sophia, quando ti ho visto per la prima volta, l'istinto della Natura mi ha sussurrato che eravamo in qualche modo imparentati - Ma se nonni o nonne non potevo fingere di determinarlo." La strinse tra le braccia e, mentre si abbracciavano teneramente, la porta dell'appartamento si aprì e apparve un bellissimo giovane. Nel percepirlo, Lord St. Clair iniziò e indietreggiando di qualche passo, con le mani alzate, disse: "Un altro nipote! Che felicità inaspettata è questa! Da scoprire nello spazio di 3 minuti, come molti dei miei discendenti Questo, ne sono certo, è Philander, il figlio della mia ragazza 3d di Laurina, l'amabile Bertha; ora non ci vuole che la presenza di Gustavus per completare l'unione dei nipoti della mia Laurina. "

"Ed eccolo qui; (disse un grazioso giovane che in quell'istante entrò nella stanza) ecco il Gustavus che desideri vedere. Sono il figlio di Agatha, la quarta e la figlia più giovane di tua Laurina. "Vedo che lo sei davvero; rispose Lord St. Clair - Ma dimmi (continuò lui, guardando con timore verso la Porta) dimmi, ho altri nipoti nella casa." "Nessuno, mio ​​signore." "Allora provvederò a tutti voi senza ulteriore indugio - Ecco 4 banconote da 50 sterline ciascuna - Prendetele e ricordatevi che ho fatto il dovere di nonno." Immediatamente lasciò la stanza e subito dopo la casa.

Adeiu.
Laura.


Lettera 12
Laura in continuazione

Potete immaginare quanto siamo rimasti molto sorpresi dall'improvvisa partenza di Lord St. Clair. "Ignobile Grand-sire!" esclamò Sophia; "Nonno indegno!" dissi, e subito svenne l'uno nelle braccia dell'altro. Quanto tempo siamo rimasti in questa situazione, non lo so; ma quando ci siamo ripresi ci siamo trovati soli, senza Gustavus, Philander o le banconote. Mentre deploravamo il nostro infelice destino, la porta dell'appartamento si aprì e fu annunciato "Macdonald". Era il cugino di Sophia. La fretta con cui è venuto in nostro soccorso così presto dopo aver ricevuto la nostra nota, ha parlato così tanto a suo favore che ho esitato a non pronunciarlo a prima vista, un amico tenero e simpatico. Ahimè! poco meritava il nome - perché sebbene ci dicesse che era molto preoccupato per le nostre disgrazie, tuttavia dal suo racconto sembrava che la loro lettura non gli avesse attirato un solo sospiro, né lo avesse indotto a dare una maledizione sulle nostre stelle vendicative. - Disse a Sophia che sua figlia dipendeva dal suo ritorno con lui a Macdonald-Hall e che, essendo amico di suo cugino, sarebbe stato felice di vedermi anche lì. A Macdonald-Hall, quindi, siamo andati, e siamo stati ricevuti con grande gentilezza da Janetta, la figlia di Macdonald e la padrona di casa. Janetta aveva solo quindici anni; naturalmente ben disposta, dotata di un Cuore sensibile e di un'indole simpatica, avrebbe potuto, se queste amabili qualità fossero state adeguatamente incoraggiate, essere un ornamento per la Natura umana; ma sfortunatamente suo padre non possedeva un'anima sufficientemente esaltata per ammirare una disposizione così promettente, e si era adoperato con ogni mezzo in suo potere per impedirne l'aumento con i suoi anni. In realtà aveva fino a quel momento estinto la naturale nobile Sensibilità del suo Cuore, da convincerla ad accettare un'offerta da un giovane della sua Raccomandazione. Si sarebbero sposati entro pochi mesi, e Graham era in casa quando siamo arrivati. Ben presto abbiamo visto attraverso il suo personaggio. Era proprio un uomo come ci si sarebbe potuto aspettare fosse la scelta di Macdonald. Hanno detto che era ragionevole, ben informato e gradevole; non fingevamo di giudicare queste sciocchezze, ma poiché eravamo convinti che non avesse anima, che non avesse mai letto I dolori di Werter, e che i suoi capelli somigliassero per nulla al ramato, eravamo certi che Janetta non potesse affetto per lui, o almeno che lei non dovrebbe provarne nessuno. La stessa circostanza del fatto che fosse anche la scelta di suo padre, era tanto nel suo disprezzo, che se l'avesse meritata sotto ogni altro aspetto, eppure quella di per sé avrebbe dovuto essere una ragione sufficiente agli occhi di Janetta per rifiutarlo. Eravamo decisi a rappresentarle queste considerazioni nella giusta luce, e dubitavamo di non incontrare il successo desiderato da una persona naturalmente così ben disposta; i cui errori nella faccenda erano nati solo da una mancanza di adeguata fiducia nella propria opinione e da un adeguato disprezzo per quella di suo padre. L'abbiamo trovata, infatti, tutto ciò che i nostri più calorosi auguri avrebbero potuto sperare; non abbiamo avuto difficoltà a convincerla che era impossibile che potesse amare Graham, o che era suo dovere disobbedire a suo padre; l'unica cosa su cui sembrava piuttosto esitare, era la nostra affermazione che doveva essere attaccata a qualche altra Persona. Per qualche tempo perseverò nel dichiarare di non conoscere nessun altro Giovane per il quale aveva il più piccolo affetto; ma dopo aver spiegato l'impossibilità di una cosa del genere, disse che credeva di amare il Capitano M'Kenzie meglio di chiunque altro conoscesse. Questa confessione ci soddisfaceva e, dopo aver enumerato le buone qualità di M'Kenzie e averla assicurata che era violentemente innamorata di lui, volevamo sapere se lui le avesse mai dichiarato il suo affetto.

"Lungi dall'averlo mai dichiarato, non ho motivo di immaginare che ne abbia mai provato qualcosa per me." disse Janetta. "Che ti adori di certo (rispose Sophia) non ci sono dubbi. - L'attaccamento deve essere reciproco. Non ti ha mai guardato con ammirazione - ti stringe teneramente la mano - fa cadere una lacrima involontaria - e lascia la stanza all'improvviso? " "Mai (rispose lei) che io ricordi - ha sempre lasciato la stanza davvero quando la sua visita è terminata, ma non è mai andato via in modo particolarmente brusco o senza fare un inchino." "In verità Amore mio (ho detto) devi sbagliarti, perché è assolutamente impossibile che ti abbia mai lasciato se non con Confusione, Disperazione e Precipitazione. Considera solo per un momento, Janetta, e devi essere convinto di quanto sia assurdo è supporre che potrebbe mai fare un arco, o comportarsi come qualsiasi altra persona. " Avendo risolto questo punto con nostra soddisfazione, il punto successivo che abbiamo preso in considerazione è stato quello di determinare in che modo avremmo dovuto informare M'Kenzie dell'opinione favorevole che Janetta aveva di lui ... Alla fine abbiamo deciso di metterlo a conoscenza di un anonimo Lettera che Sophia ha redatto nel modo seguente.

"Oh! Felice Amante della bellissima Janetta, oh! Invidiabile possessore del suo Cuore la cui mano è destinata ad un altro, perché rimandi così una confessione del tuo attaccamento all'amabile Oggetto di esso? Oh! Considera che poche settimane una volta mise fine a ogni lusinghiera Speranza che ora puoi nutrire, unendo la sfortunata vittima della crudeltà di suo padre all'esecrabile e detestato Graham ".

"Ahimè! Perché sei così crudelmente connivente con la prevista Miseria di lei e di te stesso ritardando a comunicare quello schema che senza dubbio aveva posseduto a lungo la tua immaginazione? Un'unione segreta assicurerà immediatamente la felicità di entrambi."

L'amabile M'Kenzie, la cui modestia, come ci assicurò in seguito, era stata l'unica ragione per aver nascosto così a lungo la violenza del suo affetto per Janetta, ricevendo questo Billet volò sulle ali dell'Amore fino a Macdonald Hall, e così implorò con forza il suo attaccamento a colei che lo ispirava, che dopo qualche altro colloquio privato, Sophia e io sperimentammo la soddisfazione di vederli partire per Gretna-Green, che avevano scelto per la celebrazione delle loro nozze, preferendo qualsiasi altro luogo, sebbene fosse a una distanza considerevole da Macdonald-Hall.

Adeiu
Laura.


Lettera il 13
Laura in continuazione

Erano passati quasi un paio d'ore, prima che Macdonald o Graham avessero nutrito qualche sospetto sulla relazione. E forse nemmeno allora lo sospettavano, se non fosse stato per il seguente piccolo incidente. Sophia, capita un giorno di aprire un cassetto privato nella biblioteca di Macdonald con una delle sue chiavi, scoprì che era il luogo in cui teneva le sue carte importanti, e tra queste alcune banconote di importo considerevole. Questa scoperta mi ha trasmesso; e avendo concordato insieme che sarebbe stato un trattamento appropriato per un disgraziato così vile come Macdonald privarlo del denaro, forse guadagnato in modo disonesto, era deciso che la prossima volta che uno di noi due sarebbe dovuto andare in quella direzione, ne avremmo preso uno o più banconote dal cassetto. Questo Piano ben intenzionato che avevamo spesso messo in esecuzione con successo; ma ahimè! lo stesso giorno della Fuga di Janetta, mentre Sophia stava maestosamente rimuovendo la quinta banconota dal cassetto nella sua borsa, fu improvvisamente interrotta in modo molto impertinente nel suo impiego dall'ingresso dello stesso Macdonald, in un modo molto brusco e precipitoso. Sophia (che sebbene naturalmente tutta la dolcezza vincente potesse, quando le occasioni lo richiedessero, richiamare la dignità del suo sesso) ha subito assunto uno sguardo estremamente ostile, e lanciando un cipiglio rabbioso sull'impavido colpevole, ha chiesto con un tono di voce altezzoso il suo ritiro è stato così insolitamente irrotto? " Il imperturbabile Macdonald, senza nemmeno tentare di scagionarsi dal crimine di cui era accusato, cercò meschinamente di rimproverare a Sophia di frodarlo ignobilmente del suo denaro ... La dignità di Sophia era ferita; "Disgraziato (esclamò, riponendo frettolosamente la banconota nel cassetto) come osi accusarmi di un atto, di cui la semplice idea mi fa arrossire?" Il vile disgraziato non era ancora convinto e continuò a rimproverare la giustamente offesa Sophia con un linguaggio così opprimente, che alla fine provocò così tanto la dolcezza gentile della sua Natura, da indurla a vendicarsi di lui informandolo della fuga d'amore di Janetta, e della parte attiva che avevamo entrambi preso nella vicenda. In questo periodo della loro lite sono entrato in Biblioteca e, come potete immaginare, sono stato offeso allo stesso modo di Sophia per le accuse infondate del malevolo e spregevole Macdonald. "Vile miscredente! (Gridai) come puoi sforzarti così imperterrito di macchiare la reputazione immacolata di una così brillante Eccellenza? Perché non sospetti la mia innocenza al più presto?" "Siate soddisfatta, signora (rispose lui), lo sospetto, e quindi desidero che voi due lascerete quest'Aula in meno di mezz'ora."

"Andremo volentieri; (rispose Sophia) i nostri cuori ti hanno detestato a lungo, e nient'altro che la nostra amicizia per tua figlia avrebbe potuto indurci a rimanere così a lungo sotto il tuo tetto."

"La tua amicizia per mia figlia è stata effettivamente esercitata in modo molto potente gettandola tra le braccia di un cacciatore di fortuna senza scrupoli" (rispose lui).

"Sì, (esclamai) in mezzo a ogni disgrazia, ci darà una consolazione pensare che con questo atto di amicizia con Janetta, abbiamo ampiamente assolto ogni obbligo che abbiamo ricevuto da suo padre."

"Deve davvero essere una riflessione molto grata, per le vostre menti esaltate" (ha detto).

Non appena abbiamo fatto i bagagli e gli oggetti di valore, abbiamo lasciato Macdonald Hall e, dopo aver camminato per circa un miglio e mezzo, ci siamo seduti sul bordo di un limpido ruscello per rinfrescare le nostre membra esauste. Il luogo era adatto alla meditazione. Un boschetto di olmi adulti ci proteggeva dall'est. - Un letto di ortiche cresciute dall'ovest. - Prima di noi correva il mormorio del ruscello e dietro di noi correva la strada del luccio. Eravamo in vena di contemplazione e disposti a goderci un posto così bello. Un mutuo silenzio che aveva regnato per qualche tempo tra noi, fu finalmente rotto dal mio esclamare: "Che bella scena! Ahimè, perché Edward e Augustus non sono qui a godersi le sue Bellezze con noi?"

"Ah! La mia amata Laura (gridò Sophia) per carità, evita di ricordare al mio ricordo l'infelice situazione del mio marito imprigionato. Ahimè, cosa non darei per conoscere il destino del mio Augustus! Per sapere se è ancora a Newgate, o se è ancora impiccato. Ma non potrò mai conquistare la mia tenera sensibilità da domandare di lui. Oh! non, ti supplico mai, fammi sentire di nuovo che ripeti il ​​suo amato nome. - Colpisce troppo profondamente. - Non sopporto di sentirlo menzionare, ferisce i miei sentimenti. "

"Scusami Sophia per averti offeso così controvoglia -" risposi - e poi, cambiando discorso, le chiesi di ammirare la nobile grandezza degli olmi che ci proteggeva dallo Zefiro orientale. "Ahimè, la mia Laura ) evita un argomento così malinconico, ti supplico. Non ferire più la mia Sensibilità con osservazioni su quegli olmi. Mi ricordano Augusto. Era come loro, alto, maestoso - possedeva quella nobile grandezza che tu ammiri in loro. "

Rimasi in silenzio, temendo di non poterla turbare più a malincuore fissandomi su qualsiasi altro argomento di conversazione che potesse ricordarle ancora Augustus.

"Perché non parli la mia Laura?" (disse dopo una breve pausa) "Non posso sostenere questo silenzio - non devi lasciarmi alle mie riflessioni; ricorrono sempre ad Augustus."

"Che bel cielo! (Dissi) Com'è affascinante l'azzurro variato da quelle delicate strisce di bianco!"

"Oh! La mia Laura (rispose lei, ritraendo frettolosamente gli occhi da un momentaneo sguardo al cielo) non mi angoscia così richiamando la mia attenzione su un oggetto che mi ricorda così crudelmente il panciotto di raso blu del mio Augustus striato di bianco! al tuo infelice amico, evita un argomento così angosciante. " Cosa potevo fare? I sentimenti di Sophia in quel momento erano così squisiti e la tenerezza che provava per Augustus così toccante che non avevo il potere di iniziare nessun altro argomento, temendo giustamente che potesse in qualche modo imprevisto risvegliare di nuovo tutta la sua sensibilità indirizzando i suoi pensieri a suo marito. Eppure tacere sarebbe stato crudele; mi aveva pregato di parlare.

Da questo dilemma sono stato fortunatamente sollevato da un incidente veramente appropriato; fu il fortunato ribaltamento di un Gentleman's Phaeton, sulla strada che correva mormorando dietro di noi. Fu un incidente molto fortunato in quanto distolse l'attenzione di Sophia dalle riflessioni malinconiche a cui era stata prima di concedersi. Abbiamo immediatamente lasciato i nostri posti e siamo corsi in soccorso di coloro che solo pochi istanti prima si erano trovati in una situazione così elevata come un Phaeton alla moda, ma che ora erano distesi e distesi nella polvere. "Quale ampio argomento di riflessione sugli incerti piaceri di questo mondo, non sarebbe che Phaeton e la vita del cardinale Wolsey offrissero una mente pensante!" dissi a Sophia mentre ci affrettavamo verso il campo d'azione.

Non ebbe il tempo di rispondermi, perché ogni pensiero era ora occupato dall'orrendo Spettacolo davanti a noi. Due gentiluomini vestiti in modo molto elegante, ma tumultuosi nel loro sangue, fu ciò che per primo colpì i nostri occhi - ci avvicinammo - erano Edward e Augustus. - Sì, cara Marianne, erano i nostri mariti. Sophia strillò ed è svenuta a terra - ho urlato e sono subito impazzita. - Restammo così mutuamente privati ​​dei nostri sensi per alcuni minuti, e al loro recupero ne fummo nuovamente privati. Per un'ora e un quarto abbiamo continuato in questa sfortunata situazione: Sophia sveniva ogni momento e io correvo pazzo tutte le volte. Alla fine un gemito dello sfortunato Edward (che solo aveva una parte della vita) ci restituì a noi stessi. Se avessimo davvero immaginato prima che uno di loro fosse sopravvissuto, avremmo dovuto essere più parsimoniosi del nostro Greif - ma come avevamo supposto quando li abbiamo visti per la prima volta che non c'erano più, sapevamo che non poteva rimanere altro da fare se non quello che noi erano circa. Non appena, quindi, abbiamo sentito il gemito del mio Edward che rimandando le nostre Lamentazioni per il momento, siamo corsi in fretta dal Caro Giovane e inginocchiati ai suoi lati lo abbiamo implorato di non morire. - "Laura (disse, fissando i suoi occhi ora languidi su di me) ho paura di essere stata ribaltata."

Ero felicissimo di trovarlo ancora sensibile.

"Oh! Dimmi Edward (detto io) dimmi, ti supplico, prima di morire, cosa ti è accaduto da quel giorno infelice in cui Augustus fu arrestato e noi eravamo separati ...

"Lo farò" (disse lui) e immediatamente recuperando un profondo sospiro, scaduto. - Sophia cadde immediatamente di nuovo in deliquio. - Il mio greif era più udibile. La mia voce vacillò, i miei occhi presero uno sguardo vacuo, il mio viso divenne pallido come la morte ei miei sensi erano notevolmente indeboliti. -

"Non parlatemi di Phaetons (dissi io, delirando in modo frenetico e incoerente) - Dammi un violino. - Lo suonerò e lo lenirò nelle sue ore malinconiche - Attenti, gentili Ninfe dei fulmini di Cupido , evita le penetranti Alberi di Giove - Guarda quel boschetto di abeti - Vedo una zampa di montone - Mi hanno detto che Edward non era morto; ma mi hanno ingannato - lo hanno preso per un cetriolo - "Così ho continuò selvaggiamente esclamando sulla morte del mio Edward. - Per due ore ho delirato così follemente e non avrei dovuto smettere, dato che non ero per nulla affaticato, se Sophia, che si era appena ripresa dal suo svenimento, non mi avesse pregato di considerare che la notte si stava avvicinando e che il Cominciarono a cadere gli umidi. "E dove dobbiamo andare (ho detto) per ripararci da entrambi?" "A quel cottage bianco" (rispose indicando un edificio ordinato che sorgeva in mezzo al boschetto di Elms, e che non avevo osservato prima). - Ho accettato e ci siamo subito avvicinati - abbiamo bussato alla porta - è stata aperta da una donna anziana; quando le fu chiesto di permetterci un pernottamento, ci informò che la sua casa era piccola, che aveva solo due camere da letto, ma che comunque dovremmo essere i benvenuti in una di esse. Siamo rimasti soddisfatti e abbiamo seguito la brava donna nella casa, dove siamo stati molto allietati dalla vista di un piacevole fuoco. - Era una vedova e aveva una sola figlia, che allora aveva solo diciassette anni - Una delle migliori di età; ma ahimè! era molto semplice e il suo nome era Bridget ... Non ci si poteva quindi aspettare nulla da lei - non si poteva supporre che possedesse Idee esaltate, Sentimenti delicati o Sensibilità raffinate. - Lei non era altro che una semplice Giovane Donna di buon carattere, civile e premurosa; in quanto tale potevamo a malapena disprezzarla: era solo un oggetto di disprezzo. -

Adeiu
Laura.


Lettera il 14
Laura in continuazione

ARMATI, mia amabile giovane amica, con tutta la filosofia di cui sei Padrona; evoca tutta la fortezza che possiedi, ahimè! nella lettura delle pagine seguenti la tua sensibilità sarà messa a dura prova. Ah! quali sono state le Disgrazie che ho avuto prima, e che ho già raccontato a te, a quella di cui ora ti informerò. La morte di mio padre, mia madre e mio marito, sebbene quasi più di quanto la mia gentile Natura potesse sostenere, erano sciocchezze in confronto alla disgrazia che sto ora raccontando. La mattina dopo il nostro arrivo al cottage, Sophia si lamentò di un violento dolore alle membra delicate, accompagnato da uno spiacevole mal di testa. Lo attribuì a un raffreddore preso dai suoi continui svenimenti all'aria aperta mentre la rugiada cadeva la sera prima. Temevo che fosse così, ma troppo probabilmente; poiché come si poteva altrimenti spiegare che sarei sfuggito alla stessa indisposizione, ma supponendo che gli sforzi fisici che avevo subito nei miei ripetuti attacchi di frenesia avessero circolato così efficacemente e riscaldato il mio sangue da rendermi a prova contro le gelide umide of Night, mentre Sophia, che giaceva totalmente inattiva a Terra, doveva essere stata esposta a tutta la loro Gravità. Ero seriamente allarmato dalla sua malattia che, per quanto insignificante possa sembrarti, mi sussurrò una certa sensibilità istintiva, alla fine le sarebbe stata fatale.

Ahimè! le mie paure erano troppo giustificate; gradualmente peggiorava e io ogni giorno mi allarmavo di più per lei. Alla fine fu costretta a limitarsi al solo letto che ci aveva assegnato la nostra degna padrona di casa. - Il suo disordine si trasformò in un consumo galoppante e in pochi giorni la portò via. In mezzo a tutte le mie Lamentazioni per lei (e violente si può supporre che fossero) ho ricevuto ancora una certa consolazione nel riflesso di averle prestato ogni Attenzione che poteva essere offerta, nella sua malattia. Avevo pianto su di lei ogni giorno, avevo bagnato il suo dolce viso con le mie lacrime e avevo premuto continuamente le sue belle Mani nelle mie. - "La mia amata Laura (mi ha detto che mi ha detto poche ore prima di morire) accetta l'avvertimento dalla mia infelice Fine ed evita la condotta imprudente che l'aveva provocata ... Attenzione agli svenimenti ... Anche se al momento potrebbero sii ristoratore e piacevole, ma credimi che alla fine, se troppo spesso ripetuti e in stagioni improprie, si dimostreranno distruttivi per la tua Costituzione ... il mio destino te lo insegnerà ... muoio martire del mio greif per la perdita di Augusto ... Un fatale svenimento mi è costato la vita ... Attenti agli svenimenti, Cara Laura ... Un attacco di frenesia non è un quarto così pernicioso; è un esercizio per il Corpo e se non troppo violento, è, Oserei dire, che favorisce la salute nelle sue conseguenze - Impazzisci tutte le volte che scegli; ma non svenire - "

Queste furono le ultime parole che mi rivolse ... Era il suo Consiglio morente alla sua afflitta Laura, che l'ha sempre fedelmente aderita.

Dopo aver assistito il mio compianto amico alla sua tomba primitiva, lasciai immediatamente (anche se a tarda notte) il detestato villaggio in cui era morta e vicino al quale erano scaduti mio marito e Augusto. Non avevo camminato per molti metri da esso prima di essere superato da un allenatore di scena, in cui ho preso subito un posto, determinato a procedere con esso per Edimburgo, dove speravo di trovare un qualche tipo pietoso che mi avrebbe ricevuto e confortato nelle mie afflizioni.

Era così buio quando sono entrato nella carrozza che non sono riuscito a distinguere il numero dei miei compagni di viaggio; Potevo solo percepire che erano Molti. A prescindere, tuttavia, da qualsiasi cosa che li riguardasse, mi abbandonai alle mie tristi Riflessioni. Prevalse un silenzio generale - Un silenzio, che non fu interrotto da nulla, ma dal russare forte e ripetuto di uno del Partito.

"Che furfante analfabeta deve essere quell'Uomo! (Pensai tra me) Che bisogno totale di delicata raffinatezza deve avere, chi può così scioccare i nostri sensi con un rumore così brutale! Deve, ne sono certo, essere capace di ogni cattiva azione! Non c'è crimine troppo nero per un personaggio del genere! " Così ragionavo dentro di me, e senza dubbio tali erano i riflessi dei miei compagni di viaggio.

Alla fine, il ritorno di Day mi ha permesso di vedere il mascalzone senza scrupoli che aveva così violentemente disturbato i miei sentimenti. Era Sir Edward, il padre del mio defunto marito. Al suo fianco sedeva Augusta, e allo stesso posto con me c'erano vostra madre e lady Dorothea. Immagina la mia sorpresa nel trovarmi così seduto tra la mia vecchia conoscenza. Per quanto grande fosse il mio stupore, era ancora aumentato, quando guardando fuori dalle finestre, vidi il marito di Philippa, con Philippa al suo fianco, sul Coachbox, e quando guardai dietro vidi Philander e Gustavus nel Basket. "Oh! Cielo, (esclamai) è possibile che dovrei essere circondato così inaspettatamente dalle mie relazioni e connessioni più vicine?" Queste parole hanno sconvolto il resto del partito e tutti gli occhi erano diretti all'angolo in cui ero seduto. "Oh! La mia Isabel (continuai lanciandomi attraverso Lady Dorothea tra le sue braccia) ricevo ancora una volta al tuo seno la sfortunata Laura. Ahimè! Quando ci siamo lasciati l'ultima volta nella Valle di Usk, ero felice di essere unito al meglio Edwards; avevo allora un padre e una madre, e non avevo mai conosciuto disgrazie - ma ora, privato di ogni amico tranne te - "

"Cosa! (Interruppe Augusta) mio Fratello è morto, allora? Dicci, ti supplico, che ne è stato di lui?" "Sì, ninfa fredda e insensibile, (risposi io) quello sfortunato Swain tuo fratello, non c'è più, e ora puoi gloriarti di essere l'ereditiera della fortuna di Sir Edward."

Anche se l'avevo sempre disprezzata dal giorno in cui avevo sentito per caso la sua conversazione con il mio Edward, tuttavia, con gentilezza, ho rispettato i suoi intrighi e quelli di Sir Edward di informarli dell'intera triste vicenda. Rimasero molto scioccati - anche il cuore ostinato di Sir Edward e quello insensibile di Augusta, furono toccati con dolore dalla storia infelice. Su richiesta di tua madre, raccontai loro ogni altra disgrazia che mi era capitata da quando ci eravamo separati. Della prigionia di Augustus e dell'assenza di Edoardo - del nostro arrivo in Scozia - del nostro incontro inaspettato con nostro nonno e dei nostri cugini - della nostra visita a Macdonald-Hall - del singolare servizio che abbiamo svolto nei confronti di Janetta - - dell'ingratitudine di suo padre per questo ... del suo comportamento disumano, sospetti inspiegabili e trattamento barbaro nei nostri confronti, nell'obbligarci a lasciare la Casa ... delle nostre Lamentazioni per la perdita di Edoardo e Augusto e, infine, del Morte malinconica del mio amato Compagno.

Pietà e sorpresa sono state fortemente rappresentate nel volto di vostra madre, durante tutto il mio racconto, ma mi dispiace dirlo, all'eterno rimprovero della sua sensibilità, quest'ultima ha predominato all'infinito. Anzi, per quanto la mia condotta fosse stata certamente impeccabile durante tutto il corso delle mie ultime disgrazie e avventure, fingeva di trovare da ridire sul mio comportamento in molte delle situazioni in cui ero stato messo. Poiché io stesso ero consapevole del fatto che mi ero sempre comportato in un modo che rifletteva l'onore sui miei sentimenti e raffinatezza, ho prestato poca attenzione a ciò che ha detto e ho desiderato che soddisfasse la mia curiosità informandomi di come era arrivata lì, invece di ferire reputazione senza macchia con rimproveri ingiustificabili. Non appena ella aveva ottemperato ai miei desideri in questo particolare e mi aveva fornito un accurato dettaglio di tutto ciò che le era accaduto dopo la nostra separazione (i cui particolari, se non siete già al corrente, vi darà vostra Madre), io fece domanda ad Augusta per le stesse informazioni riguardo a se stessa, Sir Edward e Lady Dorothea.

Mi disse che avendo un notevole gusto per le bellezze della natura, la sua curiosità di vedere le deliziose scene che mostrava in quella parte del mondo era stata così tanto sollevata dal Tour di Gilpin alle Highlands, che aveva convinto suo padre a intraprendere un tour in Scozia e aveva convinto Lady Dorothea ad accompagnarli. Che erano arrivati ​​a Edimburgo pochi giorni prima, e da lì avevano fatto delle Escursioni giornaliere nel Paese intorno allo Stage Coach in cui si trovavano allora, da una delle quali stavano tornando in quel momento. Le mie domande successive riguardarono Philippa e suo marito, quest'ultimo dei quali, seppi, avendo speso tutta la sua fortuna, ricorse per sussistenza al talento in cui lui aveva sempre eccelso di più, e cioè guidare, e che avendo venduto ogni cosa. che apparteneva a loro eccetto il loro allenatore, l'aveva trasformato in un palcoscenico, e per essere rimosso da qualsiasi sua precedente conoscenza, l'aveva portato a Edimburgo, da dove andava a Sterling ogni due giorni; Che Philippa, conservando ancora il suo affetto per il marito ingrato, lo aveva seguito in Scozia e generalmente lo aveva accompagnato nelle sue piccole escursioni a Sterling. "È stato solo per buttare un po 'di soldi nelle loro tasche (continua Augusta) che mio padre ha sempre viaggiato nel loro pullman per vedere le bellezze del Paese dal nostro arrivo in Scozia - perché sarebbe stato sicuramente molto più gradevole visitare le Highlands in un Postchaise, piuttosto che viaggiare semplicemente da Edimburgo a Sterling e da Sterling a Edimburgo ogni due giorni in un palcoscenico angusto e scomodo ". Ero perfettamente d'accordo con lei nei suoi sentimenti sull'Affare, e segretamente biasimavo Sir Edward per aver sacrificato così il piacere di sua figlia per amore di una vecchia ridicola, la cui follia nel sposare un uomo così giovane dovrebbe essere punita. Il suo comportamento, tuttavia, era interamente di pari con il suo carattere generale; per quello che ci si poteva aspettare da un uomo che non possedeva il più piccolo atomo di Sensibilità, che conosceva a malapena il significato di Simpatia e che russava davvero. -

Adeiu
Laura.


Lettera 15
Laura in continuazione

QUANDO siamo arrivati ​​al paese dove eravamo a colazione, ero deciso a parlare con Philander e Gustavus, ea tal fine, non appena ho lasciato la carrozza, sono andato al Basket e ho chiesto teneramente della loro salute, esprimendo le mie paure del disagio della loro situazione. All'inizio sembravano piuttosto confusi al mio aspetto, temendo senza dubbio che potessi chiamarli per rendere conto del denaro che nostro nonno mi aveva lasciato e di cui mi avevano ingiustamente privato, ma scoprendo che non ho menzionato nulla della questione, essi desiderava che entrassi nel Canestro, poiché lì potremmo conversare con maggiore facilità. Di conseguenza sono entrato, e mentre il resto del gruppo stava divorando tè verde e pane tostato imburrato, abbiamo banchettato in modo più raffinato e sentimentale con una conversazione confidenziale. Li ho informati di ogni cosa che mi era accaduta nel corso della mia vita e, su mia richiesta, mi hanno raccontato ogni loro incidente.

"Siamo i figli, come già sapete, delle due figlie più giovani che Lord St. Clair aveva avuto da Laurina, una ragazza lirica italiana. Le nostre madri non potevano accertare con esattezza chi fossero i nostri padri, anche se generalmente si crede che Philander è il figlio di un certo Philip Jones, un muratore, e che mio padre era Gregory Staves, uno Staymaker di Edimburgo. Ciò è, tuttavia, di scarsa importanza, poiché poiché le nostre madri non sono mai state sposate con nessuno dei due, non riflette alcun disonore sul nostro sangue, che è di una specie antichissima e incontaminata. Bertha (la madre di Philander) e Agatha (mia madre) vissero sempre insieme. Non erano nessuna delle due molto ricca; le loro fortune unite erano originariamente ammontate a novemila sterline , ma poiché ne avevano sempre vissuto il principio, quando avevamo quindici anni fu ridotto a nove cento.Questi novecento, li tenevano sempre in un cassetto in uno dei tavoli che si trovavano nel nostro salotto comune, per comodità di avere sempre a portata di mano. Se fosse da questa circostanza, dal suo essere facilmente intercettato, o dal desiderio di essere indipendenti, o da un eccesso di sensibilità (per il quale siamo sempre stati notevoli), non posso ora determinarlo, ma certo è che quando eravamo arrivati il nostro quindicesimo anno, abbiamo preso i Novecento libbre e siamo scappati. Ottenuto questo premio, eravamo decisi a gestirlo con economia e non a spenderlo né con follia né con stravaganza. A questo scopo l'abbiamo quindi diviso in nove pacchi, uno dei quali abbiamo dedicato alle Vittime, il 2d da bere, il 3d alle pulizie, il 4 ° alle carrozze, il 5 ° ai cavalli, il 6 ° ai servi, il 7 ° ai divertimenti il 8 a Cloathes e il 9 a Silver Buckles. Avendo così organizzato le nostre spese per due mesi (poiché ci aspettavamo di far durare le novecento sterline altrettanto a lungo), ci siamo affrettati a Londra e abbiamo avuto la fortuna di spenderlo in 7 settimane e un giorno, che era 6 giorni prima di noi aveva inteso. Non appena ci siamo liberati così felicemente dal peso di tanto denaro, abbiamo cominciato a pensare di tornare dalle nostre madri, ma per caso, sentendo che erano entrambi affamati di morte, abbiamo rinunciato al progetto e determinati a impegnarci con qualcuno passeggiando per Company of Players, dato che avevamo sempre un turno per il palco. Di conseguenza abbiamo offerto i nostri Servizi a uno e siamo stati accettati; la nostra azienda era in effetti piuttosto piccola, poiché consisteva solo del manager, sua moglie e noi stessi, ma c'erano meno da pagare e l'unico inconveniente era la scarsità di giochi che, per mancanza di persone che riempissero i personaggi, noi potrebbe eseguire. Tuttavia, non ci importavano le sciocchezze. - Una delle nostre esibizioni più ammirate è stata Macbeth, in cui siamo stati davvero fantastici. Il manager ha sempre interpretato lo stesso Banquo, sua moglie, my Lady Macbeth. Ho fatto le Tre streghe e Philander ha recitato tutto il resto. A dire il vero, questa tragedia non è stata solo la migliore, ma l'unica commedia che abbiamo mai eseguito; e dopo averlo recitato in tutta l'Inghilterra e nel Galles, siamo venuti in Scozia per esporlo nel resto della Gran Bretagna. Ci è capitato di essere acquartierati proprio in quella città, dove sei venuto e hai incontrato tuo nonno. - Eravamo nel cortile della locanda quando la sua carrozza è entrata e abbiamo percepito dalle armi a cui apparteneva, e sapendo che Lord St. Clair era nostro nonno, abbiamo deciso di cercare di ottenere qualcosa da lui scoprendo la relazione. - Sai quanto è riuscito bene. - Dopo aver ottenuto le duecento sterline, abbiamo immediatamente lasciato la città, lasciando il nostro manager e sua moglie a recitare da soli Macbeth, e abbiamo preso la strada per Sterling, dove abbiamo speso la nostra piccola fortuna con un grande éclat. Stiamo ora tornando a Edimburgo per ottenere qualche preferenza nel modo di recitazione; e tale, mio ​​caro cugino, è la nostra storia. "

Ringraziai l'amabile giovane per la sua divertente narrazione e, dopo aver espresso i miei auguri per il loro benessere e felicità, li lasciai nella loro piccola abitazione e tornai dagli altri miei amici che mi aspettavano con impazienza.

Le mie avventure stanno ora volgendo al termine, mia carissima Marianne; almeno per il momento.

Quando arrivammo a Edimburgo, Sir Edward mi disse che, in quanto vedova di suo figlio, desiderava che accettassi dalle sue mani di quattrocento all'anno. Ho gentilmente promesso che l'avrei fatto, ma non ho potuto fare a meno di osservare che il baronetto insignificante lo ha offerto più perché sono la vedova di Edward che per essere la raffinata e amabile Laura.

Ho preso la mia residenza in un romantico villaggio nelle Highlands scozzesi, dove da allora ho continuato, e dove posso, senza interruzioni di visite insignificanti, concedermi una malinconica solitudine le mie incessanti Lamentazioni per la morte di mio padre, mia madre, mia Marito e il mio amico.

Augusta è da diversi anni unita a Graham, l'Uomo di tutti gli altri a lei più adatto; lo ha conosciuto durante il suo soggiorno in Scozia.

Sir Edward, nella speranza di ottenere un erede al suo titolo e patrimonio, sposò allo stesso tempo Lady Dorothea. - I suoi desideri sono stati esauditi.

Philander e Gustavus, dopo aver alzato la loro reputazione con le loro esibizioni nella linea teatrale a Edimburgo, si trasferirono a Covent Garden, dove si esibirono ancora sotto i falsi nomi di Lewis e Quick.

Philippa ha a lungo pagato il debito della natura; Suo marito, tuttavia, continua ancora a guidare lo Stage-Coach da Edimburgo a Sterling: -

Adeiu, mia carissima Marianne.
Laura.

Finis

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati