I lettori reali di Jane Austen

Una breve esplorazione del livello di popolarità di Jane Austen presso diversi membri della famiglia reale.

Jane è arrivata a Winchester dal suo cottage nell'Hampshire a Chawton, accompagnata dalla sua amata sorella Cassandra, per cercare aiuto medico a causa della sua salute cagionevole. Jane aveva già cominciato a ammalarsi nel 1816, eppure continuò a scrivere, iniziando il suo nuovo romanzo I fratelli successivamente pubblicato come Sanditon, nel gennaio 1817 che - commovente - sarebbe rimasta incompiuta. Alla sua morte, Jane fu sepolta nella cattedrale di Winchester, anche se la sua lapide originale non fa alcun riferimento esplicito al fatto che scrisse.

Anche se questo potrebbe inizialmente sorprendere, è importante ricordare che le opere pubblicate da Jane durante la sua vita sono apparse in modo anonimo, cosa che l'iscrizione sulla lapide continua a supportare. Tuttavia, è degno di nota il fatto che un terzo memoriale nella cattedrale di Winchester - una finestra di vetro colorato eretta in sua memoria nel 1900 - sia stata pagata con abbonamento pubblico, qualcosa che da solo parla di come il suo riconoscimento letterario fosse cresciuto dalla sua morte. Il fatto che le opere di Jane siano state apprezzate durante la sua vita, tuttavia, significava che i suoi lettori ammiravano la scrittura non identificata di "l'autore di Sense and Sensibility"- come appariva elencata nei tre volumi di"Orgoglio e pregiudizio,"" Sense and Sensibility "che elenca il lavoro come scritto semplicemente"Da una signora.Anche Jane non era stata senza i suoi lettori reali. Con la pubblicazione di Emma, il principe reggente, poi re Giorgio IV - che ammirava il lavoro di Jane Austen - ricevette la sua copia, inviata dall'editore John Murray. L'unica figlia (legittima) del principe reggente, la principessa Charlotte, morì in seguito al parto a Claremont nel 1817, lo stesso anno della morte di Jane.

Interno della grande scalinata di Carlton House | Carlton House, Grand Scale, Jane Austen

 

Il bibliotecario del principe reggente James Stanier Clarke, invitò Jane a visitare la biblioteca nella sontuosa residenza del principe di Carlton House, cosa che fece il 13 novembre 1815. Sembra che sia stato accennato come parte di questa visita che il principe reggente le abbia augurato nuovo libro, Emma di essere personalmente dedicato a lui, qualcosa che - pur essendo personalmente antipatico al principe reggente - Jane difficilmente poteva ignorare e che era più o meno, dopotutto, un comando reale tramite richiesta, essendo lei“Libero di dedicare al Principe qualsiasi lavoro futuro.Il principe reggente ricevette debitamente la sua copia in tre volumi, e quella che gli fu inviata oggi è sopravvissuta nella Biblioteca Reale di Windsor. Jane ha dedicato con tatto il lavoro al principe reggente con il suo permesso e l'ha firmato rispettosamente come "L'AUTORE."I suggerimenti di Clarke sulla prerogativa autoriale di Jane hanno trovato espressione più tardi nel suo manoscritto, Piano di un romanzo, secondo Hints from Various Quarters, che è rimasta inedita durante la sua vita. Chiaramente, i doni indiscutibili di Jane erano riconosciuti e molto apprezzati dal principe reggente, che aveva assunto Clarke non solo come suo bibliotecario ma anche come suo cappellano domestico. Il primo acquisto reale di un romanzo di Jane Austen nella Royal Collection è stato scoperto per caso durante il programma di ricerca per il progetto Georgian Papers nel 2018. Come parte di questo progetto, il ricercatore Nicholas Foretek dell'Università della Pennsylvania ha trovato registrato nel Royal Archives, il primo acquisto documentato di un romanzo di Jane Austen, qualcosa di sconosciuto agli studi accademici di Austen fino al 2018 e quindi una scoperta di notevole importanza. Ho attinto alla relazione di Foretek sulle sue scoperte. Le prove documentali lo suggeriscono Senso e sensibilità fu acquistato dal principe reggente, circa due giorni prima che il romanzo inaugurale di Jane fosse annunciato pubblicamente per la prima volta nel La stella. Il principe acquistò questa copia per 15 scellini il 28 ottobre 1811, l'anno del Regency Bill. L'acquisto di Sense and Sensibility avviene prima in questa pagina del libro mastro per le librerie del principe Becket & Porter di Pall Mall, intitolato e sottolineato: "Libri ».

I documenti georgiani mostrano che il principe reggente ne acquistò due copie Orgoglio e pregiudizio nel 1813, dopo di che il suo libraio era cambiato in Budd & Calkins alla scomparsa di Becket di Pall Mall. Ha inoltre acquistato un'ulteriore copia di Senso e sensibilità, acquisto Mansfield Park nel 1814 e L'abbazia di Northanger nel 1819, che ordinò di essere rilegato. Orgoglio e pregiudizio era anche rilegato per lui in pelle di vitello al prezzo di 13s. 6d "con bordi dorati", Mentre le pagine di Senso e sensibilità sono stati dorati per 3 secondi. 6d. Forse c'è qualcosa di commovente in questo dettaglio per il principe reggente e il re il cui gusto desiderava il meraviglioso, oltre a una prova sicura di quanto apprezzava ciò che possedeva. In questo caso, è giusto che Jane sia stata invitata a Carlton House, l'opulenta dimora del principe reggente che avrebbe fatto dorare le sue opere. Secondo i suggerimenti fatti nel Memorie di Jane Austen (1869) di James Edward Austen-Leigh, l'alta stima del principe reggente per il lavoro di Jane lo portò a conservare copie delle sue opere pubblicate in ciascuna delle sue residenze. Il principe reggente - in seguito Giorgio IV - morì nel 1830. Sua nipote, la principessa e in seguito la regina Vittoria, nacque due anni dopo la morte di Jane Austen nel 1819. Come regina, Victoria apprezzò particolarmente Orgoglio e pregiudizio. Il principe Alberto le lesse ad alta voce da Orgoglio e pregiudizio. Lo sappiamo perché lo registrò nel suo diario nel 1853, quando la famiglia reale era a Osborne. Di nuovo a Osborne, lesse L'abbazia di Northanger ad alta voce a lei nell'estate del 1857. Curiosamente, si riferisce alla regina Vittoria "Miss Austin" [sic] nel suo diario, sebbene queste siano certamente voci nei diari modificati dalla regina, copiati da sua figlia, la principessa Beatrice.

 

 

Diverse edizioni delle opere di Jane sono oggi conservate nella Royal Collection, tra cui una serie dei suoi romanzi e una raccolta modificata delle sue lettere a sua sorella Cassandra. C'è anche, tra questi libri, una serie di quattro volumi L'abbazia di Northanger e Persuasione. Giorgio V e la regina Mary visitarono la cattedrale di Winchester il giorno di San Swithun nel 1912, per un servizio di ringraziamento; Jane Austen le scrisse una poesia dal suo letto di ammalato per il giorno di San Swithun nel 1817, appena tre giorni prima di morire. George VI e la regina Elisabetta visitarono Winchester nel 1939 e furono consegnate con le chiavi della città alla Guildhall. Tornarono nel 1945. La regina Elisabetta II visitò Winchester nel 1955 per l'800 ° anniversario dello statuto della città. La regina è stata accolta nel cortile del Winchester College dai ragazzi del college e scortata dal maestro della scuola. Seguì un tradizionale saluto in latino, al termine del quale la regina ha consegnato le medaglie agli alunni eccezionali della scuola. La regina ha detto durante la sua visita: "Dobbiamo stare attenti che il nuovo non oscuri il vecchio. Che in tempi di cambiamento, tradizioni che sono state testate da una lunga esperienza, non dovrebbero essere scartate."Il Winchester College si trova adiacente alla casa in College Street dove Jane Austen morì nel 1817. Una celebrazione si è tenuta nella Guildhall di Winchester per celebrare il 90 ° compleanno della Regina - intitolata"Questo trono reale; Una celebrazione per celebrare il 90 ° compleanno di H.M The Queen"- era incentrato sulle parole per descrivere la storia della Corona, attraverso le parole degli stessi monarchi inglesi (e britannici) ma anche, attraverso le parole degli scrittori inglesi fino ai giorni nostri - da William Shakespeare a William Makepeace Thackeray e da Horace Walpole a - Jane Austen. © Elizabeth Jane Timms, 2019.

 

Elizabeth Jane Timms è una storica e scrittrice reale, nonché consulente storica e studiosa indipendente. Scrive per riviste accademiche, riviste e newsletter oltre che per il web. Ha contribuito alla rivista Regency World di Jane Austen (2013-2017).

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati