Cordiali saluti: Jane Austen's Heroes

Cordiali saluti: Jane Austen's Heroes

Contenuto originale di Rhian Fender
“Certamente c'è stata una grande cattiva gestione nell'istruzione di quei due giovani. Uno ha tutta la bontà e l'altro tutta l'apparenza. " (Mr Darcy e Mr Wickham di Pride and Prejudice)
Durante la fine del diciottesimo e diciannovesimo secolo, c'era una virtù che fu strenuamente promossa tra gli uomini: la sincerità. Nel novembre 1844, il giovane Lord Ashley dichiarò: “Dobbiamo avere cose più nobili, più profonde e più dure, meno raffinatezza e più verità; più dell'interno, non tanto dell'esterno, gentiluomo. " Ispirata dal fenomeno culturale del medievalismo e dalla conseguente rinascita dell'importanza della cavalleria, la natura stessa della mascolinità cominciò a essere messa in discussione e adattata alle convenzioni della società. La società "educata" del diciottesimo secolo in cui nacque Jane Austen non era la più adatta alla vera cavalleria, poiché la "gentilezza" era sinonimo di status e ricchezza, piuttosto che la bontà intrinseca sostenuta dal codice cavalleresco medievale, che sottolineava il importanza di tratti quali generosità, lealtà, dovere e devozione. Una figura che si può sostenere rappresenta veramente questa società era Lord Chesterton, le cui lettere a suo figlio illustravano la facciata di sincerità che molti creavano, istruendo suo figlio a “stare in guardia, eppure; da un'apparente apertura naturale, per allontanare le persone dalla loro ". La richiesta di maggiore autenticità ha portato a considerare la "gentilezza" come piuttosto obsoleta, con la "virilità" che emerge come l'ideale maschile. Questa considerazione della mascolinità è evidente nel lavoro di Jane Austen, con gli eroi dei romanzi che incarnano lo spirito della virilità. Il sempre popolare Mr Darcy di Austen's Orgoglio e pregiudizio indubbiamente non fa la migliore prima impressione, descritto come "altezzoso, riservato e schizzinoso, e le sue maniere, sebbene educate, non erano invitanti", oltre ad insultare piuttosto pubblicamente l'eroina del romanzo. È una sorpresa per Elizabeth Bennet, quindi, quando Darcy la cerca per professare "quanto ardentemente ti ammiro e ti amo". La prima proposta di Darcy è tutt'altro che educata - la sua descrizione dell'inferiorità di Elizabeth consente al lettore di comprendere perfettamente come lei possa rifiutare i suoi diecimila ben noti e ammirati all'anno - ma una cosa non può essere negata: la sua sincerità. Darcy crede veramente che la sua posizione di padrone della grande tenuta di Pemberley meriti una considerazione del lignaggio della sua futura moglie, e la sua proposta ad Elizabeth, sebbene difficilmente lusinghiera, è infallibilmente onesta. Allo stesso modo, Austen è attento a sottolineare la profondità della sua emozione, sottolineando i sentimenti che Darcy ha "provato a lungo per lei". In effetti, la dichiarazione di Elizabeth che "mi ha risparmiato la preoccupazione che avrei potuto provare nel rifiutarti, se ti fossi comportato in modo più gentiluomo" vede il Darcy, solitamente composto, visibilmente "inizia da questo", e la sincera profondità della sua emozione è evidente quando “uscì frettolosamente dalla stanza”. La sincerità di Darcy è evidente anche nel suo amore per la verità. La famigerata lettera di Darcy a Elizabeth in seguito alla proposta fallita è descritta come "una fedele narrazione di ogni evento", mentre Darcy è particolarmente infelice quando scopre che la zia di Elizabeth ha detto a sua nipote del suo ruolo nel matrimonio di Wickham e Lydia, dichiarando "L'ho fatto non credo che la signora Gardiner fosse così poco affidabile. " Non sono solo le parole di Darcy, ma anche le sue azioni a rivelare la sua sincerità. I tentativi di Darcy di scoprire gli amanti, e il suo successo nell'assicurare il loro matrimonio, è fatto per il suo amore per Elizabeth, e quell'amore solo. In effetti, è "estremamente dispiaciuto" che lei scopra le sue azioni. Allo stesso modo, Persuasione La sostanza dell'eroe Capitano Wentworth è mostrata nelle sue azioni sottili nei confronti dell'eroina, Anne Elliot. In una scena in particolare, Anne lotta con i figli di sua sorella e Wentworth dimostra la falsità della sua apparente indifferenza verso la donna che lo ha respinto: "la sua gentilezza nel farsi avanti per il suo sollievo, il modo, il silenzio in cui era passato." Un altro esempio della silenziosa devozione di Wentworth è nella sua determinazione a vedere Anne, stanca per il suo cammino, portata a casa con sua sorella in una carrozza. Come riflette Anne:
"Sì; l'aveva fatto. Era nella carrozza e sentiva che lui si era messo lì, che la sua volontà e le sue mani l'avevano fatto, che lo doveva alla sua percezione della sua fatica e alla sua decisione di darle riposo ".
brock_illustration_for_persuasion In un modo simile alla proposta di Darcy, Austen non lascia al lettore alcun dubbio sulla profondità dell'emozione provata da Wentworth per Anne. In effetti, la lettera di Wentworth ad Anne mette in gioco il suo cuore e la sua anima, non nascondendo nulla, sincero in tutto: "Mi trafiggi l'anima. Sono metà agonia, metà speranza. " Il traditore Elliot può dimostrare che "l'aveva guardata [Anne] con una certa serietà" quando le è capitato per la prima volta a Lyme, ma Austen permette al lettore di conoscere il vero valore e la sincerità degli "occhi di ardente supplica" di Wentworth attraverso la sua sfacciata confessione del suo eterno amore per Anne. Mr Knightley di Austen's Emma usa il vocabolario della "gentilezza", con un'educazione elitaria e una conoscenza del francese - in questo momento un segno di raffinatezza - ma il suo carattere evoca quei valori che dovevano emergere come l'essenza del "nuovo" gentiluomo. Knightley non è mai scortese, eppure non falsifica la gentilezza; le sue emozioni pubblicizzate sono una manifestazione dei suoi veri sentimenti. Questa sincerità è più evidente nel discorso di Knightley con Emma; è lei che cerca di accontentare meno, perché sarebbe a scapito della verità. Knightley rimprovera spesso Emma quando lo ritiene necessario, indipendentemente dalla sua conoscenza del carattere di Emma - lei non prende gentilmente le critiche - e lui rischia di perderla a causa della sua onestà. Mentre quelli del diciottesimo secolo potrebbero ritenere il discorso franco di Knightley come scortese, non c'è dubbio che ogni parola sia sincera. Knightly apprezza chiaramente la sincerità rispetto a un senso sbagliato di adulazione sociale. Knightley evoca anche la convinzione cavalleresca nella protezione delle donne quando difende la signorina Bates, che Emma deride spietatamente durante un'uscita. Una donna anziana vulnerabile di circostanze ridotte, Miss Bates presenta a Knightley un individuo debole che merita e richiede la sua protezione. Knightley esclama ad Emma: "Devo parlarti ancora una volta come ero abituato a fare", nonostante il potenziale costo della loro relazione. Knightley trasuda anche galanteria quando invita Harriet Smith a ballare al ballo, affrettandosi a salvarla dall'umiliazione che il signor Elton le ha inflitto rifiutandosi così pubblicamente di ballare con lei. Anche a rischio di isolare Emma per sempre, e il possibile giudizio degli altri ballando con una giovane donna illegittima, la sincera convinzione di Knightley nell'onestà e nel fare la cosa giusta dimostrano che riflette il cambiamento della mascolinità durante la vita di Austen. La sincerità e la nobile natura degli eroi di Jane Austen sono, ovviamente, tanto più evidenti se confrontate con la natura degli altri uomini nei suoi romanzi, quelli che emergono come cattivi e rastrelli. Austen dà spesso piccoli suggerimenti sul vero valore dei suoi personaggi maschili, di solito attraverso la descrizione iniziale. Ad esempio, quelli che inizialmente sono più piacevoli di aspetto sono di solito quelli più carenti di virtù meritevoli. La prima descrizione di Austen del signor Wickham afferma che "il suo aspetto era molto a suo favore; aveva tutta la parte migliore della bellezza, un bel viso, una bella figura e un indirizzo molto piacevole. " George Wickham è considerato il superiore tra i suoi colleghi ufficiali, "perfettamente corretto e senza pretese". Questi tratti, sebbene apparentemente lodevoli, sono a un esame più attento semplici formalità dell'età della "gentilezza". Per quanto piacevole possa essere un aspetto facile e felice, non suggerisce nulla del vero valore di un uomo. L'acuto spirito e l'ironia di Austen sono evidenti quando Wickham dichiara che il mondo "lo vede [Darcy] solo come sceglie di essere visto", poiché Darcy è indifferente alla stima del suo valore da parte del mondo, mentre la persona accuratamente elaborata di Wickham di amico respinto e offeso sciocca tutti, anche - per qualche tempo - l'eroina del romanzo, mascherando la sua vera natura disonesta. Emma afferma che il giovane Frank Churchill è amabile, un gentiluomo educato, con la lodevole capacità di "adattare la sua conversazione ai gusti di tutti" e di essere "universalmente gradevole". Sono proprio questi tratti, tuttavia, che rendono Churchill così insopportabile per Knightley che, come uomo che aderisce al nuovo codice sincero della mascolinità, sa che le virtù apparenti sono mere lusinghe, una persona costruita con cura, che lo porta a sostenere che non c'è "nulla di veramente amabile" in Churchill. Il contrasto più netto tra Knightley e Churchill è dimostrato nella loro comprensione del dovere. Churchill spesso non fa visita a suo padre, dichiarandosi incapace di lasciare la sua anziana zia. Knightley non accetta questa scusa, proclamando:
“C'è una cosa, Emma, ​​che un uomo può sempre fare, se sceglie, e cioè il suo dovere; non manovrando e perfezionando, ma con vigore e risoluzione. "
Allo stesso modo, il signor Elton è descritto come "un giovanotto molto carino e un giovanotto molto buono", ma in verità c'è poco di buono nel suo carattere. Emma e la sua amica Harriet Smith, prive della perspicacia di Knightley, sono indotte a credere che l'apparenza del sentimento ne assicuri l'esistenza nella virtù interiore. È solo quando la persona accuratamente elaborata di Elton scivola che Emma è in grado di discernere che i suoi modi educati non sono che "una farsa". Elton rivela il suo vero io più violentemente quando Emma dichiara di credere che lui si prende cura di Harriet: "[Non] mi è mai importato se fosse viva o morta ... sul mio onore!" L'insensibile stima di Elton del valore di Harriet, fondata sulla posizione sociale piuttosto che sulla virtù interiore, rivela la sua mancanza di integrità. La sua dichiarazione "sul mio onore" è una conclusione farsesca alla sua crudele valutazione di Harriet, data la sua totale mancanza di onore. Le preoccupazioni di Churchill ed Elton per l'apparenza al di sopra della sincerità dimostrano che sono molto meno che eroici. Gli eroi di Jane Austen hanno molti difetti: tra questi, Darcy troppo orgoglioso, Tilney troppo cinico e Wentworth troppo spietato. Eppure sono proprio questi difetti, questi atteggiamenti spudorati e molto umani della loro anima che li rendono i veri eroi dei romanzi amati. Gli eroi hanno resistito alla prova del tempo perché vediamo questi difetti per quello che sono: la manifestazione sincera dei pensieri e dei sentimenti di questi signori. Willoughby, Wickham, Thorpe: hanno tutti l'aspetto di cavalleria e nobiltà, ma nessuno lo possiede realmente. Jane Austen usa così i suoi romanzi per dichiarare che le facciate svaniscono: la vera sincerità, spesso così sottile, è il vero segno di un eroe.
Rhian Helen Fender scrive: “Dopo una visione casuale della BBC Orgoglio e pregiudizio dramma in tenera età, è iniziato il mio amore per i romanzi di Jane Austen. Questa ammirazione per le opere letterarie mi ha fatto apprezzare molti adattamenti, sequel e spin-off, oltre a rileggere più volte i testi originali. Questo interesse ha molto plasmato i miei studi accademici, che hanno portato alla tesi finale della mia laurea in storia che esplora l'ideale mutevole della mascolinità durante la vita di Jane Austen ".

Ti piacciono gli eroi di Jane Austen? Dai un'occhiata al nostro I sottobicchieri degli eroi di Jane Austen!