Creazione di un cofano di paglia da "Scratch"

Creazione di un cofano di paglia

Un recente viaggio a Vecchio villaggio di Sturbridge (un museo vivente situato a Sturbridge, Massachusetts, che ricrea la vita nel New England rurale tra il 1790 e il 1830) per la loro mostra, Rifilato al gusto, ha dato un nuovo apprezzamento per il lavoro necessario per produrre anche un solo cofano. È abbastanza facile leggere una descrizione d'epoca del lavoro coinvolto nell'intrecciare, cucire e bloccare una cuffia, ma vederne una effettivamente in lavorazione fa rivivere vividamente la realtà del lavoro coinvolto nella creazione di una cuffia con cornice di paglia. L'intreccio della paglia, o intaglio, era un'attività comune nell'Inghilterra rurale, proprio come nel New England. Potrebbe essere intrapreso come carriera o come hobby per guadagnare qualche soldo in più. La paglia preferita era la segale. L'Hertfordshire, la contea natale del Bennet, era famosa, insieme a Buckinghamshire, Bedfordshire e Berkshire per l'impiego di molte migliaia di donne e bambini piccoli nell'industria dell'intreccio; ma questo era in gran parte terminato all'inizio del XX secolo: il numero di plaiters inglesi, tutto sommato, non era più di poche centinaia nel 1907, rispetto ai 30.000 nel 1871. I distretti intorno a Luton nel Bedfordshire e le contee vicine furono, dall'inizio del XVII secolo, la sede britannica dell'industria della treccia di paglia. La paglia di alcune varietà di grano coltivate in quella regione è, nelle stagioni favorevoli, di un bel colore brillante e per tenacia e forza. La paglia viene tagliata come nella raccolta ordinaria, ma lasciata asciugare al sole, prima della legatura. Successivamente si scelgono delle paglie dalle covoni, e di queste si prendono per l'intreccio i tubi dei due giunti superiori. I tubi vengono assortiti in dimensioni facendoli passare attraverso aperture graduate in un telaio di filo grigliato, e quelli di buon colore vengono sbiancati dai fumi di zolfo. Le cannucce macchiate e scolorite vengono tinte in pipa o in treccia. Gli intrecciatori lavorano il materiale allo stato umido, sia in paglia intera che in trecce di paglia divise. Le cannucce spaccate vengono preparate con l'ausilio di un piccolo strumento avente una punta sporgente che entra nel tubo di paglia e da cui si irradia il numero di frese a lama di coltello in cui si vuole spaccare la paglia. Le cannucce venivano passate attraverso un piccolo mangano per appiattirle. Sono stati quindi intrecciati per produrre una striscia tessuta che è stata venduta ai produttori di cappelli, berretti, cesti e altri articoli. Nella foto in cima alla pagina, puoi vedere due giovani donne che intrecciano la paglia in 8 trecce. Undici trecce o trecce erano comuni e potevano richiedere un prezzo molto più alto, poiché il lavoro richiesto era molto più complicato. Puoi vedere le cannucce intere in piedi in una pentola d'acqua, in attesa di essere spaccate (la paglia bagnata era più facile da spaccare senza rompersi e si piegava facilmente per le trecce.) Alle donne e ai bambini che intrecciavano a livello professionale venivano insegnate le abilità nelle scuole di treccia . Qui il proprietario della scuola istruiva i bambini che impiegava nei rudimenti della lettura e della scrittura, invece di pagare un salario per l'intreccio di paglia che producevano per il resto della giornata. Al suo apice all'inizio del diciannovesimo secolo una donna poteva guadagnare di più con l'intreccio di quanto un uomo potesse guadagnare sulla terra. C'era la preoccupazione che l'industria portasse alla dissoluzione e all'ozio tra gli uomini. Le trecce professionali sono state vendute in incrementi di 50 yard. Se stavi intrecciando da casa nella speranza di vendere la tua "Treccia" al negoziante locale (per essere poi inviata a una fabbrica di cappelli di paglia) avresti bisogno di almeno 25 iarde di treccia, poiché erano necessarie 20-25 iarde di placcatura per ogni cofano. In fabbrica, i lavoratori determinavano la forma della cuffia da realizzare e cominciavano a cucire la treccia, una linea alla volta attorno a una forma di legno o gesso (chiamata blocco). Il risultato era una semplice cuffia di paglia, che poteva poi essere acquistata per essere rifilata a casa, o acquistata da una modista per rifinire in modo molto più alla moda per i clienti facoltosi. Nel 1809, Mary Kies divenne la prima donna a ricevere un brevetto statunitense nel 1809 per i diritti su una tecnica per tessere la paglia con la seta e il filo per realizzare berretti. Questo metodo ha creato un tessuto come il tappetino, che potrebbe essere tagliato e modellato, come il telaio utilizzato nei cappelli rivestiti in tessuto. In alternativa, i cappelli potrebbero essere tessuti da fronde di palma importate e acquistate per questo scopo. Non sorprende che l'albero più associato a questo processo sia il Sabal causiarum, comunemente noto come la palma da cappello portoricana. Le foglie di palma erano divise, non diversamente dalla paglia usata nelle tavole, e intrecciate nella forma del cappello desiderato. La trama del palmo creava un pezzo stretto simile a un "mat" che sarebbe stato ulteriormente bloccato e modellato. I cappelli erano tessuti sia per uomini che per donne e potevano richiedere prezzi più alti rispetto alla paglia intrecciata. Il più famoso di questi è, ovviamente, il cappello Panama. Questo cappello è basato sul cappello "Pilgrim" del 17 ° secolo. Ci sono due processi principali nella creazione del cappello: tessitura e blocco. Il modo migliore per valutare la qualità della trama è contare il numero di trame per pollice quadrato. Meno di 100 sarebbero considerati di bassa qualità. Ci sono molti gradi di aumento della qualità, fino ai cappelli più rari e costosi, che possono avere fino a 1600-2000 trame per pollice quadrato; non è raro che questi cappelli vengano venduti per migliaia di dollari ciascuno. La qualità della trama stessa, tuttavia, è più importante. Un numero elevato di tessiture, anche se dall'aspetto attraente, non garantisce un cappello ben tessuto. Si dice che un Panama di vera qualità (un "superfino") possa trattenere l'acqua e quando piegato per riporlo può passare attraverso una fede nuziale. Nonostante il cappello Panama continui a fornire sostentamento a migliaia di ecuadoriani, rimangono meno di una dozzina di tessitori capaci di realizzare i migliori "montecristi superfinos". Il Financial Times Magazine del Regno Unito (7 gennaio) ha recentemente riferito che potrebbero rimanere non più di 15-20 anni per l'industria in Ecuador, a causa della concorrenza delle imitazioni cinesi di carta, soprattutto perché dominano pochi venditori di cappelli e manipolare il mercato.
Laura Boyle crea cappelli e cuffie Regency per il suo sito web, Austentaion. Sebbene sia di per sé un'industria artigianale, ora ha un apprezzamento completamente nuovo per il lavoro richiesto dalla creazione di un "Cappello di paglia da zero". Un ringraziamento speciale agli storici interpreti di Vecchio villaggio di Sturbridge. Immagini dall'Old Sturbridge Village, con la loro storica collezione di cappelli.