La famiglia Barker: Pittori di Panorama

barsukIl ritratto itinerante inglese Robert Barker  (1739–8 aprile 1806) coniò la parola "panorama", dal greco tegame ("tutti") horama ("vista") in 1792 per descrivere i suoi dipinti di Edinburgh, Scozia mostrato su una superficie cilindrica, che presto esibiva a Londra, come "Il Panorama".In 1793 Barker ha spostato i suoi panorami alla prima costruzione di panorami appositamente costruita nel mondo, a Leicester Square, e ha fatto una fortuna.I visori galleggiavano per pagare tre scellini per stare su una piattaforma centrale sotto un lucernario, che offriva una luce uniforme, e ottenere un'esperienza che era "panoramic a" (un aggettivo che non compare in stampa fino a 1813).Il significato esteso di una "indagine globale" di un soggetto seguito prima, in 1801.I visitatori del Panorama semicircolare di Londra, dipinti come se fossero visti dal tetto di Albion Mills sulla South Bank, potrebbero acquistare una serie di sei stampe che ricordava con modestia l'esperienza; fine-fine le stampe stirate 3.25 metri. L'esterno di un edificio Panorama. Quando Barker ha brevettato la sua tecnica in 1787, gli aveva dato un titolo francese: La Natura à Coup d’ Oeil ("La natura a colpo d'occhio").Una sensibilità al "picturesque" si stava sviluppando tra la classe istruita, e come hanno girato pittoreschi quartieri, come il Lake District, potrebbero avere nel carrello con loro una grande lente incastonata in un quadro, un "vetro paesaggio" che avrebbe contratto un'ampia vista in un "quadro" quando tenuto a braccio. Nonostante il successo del primo panorama di Barker a Leicester Square, non è stato né il suo primo tentativo all'artigianato né la sua prima mostra.In 1788 Barker ha mostrato il suo primo panorama.Era solo una vista semicircolare di Edimburgo, Scozia, e l'incapacità di Barker di portare l'immagine a un completo 360 gradi lo ha deluso.Per realizzare la sua vera visione, Barker e suo figlio, Henry Aston Barker (1774 - 19 luglio 1856), hanno assunto il compito di dipingere una scena dell'Albion Mills.La prima versione di quello che doveva essere il primo panorama di successo di Barker è stata esposta nella casa di Barker e misurata solo 137 quadrato metri. Barker's London Panorama di 1792, dalla cima dell'Albion Mills. Il successo di Barker ha coinvolto sofisticate manipolazioni di prospettiva non incontrate nei predecessori del panorama, l'ampio angolo "prospettiva" di una città familiare dal XVI secolo, o la "lunga vista" di Wenceslas Hollar di Londra, impressa su diversi fogli contigui.  Wenceslas Hollar's " Long View" di Londra. Barker ha fatto molti sforzi per aumentare il realismo delle sue scene.Per immergere completamente il pubblico nella scena, tutti i bordi della tela eranodissimulati.Properano inoltre posizionati strategicamente sulla piattaforma in cui il pubblico si trovava e due finestre sono state poste sul tetto per permettere alla luce naturale di inondare le tele. L'edificio panoramico di Barker. Due scene potevano essere esposte contemporaneamente nella rotonda, tuttavia la rotonda di Leicester Square era l'unica a farlo. Le case con scene singole si sono rivelate più popolari al pubblico con la diffusione della fama del panorama. Poiché la rotonda di Leicester Square ospitava due panorami, Barker aveva bisogno di un meccanismo per liberare le menti del pubblico mentre si spostava da un panorama all'altro. Per fare ciò, i clienti hanno camminato lungo un corridoio buio dove le loro menti avrebbero dovuto rinfrescarsi per vedere la nuova scena. A causa delle immense dimensioni del panorama, ai clienti sono stati forniti piani di orientamento per aiutarli a navigare nella scena. Queste mappe glorificate hanno individuato edifici, siti o eventi chiave esposti sulla tela. Per creare un panorama, gli artisti si sono recati nei siti e hanno abbozzato le scene più volte. In genere un team di artisti ha lavorato su un progetto con ogni team specializzato in un certo aspetto del dipinto come paesaggi, persone o cieli. Dopo aver completato i loro schizzi, gli artisti in genere consultavano altri dipinti, di dimensioni medie, per aggiungere ulteriori dettagli. Martin Meisel ha descritto perfettamente il panorama nel suo libro Realizzazioni: "Nel suo impatto, il Panorama era una forma globale, la rappresentazione non del segmento di un mondo, ma di un mondo intero visto da un'altezza focale". Sebbene gli artisti abbiano documentato scrupolosamente ogni dettaglio di una scena, così facendo hanno creato un mondo completo in sé e per sé. I primi panorami raffiguravano ambienti urbani, come le città, mentre i panorami successivi raffiguravano la natura e famose battaglie militari. La necessità di scene militari aumentò in parte perché ne stavano accadendo così tante. Le battaglie francesi trovarono comunemente la loro strada nelle rotonde grazie alla guida esuberante di Napoleone Bonaparte. I viaggi di Henry Aston Barker in Francia durante la pace di Amiens lo portarono a corte, dove Bonaparte lo accettò. Henry Aston ha creato panorami delle battaglie di Bonaparte incluso La battaglia di Waterloo, che ha visto così tanto successo che si è ritirato dopo averlo finito. Il rapporto di Henry Aston con Bonaparte continuò dopo l'esilio di Bonaparte all'Elba, dove Henry Aston visitò l'ex imperatore. I londinesi amano il Panorama di Barker. Al di fuori dell'Inghilterra e della Francia, la popolarità dei panorami dipendeva dal tipo di scena visualizzata. In genere, le persone volevano vedere immagini dai propri paesi o dall'Inghilterra. Questo principio suonava vero in Svizzera, dove dominava la vista delle Alpi. Allo stesso modo in America, i panorami di New York City hanno trovato popolarità, così come le importazioni dalla rotonda di Barker. Come scoprì presto il pittore John Vanderlyn, la politica francese non interessava gli americani. In particolare, la sua rappresentazione del ritorno al trono di Luigi XVIII non visse due mesi nella rotonda prima che un nuovo panorama prendesse il suo posto. Barker's Panorama ha avuto un enorme successo e ha generato una serie di panorami "coinvolgenti": i curatori del Museo di Londra hanno trovato menzione di 126 panorami che sono stati esposti tra il 1793 e il 1863. In Europa, sono stati creati panorami di eventi storici e battaglie, in particolare dal pittore russo Franz Roubaud. La maggior parte delle principali città europee presentava più di una struttura appositamente costruita che ospitava panorami. Questi grandi panorami a cerchio fisso declinarono in popolarità nell'ultimo terzo del diciannovesimo secolo, sebbene negli Stati Uniti sperimentarono un parziale risveglio; in questo periodo, erano più comunemente chiamati ciclorama. In Gran Bretagna e in particolare negli Stati Uniti, l'ideale panoramico è stato intensificato srotolando un rotolo su tela davanti allo spettatore in un Panorama in movimento (annotato nel 1840), un'alterazione di un'idea che era familiare nei rotoli di paesaggi tenuti in mano di Song China. Tali panorami furono alla fine eclissati da in movimento immagini. (Vedi film.) Il diorama simile, essenzialmente una scena elaborata in una scatola delle dimensioni di una stanza illuminata artificialmente, mostrato a Parigi e portato a Londra nel 1823, è attribuito all'inventivo Louis Daguerre (inventore del dagherrotipo), che aveva addestrato con un pittore di panorami. Barker morì l'8 aprile 1806 e fu sepolto a Lambeth, nel Surrey. Anche il figlio maggiore di Barker, Thomas Edward Barker, sebbene non sia un artista, fu coinvolto nella gestione dell'azienda di famiglia, ma in seguito allestì una mostra panoramica rivale con il pittore Ramsay Richard Reinagle al 168/9 di The Strand, Londra. Come il figlio minore dell'ormai famoso artista, Henry Aston Barker, assistette e poi portò avanti la professione di pittura di suo padre e l'esposizione di panaorami. Nato a Glasgow, era, all'età di dodici anni iniziò a lavorare per disegnare i contorni della città di Edimburgo dall'alto del Calton Hill Observatory, e alcuni anni dopo realizzò i disegni per la vista di Londra da Albion Mills. In seguito ha realizzato incisioni dopo questi disegni. Nel 1788 Barker si trasferì a Londra con suo padre, e subito dopo divenne allievo della Royal Academy. Continuò ad essere il capo assistente del padre nei panorami fino alla morte di quest'ultimo nel 1806, quando, in qualità di esecutore testamentario, rilevò l'attività e portò avanti le mostre per 20 anni con grande successo. H. A. Panorama del Barker di Costantinopoli (1813, acquatint) Viaggiò spesso nel corso del suo lavoro e nell'agosto 1799 lasciò l'Inghilterra per la Turchia, per fare disegni per un panorama di Costantinopoli. A Palermo, ha chiamato Sir William Hamilton, l'ambasciatore inglese alla corte di Napoli, che lo ha presentato a Lord Nelson, il quale, ha scritto, "mi ha preso per mano e ha detto che era in debito con me per mantenere alta la fama di la sua vittoria nella battaglia del Nilo per un anno in più di quanto sarebbe durato secondo l'opinione pubblica "(promemoria di Barker). Il panorama di Costantinopoli fu esposto nel 1802 ei disegni furono incisi e pubblicati in quattro tavole. Nel 1801, Barker andò a Copenaghen per fare i disegni per un'immagine della battaglia, e mentre era lì fu nuovamente ricevuto da Nelson. Nel maggio 1802, durante la pace di Amiens, si reca a Parigi e realizza dei disegni per un panorama della città. Dopo questo molti altri panorami furono esposti, i successivi furono principalmente dai disegni di John Burford, che condivideva con Barker la proprietà in un panorama nello Strand, acquistato nel 1816 da suo fratello, Thomas Edward. Barker, tuttavia, viaggiò ancora di tanto in tanto e visitò, tra l'altro, Malta, dove fece i disegni del porto, esposti nel 1810 e nel 1812; Venezia, di cui fu esposto un panorama nel 1819; e l'Elba, dove fece la conoscenza di Napoleone. Dopo la battaglia di Waterloo, Barker visitò il campo e andò a Parigi, dove ottenne dagli ufficiali del quartier generale tutte le informazioni necessarie sull'argomento della battaglia. Fu pubblicata una serie di otto incisioni di John Burnett dagli schizzi originali di Barker del campo di battaglia, così come i suoi disegni di Gibilterra. Il suo ultimo grande panorama, esposto nel 1822, mostrava la processione dell'incoronazione di Giorgio IV. Di tutti i panorami esposti, quello della battaglia di Waterloo è stato il più riuscito e redditizio. Con la mostra di questa immagine Barker ha realizzato non meno di £ 10.000. Famose battaglie, come questo dipinto della 1812 battaglia di Borodino di Raevsky, erano un tema popolare per la visualizzazione panoramic a.Attualmente è esposta una mostra panoramica immersiva a Waterloo, in Belgio. Le battaglie famose, come questo dipinto della battaglia di Borodino del 1812 di Raevsky, erano un tema popolare per la visualizzazione panoramica. C'è attualmente una coinvolgente mostra panoramica Intorno al 1802 Barker sposò la maggiore delle sei figlie del contrammiraglio William Bligh, che comandava il Bounty al momento del celebre ammutinamento. Da lei Barker ha lasciato due figli e due figlie. Nel 1826 trasferì la gestione di entrambi i panorami a John e Robert Burford, e andò a vivere prima a Cheam, nel Surrey, e poi vicino a Bristol. Una vista esterna del Burford Panorama. Barker morì il 19 luglio 1856 a Belton vicino a Bristol. Un elenco della maggior parte dei panorami dipinti ed esibiti da Henry e Robert Barker è stato pubblicato su The Art Journal (1857, p. 47).
Informazioni storiche da Wikipedia.com.