Beau Brummell: Nient'altro che un nome misteriosamente scintillante

Il nome Beau Brummell è sinonimo di Regency England, ma cosa sai di lui? Facendo ricerche su questo articolo ho scoperto che le persone lo associano a seta, rasi e tabacco da fiuto, mentre uno pensava che fosse un detective immaginario. Sembrava che lo scrittore francese Barbey d'Aurevilly avesse ragione: una volta l'uomo più famoso del regno era "nient'altro che un nome misteriosamente scintillante in tutte le memorie del suo tempo". Allora, cosa è successo a Beau Brummell? George Bryan Brummell è nato a 10 Downing Street il 7 giugno 1778. Era il figlio più giovane di William Brummell, un uomo intraprendente che era salito alla posizione di Segretario privato del Primo Ministro, con tutta l'influenza e gli ruolo - un appartamento di grazia e favore a Hampton Court Palace, una casa di campagna nel Berkshire, e amicizia con Charles James Fox, Richard Sheridan e Sir Joshua Reynolds, che dipinse i due ragazzi Brummell dai capelli ricci nel 1781. La famiglia Brummell era cresciuta un lungo cammino in due generazioni e il giovane George avrebbe portato il nome della famiglia a livelli e profondità ancora maggiori. È diventato una leggenda nel corso della sua vita e ha lavorato sodo in questo come suo padre aveva fatto come giovane impiegato. Nel 1783, William Brummell si ritirò con un reddito di circa 2.500 sterline all'anno, abbastanza per mandare i suoi due figli a Eton. Là, George era benvoluto. Era di buon carattere e intelligente ma pigro e stava già sviluppando la sua natura esigente, evitando le strade con tempo umido e attento alla sua dignità. George andò all'Oriel College di Oxford, ma se ne andò nel 1794 quando suo padre morì, e invece si unì al reggimento del Principe di Galles, i Tenth Dragoons - o "The Elegant Extracts" come erano conosciuti. I Dragoni avevano sede a Brighton fino a quando i disordini civili non li chiamarono a nord e Brummell si dimise immediatamente, dicendo che Manchester sarebbe stata troppo sgradevole per lui. La sua eredità di £ 40.000 significava che poteva permettersi di concentrarsi sull'essere un gentiluomo. Dato subito il soubriquet "Beau", si è dimostrato una figura arguta e attenta che ha fatto molti amici. Charles Stanhope ha detto
"Potevo capire molto del segreto dello straordinario successo e dell'influenza di Brummell nella società più alta. Era molto più di un semplice dandy; aveva intelligenza, umorismo e ironia, e la più perfetta freddezza e padronanza di sé. "
Far parte del set di Brummell era il massimo prestigio della società, e essere tagliato da lui era la morte sociale. Nel romanzo Granby c'è un ritratto mal camuffato.
“Nell'arte del taglio ha brillato senza rivali. Poteva assumere quello sguardo calmo ma vagabondo che gira, come inconsciamente, intorno all'individuo proscritto, senza fissarsi per non essere fissato, non guardando il vuoto né un oggetto, né occupato né astratto, uno sguardo che forse ti scusa persona tagliata e, in ogni caso, gli impedisce di avvicinarti. "
Brummell era attento a rimanere libero da obblighi o attaccamenti (si dice che avesse tagliato il proprio fratello) e non c'erano segni di relazioni - né con donne né con uomini. Il suo primo biografo, il capitano Jesse, pensava che Brummell "avesse mai avuto troppo amore per se stesso per essere davvero innamorato". Lo stesso Beau disse a Lady Hester Stanhope di aver adottato l'unica via possibile per prendere le distanze dagli uomini comuni. Come disse Oscar Wilde più di un secolo dopo "amare se stessi è l'inizio di una storia d'amore che dura tutta la vita". La sua amicizia con il Principe di Galles non è durata. Come Brummell cessò di aver bisogno del patrocinio del principe, così il principe divenne geloso della posizione di Brummell, ma a Brummell non importava. "L'ho reso quello che è e posso disfarlo." ha scherzato in un momento incustodito. Nel 1813 la fine dell'amicizia fu scandalosamente pubblica quando il principe arrivò a una festa con Lord Alvanley e ignorò freddamente Brummell.
"Ah, Alvanley," la voce di Brummell risuonò chiaramente sopra il silenzio scioccato, "Chi è il tuo grasso amico?"
Brummell mantenne la sua immagine così bene che tutti rimasero scioccati quando i debiti lo costrinsero a Calais nel maggio 1816. A Londra, i suoi effetti furono venduti all'asta, inclusa la sua bella cantina "10 dozzine di Capital Old Port, 16 dozzine di Borgogna, Claret e Still Champagne. . . " Erano, assicurava la pubblicità ai potenziali acquirenti, "la vera proprietà di un uomo di moda, andato nel continente". L'asta ha raccolto £ 1000, ma questo non è stato sufficiente per consentire a Brummell di tornare. Tuttavia, la vita a Calais era sopportabile. "Nessuno può condurre una vita più piacevole di Brummell, perché trascorre il suo tempo tra Londra e Parigi" ha scherzato l'ambasciatore britannico, e gli amici di Brummell lo hanno visitato lì, portando regali di denaro o regali come il suo tabacco da fiuto Façon de Paris preferito. Nel 1818 abbondavano le voci che gli erano state offerte 5mila sterline per scrivere le sue memorie e che il Principe di Galles gli aveva offerto 6mila sterline perché non lo facesse. Brummell divenne molto popolare a Calais “Lo chiamavamo Le Roi de Calais. Era davvero un brav'uomo, molto elegante e molto benestante: pagava sempre i suoi conti ed era molto buono con i poveri; tutti furono molto dispiaciuti quando se ne andò. " ha detto un negoziante di Calais. Brummell era sempre attento a saldare i suoi debiti con i commercianti - invece doveva somme di denaro sempre più ingenti ai banchieri e ai suoi amici, ma la sua buona natura e il suo spirito li affascinavano tutti.
Quando gli è stato chiesto di dare un contributo a una cappella della Chiesa d'Inghilterra a Calais, ha risposto "Mi dispiace molto che non abbia chiamato la scorsa settimana, perché è stato solo ieri che sono diventato cattolico".
Nel 1827 il mecenate di Brummell, il Duca di York, morì ei creditori di Brummell iniziarono a chiudersi. Quell'estate, le lettere di Brummell contenevano una nota di panico. "Sono tristemente allarmato per timore che un disastro travolgente possa accadermi" ha scritto. Mentre Giorgio IV era re, c'erano poche speranze di riavvicinamento, ma la fortuna arrivò nel giugno 1830 quando Brummell fu nominato Console di Sua Maestà per i dipartimenti di Calvados, La Manche e Ille et Vilaine. La posta veniva pagata 400 sterline all'anno e aveva sede a Caen. Tuttavia, c'era un problema; con più di 1000 sterline di debiti, i creditori di Brummell erano molto riluttanti a vederlo lasciare Calais. Fu solo quando firmò un accordo paralizzante per assegnare il suo stipendio ai suoi avvocati per far fronte ai suoi debiti che gli fu permesso di andarsene. A Caen, divenne presto una figura popolare, noto per il modo in cui camminava in punta di piedi sull'acciottolato per evitare di sporcarsi gli stivali. Ha stretto un'amicizia con il droghiere e commerciante di vino Charles Armstrong, che ha anche incassato bollette e vaglia. Il denaro rimaneva un problema e lui continuava a insistere per un lavoro superiore; scrisse a Lord Palmerston che il posto a Caen non era necessario e lui (Brummell) poteva fare qualcosa di meglio. Il 21 marzo 1832 ricevette una risposta: Sua Maestà Govt era “giunto alla conclusione che il posto di Console britannico a Caen potesse essere abolito senza pregiudizio per il servizio pubblico. . . il tuo stipendio cesserà il 31 maggio ". La notizia non è rimasta segreta a lungo ed è scappato dagli ufficiali giudiziari solo quando la sua padrona di casa lo ha nascosto in un armadio. Armstrong è andato in Inghilterra per raccogliere denaro dagli amici di Brummell e ha organizzato £ 120 all'anno per il suo mantenimento. Sebbene generoso, questa era una miseria che una volta avrebbe speso in meno di un mese - quando gli è stato chiesto quanto sarebbe costato lanciare un giovane nella società londinese, una volta ha risposto "con un'economia rigorosa, potrebbe essere fatto per ottocento sterline all'anno. " La sua situazione cominciò a dirgli nella sua mente: "Non sono capace di fare qualsiasi cosa se non rimuginare sui giocattoli rotti dei miei giorni passati", pianse la figlia della sua padrona di casa. Quell'estate, lo stress e la preoccupazione contribuirono probabilmente al suo primo ictus, e si trasferì in alloggi più piccoli all'Hotel d'Angleterre dove, nell'aprile 1834, ebbe il suo secondo ictus durante la cena. Questa volta la guarigione fu lenta e divenne ossessionato da un senso della propria mortalità: “mi stanno tessendo un sudario; tuttavia spero di scappare ancora ”ha scritto. Un terzo colpo si concluse quell'anno e il maggio successivo fu arrestato per debiti e portato in prigione dove condivideva una cella di pietra con altri tre. Non gli era stato permesso di vestirsi adeguatamente prima del suo arresto e il degrado lo aveva sconcertato.
“Immagina una posizione più misera della mia! Mi hanno messo con tutte le persone comuni! Sono circondato dai più grandi cattivi e non ho altro che carcere! "
Ancora una volta, i suoi straordinari amici si radunarono e sebbene non potessero raccogliere abbastanza per ottenere il suo rilascio, pagarono perché condividesse la stanza privata del prigioniero politico, Charles Godefroy. Armstrong organizzò cibo, biancheria e mandò il suo lavandino in modo che potesse eseguire la sua famosa toilette - con stupore di Godefroy. Armstrong si occupò anche della sua proprietà e andò a Calais e Londra per raccogliere un fondo per lui. Questa volta, Lord Palmerston ha accettato di £ 200 in riconoscimento della rescissione del contratto di Caen, e ancora una volta i suoi amici hanno contribuito, comprese £ 100 dal re Guglielmo IV. Brummell fu rilasciato il 21 luglio 1835 e Armstrong chiarì che non avrebbe onorato i debiti accumulati a sua insaputa. Il fastidioso Beau era ridotto a indossare abiti smessi e una cravatta di seta nera invece di lino bianco per risparmiare sul bucato. Quando i suoi pantaloni avevano bisogno di essere rammendati, rimase a letto perché erano il suo unico paio. La tragedia di Brummell è stata che è sopravvissuto al suo tempo. La sua favola era finita vent'anni prima e ora la nuova giovane regina stava inaugurando l'era vittoriana mentre i suoi amici stavano passando nell'ombra. Man mano che la sua malattia cresceva, l'ex dandy trascurava la sua pulizia e organizzava feste fantastiche per gli amici che erano morti da tempo. Nel 1839, fu portato al manicomio del Bon Saveur - gridando che lo stavano mettendo in prigione ma dove i suoi ultimi mesi furono tranquilli e morì nel suo letto il 30 marzo 1840. Il leggendario Beau Brummell giace in una semplice tomba a Calais , inosservato e dimenticato, il nome più scintillante e l'uomo più sfuggente ogni anno che passa. Ulteriore lettura: Kelly, I (2006) Beau Brummell, the Ultimate Dandy. Stampa libera. Barbey d'Aurevilly J (1845) Du Dandysme et de George Brummell. Cole H (1977) Beau Brummell. Granada: London Lister T H (1826) Granby. Un romanzo in tre volumi. Colburn: Londra. Muers E (1963) The Dandy. Secker & Warburg: Londra. Questo articolo, di Joanna Brown, è stato copiato con il permesso di Regency World di Jane Austen. Per saperne di più su questa rivista, l'unica rivista a colori dedicata a Jane Austen, o per iscriverti, visita il loro sito web: www.worldmags.com

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati