La prima scarpa del bambino

Nell'Ottocento i libri "How To" femminili erano piuttosto popolari. Alcuni sostenevano istruzioni per cucinare, altri, in questo modo La guida dell'operaia, contenente istruzioni per gli inesperti su come ritagliare e completare quegli articoli di abbigliamento che di solito sono fatti in casa, ricamo e ricamo dettagliati. Molti erano, come questo, scritti semplicemente "da una Signora", ma tutti erano tesori preziosi di informazioni per le giovani donne che li studiavano attentamente. Le istruzioni che si trovano qui, per le minuscole scarpette da bambino Regency, provengono dalla seconda edizione del libro, stampata a Londra nel 1840. La prefazione della quale, inizia così "L'autore delle pagine seguenti è stato incoraggiato a sperare che, in ponendole, dopo molte riflessioni, nelle mani di un tipografo, offre un servizio importante e accettabile, per quanto umile, alle persone del suo stesso sesso, che, in qualsiasi condizione della vita, sono impegnate, per dovere o inclinazione, in tagliandosi di vestirsi in famiglia o per i vicini più poveri. Si fida, in particolare, che le mogli dei sacerdoti, le giovani donne sposate, le maestre di scuola e le cameriere possano trovare, nella "Guida delle lavoratrici", un metodo veloce e utile amico. I modelli, che comprendono tutte le parti necessarie dell'abbigliamento in grande varietà, per soddisfare sia i ricchi che i poveri, sono stati collezionati da alcuni anni e sono indicati come la forma e le dimensioni più generalmente approvate nell'uso attuale. L'economia e la pulizia dell'apparenza sono state ugualmente consultate nella loro scelta e tutte sono state provate con successo. Nella scelta e nella disposizione del guardaroba del neonato, il comfort di chi lo indossa e la facilità di vestirsi, sono stati accuratamente studiati. Interessata dai sentimenti di una Madre in questa sezione del suo libro, l'Autrice ci ha lavorato con particolare zelo e assiduità, e la sottopone con particolare fiducia ".

Nota, in queste istruzioni, un "chiodo" è uguale a 2 1/4 "- senza dubbio la lunghezza del chiodo acutale utilizzato nel processo di misurazione. Lo schema segue, dopo le istruzioni.

Le prime scarpe del bambino

Tavola 20. Fig. 51, 52, 53, 54. Questi sembrano fatti molto bene di stoffa cremisi, con suole di stoffa nera, oppure possono essere di seta o raso, trapuntati. La scarpa è in due parti, ciascuna delle quali è foderata di flanella, e legata con un nastro cremisi, che è cucito molto ordinatamente; tra il panno e la flanella della suola, è posto uno di cuoio flessibile, per dargli un po 'di fermezza. La parte anteriore, Fig.51, viene prima cucita sulla suola (vedi Fig.54), dopodiché, la parte posteriore, Fig.52, viene indossata, ed essendo tagliata in modo da sovrapporsi alla parte anteriore, i fori di oylet sono realizzato in A, Fig. 54, e in E, Fig. 52, attraverso il quale è passato un nastro, che serve contemporaneamente per legare la scarpa, e per tenerne insieme la parte anteriore e quella posteriore; i lati non vengono affatto cuciti.

Le seconde scarpe del bambino

Tavola 20. Fig. 47. Questo è fatto di morbido vellutino, jeans forte o stoffa spessa, foderata di calicò fine. È tagliato tutto in un unico pezzo, come segue: - lascia che la carta per il disegno sia lunga due chiodi e mezzo e uno profondo. Posare B A, che è la parte piegata, su un doppio pezzo di materiale. Taglio da F a G, pendenza da G a E, curva da E ad A, giro da C a B, taglio da B ad A. Questa scarpa deve essere legata con un nastro; sembra piuttosto grigio o grigio e bordato di blu o rosa. Si mette un fiocchetto davanti e si cuciono delle corde alle estremità delle cinghie, o si fanno passare attraverso i fori di oylet praticati in esse, per legare intorno alla lancetta e mantenere così la scarpa al suo posto.

Baby's ticking shoe

PIASTRA 20. Fig. 50. Questo è anche in un unico pezzo, e crea una bella varietà, viene tagliato in base alla scala data in precedenza, e bisogna fare attenzione nel taglio per posizionare il ticchettio sul modello, in modo che le strisce giacciono correttamente, cioè direttamente dal centro o dalla parte anteriore della scarpa, alla dita dei piedi. Il ticchettio viene quindi ornato essendo lavorato negli intervalli tra le strisce scure, sia in osso di aringa, sia in qualche altro punto fantasia, in seta reticolata colorata, in un colore, o in due contrasti ben scelti, come blu e marrone, cremisi e verde scuro. Viene quindi foderato per tutto il tempo, legato con nastro per adattarsi al lavoro, e cucito dietro. La suola è in pelle spessa ma flessibile, foderata e rilegata. I fori di oylet sono fatti su ciascun lato della fessura nella parte anteriore, attraverso la quale viene allacciato un nastro, per legarlo e un arco messo sulla parte superiore della fessura, lo completa.

Questa scansione di scarpe "Plate 20" l'immensa scala di questo libro:

  Ecco un primo passo dei modelli rilevanti:
La guida dell'operatrice, contenente istruzioni ... nel tagliare e completare quegli articoli di abbigliamento, & c. che di solito sono fatti a casa ... Da una Signora [cioè Maria Wilson?]; Londra: Simpkin, Marshall, & Co.; Birmingham: Thomas Evans, 1840.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati