Scotch Collops

C'erano ostriche e insalate e facchino, Scotch collops, maiale arrosto e pollame bollito, E bicchieri di brandy e acqua, E un sacco di punch in una ciotola. Gli ospiti si sedettero allegramente, Determinato a mangiare e bere abbondantemente, E non si parlava di niente in città Ma la festa impetuosa di Old Madam Fig. Canta rape, carote e verdure, Canta candele, falsa pista e tè. Di tutte le feste gay che ho visto, È il galà di Madam Fig per me. -La signora Fig's Gala , circa 1820
I collops sono fette di carne. La derivazione del termine è incerta. Sembra essere correlato alla parola svedese kalops, piuttosto che alla parola francese scaloppina. In epoca elisabettiana, "collops" si riferiva specificamente a fette di pancetta. Il lunedì grasso, noto anche come lunedì del collo, era tradizionalmente l'ultimo giorno per cucinare e mangiare carne prima della Quaresima, quando era un periodo di digiuno dalla carne. Un piatto tradizionale per la colazione consisteva in collops di pancetta condita con un uovo fritto. Gli Scotch Collops sono un piatto tradizionale scozzese. Può essere creato utilizzando fettine sottili o carne macinata di vitello, manzo, agnello o cervo. Questo viene combinato con cipolla, sale, pepe e sugna, quindi in umido, al forno o arrostito con aromi opzionali a seconda della carne utilizzata. Viene tradizionalmente servito guarnito con toast sottili e purè di patate.
A dreſs Scotch collops. PRENDERE la carne di vitello, tagliarla sottile, sbatterla bene con il dorso di un coltello o di un mattarello e grattugiarci sopra un po 'di noce moscata; immergerle nel tuorlo di un uovo e friggerle in un po 'di burro fino a che non saranno di un bel colore marrone; poi versatevi il burro e preparate mezzo litro di salsa, un pezzetto di burro infarinato, qualche muhroom, un glaſs di vino bianco, il tuorlo di un uovo e un po 'di panna mescolati insieme. Se vuole un po 'di sale, mettilo. Mescola tutto e quando è di uno spessore fine dissangualo. Va benissimo senza la crema, se non ne avete; e molto bene senza sugo, aggiungere solo quanta acqua tiepida e vino rosso o bianco. Hannah Glasse The Aft of Cookery Made Plain and Easy, 1747
  • 1kg di vitello (dalla parte migliore della coscia o del filetto)
  • noce moscata grattugiata fresca, quanto basta
  • 2 tuorli d'uovo, sbattuti
  • 3 cucchiai di burro, per friggere
  • 300 ml di salsa (o 200 ml di acqua con 100 ml di vino rosso)
  • 1 cucchiaino di burro mescolato a una pasta con 1 cucchiaino di farina, per addensare
  • 10 funghi champignon, tagliati a metà
  • 150 ml di vino bianco
  • 1 tuorlo d'uovo sbattuto con 2 cucchiai di panna
  • sale, quanto basta.
Prendete il vitello e tagliatelo a fettine sottili.
Sbattetele con il mattarello e poi grattugiateci sopra la noce moscata.
Sciogliere il burro in una padella, immergere le fettine di vitello nel tuorlo d'uovo sbattuto, unire nella padella e friggere fino a doratura.
Eliminare il burro in eccesso quindi aggiungere il sugo (o la miscela di acqua e vino) nella padella.
Incorporare il burro e il frullato di farina, poco alla volta, quindi aggiungere il vino bianco e gli champignon.
Portare a ebollizione e cuocere per qualche minuto. Sbattere insieme il tuorlo d'uovo e la panna in una ciotola.
Aggiungere un mestolo di brodo caldo per temperare quindi mescolare nella padella. Lasciar riscaldare e addensare (ma non far bollire).
Condire a piacere con sale e servire.
Trova altre ricette Regency nel nostro negozio di regali: fai clic Qui!
Ricetta modernizzata copyright © Celtnet.co.uk, un tesoro di ricette vecchie e nuove, inclusa una modernizzazione completa di Hannah Glasse's L'arte della cucina resa semplice e semplice. Informazioni storiche da Wikipedia