Il giardino svizzero: una gemma reggenza

giardino
"... ma non avremo la signorina Bigg, che viene portata via come mezza Inghilterra, in Svizzera." (Jane Austen ad Anne Sharpe, 22 maggio 1817)
Villetta Lord Robert Henley Ongley (1803-1877) ereditò Old Warden Park nel 1814 quando aveva solo undici anni. Durante i suoi primi vent'anni, appena ricevuto la sua fortuna, ha trasformato una sezione di 9 acri di terreno paludoso nel Bedfordshire nord-orientale in una scena alpina come ci si aspetterebbe di trovare ai piedi delle Alpi svizzere. Una grande impresa di movimento terra ha modellato questo pezzo di terra pianeggiante in un paesaggio ondulato completo di tumuli, stagni, sentieri serpeggianti e arbusti, a cui Lord Ongley ha aggiunto un cottage svizzero, una voliera, enormi strutture a traliccio che si inarcano su ampi prati e un tetto di paglia posto sull'albero, completo di poesia sentimentale incisa su una lastra di marmo e la vicina passeggiata malinconica e la minuscola cappella con le sue vetrate colorate. Piccoli ma meravigliosamente decorati ponti in ghisa, un chiosco indiano e una bella grotta, successivamente incorporata in una Fernery, furono aggiunti per creare una raccolta di elementi senza i quali nessun giardino Regency sarebbe completo. Allo stesso tempo, ha ristrutturato il villaggio di Old Warden, sempre in stile "Swiss Picturesque". La leggenda locale narra che Lord Ongley fornì ai suoi inquilini cravatte rosse, che avrebbero dovuto indossare mentre cavalcava attraverso il villaggio. Questo era un pezzo fisso come nessun altro; una piccola fetta di Svizzera, poco meno di cinquanta miglia a nord di Londra! Un cottage nel villaggio di Old Warden (Foto: C Price) La tenuta fu venduta a Joseph Shuttleworth nel 1872, che abbellì il giardino con diverse imponenti caratteristiche in pietra pulhamite, ma nonostante alcune modifiche agli edifici e alle strutture, il giardino sfuggì a cambiamenti significativi e il paesaggio e molte delle caratteristiche originali di Ongley sopravvivono a questo giorno. Un racconto contemporaneo del giardino, scritto da Emily Shore, una visitatrice del giardino nel 1835, lo descrisse come: “Un luogo molto curioso… pieno di piccole colline e tumuli, coperto di alberi, arbusti e fiori. Qua e là sono pergolati ombreggiati da edera e clematide; in alcuni punti sono piccole cavità circondate da rocce artificiali; in altri sono sentieri sotterranei, oltre a ringhiere, siepi, stagni, tende bianche, recinti per uccelli, ecc. Nel complesso sono sparse statue bianche e lampade dipinte, alcune su piedistalli, altre pendenti da archi alti che uniscono i monti. L'oggetto principale è il cottage svizzero,… che è sormontato da una "pillola dorata", su cui si erge una colomba di pietra bianca. Quello che mi è piaciuto di più è stato il giardino d'inverno. Siamo entrati in un passaggio sotterraneo, alla fine del quale c'è una piccola camera poligonale, tutto intorno con tende rosse e bianche, e tappezzato di pelle di pecora colorata. "[1] Cecilia Ridley, in visita nel 1839, pensò che il Giardino Svizzero" il più straordinario giardino nel mondo fatto di una palude; pieno di piccole vecchie case estive su piccole colline rotonde, vasi di porcellana, busti, lampade colorate - in breve un vero e proprio paese delle fate ... "[2] Anche altri giardini dell'epoca furono descritti come terre delle fate, in particolare Whiteknights a Reading, progettato da Lord Blandford, più tardi 5th Duca di Marlborough con l'aiuto di John Buonarotti Papworth e descritto in un libro del 1818 contenente oltre trenta illustrazioni dei terreni, dove "... tutt'intorno è Fairy ground". Tra il 1798 e il 1819, Whiteknights fu teatro di grandi stravaganze e divertimenti selvaggi, tutti a spese del marchese; gli splendidi giardini, splendidamente allestiti con le piante più rare, erano tuttavia la sua maggiore attrazione. Purtroppo, il paesaggio di Whiteknights è stato completamente perso, consumato all'interno del campus della Reading University, ma conteneva molte caratteristiche che non sarebbero sembrate fuori luogo nell'Ongley's Swiss Garden. Illustrazioni in Papworth's Residenze Rurali del 1832 e di Peter Frederick Robinson Architettura rurale (1822) e Architettura del villaggio (1833) dimostrano una tendenza verso il rustico e il cottage ornée durante questo periodo, una tendenza che era stata prevalente dall'inizio del XIX secolo. Robert Ferrars, in Sense & Sensibility di Jane Austen (1811) è:
'... eccessivamente appassionato di un cottage; c'è sempre così tanto comfort, così tanta eleganza in loro. E protesto, se avessi soldi da spendere, dovrei comprare un po 'di terreno e costruirne uno io stesso, a breve distanza da Londra, dove potrei guidare in qualsiasi momento, e raccogliere alcuni amici su di me, ed essere contento'.
Un altro esempio di questo stile di architettura può essere trovato a Blaise Hamlet, vicino a Bristol, progettato da John Nash nel 1811. Questo incantevole borgo di nove pittoreschi cottage è disposto intorno a un verde aperto e ondulato, ed è stato costruito per ospitare il personale in pensione del La tenuta del castello di Blaise a Henbury. Come il villaggio di Old Warden, ogni cottage è unico e il borgo è stato uno dei primi esempi di comunità pianificata - c'è una meridiana in pietra e una pompa dell'acqua sul green che ne commemora la costruzione. I cottage, ancora una volta come quelli di Old Warden, sono abitati fino ad oggi. Questo stile è stato successivamente copiato ampiamente, aiutato da libri come quello di Robinson Architettura del villaggio. The Grotto Fernery - la lavorazione del ferro risale al tempo di Ongley, mentre le aggiunte di roccia Pulhamite di Shuttleworth furono aggiunte negli anni '70 dell'Ottocento, creando una struttura insolita e atmosferica (Foto: Darren Harbar) Una seconda vista del Fernery. Allora ... perché la Svizzera? Le influenze per il paesaggio insolito di Lord Ongley erano probabilmente abbastanza eclettiche, ed è anche abbastanza probabile che abbia visitato la Svizzera ad un certo punto. Lo storico dei giardini Mavis Batey, in un articolo per la rivista Country Life nel 1977 [3], sottolinea che la moda per il paesaggio alpino, i cottage svizzeri e il costume contadino che si impadronì dell'Inghilterra negli anni venti dell'Ottocento era essenzialmente un sottoprodotto del romanticismo. La brama del sublime e del primitivo aveva reso desiderabile il paesaggio montano, e un viaggio in Svizzera divenne necessario per l'Uomo dei Sentimenti come lo era stato il Grand Tour per l'Uomo di Gusto un secolo prima. L'esodo iniziò una volta che la pace riprese in Europa in seguito alla ritirata delle truppe di Napoleone nel 1815, e due anni dopo, Jane Austen si riferì a un amico assente come se fosse "fuggito come mezza Inghilterra, in Svizzera". [4] La tempistica ha coinciso anche con la pubblicazione del Prigioniero di Chillon, offrendo una nuova enfasi Byronic al Tour mostrando a coloro che cercavano di sfuggire alla schiavitù delle convenzioni della società come ottenere la liberazione dello spirito attraverso un incontro con il sublime svizzero. L'interesse di Jane per il design del giardino, menzionato più volte nei suoi romanzi e nella corrispondenza, inizia con William Gilpin e il Pittoresco e poi si sposta in un'ambivalenza su Humphrey Repton, ma abbraccia l'idea degli arbusti decorativi, che sono spesso presenti sul palco in cui vengono rappresentati molti degli eventi romantici nei suoi romanzi. Il romanzo chiave per il periodo pre-Swiss Garden è Mansfield Park, dove si svolge una discussione sul miglioramento del proprio paesaggio e le idee di Repton vengono dibattute in dettaglio. Lady Bertram, ascoltando i miglioramenti proposti, offre la sua opinione in merito: “Se fossi in te, avrei un cespuglio molto carino. A qualcuno piace uscire in un boschetto con il bel tempo. "[5] Questo, forse, può essere interpretato come il punto di vista personale di Jane espresso attraverso il dibattito sul paesaggio di Rushworth. Sebbene sembri criticare Repton nel testo, è molto probabile che le sarebbe piaciuto camminare attraverso il tipo di arbusti fioriti che lui prediligeva. A Chawton Cottage, dove si stabilì con sua madre e sua sorella dopo la morte di suo padre a Bath, fu piantata un'ariosa passeggiata di ghiaia con alberi, arbusti fioriti e sotto-piantine colorate, una piacevole aggiunta al giardino produttivo. Le piante profumate erano un ingrediente vitale, come Jane descrive in una lettera a Cassandra nel 1811:
“Il nostro giovane Piony ai piedi dell'abete è appena saltato in aria e sembra molto bello; E tutta la Shrubbery Border sarà presto molto allegra con Pinks & Sweet Williams, oltre alle Columbines già in fiore. Anche i Syringas stanno uscendo. "[6]
La minuscola cappella, che ricorda le cappelle lungo la strada trovate in Europa, con le sue vetrate colorate, contiene una tavoletta di marmo su cui sono inscritti versi biblici (Foto: Darren Harbar) La minuscola cappella, che ricorda le cappelle lungo la strada trovate in Europa, con le sue vetrate colorate,
Jane, con i suoi gusti un po 'più raffinati, potrebbe non essere stata particolarmente affezionata agli eccessi stravaganti del Giardino Svizzero descritti da Emily Shore, ma è molto probabile che le dolci ondulazioni di Lord Ongley, i sentieri tortuosi e le piantagioni di buon gusto l'avrebbero deliziata se avesse mai avuto li ho visti. I letti delle isole e gli arbusti erano caratteristiche popolari di molti giardini all'epoca, così come le strutture alpine che si vedono oggi nel Giardino svizzero. È molto probabile che anche Jane abbia sentito parlare di Whiteknights, e c'erano molti esempi di edifici in stile rustico, ma ciò che rende lo Swiss Garden piuttosto speciale è che si crede che sia l'unico esempio sopravvissuto di un 'completo 'Regency garden, con tutte le sue caratteristiche intatte, oggi conosciuto nel Regno Unito. Whiteknights e molti altri giardini di questo periodo sono scomparsi del tutto o sopravvivono solo in parte. Ciò rende il recente restauro, finanziato da una sovvenzione di 2,8 milioni di sterline dall'Heritage Lottery Fund, tanto più significativo per gli attuali custodi del giardino, lo Shuttleworth Trust e il Central Bedfordshire Council, in particolare per quanto riguarda l'English Heritage's Registro del patrimonio a rischio Dal 2009. Particolare del North Bridge, progettato da Cato & Sons (Foto: Darren Harbar) Particolare del North Bridge, progettato da Cato & Sons
In precedenza nascosto dietro gli hangar del museo dell'aviazione The Shuttleworth Collection, lo Swiss Garden è ora destinato a prendere la stessa fatturazione e importanza come attrazione per i visitatori. I 13 edifici e strutture del giardino, tra cui sei di grado II *, sono stati sottoposti a un'attenta conservazione utilizzando materiali e tecniche tradizionali, ove possibile. Il suo fulcro a due piani, lo Swiss Cottage, è stato ricoperto di paglia utilizzando canne d'acqua del Norfolk, i suoi terminali sono stati nuovamente dorati con foglia d'oro 23 carati e decorazioni rustiche mancanti o rotte sostituite con fette di pigne di Monterey e rametti di nocciolo e salice. Quasi 4.300 lastre di vetro nel Grotto and Fernery sono state sostituite con vetri cilindrici tagliati a mano e dettagli a rosetta sostituiti sul Pond Cascade Bridge. Sono stati piantati oltre 25.600 arbusti e 8.400 bulbi in 53 letti e 340 metri di sentiero posati utilizzando 300 tonnellate di ghiaia. I panorami perduti sono stati ripristinati ricreando le finestre panoramiche che si aprivano su vedute scenografiche molto deliberate di edifici, ponti, urne, archi e altri elementi del giardino come originariamente previsto da Lord Ongley. Una ripresa in "realtà aumentata" che illustra il possibile design della voliera di Lord Ongley, ora disponibile sulla nuova (e gratuita) app per smartphone di Swiss Garden. Una ripresa in "realtà aumentata" che illustra il possibile design della voliera di Lord Ongley, ora disponibile sul nuovo (e gratuito) Swiss Garden App per smartphone

Corinne Price è il gestore dello Swiss Garden, che ha riaperto al pubblico a luglio 2014, ed è aperto tutto l'anno. Il giardino è stato inserito nel registro "At Risk" di English Heritage per un po 'di tempo ed è estremamente importante nel mondo della storia del giardino in quanto è l'unico giardino completamente intatto di questo periodo nel Regno Unito. Si prega di controllare Sito web di Shuttleworth per gli orari di apertura e gli eventi attuali e seguici su Facebook per le notizie aggiornate e le immagini stagionali del giardino.

Domenica 19 si terrà un Regency Garden Partyth Luglio 2015 per celebrare un anno di riapertura del giardino. Si prega di controllare il sito Web per i dettagli più vicini all'ora. The Swiss Garden, Old Warden Aerodrome, Biggleswade, Bedfordshire SG18 9EP. [1] Diario di Emily Shore, a cura di Barbara Timm Gates, 1991, University Press of Virginia, p.113-114 [2] La vita e le lettere di Cecilia Ridley 1819-1845, a cura di Viscountess Ridley, 1958, Rupert Hart-Davis, Londra, p.32, 37-8. [3] "An English View of Switzerland", Mavis Batey, Vita di campagna, 17 febbraio 1977 [4] Lettere di Jane Austen, a cura di Deirdre Le Faye, 2003, The Folio Society, Londra, p.341 [5] Mansfield Park, Jane Austen, Collector’s Library Edition (2004), p.73 [6] In giardino con Jane Austen, Kim Wilson, Frances Lincoln (2008), p.7

1 commentare

]

DannyKef novembre 08, 2020

Lascia un commento