William Wilberforce

William Wilberforce (24 agosto 1759-29 luglio 1833) è stato un politico, filantropo e abolizionista britannico che ha guidato la campagna parlamentare contro la tratta degli schiavi. Amazing Grace, mette in evidenza la sua carriera di parlamentare e la sua amicizia con il reverendo John Newton, un ex commerciante di schiavi la cui conversione lo ha portato al ministero. William Wilberforce nacque a Hull, figlio di Robert Wilberforce (1728–1768), un ricco mercante il cui padre William (1690–1776) aveva fatto fortuna di famiglia attraverso il commercio baltico ed era stato eletto sindaco di Hull in due occasioni. I Wilberforces erano un'antica famiglia dello Yorkshire, il nome deriva dal villaggio di Wilberfoss, otto miglia a est di York. L'anziano William è descritto come un bambino molto delicato e un po 'malaticcio. William Wilberforce il giovane frequentò la Hull Grammar School e nel 1768, alla morte di suo padre, fu mandato a vivere con uno zio e una zia a St James 'Place, a Londra ea Wimbledon, a quel tempo un villaggio a sud-ovest di Londra. Durante questo periodo è stato istruito a scuola a Putney. Fu anche in questo periodo che sua zia Hannah, sorella di John Thornton e convinta sostenitrice di George Whitefield, influenzò la giovane Wilberforce verso il cristianesimo evangelico. Sua madre e suo nonno, preoccupati per queste influenze e la sua inclinazione verso l'evangelicalismo (che, a quel tempo, era considerato con sospetto da coloro che lo consideravano simile all '"entusiasmo" metodista e da evitare dai rispettabili anglicani), lo riportarono a Hull nel 1771, dove continuò i suoi studi presso la vicina Pocklington School. Ha avuto successo soprattutto nella poesia inglese ed era conosciuto come un bravo cantante. Wilberforce andò al St John's College di Cambridge nel 1776, dove si immerse nel giro sociale degli studenti, e non sentì alcuna inclinazione ad applicarsi a uno studio serio. In questi dintorni, fece amicizia con il giovane William Pitt, che sarebbe diventato un amico per tutta la vita. Sebbene all'inizio fosse scioccato da quello che succedeva intorno a lui, in seguito ha perseguito lui stesso uno stile di vita un po 'edonistico, godendosi il gioco delle carte, il gioco d'azzardo e le bevute fino a tarda notte - anche se si è astenuto dal farlo in modo eccessivo; trovava disgustoso il comportamento estremo di alcuni dei suoi compagni di studio e non si era mai occupato dei loro eccessi sessuali. È stato premiato con B.A. nel 1781 e M.A. nel 1788.

Carriera parlamentare iniziale e conversione

Mentre era ancora all'università, con scarso interesse a tornare a essere coinvolto negli affari di famiglia, Wilberforce decise di cercare l'elezione al Parlamento e si presentò alle elezioni generali del 1780. Nel settembre 1780, all'età di ventuno anni, fu eletto Membro del Parlamento (MP) per Hull, spendendo fino a 9.000 sterline per assicurarsi di ricevere i voti necessari, come era consuetudine del tempo. In quanto Tory indipendente, era un oppositore dell'amministrazione del Nord, condividendo il generale sentimento di malcontento con il governo. Ha preso parte a dibattiti sulla costruzione navale e il contrabbando, e ha rinnovato la sua amicizia con il futuro primo ministro William Pitt il giovane, con il quale ha incontrato spesso nella galleria della Camera dei Comuni, e hanno stretto un'amicizia duratura, insieme a Edward James Eliot (che poi diventerà cognato di Pitt), un altro contemporaneo di Cambridge. Nell'autunno del 1783 Pitt, Wilberforce ed Eliot si recarono in Francia insieme. Rimasero a Reims per migliorare il loro francese e furono presentati al re e alla regina a Fontainebleau. Pitt divenne primo ministro nel dicembre 1783 e Wilberforce divenne un sostenitore chiave del suo governo di minoranza. Quando il Parlamento fu sciolto nella primavera del 1784, Wilberforce fu presto riconosciuto come un sostenitore di Pitt e candidato per le elezioni generali del 1784. Il 6 aprile, quando i Whigs furono sconfitti, fu restituito come parlamentare per lo Yorkshire all'età di ventiquattro anni. Nel 1784 Wilberforce intraprese un tour dell'Europa che avrebbe cambiato la sua vita e, in ultima analisi, tutta la sua futura carriera. In ottobre ha viaggiato con il suo amico Isaac Milner, che era stato Fellow del Queens 'College di Cambridge nell'anno in cui Wilberforce è salito la prima volta. Sono andati in compagnia della madre e della sorella, in Costa Azzurra, dove hanno trascorso un po 'di tempo. Tuttavia, dovette tornare temporaneamente nel febbraio 1785, al fine di dare il suo sostegno alle riforme parlamentari di Pitt. Milner lo accompagnò sia di ritorno in Inghilterra che nel viaggio di ritorno, e usarono il tempo per leggere insieme Rise and Progress of Religion in the Soul di Philip Doddridge, e più tardi per studiare il Nuovo Testamento. Sono stati in grado di partecipare nuovamente alla festa a Genova, in Italia, dove hanno continuato il loro tour a Spa, in Svizzera. Si pensa che questo sia stato l'inizio del viaggio spirituale di Wilberforce, e iniziò ad alzarsi presto per leggere la Bibbia e pregare, nonché per tenere un diario privato personale. Decise di impegnare la sua vita futura e di lavorare completamente al servizio di Dio. Una delle persone a cui cercava guida era John Newton, il principale ecclesiastico anglicano evangelico dell'epoca e rettore di St Mary Woolnoth nella City di Londra. Tutti coloro da cui ha ricevuto consigli, incluso Pitt, gli hanno consigliato di rimanere in politica.

Campagna di abolizione

Nel 1787, Sir Charles Middleton e Lady Middleton presentarono Wilberforce nella loro casa di Teston, nel Kent, al gruppo in crescita che si batteva contro la tratta degli schiavi. Wilberforce, spinto dalla sua forte fede cristiana, fu persuaso a diventare leader della campagna parlamentare del Comitato per l'abolizione del commercio degli schiavi. Dopo mesi di pianificazione, il 12 maggio 1789 tenne il suo primo importante discorso sulla questione dell'abolizione alla Camera dei Comuni, in cui ragionava che il commercio era moralmente riprovevole e una questione di giustizia naturale. Attingendo alle prove di Thomas Clarkson, descrisse in dettaglio le spaventose condizioni in cui gli schiavi viaggiavano dall'Africa nel passaggio di mezzo, e sostenne che l'abolizione del commercio avrebbe anche portato un miglioramento alle condizioni degli schiavi esistenti nelle Indie occidentali. Presentò dodici proposte di abolizione, in gran parte basate sull'Essay on the Impolicy of the African Slave Trade di Clarkson, che era stato stampato in gran numero e ampiamente diffuso. Tuttavia, Wilberforce era contraria all'estensione del franchising ai riformatori della classe operaia, incoraggiata dai diritti dell'uomo di Thomas Paine a chiedere il voto. Wilberforce ha guidato l'istituzione della Society for Suppression of Vice and Encouragement of Religion per frenare l'aspirazione politica e il sostegno alla Rivoluzione francese. Nel gennaio 1790, Wilberforce riuscì a ottenere l'approvazione per un comitato parlamentare selezionato per prendere in considerazione la tratta degli schiavi e per esaminare la grande quantità di prove che aveva presentato. Nell'aprile 1791, Wilberforce introdusse il primo disegno di legge parlamentare per abolire la tratta degli schiavi, che fu facilmente sconfitta con 163 voti contro 88. Mentre Wilberforce continuava a portare la questione della tratta degli schiavi davanti al Parlamento, Clarkson continuò a viaggiare e scrivere. Tra di loro, Clarkson e Wilberforce erano responsabili della generazione e del sostegno di un movimento nazionale che mobilitava l'opinione pubblica come mai prima d'ora. Questo fu l'inizio di una lunga campagna parlamentare, durante la quale Wilberforce presentò una mozione a favore dell'abolizione durante ogni sessione successiva del parlamento. Ha colto ogni occasione possibile per portare il tema della tratta degli schiavi dinanzi ai Comuni, e ha spostato di nuovo i progetti di legge per la sua abolizione nell'aprile 1792 e febbraio 1793. Il Parlamento, tuttavia, ha rifiutato di approvare il disegno di legge. William Wilberforce era visto come un enigma da alcuni dei suoi contemporanei: un uomo popolare ma piccolo e malaticcio la cui energia e determinazione da una sola mano contribuirono a superare la potente lobby pro-schiavitù in Parlamento e costringere l'abolizione della tratta degli schiavi. James Boswell (1740-1795), il biografo ufficiale di Samuel Johnson (che era stato presente alla cena quando era stato suggerito per la prima volta che si assumesse la causa), in seguito assistette all'eloquenza di Wilberforce alla Camera dei Comuni e notò:
"Ho visto quello che sembrava una semplice cavalcatura di gamberetti sul tavolo; ma mentre ascoltavo, è cresciuto e cresciuto, fino a quando il gambero è diventato una balena."
Lo scoppio della guerra con la Francia nel 1793 impedì efficacemente un'ulteriore seria considerazione poiché l'umore pubblico era concentrato sulla crisi nazionale e la minaccia di invasione, sebbene Wilberforce persistesse nei suoi sforzi per discutere l'argomento e portò ulteriori mozioni nel febbraio 1795 , Febbraio 1796 e maggio 1797. Il 15 aprile 1797 incontrò Barbara Ann Spooner (1777–1847), figlia maggiore di Isaac Spooner di Elmdon Hall, Warwickshire, un banchiere. Entro due settimane dal loro primo incontro William aveva proposto. La coppia si sposò a Bath, nel Somerset, il 30 maggio 1797 entro sei settimane dal loro primo incontro. [9] I loro figli erano William Wilberforce (nato nel 1798), Barbara (nato nel 1799), Elizabeth (nato nel 1801), Robert Isaac Wilberforce (nato nel 1802), Samuel Wilberforce (nato nel 1805) e Henry William Wilberforce (nel 1807). Nel 1788 era stata approvata la legge di Sir William Dolben che limitava la capacità di trasporto di schiavi sulle navi che attraversavano l'Atlantico. Tuttavia, non è stato fino al 1799 che la legge sul commercio degli schiavi è stata approvata per ridurre ulteriormente il sovraffollamento sulle navi di schiavi. L'atteggiamento dell'opinione pubblica nei confronti della schiavitù e della tratta degli schiavi cominciò a cambiare, e i primi anni del diciannovesimo secolo videro maggiori prospettive di abolizione. Tuttavia, non è stato fino al 1804 che Wilberforce aveva una reale speranza di spostare un disegno di legge. Quell'anno, il suo disegno di legge ha effettivamente superato tutte le sue fasi alla Camera dei Comuni entro giugno. Purtroppo era troppo tardi nella sessione parlamentare per completare il suo passaggio alla Camera dei Lord. Wilberforce dovette reintrodurlo nella sessione del 1805, e in questa occasione fu sconfitto in seconda lettura. Wilberforce iniziò a collaborare di più con i Whigs e gli abolizionisti in quel partito. Diede sostegno generale all'amministrazione Grenville-Fox del febbraio 1806 dopo la morte di William Pitt il giovane. Wilberforce e Charles James Fox guidarono quindi la campagna alla Camera dei Comuni, mentre Lord Grenville difese la causa alla Camera dei Lord. All'inizio del 1806, l'avvocato marittimo James Stephen suggerì un cambio di tattica, che prevedeva l'introduzione di un disegno di legge per vietare ai sudditi britannici di aiutare o partecipare alla tratta degli schiavi alle colonie francesi. Fu una mossa intelligente, poiché la maggior parte delle navi infatti ora sventolavano bandiere americane, sebbene presidiate da equipaggi britannici e partivano da Liverpool. Il nuovo Foreign Slave Trade Act è stato rapidamente approvato e la tattica ha avuto successo. La nuova legislazione proibiva di fatto i due terzi della tratta degli schiavi britannica. Ciò è stato in parte consentito dalla vittoria di Lord Nelson nella battaglia di Trafalgar, che aveva dato alla Gran Bretagna il potere marittimo per garantire che qualsiasi divieto potesse essere applicato. La morte di Fox nel settembre 1806 fu un duro colpo per gli abolizionisti. Wilberforce è stato nuovamente rieletto per lo Yorkshire dopo che Grenville ha convocato le elezioni generali. Lui e Clarkson avevano raccolto una grande quantità di prove contro la tratta degli schiavi negli ultimi due decenni. Wilberforce ha trascorso l'ultima parte dell'anno dopo l'elezione a scrivere A Letter on the Abolition of the Slave Trade, che era un saggio di scuse che riassumeva queste prove. Dopo essere stato pubblicato il 31 gennaio 1807, costituì la base per la fase finale della campagna. Lord Grenville aveva presentato un disegno di legge sull'abolizione alla Camera dei Lord e ha tenuto un discorso appassionato, durante il quale ha criticato i colleghi per "non aver abolito il commercio molto tempo fa" e ha sostenuto che il commercio era "contrario ai principi di giustizia umanità e sana politica ". Quando fu adottata una votazione finale, il disegno di legge fu approvato alla Camera dei Lord con un margine inaspettatamente ampio di 41 voti contro 20. Percependo una svolta che era stata attesa da tempo, Charles Gray (ora visconte Howick) si mosse per una seconda lettura alla Camera dei Comuni il 23 febbraio. Come tributi sono stati fatti a Wilberforce, che aveva ha lavorato per la causa durante i vent'anni precedenti, il disegno di legge è stato approvato con 283 voti a 16. Lo Slave Trade Act ha ricevuto il consenso reale il 25 marzo 1807.

Parlimentarian

Wilberforce è stato uno dei parlamentari più regolari nella sua presenza alla Camera dei Comuni e ha prestato servizio in molte commissioni parlamentari. Era un sostenitore ostinato della riforma parlamentare e attaccava costantemente il sistema in base al quale venivano eletti i membri, che era diventato corrotto. E, col passare del tempo, divenne considerato il custode della coscienza della nazione, al punto che ci si aspettava un discorso da lui su quasi ogni movimento. In un'occasione, Richard Sheridan, sentendo una voce secondo cui Wilberforce si stava ritirando dalla politica, lo fermò e protestò "Sebbene tu ed io non siamo molto d'accordo nei nostri voti alla Camera dei Comuni, tuttavia pensavo che la parte indipendente che hai agito avrebbe il tuo pensionamento una perdita pubblica ".

Altre campagne

Sebbene la maggior parte fosse ricordata per il suo lavoro verso l'abolizione della schiavitù, Wilberforce si occupò anche di altre questioni di riforma sociale. Ha scritto nei suoi diari personali: "Dio Onnipotente ha posto davanti a me due grandi obiettivi, la soppressione della tratta degli schiavi e la Riforma dei modi". Fu su suggerimento di Wilberforce, insieme al vescovo Porteus e altri ecclesiastici, che l'arcivescovo di Canterbury chiese al re Giorgio III di emettere la sua Proclamation for the Discouragement of Vice in 1787, che vide come un rimedio per ciò che considerava la rivolta marea di immoralità e vizio. Questa divenne la Society for Suppression of Vice in 1802, che portò alla multazione e all'incarcerazione di molte persone, inclusi attivisti per la libertà di parola come Richard Carlile, per aver distribuito le opere di Thomas Paine e altri riformatori laici.

La British East India Company era stata istituita per dare agli inglesi una quota nel commercio delle spezie dell'India orientale. Nel 1793, Wilberforce utilizzò il rinnovo del suo statuto per suggerire l'aggiunta di clausole che consentissero alla compagnia di assumere insegnanti religiosi con l'obiettivo di "introdurre la luce cristiana in India". Questo piano non ha avuto successo e le clausole sono state omesse, inizialmente a causa delle pressioni degli amministratori della società, che temevano che i loro interessi commerciali sarebbero stati danneggiati se la legislazione proposta avesse portato a scontri religiosi. Wilberforce tentò di nuovo nel 1813 quando la carta venne rinnovata. Usando petizioni pubbliche e varie statistiche, questa volta riuscì a persuadere la Camera dei Comuni a includere le clausole pertinenti e il Charter Act 1813 fu approvato. Il suo lavoro ha così permesso al lavoro missionario di diventare in parte una condizione della Carta rinnovata. (Benché profondamente preoccupato per il paese, lo stesso Wilberforce non era mai stato in India.) Alla fine, ciò portò alla fondazione del vescovato di Calcutta. Wilberforce era anche un membro fondatore della Church Missionary Society (da allora ribattezzata Church Mission Society), così come della Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ora Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals). Ha anche dato il suo sostegno a progetti locali ed è stato tesoriere di una vicina scuola di beneficenza mentre viveva a Wimbledon. Nonostante il suo ruolo nel porre fine alla tratta degli schiavi, Wilberforce era contrario ai diritti dei lavoratori di organizzarsi per una migliore retribuzione, condizioni e orari di lavoro. Nel 1799 ha redatto il Combination Act, che ha soppresso l'attività sindacale in tutto il Regno Unito.

La lotteria nazionale

Quando gli amici di Wilberforce si sono riuniti a Battersea Rise dopo che la seconda lettura del disegno di legge per l'abolizione della schiavitù era stata approvata dai Comuni a larga maggioranza, Wilberforce si è rivolta a Thornton e ha detto: “Bene, Henry! Cosa dovremo abolire adesso? " Thornton rispose solennemente: "La lotteria, credo". Alla fine, grazie agli sforzi di questo gruppo, la Lotteria se ne andò, ma la "riforma dei costumi" di Wilberforce abbracciò molto di più. Basta confrontare l'immagine della società del diciottesimo secolo come fornita all'inizio di questo saggio con la sobrietà e gli elevati standard morali della prima Inghilterra vittoriana per rendersi conto che una grande trasformazione aveva avuto luogo, ed era avvenuta in un periodo ancora più breve. di quanto viene normalmente riconosciuto. Nel 1829 Francis Place, che non era amico della religione evangelica, scrisse: “Sono certo di non rischiare nulla quando asserisco che è stato fatto più bene alla gente negli ultimi trent'anni che nei tre secoli precedenti; che durante questo periodo sono diventati più saggi, migliori, più frugali, più onesti, più rispettabili, più virtuosi di quanto non fossero mai stati prima ". Di questa trasformazione Wesley era in parte responsabile, e Wilberforce ei suoi amici costruirono sulle fondamenta di Wesley, portando la loro influenza in ambienti che i metodisti non potevano mai sperare di raggiungere.

Wilberforce era un critico schietto della Lotteria Nazionale dei suoi tempi. Nel 1817 descrisse la lotteria di stato come "un peccato nazionale". Come risultato della campagna di vari membri della Setta Clapham, incluso William Wilberforce, la lotteria fu portata a termine dal governo nel 1826.

Emancipazione degli schiavi

Wilberforce continuò con il suo lavoro dopo il 1807. La sua preoccupazione per la schiavitù lo portò a fondare l'African Institution, che era dedicata al miglioramento della condizione degli schiavi nelle Indie occidentali. È stato anche determinante nello sviluppo del progetto Sierra Leone, che era dedicato all'obiettivo finale di portare il cristianesimo nell'Africa occidentale. La posizione di Wilberforce come leader evangelico in parlamento è stata riconosciuta. Era ormai il primo membro della cosiddetta Setta Clapham, insieme al suo migliore amico e cugino Henry Thornton e Edward Eliot. Poiché la maggior parte del gruppo aveva convinzioni cristiane evangeliche, furono soprannominati "i santi".

Nel 1820, dopo un periodo di cattiva salute e una decisione di limitare le sue attività pubbliche, Wilberforce continuò a lavorare per l'eventuale emancipazione di tutti gli schiavi. Nel 1821, chiese a Thomas Fowell Buxton di assumere la guida della campagna nei Comuni. Wilberforce pubblicò il suo Appeal to the Religion, Justice and Humanity of the Inhabitants of the British Empire in nome degli schiavi negri nelle Indie occidentali all'inizio del 1823. In questo trattato, affermò che la condizione morale e spirituale degli schiavi derivava direttamente da la loro schiavitù. Affermò che la loro totale emancipazione non era solo moralmente ed eticamente giustificata, ma anche una questione di dovere nazionale davanti a Dio. L'anno 1823 vide anche la formazione della Society for the Mitigation and Gradual Abolition of Slavery (in seguito Anti-Slavery Society). Il 15 maggio 1823, Buxton ha presentato una risoluzione in Parlamento contro la schiavitù, un dibattito in cui Wilberforce ha preso parte attiva. Seguirono dibattiti successivi il 16 marzo e l'11 giugno 1823, in cui Wilberforce fece i suoi ultimi discorsi ai Comuni. Nel 1824 Wilberforce subì una grave malattia che portò alle sue dimissioni dalla sua sede parlamentare. Si trasferì in una piccola tenuta a Mill Hill, a nord di Londra, nel 1826. Ciò migliorò leggermente la sua salute. In pensione ha continuato il suo appassionato sostegno alla causa contro la schiavitù, alla quale aveva dato la vita. Ha mantenuto una corrispondenza attiva con la sua vasta cerchia di amici. Nel 1833 la sua salute aveva cominciato a peggiorare. Ha subito un grave attacco di influenza e non si è mai ripreso completamente. Il 26 luglio 1833 apprese e si rallegrò della notizia che il disegno di legge per l'abolizione della schiavitù aveva finalmente approvato la sua terza lettura ai Comuni. Il giorno successivo si indebolì molto e morì presto la mattina del 29 luglio. Un mese dopo, il Parlamento approvò lo Slavery Abolition Act che dava la libertà a tutti gli schiavi nell'impero britannico. William Wilberforce fu sepolto nell'Abbazia di Westminster il 3 agosto 1833. Al funerale parteciparono molti membri di entrambe le Camere del Parlamento, così come molti membri del pubblico. I portatori del drappo includevano il Lord Cancelliere e il Duca di Gloucester. A Hull, £ 1.250 sono state raccolte da una sottoscrizione pubblica per finanziare l'erezione di un monumento a Wilberforce. La fondazione del Wilberforce Monument fu posta il 1 ° agosto 1834 in (quella che divenne) Victoria Square. La colonna dorica greca di 102 piedi (31 metri), sormontata da una statua di Wilberforce, fu spostata nel suo attuale sito sull'asse dei Queen's Gardens nel 1935. [7] La Colonna è ora utilizzata come logo dall'Hull College, nel cui campus si trova il monumento. Una statua in memoria di Wilberforce fu eretta nell'Abbazia di Westminster nel 1840, recante l'epitaffio: "Alla memoria di William Wilberforce (nato a Hull, il 24 agosto 1759, morto a Londra, il 29 luglio 1833); per quasi mezzo secolo a membro della Camera dei Comuni e, per sei parlamenti in quel periodo, uno dei due rappresentanti per lo Yorkshire. In un'epoca e in un paese fertili di uomini grandi e buoni, fu tra i primi di quelli che fissarono il carattere dei loro tempi ; perché a talenti alti e vari, alla calda benevolenza e al candore universale, aggiungeva la costante eloquenza di una vita cristiana.Eminente com'era in ogni dipartimento del lavoro pubblico, e guida in ogni opera di carità, sia per alleviare i desideri temporali o spirituali dei suoi simili, il suo nome sarà sempre identificato in modo speciale con quegli sforzi che, per benedizione di Dio, rimossero dall'Inghilterra la colpa della tratta degli schiavi africani e prepararono la strada per l'abolizione di sl ogni cosa in ogni colonia dell'impero: per perseguire questi oggetti si affidava, non invano, a Dio; ma nel progresso fu chiamato a sopportare grande obloquia e grande opposizione: sopravvisse, però, a ogni inimicizia; e la sera dei suoi giorni si ritirò dalla vita pubblica e dall'osservazione pubblica in seno alla sua famiglia. Eppure morì non inosservato o dimenticato dal suo paese: i Pari e Comuni d'Inghilterra, con il Lord Cancelliere e il Presidente alla loro testa, in solenne processione dalle rispettive case, lo portarono al suo posto appropriato tra i potenti morti intorno, qui riposare: finché, per i meriti di Gesù Cristo, il suo unico redentore e salvatore, (che, nella sua vita e nei suoi scritti aveva desiderato glorificare,) risorgerà nella risurrezione dei giusti ". A partire dal Wikipedia l'enciclopedia online.