Cos'è il discorso indiretto libero?

Come Jane Austen permette ai suoi personaggi di ingannare se stessi: stile indiretto libero e perché è importante

Piega centrale di un libro

Quando Jane Austen scriveva i suoi romanzi, tra la fine del diciottesimo e l'inizio del diciannovesimo secolo, scriveva avendo avuto poca educazione formale di cui parlare. Né era uscita da una famiglia straordinariamente artistica, eppure lei stessa, scrivendo, stava realizzando qualcosa di straordinario. Stava scrivendo in uno stile nuovo ed emergente che stava cambiando ciò che era possibile realizzare con l'arte della narrazione. Questo stile di scrittura è quello che ora è diventato noto come Stile Indiretto Libero (o Discorso Indiretto Libero / Discorso Indiretto Libero).

Il discorso indiretto libero è una forma di narrazione scritta in terza persona pur mantenendo alcuni elementi essenziali di un narratore in prima persona. L'autore può così descrivere il funzionamento interno dei loro personaggi; le loro emozioni e pensieri privati, pur rimanendo a distanza di osservazione. Ciò consente al narratore di "scavare dentro e fuori" i pensieri di qualsiasi personaggio scelga. Lo stile Libero Indiretto consente all'autore di riuscire in qualche modo a combinare l'obiettività distaccata di una narrazione in terza persona con la voce personale, parziale e spesso prevenuta di un narratore in prima persona.

Austen utilizza questo metodo di narrazione per darci una vivida visione dei mondi interiori dei suoi personaggi. A volte per farci entrare in empatia con il loro dolore e imbarazzo, a volte per ridere di loro e molto spesso per farci capire quanto le persone possano essere fuorvianti e ridicole nei confronti delle proprie emozioni. La notte in cui Marianne Dashwood è stata abbandonata per la prima volta da Willoughby, Jane Austen descrive come la sua giovane eroina decide di essere all'altezza dei suoi principi romantici.

 

«Marianne si sarebbe ritenuta imperdonabile se fosse riuscita a dormire la prima notte dopo essersi separata da Willoughby.

Si sarebbe vergognata di guardare in faccia la sua famiglia la mattina dopo, se non si fosse alzata dal letto con più bisogno di riposo di quando vi si sdraiava ". (Cap. 16)

 

Questo è un esempio abbastanza sottile dell'uso di Jane Austen dello stile indiretto libero, ma ci trasmette qualcosa di come Marianne vede i suoi doveri di donna innamorata. Austen offre un'ulteriore visione del modo di pensare dell'adolescente Marianne quando descrive il suo atteggiamento nei confronti dello stato mentale e del corpo del colonnello Brandon, essendo un uomo sulla trentina.

 

“(…) Era abbastanza ragionevole da permettere che un uomo di trentacinque anni potesse benissimo essere sopravvissuto a ogni acutezza di sentimenti e ad ogni squisito potere di godimento. Era perfettamente disposta a tener conto dello stato di vita avanzato del colonnello che l'umanità richiedeva ". (Cap. 7)

 

Entrambi gli esempi precedenti sono scritti dal punto di vista di un narratore in terza persona, ma la voce del narratore parla attraverso la bocca del personaggio, parlando come farebbero anche quando non dicono nulla ad alta voce. La comprensione di Marianne del personaggio del Colonnello Brandon è destinata a cambiare man mano che la storia si svolge, e questa è una narrazione in sé e per sé. Il viaggio della mente e del personaggio di Marianne è una storia che si svolge in due modi; sia esternamente, nella forma delle sue azioni e del suo linguaggio, sia internamente, a cui Austen accenna in modo sottile e giocoso in tutto il romanzo.
    

Allo stesso modo, una delle nostre eroine della Austen più sbagliate, Emma, ​​è destinata a cambiare idea sui sentimenti e le motivazioni delle persone che la circondano. Jane Austen ci accompagna attraverso una delle delusioni e dei calcoli errati di Emma quando descrive un incontro tra Emma e Frank Churchill.

 

“Si è fermato di nuovo, si è rialzato e sembrava piuttosto imbarazzato. Era più innamorato di lei di quanto Emma avesse supposto; e chi può dire come sarebbe andata a finire se suo padre non fosse apparso?
Il signor Woodhouse lo seguì presto; e la necessità dello sforzo lo rese composto. " (Cap. 12)

 

Qui, Austen descrive l'azione della scena; Emma e Frank Churchill sono soli insieme per alcuni istanti prima che i loro padri appaiano. Frank sembra agitato e impacciato. Queste sono osservazioni che qualsiasi scrittore avrebbe potuto fare in un caso del genere, ma Austen fa un ulteriore passo avanti aggiungendo l'interpretazione di Emma del comportamento di Frank. A questo punto del romanzo, Emma ha già deciso che crede che Frank sia innamorato di lei, e Austen fa poco per correggerla. Non segue questa descrizione indiretta del pensiero di Emma, ​​dicendo direttamente al lettore che si sbaglia sui sentimenti di Frank. Come Marianne, Emma deve intraprendere un viaggio per imparare l'errore del suo modo di pensare e riguardo al mondo che la circonda. Questo è un viaggio in cui noi, come lettori, stiamo arrivando. Anche se sappiamo bene che Emma si sta illudendo, la seguiamo, in lontananza, osservando e pregando affinché possa presto imparare ad essere più saggia.

Come accennato in precedenza, lo stile indiretto libero consente alla Austen di trasmettere i pensieri e i sentimenti più intimi di uno qualsiasi dei suoi personaggi dalla sua comoda posizione a volo d'uccello dell'autrice onnisciente, e non sono solo i pensieri delle sue eroine che lei consente ai suoi lettori di approfondire. Mentre l'eroina scelta è quella su cui poggia gli occhi del narratore per la maggior parte dei romanzi, ci sono momenti in cui Austen ci lascia intravedere i pensieri di coloro che li circondano. Questo può essere particolarmente efficace quando è l'interesse amoroso maschile della nostra eroina. Nella persuasione, il capitano Wentworth è appena tornato nella vita del suo vecchio amore Anne Elliot, quando Jane Austen riassume così i suoi sentimenti nei suoi confronti.

«L'aveva creduta miseramente alterata e, nel primo momento dell'appello, aveva parlato come si sentiva. Non aveva perdonato Anne Elliot. Lo aveva usato male, abbandonato e deluso; e peggio, aveva mostrato una debolezza di carattere nel farlo (...) Era stato molto affezionato a lei e non aveva mai visto una donna da quando la considerava uguale; ma (...) non aveva alcun desiderio di incontrarla di nuovo. Il suo potere con lui era svanito per sempre. " (Cap. 7)

 

Sappiamo che questa affermazione finale è falsa quelli di noi che hanno letto il finale del romanzo, ma sono forse le due parole "e peggio" che ci dicono che il narratore sta parlando la mente del capitano Wentworth e mostrando il suo processo di auto delusione. Queste due parole hanno un grado di soggettività al loro interno, che probabilmente deve appartenere a un personaggio all'interno della storia che all'autore stesso e distaccato. Questa è anche la parte del romanzo in cui ci allontaniamo dal Capitano Wentworth, e dobbiamo aspettare con Anne stessa che la verità dei suoi sentimenti diventi evidente per lui e che ne derivi una felice conclusione.


Pertanto, Austen utilizza il discorso indiretto libero per arricchire la sua narrativa e approfondire l'interazione del lettore con i suoi personaggi. Non molti scrittori prima del suo tempo avrebbero scritto in questo modo innovativo e creativo. È stata davvero una delle primissime a farlo molto prima che questo stile di scrittura avesse un nome. Riassumendo, Jane Austen era una scrittrice brillantemente abile e abilmente astuta, ma nessuno di noi si lasciò ingannare da questo fatto.


Eravamo noi?

Anna-Christina Rod Østergaard è una studentessa universitaria di 26 anni, attualmente studia per un master in inglese e filosofia presso l'Università di Aalborg in Danimarca. Lei rLegge ogni romanzo della Austen almeno una volta all'anno e raramente legge un libro che abbia meno di un secolo. È un'amante della storia, della letteratura, del folklore, delle fiabe e, ovviamente, di Jane Austen. Se anche tu, come Anna-Christina, vorresti dare un contributo al blog di Jane Austen, leggi le nostre istruzioni su come Invia un blog

 

3 commentare

Wonderful aspect of Jane Austen’s
Writing !!

Elizabeth Bryan Rhode novembre 01, 2020

Very interesting article to read. Anna Christina has given me an even greater appreciation of Jane Austen and her character descriptions. No matter what century we are reading Jane we get her. Amazing.

Irene Mulcahy novembre 01, 2020

Very interesting article to read. Anna Christina has given me an even greater appreciation of Jane Austen and her character descriptions. No matter what century we are reading Jane we get her. Amazing.

Irene Mulcahy novembre 01, 2020

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati