La Jane Austen è stata vaccinata?

 
Statua di Jane Austen che indossa una maschera medica
Foto: ophelia king, basingstoke gazzetta
 

Il testo di questo blog viene replicato con il tipo di autorizzazione dell'autore. Un collegamento al testo completo può essere trovato alla fine di questo articolo.

Con attenzione in tutto il mondo, e talvolta polemica, focalizzata sull'importanza delle vaccinazioni in questi giorni, e con un nuovo apprezzamento delle loro meraviglie come vediamo le statistiche della coronavirus che cadono drammaticamente in paesi ben forniti con siero, si guadagna una nuova prospettiva L'importanza della scienza medica al nostro mondo.

Ciò che deve essere stato come prima che sia stata scoperta qualsiasi tipo di inoculo contro la malattia? Quel pensiero mi ha portato a esaminare la storia dello sviluppo delle vaccinazioni. La storia dello sviluppo di questa scienza che germidava nel XVIII secolo mi ha portato a chiedere a quale fosse la difesa contro la malattia come nella Giornata di Jane Austen?

Pensavo che la storia avrebbe cominciato nel 1796 con l'uso del materiale di Edward Jenner da pustole di cowpox per fornire protezione contro il vaiolo. Sembra, però, che la storia attuale risale molto oltre. Esistono prove che i cinesi praticavano una forma di vaccinazione contro il vaiolo all'inizio dell'XI secolo. La pratica apparentemente si diffuse da lì in Africa e in Turchia prima di venire in Europa e in America. (Può essere trovata una timeline utile qui.)

Il primo sistema di immunizzare le persone contro il vaiolo era la variolation, piuttosto che la vaccinazione. Ciò ha comportato un processo di prendere materiale da una persona infetta nel tentativo di indurre un'infezione delicata, ma protettiva. La procedura era di strofinare il materiale da cuoti in polvere fluidi o fluidi da pustole in graffi superficiali realizzati nella pelle della persona inoculata.

Il normale processo di infezioni era per il virus diffuso attraverso l'aria, infettando prima la bocca, il naso o il tratto respiratorio, prima di diffondersi in tutto il corpo dal sistema linfatico, con conseguente grave malattia, deturpazione e spesso la morte. Al contrario, l'infezione della pelle di solito ha portato a un'infezione mondiata e localizzata, ma ancora ha indotto l'immunità al virus. Se il processo ha avuto successo il paziente svilupperebbe pustole come quelle causate da un vaiolo naturalmente acquisito, ma dopo poche settimane il paziente si riprenderebbe.

Nel 1775, l'anno della nascita di Jane Austen, e l'anno il "Family Feud" tra l'Inghilterra e le sue colonie americane stava iniziando, un'epidemia di valigetta scoppiò a Boston. Questo complicato assedio di George Washington dei Redcoats a Boston. Le truppe britanniche erano state variate o esposte alla malattia in passato, ma l'esercito continentale era vulnerabile.

Continua a leggere sul sito web di Donna Fletcher Crow

Donna Fletcher Crow è un membro permanente Janeite e membro di vita della Jane Austen Society of North America. È un frequente diffusore e blogger su soggetti austeneschi; ha scritto 2 romanzi di suspense letterali su Jane Austen: Un incontro Jane Austen e Una avventura più singolare; e recentemente ha iniziato una serie di video presentati nel Persona di Jane stessa: "Jane Austen dal Paradiso a Portsmouth" e "Jane Austen dal Paradiso a Lyme Regis.”  
Dice che Jane Austen e King Arthur sono stati i suoi grandi amori letterari fin dall'infanzia e sono la ragione per lei diventare un anglofilo e sviluppando una carriera come "il romanziere della storia britannica".

Se non vuoi perdere un ritmo quando si tratta di Jane Austen, assicurati di essere registrato fino al Jane Austen Newsletter Per aggiornamenti e sconti esclusivi da Il nostro negozio di articoli da regalo online.

1 commentare

Thank you so much for featuring my article! I’m delighted to have it shared with your readers—especially as I am an ardent fan of the Jane Austen Centre and Newsletter. Janeites Unite!!

Donna Fletcher Crow agosto 15, 2021

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati