Il corso di dessert Regency

Quando il dolce e il vino furono preparati e la signora Dashwood ed Elinor furono lasciate sole, rimasero a lungo insieme in una similitudine di premura e silenzio. Senso e sensibilità

Nel XVIII e XIX secolo, una cena formale era considerata più di un buon pasto. Era una specie di grande spettacolo. Il finale del pasto - il dessert - è stato il corso più elaborato e costoso della cena; e ha richiesto un pasticcere esperto per creare le spettacolari esposizioni di dessert della giornata. Il dessert comprendeva biscotti in grande varietà e amaretti serviti per immergersi in vini dolci e liquori. I biscotti allo zucchero che erano strettamente imparentati con le meringhe e le gimblettes de fleurs d'orange che erano grandi biscotti annodati erano popolari. I dessert più in voga - i ghiaccioli - venivano presentati in piccoli bicchieri da portata conosciuti come tasses à glaces ed è disponibile in una varietà di gusti tra cui: pistacchio, crespino e pane di segale. Il tavolo era decorato con sculture di pasta di zucchero (pastillage) in forme come cherubini e forme architettoniche che ricreavano in miniatura un giardino o un locale esotico. L'esposizione potrebbe decorare il tavolo da pranzo per tutta la cena o abbellire un tavolo da dessert speciale in un'altra stanza. Questo centrotavola era conosciuto come un altopiano. Era generalmente posizionato su uno specchio per aumentare la luce e includeva oggetti come templi e tutte le caratteristiche che di solito si trovano in un giardino come siepi a motivi decorativi (parterres) e fiori tutti creati con zucchero. Le sculture di pasta di zucchero potrebbero essere realizzate premendo la miscela di zucchero in un legno finemente intagliato muffe o scolpendo. Così il pasticcere sarebbe proprietario di una serie di stampi e speciali strumenti da intaglio. Oltre alle decorazioni del centrotavola, ogni ospite troverebbe un minuscolo cesto di zucchero a stampo pieni di caramelle o "frutta ingioiellata" accanto al loro posto. Anche il segnaposto potrebbe essere una scultura di zucchero, spesso a forma di stemma dell'ospite. La costosa ed eterea arte della pasta di zucchero del pasticcere cominciò a essere sostituita da una durevole porcellana non smaltata, nota come biscotto, che somigliava molto alla pasta di zucchero. La fabbrica francese di porcellane di Vincennes / Sèvres inizia a produrre figurine da tavolo in biscotti intorno al 1751. Nel 1790, la corte danese possedeva una collezione di 850 pezzi di porcellana destinati a decorare il tavolo da dessert che vanno dagli onnipresenti padiglioni, statue e urne a cascate e navi da guerra. Il Principe di Galles aveva una cucina di pasticceria separata nel suo padiglione di Brighton e teneva tre pasticceri nel suo staff in modo che potesse intrattenere nel migliore stile.
Sharon Wagoner è curatrice di L'indice georgiano. Visita questo sito per un tour storico attraverso la Regency London! Lettura consigliata: Feast: A History of Grand Eating di Roy Strong Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro Negozio di articoli da regalo Jane Austen per ricette e libri di galateo!