Il diario di Eveline Helm, parte terza - Beau Nash

Caro lettore, Spero che questo diario del mio tempo a Bath si riveli utile. Leggendolo, vi siate risparmiati i numerosi passi falsi e gli imbarazzi che io non ero. Sento veramente che se questo lavoro dovesse impedire anche a un'altra giovane donna di essere deriso in pubblico nelle Sale delle Assemblee di Bath, allora ne sarebbe valsa la pena. Umilmente tuo, Eveline Helm. 1

Giugno 1797

Non era particolarmente tardi quando ieri sera mi sono girato per andare a letto dopo la cena sorprendentemente deliziosa che la signora Drewit ha trovato per noi, quella di bistecca e torta di rognone, che ha acquistato da una delle locande più salubri della città. Ad essere sincero, ero stato grato che la signora Drewit ci avesse trovato qualcosa, e non mi aspettavo affatto di godermi quello che è risultato essere. Mi sarei sentito fortunato ad essere stato servito con una torta umile, le mie speranze erano così basse in relazione alle probabilità del suo successo. Mi sono quindi assicurato di ringraziare di cuore la signora Drewit per i suoi sforzi e per aver fornito un pasto così eccellente, ma non passò molto tempo, appena mezz'ora dopo, quando eravamo riuniti intorno al fuoco nella stanza di ritiro, prima che sentissi le mie palpebre iniziare a abbassarsi. Il viaggio aveva preso il suo pedaggio e sentivo che dovevo davvero dare la buonanotte a mia zia e zio, anche se erano solo le nove e mezza di sera (e di solito sarebbe stato troppo presto, mi informò mia zia, per ritirarmi letto quando in città). Quando in città, certamente a Londra, non è raro essere ancora svegli nelle ore dopo la mezzanotte. Anche in una città così dedita alla salute e al benessere, come Bath lo è sicuramente, addormentarsi prima delle undici e mezza è insolito. In quelli con meno occhio al riposo e al relax, le persone potrebbero essere sveglie molto più a lungo. Ad esempio, ho sentito che a Londra i balli di Almacks possono durare fino a tarda notte, mentre a Bath è assolutamente vietato continuare oltre le undici. Tuttavia, dato che quel giorno avevamo fatto un viaggio così lungo, mia zia ha convenuto che forse avremmo dovuto cogliere l'occasione per passare la notte presto; prima che tutta la vera eccitazione iniziasse il giorno successivo. 4 La mattina seguente ci siamo alzati più tardi di quanto avevamo programmato e dopo una colazione a base di carni dolci e di panini Sally Lunn (che la signora Drewit era stata appositamente per andare a prendere quella mattina prima) siamo usciti nelle strade illuminate dal sole per dirigerci verso il Sale pompe. "La prima cosa che devi fare quando sei in città", disse mio zio mentre iniziavamo la nostra piacevole passeggiata lungo la collina in leggera pendenza di Milsom Street, "è annunciare che sei qui". (Conoscevo già lo scopo della nostra gita, quindi mi chiedo se non lo stesse dicendo in parte per ricordare a mia zia la nostra attuale ricerca, poiché i suoi occhi erano attratti sia a destra che a sinistra di noi dall'invitante merceria negozi che stavamo passando.) "Sì, zio", dissi in modo tale da invitarlo a continuare la sua spiegazione - non aveva spiegato a colazione come le Pump Rooms potessero essere coinvolte in questo compito. Sorrise quando mia zia distolse gli occhi dal segno di "Fotheringale" e si sedette su di lui. "Sì, Eveline. Ora mia cara, ti ricordi che ieri sera ti ho parlato di un signore chiamato Beau Nash a cena? " "Sì, zio." Me lo ricordavo bene. Prima che fossi sopraffatto dalla stanchezza, mia zia e mio zio erano entrati nei dettagli riguardo a Beau Nash. "Tutto a Bath è come è, almeno in parte, grazie alle indicazioni del signor Nash", spiegò mio zio. “È lui che ha stabilito molte delle passeggiate a Bath che puoi fare per fare esercizio, lui che ha stabilito il codice di condotta qui e lui che ha supervisionato la costruzione delle più nuove sale riunioni. Deve essere il più grande maestro di cerimonie che Bath abbia mai visto ". "Sì," aveva detto mia zia. "Tanto che il titolo di 'Re di Bath' senza corona è suo." "Questo è certamente un grande onore", avevo acconsentito. "È molto amato a Bath. Sebbene possa essere piuttosto severo; perché è lui che è responsabile di tutte le leggi sociali relative alla condotta all'interno di Bath. È lui che ha rimproverato la duchessa di Queensberry per aver indossato un grembiule all'assemblea, ed è stato lui a dichiarare che tutti i balli dovevano finire prontamente entro le undici. "" Sì ", aggiunse mia zia. "Ha persino rifiutato di infrangere questa regola quando una volta la principessa Amelia ha chiesto che le danze continuassero più a lungo." "Questo è un uomo coraggioso per essere sicuro", ho detto. "E dimmi," aveva detto mio zio, sorridendo nel modo dolcemente divertito che ha. "Come immagina che sia un simile pilastro di Bath?" "Bene," esitai. “Molto ben riuscito. Forse alto, con lineamenti forti e un'aria aristocratica? " Mia zia sorrise. "Questa è una delle cose curiose del signor Nash", ha detto. “Non è nessuna di quelle cose. Certamente non un aristocratico: lasciò Oxford e non completò mai i suoi studi altrove, e suo padre era un vetraio di Swansea. È a tutti gli effetti un self-made man. " Mio zio annuì d'accordo. “Anche se è anche un appassionato giocatore d'azzardo. Tuttavia questo significa che il gioco d'azzardo a Bath è regolamentato e mantenuto equo e corretto con pochi giocatori nel mix. Ma per quanto riguarda l'aspetto esteriore, è un uomo molto mediocre; altezza media, corporatura media, completamento scuro e il suo viso ha, come ha detto il signor Goldsmith, lineamenti particolarmente irregolari. La sua principale caratteristica distintiva per chi non lo conosce già è solo il cappello bianco che indossa spesso. Richiede una buona dose di rispetto. " "Lo incontreremo presto?" Avevo chiesto, ansioso di vederlo di persona. Mia zia sembrava pronta a rispondere, ma mio zio ha parlato troppo velocemente per lei. “Nei suoi primi giorni a Bath sarebbe venuto a trovarci qui e ad accoglierci ufficialmente in città, come fa con tutti i visitatori di spicco di Bath. Adesso però non è ... in grado di farlo. Dobbiamo andare alle Pump Rooms per farci conoscere. " Ho guardato mia zia per vedere se avrebbe continuato con quello che stava per dire, ma non lo fece. Ero andato a letto in attesa di vederlo il giorno dopo. dopo William Hoare, olio su tela, (circa 1761) Mentre continuavamo il resto della breve passeggiata verso le Pump Rooms, ero ancora molto entusiasta di vedere il grande uomo che avrebbe annunciato la nostra presenza a Bath, sia tramite il suo riconoscimento che attraverso i giornali. Entrammo nelle Pump Rooms, che consistevano in una grande galleria a doppia altezza, lunga. A intervalli su ogni lato della stanza c'erano molte finestre a tutta altezza che lasciavano entrare la luce del sole di metà mattina. Le stanze erano occupate principalmente da signore e signori che camminavano a braccetto, passeggiavano e parlavano e osservavano le altre persone che stavano facendo lo stesso. È stato molto grandioso ed ero fuori di me dall'entusiasmo di unirmi a loro. Gettai rapidamente lo sguardo tra la folla alla ricerca di un semplice gentiluomo con un cappello bianco e bei vestiti che potesse essere Beau Nash, ma non vidi nemmeno un cappello bianco. Né vidi alcun gentiluomo che tutti i presenti stavano trattando con un senso di fantasticheria, come ci si potrebbe aspettare che circondasse Mr Nash, con o senza il suo cappello bianco. "Da questa parte", disse mio zio, prendendo mia zia sul suo braccio sinistro e io sulla sua destra. Ci condusse dove un gentiluomo con un ricco cappotto di velluto stava sorvegliando la stanza. "Buongiorno signore. Signora, signora », azzardò il gentiluomo, inchinandosi leggermente a me e mia zia. Lo guardai e vidi subito che era molto alto e troppo giovane per essere il signor Nash. Ero confuso. "Buongiorno", rispose mio zio. "Vorrei firmare il libretto dell'abbonamento, se posso." "Certo, signore", disse il gentiluomo. Si è inchinato ancora una volta e ha portato via mio zio. "Non capisco", avevo detto rivolgendomi a mia zia. “Dov'è il signor Nash? Non dobbiamo incontrare il signor Nash? " Due gentiluomini che ci stavano sorpassando nel momento in cui ho parlato hanno riso, ma vedendomi trasalire al loro rumore improvviso, quello più vicino a me ha inclinato la testa in una forma di scusa, nonostante non mi fosse stato presentato. Quello più lontano arrivò solo al punto di smettere di ridere apertamente e di sminuire la sua allegria in un ampio sorriso. "Oh Eveline," sospirò mia zia, sorridendo lei stessa. «Pensavo che il signor Denison ti avrebbe illuminato sulla sua piccola battuta prima di partire questa mattina. Dovrò rimproverarlo per non averlo fatto. Il signor Nash, sebbene sia ancora la chiave di volta di Bath nello spirito, è morto quasi trent'anni fa. " "Pensavo fossimo qui per annunciare la nostra venuta a Bath?" “Siamo mia cara; attraverso il libro di abbonamento. Il signor Denison è andato a pagare e firmarlo per noi adesso. Così facendo avremo il diritto di visitare i caffè, leggere i giornali, ricevere i biglietti per assistere ai balli e ai concerti, e la nostra presenza verrà annunciata sui giornali stessi. Oh mio caro, mi dispiace che tu non lo sapessi. Non volevo che il piccolo scherzo del signor Denison andasse avanti così a lungo. " A questo punto ero, naturalmente, cremisi, completamente imbarazzato che qualcuno avesse notato la mia ignoranza di un fatto così consolidato e noto. Prego solo di non imbattermi mai in quei gentiluomini che hanno sentito la mia stupidità in uno dei balli a cui siamo finalmente autorizzati a partecipare ... 2
webJenni Waugh HeadshotIl diario del tempo di Eveline Helm a Bath si è fatto strada online grazie a Jenni Waugh, una delle nostre guide turistiche al Jane Austen Centre. Scrive: "Non ho potuto resistere alla condivisione delle imprese di Eveline. Spero che tutti gli altri le trovino interessanti e divertenti come me!"

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati