Illustrando Jane Austen: The Artist's Challenge

"Questi sono fatti da [Elinor]", ha detto; "e tu, come uomo di gusto, oserei dire, ne sarai contento. Non so se ti è mai capitato di vedere una delle sue esibizioni prima, ma in generale si ritiene che disegni estremamente bene." -Senso e sensibilità

Diversi anni fa, Cassandra Chouinard ha lavorato con il Jane Austen Center, per illustrare la nostra novella su commissione, Ci deve essere un omicidio, di Margaret C. Sullivan. Le sue affascinanti illustrazioni hanno dato vita ai personaggi di Jane Austen (e della signora Sullivan) e siamo stati felicissimi quando abbiamo saputo che aveva illustrato di nuovo un romanzo di Austen - questa volta, Senso e sensibilità, per l'editore online, Girlebooks. Qui ci racconta le sfide che ha dovuto affrontare mentre ha dato vita a questo romanzo.

 

Cassi, parlaci del tuo background artistico.

Devo aver iniziato a disegnare una volta che ho sviluppato la destrezza manuale richiesta per tenere in mano un pastello invece di mangiarlo perché non ricordo un momento in cui non stavo disegnando. Dopo molti anni d'infanzia di scarabocchi spaventosamente rozzi e privi di senso, ho pensato di diventare un artista (e non una cowgirl). Al liceo ho praticato la pittura ad olio con la guida della mia insegnante d'arte, Daphne Dain, e poi ho esplorato altri media mentre non completavo una laurea in Belle Arti. Principalmente ho disegnato un sacco di cartoni animati, ritratti e animali.

Parlaci del tuo background con il disegno di scene relative a Jane Austen. Quando hai letto per la prima volta Jane Austen? Quando hai iniziato a disegnare per la prima volta opere d'arte ispirate ad Austen? Disegna mai per divertimento opere ispirate a Jane Austen?

Disegnavo MOLTI soggetti d'epoca, in particolare vestiti, ma non solo Regency. Ho attraversato una profonda ossessione medievale / rinascimentale nei miei primi anni dell'adolescenza, e poi mi sono immerso nell'era vittoriana e ho toccato l'era della reggenza, e poi ho scarabocchiato più di quest'ultima mentre serpeggiava attraverso il 17th e 18th secoli per diversi anni. Ho anche cucito e realizzato alcuni costumi; Ho ancora un vestito impero giallo che avevo fatto.

Più o meno in questo periodo stavo disegnando una piccola serie di ritratti di personaggi famosi, inclusa Jane Austen ... Credo di avere diciannove o vent'anni quando l'ho disegnata per la prima volta. Avevo letto i suoi libri per la prima volta alcuni anni prima, mentre ero al liceo; sfortunatamente non ricordo quale romanzo ho letto per primo, né se era una lettura obbligatoria o solo qualcosa che avevo preso a caso, ma mi è piaciuto e ho sfogliato alcuni altri romanzi della Austen, tra cui Senso e sensibilità. Da adolescente sono stato un lettore particolarmente veloce e spensierato, principalmente perché dovevo sapere al più presto se l'eroina avesse il suo ragazzo. E, a dire il vero, ricordo di aver pensato allora che Marianne era così straordinaria e non c'era molto di sbagliato in Willoughby tranne che era un po 'insipido e sdolcinato - immagino di aver completamente saltato la parte su Eliza! In realtà, allora ho trovato l'intero libro un po 'insipido: il mio preferito era P&P anche prima che uscisse la mini serie con Colin Firth. Adoravo i dialoghi di Austen, ma quelle povere ragazze di Dashwood aspettavano molto.

Tuttavia, molto dell'umorismo è stato perso su di me allora ed è stato molto interessante notarlo finalmente mentre rileggevo il romanzo mille anni dopo. Era come un libro completamente diverso! All'inizio non avevo nemmeno preso in considerazione l'orrore di stare seduto per ore in una stanza cercando di conversare giorno dopo giorno con le stesse persone sgradevoli.

Cosa ti piace e cosa non ti piace di Sense and Sensibility?

Mi piace l'arguzia e non mi piace la relativa scarsità di azioni temerarie, ma solo perché a volte trovavo difficile trovare cose eccitanti da illustrare. C'è molto da fare in quel libro, molte correnti sotterranee di dramma e satira.

Come hai deciso quali scene di Sense and Sensibility illustrare? C'è qualcosa nel romanzo che lo renda più facile o più difficile da illustrare?

Per espandere la risposta precedente: ci sono grandi sottigliezze da osservare tra le persone che conversano, ma avrei potuto trasmetterlo meglio. Ho pensato a come le mie illustrazioni avrebbero potuto essere migliorate e ho deciso che sarebbero stati appropriati più primi piani. Ho disegnato ciò che mi interessava. Ero un codardo, però, perché c'erano alcuni disegni che volevo disegnare ma non riuscivo a farcela per qualsiasi motivo. O non riuscivo a immaginarli, o ho lottato con la composizione e ho perso, oppure ho sentito che non potevo abbinare il tono del libro. E, alla fine, ero semplicemente pigro. Avrebbe dovuto esserci un'illustrazione d'addio di Elinor ed Edward. Questo è quello grande che è riuscito a scappare.

I miei obiettivi principali erano ritrarre il confinamento della società giustapposto all'ampiezza delle passeggiate all'aperto di cui Marianne ha goduto, e rappresentare il declino dell'aspetto di Marianne. Per qualche ragione, questo mi ha affascinato. Elinor in molti casi è la vera eroina del libro, ma è Marianne a cambiare in modo più visibile. Anche se, a pensarci bene, se avessi disegnato ritratti più dettagliati, avrei potuto raffigurare Elinor che diventava leggermente più ansiosa. Sarebbe stato fantastico e mi dispiace di non averci pensato in quel momento. In ogni caso, ho tratto grande gioia dall'estendere le caratterizzazioni più taglienti di Jane: la più vecchia Miss Steele = insulsa, Lucy Steele = astuzia da roditore, Robert Ferrars = ridicola e così via.

Cosa ti ha ispirato visivamente per le illustrazioni? Ad esempio, avevi in ​​mente un adattamento cinematografico o un attore in particolare?

Era passato un po 'di tempo dall'ultima volta che avevo visto l'adattamento cinematografico di Emma Thompson e ho deciso di starne lontano, così come le illustrazioni precedenti, per quanto possibile, al fine di contrastare le mie tendenze spugnose quasi plagio. Tendo a ricordare le cose che ho visto e poi dimentico di averle viste e di non averle immaginate. Questo può essere molto imbarazzante. Invece, ho cercato di raccogliere il più possibile dal libro stesso e incubare di conseguenza la mia visione di ogni personaggio. Certo, non ho dubbi che alcuni dei volti nel libro provenissero da persone anonime che avevo visto in pubblico. Cerco di non fissare gli estranei, ma succede e quindi ho investito in degli occhiali da sole a specchio. Forse un giorno di molti anni fa, ero su un autobus o in metropolitana o dovunque a guardare una donna anziana con la faccia contratta che si accigliava un bambino rumoroso, e ora è la signora Ferrars.

Il tuo "ritratto" di Jane Austen è sorprendente. Qual è stato il tuo processo mentale dietro il ritratto?

Penso che il ritratto di sua sorella fornisca molte informazioni sorprendentemente. Non è il lavoro più raffinato, ma mi sembra una raccolta di anni trascorsi con Jane, migliaia e migliaia di conversazioni e momenti condivisi rotolati su un pezzo di carta. Mi sono seduto a fissarlo per anni, poi l'ho lasciato rotolare nella mia mente per eoni, poi ho disegnato quello che è venuto fuori. Era piuttosto difficile e ho finito per dover fare un sacco di editing digitale per renderlo presentabile, anche se sento che parte dell'energia grezza è andata persa in questa fase.

Disegnavo molti ritratti: per un paio di estati, avevo una bancarella in un mercato all'aperto e disegnavo chiunque si sedesse e pagasse, così come molte persone che non lo facevano - e su centinaia (migliaia? ) di persone che ho disegnato, c'erano alcune persone che non riuscivo a disegnare. Il loro aspetto dipendeva più dal loro carattere e dalla loro animazione che dalla struttura ossea reale e, in alcuni casi, conoscevo troppo bene la persona per fare un passo indietro e vedere chiaramente il suo aspetto fisico. Il ritratto di Cassandra me lo ha ricordato. Immagino Jane Austen come questa donna minuscola dagli occhi acuti e dalle ossa sottili che a volte aveva un'espressione molto distinta (in particolare quando era divertita da qualcosa che pochi altri notavano), ma che per il resto era quasi indefinibile. A meno che tu non abbia scambiato uno sguardo con lei, ci vorrà molto tempo per notarla in un'assemblea.

 


Cassandra Chouinard è un'artista canadese che ha disegnato diverse cose che vanno dalle persone agli animali domestici agli organismi microscopici.  Le è piaciuto lavorare su diverse collaborazioni con Margaret C. Sullivan, più recentemente una nuova edizione di Senso e sensibilità.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati