Il reverendo Sidney Smith

"Mi sono seduto accanto a Sydney Smith, che era delizioso - non ricordo una festa più piacevole." ~ Benjamin DisraeliAlla fine del 1797, Jane Austen, sua sorella Cassandra e i loro genitori visitarono Bath. Avevano collegamenti lì; Il fratello della signora Austen e sua moglie, la Leigh Perrots, vivevano lì, e gli Austens avevano corteggiato e si erano sposati lì. Il 1797 fu l'anno del lutto di Cassandra, quando il suo fidanzato Tom Fowle morì di febbre gialla durante il servizio militare nelle Indie Occidentali, e forse la signora Austen pensò che il dolore di sua figlia sarebbe stato alleviato dall'allegria della località turistica. Nel 1797 Bath era ancora relativamente di moda e attirò una grande folla nei mesi invernali. Ma quel particolare inverno un gentiluomo era in città, un giovane sacerdote che fungeva da tutore per il figlio maggiore di una famiglia vicino a Salisbury. Si chiamava Sydney Smith, e sarebbe diventato uno degli ingegno più celebrati del suo tempo. "Disegnò una caricatura così ridicola che Sir James Mackintosh rotolò sul pavimento in una risata." ~ Lord John Russell sydney smithMa nell'inverno del 1797, Sydney Smith fu tutore di Michael Hicks Beach. La famiglia Hicks Beach era imparentato con i Bramstons della Oakley Hall nell'Hampshire, molto vicino a Steventon, e gli Austens conoscevano le spiagge di Hicks attraverso quel collegamento. E, come dice Irene Collins, "Anche senza tali informazioni, il Maestro di Cerimonie avrebbe considerato un sacerdote-tutore come la persona stessa da presentare alla figlia di un sacerdote se avessero coinciso in un'Assemblea nelle Stanze Inferiori" (163), più o meno nello stesso modo in cui il signor King presentò Henry Tilney a Catherine Morland, che era, come il suo creatore, la figlia di un sacerdote. Non c'è traccia che affermi che Sydney Smith e Jane Austen si siano mai incontrate, figuriamoci che avrebbero potuto ballare insieme in un'assemblea. Ma, come sottolinea David Cecil, Sydney Smith nel 1797 era "alta, piacevole e straordinariamente divertente in una vena di umorismo particolarmente sua". (79) Così come Henry Tilney. "Sydney a colazione mi ha fatto davvero piangere ridendo. Sono stato costretto ad avviare dal tavolo." ~ Thomas Moore Henry Tilney è forse uno dei personaggi più incompresi dell'opera di Austen; è stato chiamato effeto, sessista e crudele. La maggior parte di queste interpretazioni sembra provenire da lettori che prendono sul serio le sue osservazioni oltraggiose. Non sappiamo mai veramente cosa stia pensando Henry, anche se l'autrice ci lascia occasionalmente uno sguardo leggero nella sua mente; tuttavia, i suggerimenti sono in generale così piccoli e sottili che è facile per un lettore interpretare male il suo carattere. Questa può anche essere considerata una parte necessaria della trama, poiché Catherine è un giudice inesperto della natura umana e noi siamo lasciati all'oscuro insieme a lei. Tuttavia, se si accetta la possibilità che Jane Austen abbia incontrato e sia stata ispirata da Sydney Smith, un confronto tra i due può spiegare molto su Henry. Ad esempio, Sydney Smith "si dilettava nel dire sciocchezze su argomenti seri e nel produrre sequenze di immagini ridicole per dimostrare il suo punto di vista; il confronto di Henry Tilney tra la danza e il matrimonio era molto nella sua linea". (Collins 163) W.H. Auden è d'accordo, affermando che a Smith piaceva "creare immagini in quello che potremmo chiamare il ridicolo stile barocco". Naturalmente, Jane Austen ha sempre affermato di non basare i suoi personaggi su persone reali. Ma sono le minuzie quotidiane della vita a risvegliare la musa dello scrittore. L'evento più piccolo e insignificante può inviare la nostra immaginazione in un milione di direzioni. È impossibile credere che Jane Austen abbia incontrato un sacerdote giovane, alto, molto vicino al bel sacerdote, che ballassero insieme, che si sedessero a prendere il tè insieme? È divertente immaginare che "Sydney si è divertito a spese di zia Leigh Perrot come Henry Tilney fa a spese della signora Allen. Era noto per aver intrapreso tali conversazioni senza malizia premeditata e per essere stato in grado di portarle via senza causare offesa." (Collins 163) Ed è impossibile credere che questo incontro abbia ispirato Jane quando, durante l'anno successivo, creò Henry Tilney? È troppo una coincidenza? Forse. Ma il lavoro di Jane Austen è pieno di tali concidenze. La vita è piena di tali coincidenze. E la vita ispira l'arte. "L'unico spirito mai registrato, che il brillante successo sociale non aveva fatto nulla per rovinare o indurire". ~ Henry Fothergill Chorley Dalle mie letture su Sydney Smith, tuttavia, non somiglia molto alla versione idealizzata di Henry dei fan di Tilney. Auden scrisse che "Mentalmente, come tanti uomini divertenti, [Sydney] doveva lottare costantemente contro la malinconia: trovava difficile alzarsi la mattina, non sopportava le stanze scarsamente illuminate". (vii) Attributi degni di un eroe gotico, di un Heathcliff o di un Rochester, ma non del giocosamente allegro Henry Tilney. Naturalmente, uno o due incontri nelle affollate stanze pubbliche di Bath non avrebbero rivelato a Jane questi aspetti della personalità di Sydney. Se prendeva da Sydney per fare Henry, prendeva solo ciò che era meglio di lui. Lo studioso interessato può trovare anche altre ispirazioni letterarie per il Rev. Mr. Tilney. L'abbazia di Northanger è quasi una parodia punto a punto del romanzo di Ann Radcliffe I misteri di Udolpho; tuttavia, il nobile Valancourt, l'eroe di Udolpho, ha poco in comune con Henry. Sembra che Jane Austen fosse più presa da Henri de Villefort, il giovane gentiluomo spiritoso e affascinante la cui famiglia fa amicizia con l'eroina dopo essere fuggita dalle grinfie del malvagio Montoni. Considera la seguente offerta del giovane Henri, dal volume III, capitolo X di Udolpho: "'Mia cara Mademoiselle Bearn', disse Henri, incontrandola sulla porta del salotto, 'nessun fantasma di questi giorni sarebbe così feroce da imporvi il silenzio. I nostri fantasmi sono più civili che condannare una signora a un purgatorio persino più severo del loro, qualunque cosa sia. '"Confronta questo con l'osservazione di Henry Tilney dal volume I, capitolo XIV di L'abbazia di Northanger: "'Miss Morland, nessuno può pensare più alta della comprensione delle donne di me. A mio parere, la natura ha dato loro così tanto che non trovano mai necessario usare più della metà. Mi piace pensare che le somiglianze tra Henry ed Henri siano il modo furbo di Jane di modificare la signora Radcliffe, e di affermare che ha preso il personaggio maschile più interessante per il suo eroe, piuttosto che il weepy ed emotivo Valancourt. Jane è a verbale come disapprovazione per l'eccessiva sensibilità, e Valancourt fa sembrare Marianne Dashwood positivamente flemmatica. E da dove è venuto il nome Tilney, e Northanger Abbey stessa? Probabilmente sono stati trovati un po 'più vicini a casa. Come sottolinea Park Honan, vicino alla città natale di Jane Austen, Steventon, Hampshire, "Olmi e faggi lungo il turnpike si aggrapparono alla collina in banca come "ganci"," ci sarebbe una linea di ganci nord non lontano da Basingstoke e Tylney Hall, di Sir James Tylney Long, Bart. " (7) "E 'un tipo molto intelligente, ma non sarà mai un vescovo." ~ Georg
Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuggire nel mondo di Jane Austen.