Salta al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Il processo di zia Jane

Aunt Jane's Trial - JaneAusten.co.uk
aunt janes trial

Il processo di zia Jane

Il processo della signora Jane Leigh Perrot - il Fonti primarie Di David Pugsley Discussioni sul processo di zia Jane e la questione se fosse innocente o colpevole è normalmente basata interamente sul conto di John Pinchard, comodamente ristampato in Mackinnon Grand Larceny (1937), come se non ci fosse altra fonte di informazioni e come se tutti i testimoni stessero dicendo la verità. Tuttavia, ci sono altre fonti contemporanee

  I. Le pubblicità in Bath Chronicle e altri giornali locali Jane Leigh Perrot

C'è una serie di annunci pubblicitari in Bath Chronicle per no. 1, Bath Street, vicino o di fronte al bagno del re: 14 maggio e 16 luglio 1795, Gregory & Co; 19 maggio 1796, 5 e 12 gennaio 1797, W Smith; 11 maggio 1797, Smith, "La signora Smith è anche appena restituita con un elegante assortimento di modisterie, ecc."; 29 giugno 1797, Smith; 8 novembre 1798, 28 marzo e 4 aprile, 21 novembre ("Il proprietario") 1799, 6 febbraio, 10 e 17 aprile e altre 11 date nel 1800; 10 date nel 1801; 12 date nel 1802; 10 date nel 1803, più 8 e 15 dicembre (morte di W. Smith); 8 date nel 1804; 9 date nel 1805; 8 date nel 1806, tra cui il 18 dicembre ("un posto vacante per un apprendista a Natale"); e 3 date nel 1807, che terminano il 19 marzo, tutta la signora Smith. Contrasta le prove di Elizabeth Gregory sotto esame incrociato da parte del sig. Dallas: “Testimone ha dichiarato di essere stata nel negozio per quasi cinque anni; lo teneva due anni; è sorella della signora Smith, che prima lo teneva; Mr Smith a Londra 8th Agosto; ha svolto affari per proprio conto, non a beneficio di Smith e moglie ”(Pinchard, p. 10).

Sotto ulteriore esame incrociato: “La signora Smith non aveva diritto a più profitti di quanto Testimone abbia scelto di darle ... ha acquistato e venduto per conto proprio e a suo nome; È consuetudine e vantaggioso che il vecchio nome sia continuato nei negozi, e a volte è stato fatto per anni dopo che una persona aveva rinunciato al commercio; Il nome di Smith è stato continuato alla porta solo con questa vista "(Pinchard, p. 12). (Elizabeth Gregory e Charles Filby hanno sfruttato l'assenza della signora Smith in Cornovaglia per cercare di fare un po 'di soldi per se stessi?) C'erano anche pubblicità per tre diversi account della prova:

  1. L'account di John Pinchard, pubblicato il 10 aprile, prezzo 2/- (Bath Chronicle; Leggendo Mercurio, Sherborne Mercury, 14 aprile, ecc.), Di cui non è più necessario dire.
  2. La seconda edizione del processo della signora Jane Leigh Perrot, stampata e venduta da W Gye, Market Place, Bath. Pubblicato il 10 aprile, prezzo 6d. La pubblicità in Bath Chronicle è accanto alla pubblicità della signora Smith per il negozio. (Confronta Mackinnon, p. 68: "Non ho scoperto che il" account Sixpenny "è stato effettivamente messo in evidenza.") Più dettagli di seguito.
  3. Il processo della signora Leigh Perrott, di Wm ​​Legge, Esq. del tempio, pubblicato il 24 aprile, prezzo diciotto pence, con note marginali (Bath Chronicle). Non sono stato in grado di trovare questo account. Il riferimento alle note marginali è allettante.
C'era anche un resoconto del processo nel Magazine di Lady; o compagno divertente per il sesso equo, appropriato esclusivamente al loro uso e divertimento Per aprile 1800, pubblicato il 1 maggio: vol. 31, pp. 171-176, con il noto ritratto della signora Leigh Perrot, che fu inciso appositamente per la rivista. Ii account di William Gye L'account nel Magazine di Lady (LM) segue John Pinchard in larga misura, ma ci sono differenze significative. Per esempio:
  1. Quando Filby ha avvolto il pizzo nero, "prese un pezzo di carta marrone bianca da sotto il bancone vicino a lui" (Pinchard, p. 15); "Ha preso un piccolo pezzo di carta vicino a lui" (LM, p. 173).
  2. Dopo che la zia Jane aveva lasciato il negozio, Filby scese in cucina e disse a Miss Gregory, e salì le scale (Pinchard, p. 17); Lei subito Salì le scale (LM, p. 174). "Testimone qualche tempo dopo è salito e ha trovato la signorina Gregory lì con la carta del pizzo bianco in mano ”(Pinchard); "Subito dopo Il testimone salì le scale nel negozio, ecc. " (LM). Quindi uscì a cercare la signora Leigh Perrot "e vide lei e suo marito girando l'angolo del cortile della chiesa dell'abbazia" (Pinchard, p. 18); “Chi lui subito Ho visto con suo marito ”(LM). “Il testimone ha visto prigioniero subito dopo questo è successo in strada dal cortile della chiesa dell'abbazia; Non so ma che c'era tempo per lei di essere tornata a casa se avesse scelto di farlo "(Pinchard, p. 24); "Pensa che potrebbe esserci stato il tempo tra il periodo del prigioniero che lascia il negozio e il testimone che la incontrava nel cortile della chiesa dell'Abbazia per essere tornata a casa se avesse soddisfatto" (LM, p. 175).
E ci sono alcune importanti omissioni:
  1. Alla fine dell'esame incrociato di Sarah Raines è intervenuto il giudice:
  2. D: Dici che non ha messo alcun pizzo bianco nel pacco con il nero; Come hai potuto sapere che non essere particolarmente attento?
  3. A: Ho visto che ha messo solo il pizzo nero.
  4. D: Ne sei certo?
  5. A: Sì, mio ​​Signore, lo sono. (Pinchard, p. 29).
I primi Q e A sono omessi da LM, p. 175, che altera totalmente l'effetto.
  1. Ciò che è più sorprendente è l'omissione in LM di ogni riferimento a William Gye, Lacon Lamb e William Smith e il riferimento molto limitato alla signora Smith. Dopo che Filby aveva visto il nome di Leigh Perrot sulla porta del no. 1, Paragon Buildings, "Quindi è andato da Gyee successivamente andò con Miss Gregory al municipio ”(Pinchard, p. 18), omesso in LM, p. 174.
Venerdì mattina Elizabeth Gregory "è rimasta due o tre ore da Mr Gye, che è di fronte al municipio" (Pinchard, p. 9), omesso in LM, p. 173. “Il pizzo era in possesso di Gye solo una notte; Lo ha restituito di nuovo per assistere al giorno successivo ”(Pinchard, pp. 9-10), omesso in LM. Non posso fare a meno di pensare che questa sia la versione della relazione di William Gye.

I paragrafi di apertura dell'account LM appaiono alla lettera nel Exeter Flying Post SU Giovedì 3 aprile, seguito da una versione abbreviata del resto. L'intero account appare nel Kentish Gazette SU Venerdì 4 aprile e nel Servizio dello Staffordshire SU Sabato 5 aprile, sotto il titolo:

L'interessante prova di

La signora Jane Lee Perrot.

Accusato di lifting del negozio, al Somerset Assimi,

Tenuto a Taunton, sabato scorso.

Include la sentenza: “Il testimone ha detto che il pizzo era stato in possesso di un signor Gye, di Bath, per una sola notte; che se lo restituì il giorno successivo. " Non vi è altro riferimento al sig. Gye in quell'account. Concludo che la versione originale di Gye è stata diffusa su una serie di giornali locali. Non avrebbe dovuto contenere alcun riferimento a lui. Presumibilmente era preoccupato per il rischio di un procedimento giudiziario per la cospirazione per il ricatto e desiderava prendere le distanze dalla relazione il più possibile. Quando fu notata la frase offensiva, fu pubblicata una seconda edizione, eliminandola, e questa era la versione pubblicata nel Magazine di Lady. La zia Jane sarebbe stata inorridita se avesse saputo che il suo ritratto illustrava il suo account. Le discussioni sul processo di zia Jane e la questione se fosse innocente o colpevole dovrebbe tenere conto di tutte le fonti primarie.

Questo giorno è pubblicato, Price 2s.

Con un piano del negozio di Miss Gregory,

Il processo della signora Leigh Perrot,

accusato di aver rubato una carta di pizzo nel negozio

di Elizabeth Gregory, Milliner e Haberdasher, in

BAGNO; davanti a Sir Soulled Lawrence, cavaliere, a Taunton

Assimi, il 29th del marzo 1800.

Preso in tribunale da

Mr Pinchard, avvocato, di Taunton.

Taunton, stampato da e per Thomas Norris; e venduto

da tutti i librai di Bath e Bristol; ...

Bath Chronicle, 10 aprile 1800, p. 2.  

Questo giorno è pubblicato, prezzo 6d.

La seconda edizione di

Il processo della signora Jane Leigh Perrot,

Come preso in breve, a Taunton Asszes, marzo

29th, 1800; in cui vengono dati i nomi del consulente e

Avvocati a favore e contro l'accusa; Elenco del

Giuria e i loro luoghi di dimora; apertura del processo da parte di

Mr Gibbs; Esame incrociato dei testimoni da parte della differ-

Consiglio per l'affitto; e il solenne della signora Leigh Perrot

Appello al bar; insieme a tutti i diversi

Testimonianie fornite da persone di distinzione e diverse

Commercianti di Bath, per quanto riguarda il carattere; e anche il sub-

posizione dell'accusa del giudice alla giuria.

Stampato e venduto da

  1. Gye, mercato, bagno;

E da avere dei rivenditori di libri a Bath, Bristol, Taun-

Ton, Bridgwater, Wells, Devizes, Marlborough, Reading,

e di Champance and Co. London.

Bath Chronicle, 10 aprile 1800, p. 3.  

SIG.RA. Leigh Perrott.

Questo giorno è pubblicato, prezzo diciotto pence,

Con note marginali,

Il processo della signora Leigh Perrott,

Di Wm. Legge, esq, del tempio.

Venduto da Crosby, Stationer, Pater-Noster-ROW,

Londra; e di Mr Cruttwell, Bath.

Bath Chronicle, 24 aprile 1800.  

Grandi occasioni!

Essere venduto, a e sotto il costo principale,

A beneficio della proprietà di

  1. Smith, deceduto,

Tutta lo stock appena selezionato e prezioso di

Lacci, Hosiery, Silk Mercery,

Purne, muschiani, merceria, ecc.

Al n. 1, Bath Street.

N.B. Tutte le persone in debito con la tenuta di cui sopra, lo sono

richiesto di pagare lo stesso nelle mani di M. Smith,

l'amministratore, al n. 1, Bath Street; --- e tutti per-

figli a cui è in debito la detta proprietà, si desidera

Invia i loro account.

Bath Chronicle, 8 e 15 dicembre 1803.  

Iii. La parte della storia di zia Jane

11 settembreth 1799.

Devo entrare in alcuni particolari, il mio caro Couz (Montague Cholmeley), anche se devi aver sentito abbastanza da farti conoscere in parte la nostra situazione. Sono passate cinque settimane da quando sono entrato Smith's, una merceria in Bath Street, per comprare un po 'di pizzo nero per tagliare un mantello; Quando l'avevo acquistato, il Shopman lo portò nell'ulteriore parte del negozio per metterlo su - questo avrebbe potuto colpire come qualcosa di particolare se non avessi dato all'uomo una nota di £ 5 per pagarmi e portarmi la differenza - quando lui Mi ho lasciato, ho girato dal bancone alla porta per catturare il mio Goodman che andava a bere la sua acqua generalmente è passato in quel modo. Quando l'uomo mi ha portato il mio cambiamento e il pacco ho lasciato il negozio portando il pacco in mano. Sono tornato a casa nello stesso modo in cui Perrot di solito arrivava e non ero andato lontano prima di incontrarlo. Andammo insieme al bagno di croce, ci fermammo a pagare una fattura di un commerciante e mentre avevamo una lettera da mettere nell'ufficio postale stavano attraversando Bath Street, dove avevo un'ora prima di comprare il mio pizzo; E quando ci siamo trovati di fronte al negozio la donna che mi aveva venduto il pizzo si imbatté in strada e mi accosceva con queste parole: 

  "Chiedo scusa, signora, ma c'era per errore una carta di pizzo bianco che ha tollerato il nero che hai comprato?"

Ho risposto che non potevo dirlo perché non ero stato a casa, ma lei poteva soddisfarmi perché il pacco non era mai stato fuori di mano - nel dire che glielo ho dato. Lo aprì e c'era una carta di bordo bianco che eliminò dicendo: "Oh eccolo", e tornò al negozio. Questo non mi ha sorpreso perché pensavo che potesse essere proceduto dalla fretta del negozio o dalla negligenza; Ma prima che arrivassimo al cortile della Chiesa dell'Abbazia, l'uomo che aveva portato via il mio pizzo per piegare, venne a desiderare di conoscere il mio nome e il luogo di dimora poiché non aveva mai messo quella carta di bordo bianco. Questo mi ha allarmato un buon affare perché non avevo chiesto il pizzo bianco né avevo visto qualcosa del genere nel negozio. Non ascoltare mai una sillaba sull'argomento dal giovedì fino al lunedì sera ho concluso che avevano scoperto come fosse originato il loro errore, ma al nostro ritorno dal passaggio di lunedì sera con alcuni amici, il servitore mi ha portato una lettera lasciata dal Penny Post - senza Nome o data, diretto alla signora Leigh Perrot, commerciante di pizzo, n. 1, pari, contenente queste linee: “I tuoi molti conoscenti in visita, prima che ti ammettano di nuovo nelle loro case penseranno che sia giusto sapere come sei venuto dal pezzo di pizzo rubato da Bath Street qualche giorno fa. Si dice che tuo marito sia a conoscenza. "

Mercoledì seguente (il 14th) Ero seduto nella camera da letto del mio caro Perrot quando la mia cameriera si avvicinò e disse che un gentiluomo nel salotto voleva parlarmi. Giudice del mio orrore quando scende per scoprire che era un agente con un mandato del sindaco per la mia apparizione immediata. Sono andato a perrot ammalato sul letto e in abbondante sudore, che dimenticando tutto tranne che il mio pericolo mi ha assistito e mi ha partecipato al sindaco, dove abbiamo trovato questi due disgraziati che avevano giurato solennemente, quello a vedermi prendere il pizzo, il Altro per trovare il suo pizzo al valore di 20/- in mio possesso. Questo certamente lo ha fatto, ma come è arrivato lì meglio possono dire, poiché il primo che abbia mai visto è stato sulla donna che ha svolto il giornale con il mio pizzo nero. Il sindaco e i magistrati, a cui eravamo ben noti, si sono lamentati del loro obbligato a impegnarmi in prigione per i giuramenti di queste persone. Potevano agire solo in grado di magistrati, qualunque cosa possano essere le loro opinioni private. In prigione sono stato inviato. J. L. P., Somerset & Dorset Note e query, Marzo 1924, 4-5. Questo passaggio omesso da Mackinnon, p. 20.  

David Pugsley, MA, BCL, Oxon; Hon LLD, Rouen, Hon Archivista del Circuito occidentale, è uno storico legale con una specialità nelle famose prove del West Country.
Salva Salva

2 commenti

William Gye was a well known Bath printer; but he was not a philanthropist, and the inscription on the floor of Bath Abbey does not say so. Philanthropists give their own money for worthy causes; they do not simply collect and distribute other people’s money. A printer with eleven children could hardly afford to give away his own money. Indeed he was accused by two of his employees of not even distributing all the money that he collected. “Under a pretence of Charity, he collects Money which he applies to his own use. This is one of the Virtues he deceives People with.” “I look upon a Religious Hypocrite to be the most dangerous of all sinners, & this Man under that disguise is employed to relieve distresses by Charitable People, whose Bounty is never half received by those for whom it is intended.” MacKinnon, Grand Larceny, 26-7. “His character has been long more than doubtful; on more occasions than one he has barely escaped punishment.” Mrs Foley, MacKinnon, 59. “Nineteen out of twenty gentlemen believe him to be the instigator for the prosecution against Mrs Le Perrot, well knowing his mercenary and artful Disposition. The writer wishes you to keep a watchful eye towards this Dark Hypocrite.” MacKinnon, 128.

Aunt Jane: “experienced criminal lawyer” would be more inclined to suspect that Mrs Leigh Perrot was a bit light-fingered. Mr Justice Butcher, High Court Judge and legal historian, says: “I have read about the lace with interest. Clearly not guilty in truth as well as in result. It makes you wonder though – how could the Judge take an hour to sum up when the jury had just heard the – limited – evidence?” John Morris, KC (1734-1814), for many years one of the leading counsel on the Western Circuit, wrote to James Leigh Perrot: “He was fully convinced of her innocence even from the accusation itself… He was satisfied of her innocence as soon as he knew the evidence originally given against her… He could not suffer his estimate of evidence (which his long professional habits have give him some pretensions to form) to be borne down by the common babbling & scandal of people neither able to judge or willing to enquire into the truth.” MacKinnon, 121.

David Pugsley

A bit tough on William Gye, a well known Bath printer and philanthropist buried in Bath Abbey after a funeral which 4000 local people attended. At the age of 22 he printed the first African slave narrative published in Britain. Throughout his life he campaigned for imprisoned debtors, raised funds for the local hospital and printed many devout Methodist tracts for the Countess of Huntingdon. His sympathies were with the underdog but it does not make him a villain or a liar. As an experienced criminal lawyer I’d be more inclined to suspect Mrs Leigh Perrot was a bit light fingered. Shoplifting often results from distress or depression and should never have been a capital offence. Great she was acquitted (get a clever lawyer down from London… it still works) but a bit of balance wouldn’t go amiss.

Ms Jane Hickman

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Per saperne di più

In Defence of Jane Austen - JaneAusten.co.uk
author

In difesa di Jane Austen

Di Rhian Helen Fender   “La signora Edwards pensa che tu sia ancora un bambino. Ma sappiamo meglio di così, no. " Così iniziò l'adattamento televisivo del 2008 del romanzo del 1811 di Jane Austen ...

Per saperne di più
She Was Only Anne - On Anne Elliot in Persuasion - JaneAusten.co.uk
Anne Elliot

Era solo Anne - Su Anne Elliot in Persuasion

Di solito non associamo Jane Austen alla tristezza o alla depressione. E questa volta, devo dire, ci sbagliamo: Jane non scriveva sempre di donne felici. In effetti, c'è un personaggio speciale che...

Per saperne di più
logo-paypal paypal