Apparecchiare la tavola

La signora Bennet era stata fortemente propensa a chiedere loro di restare a cenare lì quel giorno; ma, sebbene tenesse sempre una tavola molto buona, non pensava che niente di meno di due portate potesse essere abbastanza buono per un uomo su cui aveva progetti così ansiosi, o soddisfare l'appetito e l'orgoglio di chi ne aveva diecimila all'anno. -Orgoglio e pregiudizio
La maggior parte dei libri di cucina del periodo offriva idee di menu suggerite per riunioni diverse e persino diversi mesi dell'anno, in base a ciò che sarebbe stato stagionale e fresco in quel momento. Alcuni libri di cucina contenevano persino le impostazioni della tavola suggerite, come questa, dando a hostess e governanti un'idea di come adattare così tanti piatti su un tavolo. Un "togli" indicava proprio che: dopo essere stato servito, il piatto doveva essere rimosso e sostituito da un altro durante la stessa portata. Una cena in famiglia potrebbe consistere in un unico piatto con meno piatti tra cui scegliere. Naturalmente, sarebbe difficile assaggiare ogni piatto sulla tavola. In caso di cena, un gentiluomo aiuterebbe se stesso e il suo compagno di pranzo a qualsiasi piatto gli fosse messo davanti. Se qualcosa fosse particolarmente desiderato da una parte diversa del tavolo, un cameriere sarebbe stato inviato a recuperare il piatto. Naturalmente, questo aveva il potenziale per creare molto rumore e confusione durante la cena! Nel suo libro, Un nuovo sistema di cucina domestica, Maria Rundell suggerisce che,
"Le verdure vengono messe sul tavolino durante le grandi cene, come anche le salse, e la servitù le porta in giro: ma alcuni inconvenienti sono presenti in questo piano; e, quando non ci sono molti ad aspettare, il ritardo è causato, oltre che dall'imbarazzo dei vestiti di l'azienda potrebbe essere viziata. Se la tavola è di dimensioni adeguate, gli articoli a cui si allude non la riempiranno troppo ".
È sicuramente qualcosa da tenere a mente quando pianifichi le tue cene! Per eliminare un aspetto del rumore e della confusione, c'erano regole di protocollo da seguire quando si conversava a tavola. Durante il primo corso, la conversazione fluirà alla sinistra delle hostess (la sede d'onore). Una volta preparata la seconda portata, la padrona di casa si rivolgeva all'ospite alla sua destra, "ribaltando la tavola" e consentendo conversazioni ininterrotte senza che nessuno si sentisse isolato o escluso. Come prevedibile, durante le funzioni familiari private prevalevano modi molto più informali.
Adattato da Cucinare con Jane Austen e gli amici, di Laura Boyle. Acquista online presso il nostro Negozio di articoli da regalo Jane Austen dove troverai anche la nostra deliziosa collezione Pemberley Tè del pomeriggio selezione.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati