Una seconda preghiera di Jane Austen

Dio Onnipotente!

Guarda con misericordia i tuoi servi qui riuniti e accetta le petizioni che ora ti vengono offerte. Pardon oh! Dio le offese del giorno passato. Siamo consapevoli di molte fragilità; ricordiamo con vergogna e contrizione, molti pensieri cattivi e doveri trascurati; e forse abbiamo peccato contro di te e contro i nostri simili in molti casi di cui non abbiamo memoria. Pardon oh God! qualunque cosa tu abbia visto male in noi, e dacci un desiderio più forte di resistere a ogni inclinazione al male e indebolire ogni abitudine al peccato. Conosci l'infermità della nostra natura e le tentazioni che ci circondano. Sii misericordioso, o Padre celeste! a creature così formate e situate. Ti benediciamo per ogni conforto della nostra esistenza passata e presente, per la nostra salute del corpo e della mente e per ogni altra fonte di felicità che ci hai generosamente donato e con cui chiudiamo questa giornata, implorando la loro continuazione dalla tua paterna bontà , con un senso di gratitudine nei loro confronti, di quanto non abbiano finora eccitato. Possano le comodità di ogni giorno, essere sentite da noi con gratitudine, possano indurre una volontaria obbedienza ai tuoi comandamenti e uno spirito benevolo verso ogni simile creatura. Abbi pietà, o grazioso Padre! su tutti coloro che ora stanno soffrendo per qualsiasi causa, che si trovano in qualsiasi circostanza di pericolo o angoscia. Dona loro pazienza in ogni afflizione, rafforzali, confortali e alleviali. Alla tua bontà ci raccomandiamo questa notte implorando la tua protezione da noi attraverso le sue tenebre e i suoi pericoli. Siamo impotenti e dipendenti; gentilmente preservaci. Per tutti coloro che amiamo e apprezziamo, per ogni amico e legame, preghiamo ugualmente; per quanto divisi e lontani, sappiamo di essere simili davanti a te e sotto i tuoi occhi. Possiamo noi essere ugualmente uniti nella tua fede e paura, nella fervente devozione verso di te e nella tua misericordiosa protezione questa notte. Pardon oh Lord! le imperfezioni di queste nostre preghiere, e accettale attraverso la mediazione del nostro benedetto Salvatore, nelle cui sante parole, ci rivolgiamo ulteriormente a te. Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome. Venga il tuo Regno. Sia fatta la tua volontà in terra, come in cielo. Dacci oggi il nostro pane quotidiano. E perdonaci i nostri debiti, come perdoniamo i nostri debitori. E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male: perché tuo è il regno, la potenza e la gloria per sempre. Amen.

Di Jane Austen

Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro libreria su janeaustengiftshop.co.uk

1 commentare

[…] A Second Prayer by Jane Austen (Evening Prayer) […]

Exploring Jane Austen’s Prayers | Jane Austen's World luglio 26, 2020

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati