Intimo per bambini in Regency England

Ci sono, in ritratti, dipinti e incisioni, con facce sincere e vestiti carini. Ma cosa indossavano sotto? Sicuramente non l'intera sottostruttura indossata dai loro genitori? Proprio come le loro madri, sia i ragazzi che le ragazze avrebbero indossato una chemise. Questo indumento di base era solitamente realizzato in lino e seguiva le linee della versione per adulti, con un'eccezione: le camicie da bambino spesso omettevano i soffietti laterali, che aggiungevano larghezza alle camicie da donna, essendo quindi fondamentalmente a forma di T-shirt. D'altra parte nelle famiglie benestanti sfoggiavano persino balze di pizzo sul decollete e sulle cuciture delle maniche. Alla chemise sono seguiti un paio di soggiorni. Durante il primo periodo georgiano, l'opinione medica corrente sosteneva che i teneri corpi dei neonati dovevano essere protetti e modellati da soggiorni, e in molte collezioni di costumi troviamo esemplari con ossa pesanti realizzati per bambini di nemmeno un anno. Verso l'ultimo quarto del secolo, quando l'illuminazione ebbe finalmente il sopravvento e gli abiti per bambini iniziarono a mostrare segni di influenza classica molto prima che facessero la loro prima apparizione nella moda femminile, i piccoli corsetti divennero meno restrittivi e meno rigidi, la maggior parte di loro essendo quasi completamente disossato. L'indumento stesso è stato mantenuto, tuttavia, ora servendo un nuovo scopo: poiché i bambini non avevano più "fianchi" artificialmente formati, erano necessari altri modi per tenere su le sottovesti e si trovavano nei bottoni attaccati alle stecche, sui quali potevano essere fissato. Soggiorni per neonati, 1780-1810, con cordoncino sul davanti e bottoni per fissare sottovesti e pantaloni. Le uniche due ossa sono nella parte posteriore per rafforzare l'allacciatura. Una semplice sottoveste avrebbe completato la biancheria intima durante la prima metà del XVIII secolo, non si parla ancora di mutande o pantaloni. Inoltre, non ci sono prove di sottostrutture formanti come sottovesti con cerchi o imbottiture per i fianchi per bambini: con i semplici vestiti di classe inferiore non sarebbero stati necessari, e ad eccezione delle occasioni più formali, le linee più alla moda viste nei ritratti di bambini benestanti possono essere realizzato senza tali dispositivi quando tessuti di seta contemporanei e piuttosto rigidi vengono utilizzati per gli indumenti stessi. Entro la fine del secolo i cassetti fecero la loro prima apparizione nell'abbigliamento per bambini sia per ragazzi che per ragazze. Erano, come le sottogonne, abbottonate ai tiranti per evitare che scivolassero. Un altro nuovo articolo erano i pantalon o pantalettes, anche se si può sostenere che non fossero veramente biancheria intima, poiché facevano capolino visibilmente da sotto gli abiti comunemente indossati da entrambi i sessi di età inferiore ai cinque anni. Da qualche parte tra i tre ei sette anni, i ragazzi giovani venivano "calzati" e scambiavano i vestiti e i pantaloni del bambino con i vestiti del ragazzo, come l'abito scheletrato, di solito scartando anche i loro soggiorni e le camicie lungo la strada. L'abbigliamento per le ragazze è diventato gradualmente più simile a quello delle loro madri, le cuciture scendono e (tranne che per la fine del Regency) le mutande svaniscono. I soggiorni (quando indossati) sono diventati più modellanti e hanno perso i loro pulsanti.
Ann-Dorothee Schlueter, proprietaria di Arts Et Metiers, in Germania è una storica del tessile e storica sarta. È registrata presso l'Handwerkskammer, Berlino. Visita il suo sito web per vedere esempi del suo lavoro e acquistare articoli.