Austen: Mantenerlo reale per 200 anni

Gentilmente riprodotto qui con il permesso della sua autrice, Laurie Viera Rigler, che è anche l'autore dei popolari romanzi di Jane Austen Addict.

Nel 200 ° anniversario della morte di Jane Austen, quale modo migliore per onorare questa straordinaria autrice che ringraziare per quello che ci ha lasciato? Per me, il suo lavoro è una guida senza tempo per vivere la vita nella zona dell'onestà, racchiusa in una serie di sei romanzi infinitamente leggibili. Se potessi assegnare un motto, un credo al canone di Austen, direi che potrebbe essere riassunto in questa riga di Pride and Prejudice: "Il travestimento di ogni tipo è la mia orrore". Il fatto che il signor Darcy pronunci questa frase mentre si trova nel bel mezzo di un grave fallimento della proposta di matrimonio lo rende ancora più risonante: Darcy può essere onesto, ma la brutalità della sua onestà indica che si sta nascondendo dietro il suo rabbioso orgoglio. Deve ancora smascherare quella parte del suo travestimento, ma essendo un eroe di Austen, sappiamo che lo farà. Questo è il genio di Austen, che chiama i suoi personaggi con i loro travestimenti e la loro disonestà. Il che li porta al loro momento di rivelazione, al loro grande arco di carattere e alla loro ricompensa finale: amore e felicità. tramite GIPHY Lungo la strada, Austen ci fa ridere, il che rende le dure verità più facili da sopportare. E così possiamo iniziare a vedere noi stessi in tutto questo. Questo è Austen: mantenerci reali e chiamarci. Lo fa da 200 anni. E questa non è un'impresa da poco per qualcuno che ha vissuto in una società in cui le obiezioni, i rifiuti e le smentite educate erano una questione di forma socialmente obbligata. Ecco 10 gemme della saggezza di Austen per aiutarti a raggiungere il tuo arco personale. 1. Un vero amico è quello che ha il coraggio di dirti la brutta verità. In Emma, ​​il signor Knightley era l'unica persona con il coraggio di dire a Emma che il suo modo di trattare la signora Bates era crudele. Emma era scioccata e rimproverata. E si è messo a fare ammenda. Il che la mise anche sulla strada per rendersi conto che la prepotenza di Knightley era forse solo un po 'attraente; nessun graffio che, super caldo. 2. L'autodistruzione NON è romantica. In Ragione e sentimento, una Marianne affranta era sulla buona strada per un suicidio passivo. Quando si rese conto, una volta guarita, la sua ostinata negligenza sulla scia di un devastante crepacuore non era altro che egocentrismo. Come confessò a sua sorella Elinor: «Mi meraviglio della mia guarigione, mi chiedo che la stessa ansia del mio desiderio di vivere, di avere tempo per l'espiazione del mio Dio e di tutti voi, non mi abbia ucciso subito. Se fossi morto, in quale strana miseria avrei dovuto lasciarti, mia infermiera, mia amica, mia sorella! " 3. Diventerai (o lo sei già) la cosa che giudichi. Elizabeth Bennet spende una buona parte di Orgoglio e Pregiudizio giudicando Mr Darcy per il suo orgoglio e la sua arroganza. Fino a quando non si rende conto che anche lei ha mostrato esattamente le qualità per le quali non le piaceva: “Se fossi stata innamorata, non avrei potuto essere più miseramente cieca. Ma la vanità, non l'amore, è stata la mia follia ... Fino a questo momento, non ho mai conosciuto me stesso. " 4. Discernere con quale libro vivi la tua vita. Anche se questo stesso post suggerisce che il canone di Austen è pieno di saggezza da vivere, è importante sottolineare che non si dovrebbe applicare questo consiglio a tutti gli altri libri che potrebbero piacerti. In altre parole, non c'è alcun sostituto per il discernimento. Come scoprì Catherine Morland dell'Abbazia di Northanger, solo perché i romanzi horror gotici la entusiasmavano, non significava che fossero anche pieni di lezioni di vita. Pertanto, se leggere romanzi horror ti fa pensare che ogni persona che non ti piace debba essere anche un assassino con l'ascia, potresti prendere in considerazione l'idea di cambiare genere. tramite GIPHY 5. Non sei mai impotente, anche se sei un creepmouse. Henry Tilney dell'Abbazia di Northanger ha affermato che le donne hanno "solo il potere di rifiuto". Ma a Mansfield Park, Fanny Price mostra quanto possa essere potente il rifiuto. Il suo rifiuto di Henry Crawford scatena una catena di eventi che si traduce in scandalo, divorzio, crepacuore e che quasi mette in ginocchio una potente famiglia. Non che lo faccia per il potere o addirittura pensi a se stessa come potente. È stata una timida zerbino che rinuncia a se stessa e un parente povero trascurato per così tanto tempo che a malapena riusciva a concepire se stessa come potente. Potrebbe non essere la più eccitante o carismatica delle eroine di Austen, ma quella ragazza mostra una notevole spina dorsale, determinazione e coraggio nel resistere praticamente a tutti. Sa che Henry Crawford è sbagliato per lei, e questo è tutto quello che c'è da fare. BTW,Vale la pena leggere la difesa di Fanny Price da parte della Paris Review. 6. Sii un acuto osservatore. Anne Elliot può sembrare un'eroina passiva, ma le sue acute osservazioni della natura umana sono quasi come un superpotere, proprio come la stessa Austen. Caso in questione: nonostante il capitano Wentworth ostentasse la sua presunta indifferenza nei suoi confronti prestando pubblicamente molta attenzione a Louisa Musgrove, Anne sapeva che non era innamorato di Louisa. C'erano stati un sacco di rigetti pungenti, e così anche dopo che Anne aveva saputo che Louisa stava per sposare qualcun altro e che il Capitano Wentworth era ora, come Anne, a Bath, la maggior parte delle donne avrebbe avuto bisogno dell'equivalente di testa per convincerli che quest'uomo aveva il minimo interesse per lei. Eppure Anne sapeva, da una singola conversazione in un luogo pubblico, che aveva molto di più che il minimo interesse per lei. "La sua scelta dei soggetti, le sue espressioni, e ancora più i suoi modi e il suo sguardo, erano stati come lei poteva vedere in una sola luce ... tutti dichiaravano che aveva un cuore che tornava a lei almeno ... Non poteva contemplare il cambiamento come implicando meno. Deve amarla. " Davvero superpotere. 7. Ammetti di non sapere tutto. Emma è il supremo saputello di Austen. E come la maggior parte dei saputelli, non sa niente. Emma si immagina una sensale mentre continua a interpretare male una situazione dopo l'altra, soprattutto quelle che si applicano a se stessa. È così impegnata a spostare le persone in giro come pezzi degli scacchi che non riesce a vedere il danno che sta infliggendo. Fino a quando, cioè, la sua amica Harriet Smith decide di innamorarsi dell'unico uomo che potrebbe effettivamente ispirare Emma a riconsiderare la sua decisione di non sposarsi. Per fortuna, questa è Austen, il che significa che Emma ha la sua rivelazione, si pente della sua arroganza e tutto è felice per sempre. 8. Un buon viso non garantisce un buon cuore. Quanti di noi si sono innamorati di qualcuno così meraviglioso che sappiamo solo che deve avere un cuore da abbinare? E a volte, quella persona meravigliosa è davvero, davvero brava a nascondere chi è veramente. Ed è così che Marianne si innamora di Willoughby, ed Elizabeth Bennet (brevemente) si innamora di Wickham. Ed è per questo che ancora una volta il discernimento e l'osservazione sono qualità chiave da coltivare. Perché ammettiamolo, se Marianne (ed Elinor e la loro madre) non fossero state così innamorate di Willoughby, si sarebbero chiesti ad alta voce molto prima sul motivo per cui l'uomo non si è proposto a Marianne. Dopotutto, questa è un'epoca in cui gli uomini propongono dopo qualche ballo e magari una cena. E questo tizio ha praticamente vissuto a casa loro da molto più tempo. Per quanto riguarda Wickham, Elizabeth in seguito ammette a se stessa, quando vengono fuori spiacevoli verità, che era altamente inappropriato per lui condividere con lei le sue lamentele personali contro Darcy quasi non appena si erano incontrati. tramite GIPHY 9. Un rastrello riformato è un ossimoro. Non posso fare a meno di essere triste per questo, specialmente quando si tratta di Henry Crawford di Mansfield Park. Volevo davvero che fosse reale, e volevo davvero che sposasse Fanny Price. Perché Fanny Price più Edmund Bertram è praticamente noioso. Siamo spiacenti. Ma sono felici, quindi mi smenterò di essere felice per loro. E continuerò a meravigliare la brillantezza di Austen nel creare una storia che avrebbe potuto avere un finale alternativo. Un finale alternativo molto plausibile. E che mi inganno a pensare può accadere ogni volta che ri leggo il libro. Ma non può succedere. Perché? Perché un giocatore è un giocatore è un giocatore. E non possiamo avere un'eroina Austen che sposa un giocatore. 10. La crudeltà non va bene. Anche quando è allettante. Chi non sarebbe tentato di ridere del signor Rushworth di Mansfield Park? L'uomo potrebbe anche indossare un bersaglio nella schiena con il suo mantello rosa e i suoi "due-e-quaranta discorsi" e la sua generale mancanza di materia grigia. Ma è un essere umano, e Fanny Price, essendo un'anima gentile e compassionevole, ha pietà di lui. Lei lo aiuta e lo allena, poiché sembra essere fondamentalmente incapace di imparare le sue battute quanto è dolorosamente consapevole di quanta attenzione sua futura moglie stia prestando a un altro uomo. La gentilezza non sembra sempre essere tanto divertente quanto fare di qualcun altro il culo delle nostre battute, ma è la cosa giusta, la cosa umana, la cosa decente, da fare. E dannazione, signorina Austen, ci fa comunque ridere del mantello rosa del signor Rushworth. Quali gemme della saggezza austen hai scoperto?
Laurie Viera Rigler è l'autrice della serie Jane Austen Addict. Visitala sul suo sito webwww.janeaustenaddict.com