L'indomabile signora Siddons

Mrs. Siddons - La vita di una delle più grandi attrici britanniche

"Ebbene, madre, ho fatto qualcosa per te che ti piacerà. Sono stato a teatro e mi sono assicurato un palco per domani sera. Non sono un bravo ragazzo? So che ami una commedia; e c'è spazio per tutti noi. Ne contiene nove. " Charles Musgrove, Persuasione
Il teatro di Regency Bath faceva parte della vita quotidiana. La società è andata per l'intrattenimento. Gli intrattenitori sono venuti a prendere le acque e ad esibirsi. Di tutti gli attori che hanno mai suonato lì, tuttavia, la più amata è stata Sarah Siddons. Sarah Siddons era la figlia del noto attore Richard Kimble ed era forse l'attrice tragica più acclamata dei suoi tempi. Nata il 5 luglio 1755, si esibì sul palco con la compagnia di suo padre in tenera età. Essendo la maggiore di 12 figli, era ben istruita e, secondo quanto riferito, piuttosto bella. Dopo essersi innamorata di uno dei membri del cast di suo padre, un William Siddons, è stata mandata via da casa per lavorare come Lady's Maid. Lì si esibiva per i suoi compagni di servizio e, occasionalmente, per gli ospiti. Nel novembre 1773, la diciottenne Sarah ottenne finalmente la benedizione dei suoi genitori e sposò William. Ora la signora Siddons era libera, ancora una volta, di perseguire la recitazione che amava. Sebbene viaggiasse con una piccola compagnia, non passò molto tempo prima che il suo talento fosse riconosciuto. Il suo successo è stato sufficiente per attirare l'attenzione di David Garrick, quindi prossimo alla fine della sua carriera. La portò a Londra nel 1775. Sfortunatamente, quando fece la sua prima apparizione a Drury Lane, nel ruolo di Portia nel Mercante di Venezia, Sarah Siddons fu un fiasco; un critico ha scritto: "È certamente molto carina, ma poi, che imbarazzo, e che cassettone scioccante ..." È partita per riprendere la vita in cui è nata, quella di un'attrice itinerante. È stato durante il viaggio che ha guadagnato la sua reputazione di essere la regina della tragedia. Tre anni dopo, è apparsa per la prima volta al Bath's Theatre Royal in The School for Scandal, dove è stata accolta da un pubblico entusiasta. Ha suonato in città per quattro stagioni (1778 / 9-1781 / 2), riscontrando il suo più grande successo come Lady Macbeth. Un ruolo che si dice abbia svolto alla perfezione. Ancora nel 1799 le folle fiancheggiavano le strade per una semplice occhiata di lei, e il pubblico onorava la recitazione intensamente emotiva di Siddons con "un'attenzione concentrata mentre era sul palco e il più forte plauso ad ogni uscita". Quando tornò a Londra nel 1782, il Drury Lane Theatre era sotto la direzione del drammaturgo Richard Sheridan, e Siddons era di gran moda nella moda di Bath. Nella sua "prima" stagione londinese ha suonato ottanta volte in sette parti diverse. Un contemporaneo ha scritto: "gli uomini piangevano e le donne svenivano o venivano uccise in preda a crisi isteriche". Fu salutata dal Morning Post come "la prima attrice tragica ora sul palcoscenico inglese". Nel 1783 fu nominata insegnante di elocuzione per i bambini reali. Questo, insieme alla sua recitazione, l'ha tenuta impegnata per anni. Nel 1803, lei e suo fratello John Philip Kemble si trasferirono al Covent Garden Theatre. Si ritirò dal palco il 29 giugno 1812, con un'esibizione finale come Lady Macbeth a Macbeth. I membri del pubblico hanno insistito sul fatto che lo spettacolo finisse alla fine della sua ultima scena e si dice che sia stata condotta a piangere dal palco. gli studiosi hanno suggerito che il suo "successo era dovuto alla sua completa concentrazione sul personaggio che interpretava: si identificava con un ruolo e sembrava posseduta da esso, ignara di tutto il resto intorno a lei. I suoi ritratti furono dipinti da Thomas Gainsborough, Sir Thomas Lawrence e Sir Joshua Reynolds; Reynolds ha intitolato il suo dipinto "La signora Siddons come la musa tragica". Uno scrittore ha affermato che "la passione emanava dal suo petto come da un santuario. Era la tragedia personificata". Un altro grande attore dell'epoca la descriveva come "un'attrice che non ha mai avuto eguali, né avrebbe mai potuto avere una superiore". Descritta come "bella, sensibile e intelligente, la sua presenza scenica era sorprendente; ma il suo temperamento poteva essere variabile, e c'erano molti dei suoi contemporanei che sostenevano che ispirava più ammirazione che affetto". Mentre viveva a Bath all'inizio della sua carriera, Sarah Siddons rimase al 2 di Abbey Green. La famiglia in seguito si trasferì a 33 the Paragon dove vissero per diversi anni tra gli impegni di recitazione. Sarah Siddons morì nel 1831 e fu sepolta a St. Mary's, Paddington. Si dice che 5.000 persone in lutto abbiano reso omaggio a una delle più grandi attrici inglesi. Una statua della signora Siddons è stata creata da Francis Legatt Chantrey e si trova nell'Abbazia di Westminster.

***** Scritto da Laura Boyle. Laura crea cappelli, cuffie, reticoli e altri accessori Regency su misura per Austentation, un sito e una boutique di storia della moda Regency.

* Informazioni biografiche citate da They Came to Bath. Altre fonti includono il Encyclopedia Britannica in linea.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati