Non odio il bagno

 

 

specchio d'acqua circondato da un edificio marrone

Essendo una persona che sapeva poco del legame di Jane Austen con Bath, sono rimasto sorpreso dal fatto che solo il secondo giornale che ho guardato dopo il mio arrivo qui contenesse un articolo che descriveva il suo odio per la città. Ha affrontato brevemente il punto di vista opposto e ha fornito una "prova" solida, se non supponente, ma non riesce ad esplorare il valore del suo tempo qui - le implicazioni della sua esperienza in riferimento al suo lavoro nel suo complesso. Lavorando come stagista presso il Jane Austen Center, non sono sorpreso che esista un tale sbocco per l'autore e la sua esperienza della città. Nato e cresciuto a New York City, sono ben consapevole del significato degli attaccamenti storici e letterari per un vivace ambiente urbano.

Poiché Bath non possiede le dimensioni o la portata culturale di New York, i suoi collegamenti sono limitati, ma questo non vuol dire che siano meno importanti. Sono venuto qui e ho scoperto quanto sia pesante con i valori e le usanze del diciottesimo secolo tutto il lavoro di Austen, e accredito quasi tutte le sue astute interpretazioni al suo soggiorno a Bath. Jane Austen era sensibile al suo ambiente e pignola nelle sue osservazioni: criticava la sua società e la sua persona fino a un certo punto di scherno. Le pugnalate di Austen a una cultura in cui ha agito volontariamente sono ironiche.

Non odiava Bath, semplicemente odiava le differenze tra essa e la sua eredità rurale. Ha dettato un rapporto con la città che brulicava di amore e odio dipendente dai suoi vari stati d'animo, un rapporto che emerge sia nelle sue lettere che nei suoi romanzi. La prima visione di Austen di Bath come residente è stata mitigata dallo sgomento per aver dovuto lasciare la sua casa di campagna a Steventon.

Man mano che l'autrice si abituò alla folla e ai marciapiedi, nonostante la sua fondamentale antipatia per uno stile di vita urbano, scoprì che Bath poteva fornirgli una pausa soddisfacente: "e anche il concerto avrà più del suo solito fascino con me, poiché i giardini sono grandi abbastanza per me per andare abbastanza ben oltre la portata del suo suono. "

Cercava rifugio in tutto ciò che aveva un fascino naturale, giustamente, poiché era circondata da un'esibizione piuttosto innaturale di ricchezza materiale. Chiaramente, ciò che preoccupava Austen di Bath era che non era Steventon. Che era cavalcato da una cultura basata interamente su ciò che lei poteva solo tollerare. Questo spiega il suo trasferimento della città sulle pagine dei suoi romanzi, un luogo in cui potrebbe dissociarsi da essa e fornire una visione multiforme. Poteva esprimere sia il bene che il male attraverso gli occhi dei suoi personaggi.

Isabella Thorpe dell'Abbazia di Northanger incarna i pensieri di Austen nel "preferire la campagna a ogni altro posto". In un'affermazione contraria, Catherine Morland fa lo stesso: "Parlerò sempre di Bath, quando sarò di nuovo a casa - mi piace così tanto". Quest'ultima testimonianza ci assicura che la città aveva un potere duraturo per Austen come strumento per l'esplorazione letteraria e il commento sociale.

Nonostante le sue fluttuazioni emotive, resta il fatto che, essendo "non un'influenza formativa su di lei, ma piuttosto [fornendo] una più ampia sfera di osservazione, dove poteva misurare i costumi e la morale contro idee già formate," Bath "ha esteso la sua esperienza la sua comprensione della società contemporanea ". Senza di essa, la cultura di oggi mancherebbe di intuizioni e di un'accorta interpretazione di un tempo e di un luogo che possiamo solo immaginare. Jane Austen amava Bath per la sua miriade di idee, i suoi panorami, i suoni e l'apertura all'interpretazione.

Dara Cerv, nativa di New York, è una stagista presso il Jane Austen Center. Commenti e domande possono essere inviati a daracerv@hotmail.com