Madame Tussaud's Waxworks a Londra

La realizzazione di figure di cera a grandezza naturale che indossano abiti veri è nata dalle pratiche funebri dei reali europei. Nel Medioevo si usava portare il cadavere, completamente vestito, sopra la bara ai funerali reali, ma questo a volte aveva conseguenze sfortunate nella stagione calda, e l'usanza di fare un'effigie in cera per questo ruolo è cresciuta, indossare abiti veri in modo che solo la testa e le mani avessero bisogno di modelli in cera. Dopo i funerali questi venivano spesso esposti vicino alla tomba o altrove nella chiesa, e diventavano un'attrazione popolare per i visitatori, che spesso era necessario pagare per la visione. "Elisabetta di york - effige funeraria" di lisby1 - Il museo dell'Abbazia di Westminster a Londra ha una collezione di effigi di cera reale britannica che risalgono a quella di Edoardo III d'Inghilterra (morto nel 1377), così come quelle di figure come l'eroe navale Horatio Nelson e Frances Stewart, duchessa di Richmond , che aveva anche il suo pappagallo farcito ed esposto. Dai funerali di Carlo II nel 1680 non furono più posti sulla bara ma furono comunque realizzati per una successiva esposizione. L'effigie di Carlo II, con gli occhi aperti e in piedi, fu esposta sulla sua tomba fino all'inizio del XIX secolo, quando tutte le effigi di Westminster furono rimosse dall'abbazia stessa. L'effigie di Nelson era una pura attrazione turistica, commissionata l'anno dopo la sua morte nel 1805, e la sua sepoltura non nell'Abbazia ma nella Cattedrale di St Paul dopo una decisione del governo che in futuro avrebbero dovuto essere sepolti lì importanti personaggi pubblici. Preoccupata per le entrate derivanti dai visitatori, l'Abbazia decise di aver bisogno di un'attrazione rivale per gli ammiratori di Nelson. Nelle corti europee, compresa quella francese, divenne popolare la realizzazione di figure di cera in posa. Antoine Benoist (1632-1717) è stato un pittore e scultore francese di corte in cera del re Luigi XIV. Ha esposto quarantatre figure di cera dei francesi Royal Circle nella sua residenza a Parigi. Successivamente, il re ha autorizzato che le statuette fossero mostrate in tutta la Francia. Il suo lavoro divenne così apprezzato che Giacomo II d'Inghilterra lo invitò a visitare l'Inghilterra nel 1684. Lì eseguì opere del re inglese e dei membri della sua corte. Una figura seduta di Pietro il Grande di Russia sopravvive, realizzata da un artista italiano, dopo che lo Zar rimase impressionato dalle figure che vide al Castello di Versailles. Il pittore di corte danese Johann Salomon Wahl eseguì le figure del re e della regina danesi intorno al 1740. Il "Moving Wax Works of the Royal Court of England", un museo o una mostra di 140 figure a grandezza naturale, alcune apparentemente con parti mobili a orologeria, aperto dalla signora Mary in Fleet Street a Londra stava facendo ottimi affari nel 1711. Philippe Curtius, modellista di cera alla corte francese, aprì il suo Cabinet de Cire come attrazione turistica a Parigi nel 1770, che rimase aperta fino al 1802. Nel 1783 si aggiunse a Caverne des Grandes Voleurs ("Cave of the Great Thieves"), una delle prime "Chamber of Horrors". Lasciò in eredità la sua collezione alla sua protetta Marie Tussaud, che durante la Rivoluzione francese realizzò maschere mortuarie dei reali giustiziati. Successivamente avrebbe portato la sua collezione e la sua esperienza a Londra e avrebbe aperto una delle cere di maggior successo della storia. Una pubblicità per la mostra di Madame Tussaud. Tussaud ha creato la sua prima scultura in cera, di Voltaire, nel 1777. Altri personaggi famosi che ha modellato in quel momento includono Jean-Jacques Rousseau e Benjamin Franklin. La statua di cera di Voltaire in mostra al Madame Tussauds di Londra. Nel 1802 si recò a Londra, dopo aver accettato l'invito di Paul Philidor, lanterna magica e pioniere della fantasmagoria, per esporre le sue opere insieme al suo spettacolo al Lyceum Theatre di Londra. Non se la passava particolarmente bene finanziariamente, con Philidor che prendeva la metà dei suoi profitti. A seguito delle guerre napoleoniche, non poté tornare in Francia, quindi viaggiò in Gran Bretagna e Irlanda esponendo la sua collezione. Dal 1831 prese una serie di brevi contratti di locazione al piano superiore del "Baker Street Bazaar" (sul lato ovest di Baker Street, Dorset Street e King Street). Questa divenne la prima casa permanente di Tussaud nel 1836. Una delle principali attrazioni del suo museo era la Camera degli orrori. hamber-of-Horrors-1849-di-Richard-Doyle-1824–1883-httpwww.gutenberg.orgfiles3774537745-h37745-h.htm.-Licensed-under-PD-US-via-Wikipedia-httpen.wikipedia.orgwikiFileChamber_of_Horrors_1849.jpgmediavie Camera degli orrori Il nome "Camera degli orrori" è spesso attribuito a un collaboratore Punch nel 1845, ma Marie Tussaud sembra averlo creato lei stessa, usandolo nella pubblicità già nel 1843. Ai visitatori veniva addebitato un extra di sei pence per entrare nella "Stanza separata". La famiglia reale francese, come modellata da Madame Tussaud. Questa parte della mostra si trova nel seminterrato dell'edificio e comprende teste di cera realizzate con le maschere mortuarie delle vittime della Rivoluzione francese tra cui Marat, Robespierre, Re Luigi XVI e Maria Antonietta, che furono modellate dalla stessa Maria Tussaud al tempo di la loro morte o esecuzione e figure più recenti di assassini e altri famigerati criminali. La mostra più antica è quella di "La bella addormentata", Madame DuBarry. Alla mostra si sono aggiunti altri personaggi famosi, tra cui Horatio Nelson e Sir Walter Scott. Alcune delle sculture realizzate dalla stessa Marie Tussaud esistono ancora. La galleria originariamente conteneva circa 400 figure diverse, ma i danni da incendio nel 1925, insieme alle bombe tedesche nel 1941, hanno reso la maggior parte di questi modelli più vecchi defunti. I calchi stessi sono sopravvissuti (consentendo la ricostruzione delle cere storiche), e questi possono essere visti nella mostra di storia del museo. La figura più antica in mostra è quella di Madame du Barry. Altri volti del tempo di Tussaud includono Robespierre e Giorgio III. Nel 1842 realizzò un autoritratto che ora è esposto all'ingresso del suo museo. Morì nel sonno il 15 aprile 1850. Nel 1883 lo spazio limitato e l'aumento dei costi del sito di Baker Street spinsero suo nipote (Joseph Randall) a commissionare l'edificio nella sua posizione attuale su Marylebone Road. Le nuove gallerie espositive furono aperte il 14 luglio 1884 e furono un grande successo. Madame Tussauds, Londra Il museo delle cere di Madame Tussaud è ora cresciuto fino a diventare una delle principali attrazioni turistiche di Londra. Si è espanso e si espanderà con filiali ad Amsterdam, Bangkok, Berlino, Blackpool, Hollywood, Hong Kong, Las Vegas, New York City, Shanghai, Sydney, Vienna, Washington, DC, Wuhan, Tokyo e un museo temporaneo a Busan (Corea ) con sedi in arrivo a Pechino, Praga, Singapore, Orlando e San Francisco. Le figure di cera di oggi a Tussauds includono personaggi storici e reali, star del cinema, stelle dello sport e famosi assassini. Conosciuti come musei "Madame Tussauds" (senza apostrofo), sono di proprietà di una società per il tempo libero chiamata Merlin Entertainments, in seguito all'acquisizione di The Tussauds Group nel maggio 2007.
Informazioni e immagini fornite da Wikipedia.com