Salta al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Henry ed Eliza: un romanzo

Henry and Eliza -  A Novel
Humble Servant

Henry ed Eliza: un romanzo

È umilmente dedicato alla signorina Cooper dal suo obbediente umile servitore

L'AUTORE


Mentre Sir George e Lady Harcourt stavano sovrintendando le fatiche dei loro fieno, premiando l'industria di alcuni con sorrisi di approvazione e punendo l'ozio degli altri da parte di un cudgi, percepivano sdraiati da vicino sotto il fitto fogliame di un flagello, un beautyfull piccolo piccolo Ragazza non più di 3 mesi.

Toccata con le grazie incantevoli del suo viso e felici dalle risposte infantine che tornò alle loro numerose domande, decisero di portarla a casa e, non avendo figli propri, per educarla con cure e costi.

Essendo brave persone stesse, la loro prima e principale cura era di incitare in lei un amore per la virtù e un odio per il vizio, in cui sono così ben riusciti (Eliza che avesse una svolta naturale da sola) che quando è cresciuta, era la Delizia di tutti coloro che la conoscevano.

Amata da Lady Harcourt, adorata da Sir George & ammirata da tutto il mondo, viveva in un continuo corso di felicità ininterrotta, fino a quando non aveva raggiunto il suo diciottesimo anno, quando un giorno accadeva per essere rilevato nel rubare una banconota di 50 £, lei è stato espulso dalle porte dai suoi disumani benefattori. Una tale transizione, a chi non possedeva una mente così nobile ed esaltata come Eliza, sarebbe stata la morte, ma lei, felice nella conoscenza consapevole della propria eccellenza, si divertiva mentre sedeva sotto un albero con la creazione e il canto il seguenti righe.

CANZONE

Sebbene le disgrazie possano mai partecipare le mie passi
Spero di non avere mai bisogno di un amico
Come un cuore innocente preserverò mai
e non sarà mai dai cari confini della virtù.

Avendo divertito alcune ore, con questa canzone e le sue piacevoli riflessioni, si è alzata e ha preso la strada per M., una piccola città di mercato, di cui il suo amico più intimo ha mantenuto il leone rosso.

A questo amico andò immediatamente, a cui avendo raccontato la sua tarda sventura, comunicò il desiderio di entrare in una famiglia in grado di un umile compagno.

La signora Wilson, che era la creatura più amabile sulla Terra, non conosceva prima il suo desiderio, di se non si sedette nel bar e scrisse la seguente lettera all'olandese di F., la donna che di tutte le altre che più stimava.

"All'olandese di F.

Ricevi nella tua famiglia, su mia richiesta, una giovane donna di carattere eccezione, che è così brava da scegliere la tua società in preferenza per andare a Servizio. Accelera e prendila dalle braccia del tuo

Sarah Wilson. "

L'olandese, la cui Freeindship per la signora Wilson l'avrebbe trasformata in termini di lunghezza, era felicissima di tale opportunità di obbligarla, e di conseguenza saziare immediatamente sulla ricezione della sua lettera per il leone rosso, che raggiunse la stessa sera. L'olandese di F. era di circa 45 e mezzo; Le sue passioni erano forti, le sue friintoni e le sue inimicoli non valutabili. Era una vedova e aveva una sola figlia, che era sul punto di matrimonio con un giovane di notevole fortuna.

L'olandese non ha visto la nostra eroina che gettarsi le braccia intorno al collo, si dichiarò così tanto soddisfatta di lei, che era risolta che non avrebbero mai dovuto separarsi. Eliza era felice di una tale protesta di Freindship e dopo aver preso un congedo più interessante della sua cara signora Wilson, accompagnò la sua grazia la mattina successiva al suo posto a Surry.

Con ogni espressione di rispetto, l'olandese la presentava a Lady Harriet, che era così contenta del suo aspetto che la prevedeva, di considerarla come sua sorella, che Eliza con la più grande condiscendenza prometteva di fare.

Il signor Cecil, l'amante di Lady Harriet, essere spesso con la famiglia era spesso con Eliza. È avvenuto un amore reciproco e Cecil, dopo aver dichiarato il suo primo, ha prevalso su Eliza per acconsentire a un'unione privata, che era facile da colpire, poiché il cappellano dell'olandese era molto innamorato dello stesso Eliza, erano certi, fare qualsiasi cosa per obbligarla.

La sera in un'assemblea, che si sono impegnati in un assemblea, hanno colto l'occasione per la loro assenza e sono stati uniti dal cappellano innamorato.

Quando le donne tornarono, il loro stupore fu ottimo nel trovare invece di Eliza la seguente nota.

"SIGNORA

Siamo sposati e siamo andati.

Henry & Eliza Cecil "

La sua grazia, non appena aveva letto la lettera, che spiegò sufficientemente l'intera faccenda, volava nella passione più violenta e dopo aver trascorso una mezz'ora agribile, chiamandoli con tutti i nomi scioccanti che la sua rabbia poteva suggerirle, inviata Dopo di loro 300 uomini armati, con gli ordini di non tornare senza il loro corpo, morti o vivi; Intenendo che se dovessero essere portati da lei in quest'ultima condizione per farli mettere a morte in un modo torturalike, dopo alcuni anni di confinamento.

Nel frattempo, Cecil ed Eliza hanno continuato il loro volo per il continente, che hanno giudicato più sicuri della loro terra natale, dagli effetti terribili della vendetta dell'olandese che avevano così tante ragioni per arrestare.

In Francia rimasero 3 anni, durante i quali divennero i genitori di due ragazzi, e alla fine Eliza divenne una vedova senza nulla a sostegno di lei o dei suoi figli. Avevano vissuto dal loro matrimonio al ritmo 18.000 £ all'anno, di cui la tenuta del sig. Cecil è piuttosto inferiore alla ventesimo parte, erano stati in grado di salvare ma un po ', avendo vissuto nella massima misura del loro reddito.

Eliza, essendo perfettamente consapevole del disagio nei loro affari, immediatamente per la morte di suo marito salpò per l'Inghilterra, in un uomo di guerra di 55 pistole, che avevano costruito nei loro giorni più prosperi. Ma non appena si mise salita a terra a Dover, con una bambina in ogni mano, fu sequestrata dagli ufficiali dell'olandese, e condotta da loro a un piccolo piccolo Nuovo cancello della loro signora, che aveva eretto per l'accoglienza dei suoi prigionieri privati.

Non appena Eliza è entrata nel suo sotterraneo di quanto il primo pensiero che le è venuto in mente, era come uscirne di nuovo.

Andò alla porta; Ma era bloccato. Guardò la finestra; Ma era vietato di ferro; Deluso da entrambe le sue aspettative, ha disparato di influenzare la sua fuga, quando fortunatamente percepiva in un angolo della sua cella, una piccola sega e una scala delle corde. Con la sega, andò all'istante al lavoro e in poche settimane aveva sfollato ogni bar ma uno a cui aveva fissato la scala.

Si è quindi verificata una difficoltà che per qualche tempo non sapeva come ovviare. I suoi figli erano troppo piccoli per scendere da soli la scala, né sarebbe possibile per lei portarli tra le braccia quando Lei fatto. Alla fine decise di abbattere tutti i suoi migliai, di cui aveva una grande quantità, e poi avendo dato loro una rigorosa carica di non ferirsi, lanciò i suoi figli dopo di loro. Lei stessa con facilità discesa dalla scala, in fondo alla quale aveva il piacere di trovare i suoi ragazzini in perfetta salute e addormentarsi rapidamente.

Il suo guardaroba ora vide una fatale necessità di vendere, sia per la conservazione dei suoi figli che per sé. Con le lacrime agli occhi, si separava da queste ultime reliques della sua ex gloria, e con i soldi che ottenne per loro, comprò altri più utili, alcuni giocattoli per i suoi ragazzi e un orologio d'oro per se stessa.

Ma a malapena era dotata delle necessarie necessarie, di quanto iniziò a ritrovarsi piuttosto affamata, e aveva motivo di pensare, mordendo le loro dita, che i suoi figli erano molto nella stessa situazione.

Per porre rimedio a queste inevitabili disgrazie, decise di tornare alle sue vecchie amichevoli, Sir George & Lady Harcourt, la cui generosità aveva così spesso sperimentato e sperava di sperimentare più spesso.

Aveva circa 40 miglia per viaggiare prima di poter raggiungere la loro palazzo ospitale, di cui avendo camminato 30 senza fermarsi, si ritrovò all'ingresso di una città, dove spesso in momenti più felici, aveva accompagnato Sir George & Lady Harcourt a Regale si con una coltura fredda in una delle locande.

Le riflessioni che le sue avventure dall'ultima volta che aveva partecipato a questi felici Junketings Le permetteva, occupò la sua mente, per un po 'di tempo, mentre sedeva sui gradini alla porta della casa di un gentiluomo. Non appena queste riflessioni furono terminate, si alzò e determinata a prendere la sua stazione nella stessa locanda che ricordava con così tanta gioia, dalla cui compagnia, mentre entravano e uscivano, sperava di ricevere una mancia di beneficenza.

Aveva, ma aveva appena preso il suo incarico nel cortile della locanda prima che una carrozza uscisse da esso, e girando l'angolo in cui era di stanza, si fermò per dare il Postilion Un'opportunità di ammirare la bellezza della prospettiva. Eliza poi avanzò sulla carrozza e stava per chiedere la loro carità, quando stava fissando gli occhi sulla signora, al suo interno, esclamò,

"Lady Harcourt!"

A cui rispose la signora,

"Elisa!"

"Sì signora, è la miserabile Eliza stessa."

Sir George, che era anche in carrozza, ma troppo stupito da Speek, stava procedendo a chiedere una spiegazione da parte di Eliza della situazione in cui era allora, quando Lady Harcourt nei trasporti di gioia, esclamò.

"Sir George, Sir George, non è solo Eliza nostra figlia adottiva, ma la nostra vera figlia."

"Il nostro vero bambino! Cosa, Lady Harcourt, vuoi dire? Sai che non sei mai stato con il bambino. Spiegati, ti supplico."

"Devi ricordare, Sir George, che quando hai navigato per l'America, mi hai lasciato allevare."

"Lo faccio, vado avanti, cara Polly."

"Quattro mesi dopo che te ne sei andato, sono stato consegnato da questa ragazza, ma temevo il tuo solo risentimento per lei non dimostrando il ragazzo che desideravi, l'ho portata da un fieno e la ho messo giù. Alcune settimane dopo, sei tornato, e fortunatamente Per me, non ho fatto domande sull'argomento. Soddisfatto in me stesso del pozzo di mio figlio, presto ho dimenticato di averne uno, anche che quando l'abbiamo trovata poco dopo l'avevo messo in fieno, l'avevo messo, non avevo più idea di Il suo essere mio, di quanto tu avessi, e niente, mi permetterò di dire, avrebbe ricordato la circostanza del mio ricordo, ma la mia ascolta accidentalmente la sua voce, che ora mi colpisce come la stessa controparte di mio figlio ".

"Il resoconto razionale e convincente che hai dato a tutta la relazione", ha detto Sir George, "non lascia dubbi sul fatto che sia nostra figlia e come tale perdono liberamente la rapina di cui era colpevole."

Si è quindi svolta una reciproca riconciliazione, ed Eliza, salendo la carrozza con i suoi due figli, tornò in quella casa da cui era stata assente per quasi quattro anni.

Non appena fu ripristinato nel suo potere abituato a Harcourt Hall, allora sollevò un esercito, con il quale demoliva completamente la Newgate dell'olandese, comoda per così dire, e con quell'atto, ottenne le benedizioni di migliaia e l'applauso Cuore.

Finis 

 

Se non vuoi perdere un battito quando si tratta di Jane Austen, assicurati di essere iscritto al Newsletter Jane Austen per aggiornamenti esclusivi e sconti da Il nostro negozio di articoli da regalo online.

 

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Per saperne di più

Juvenilia

Edgar ed Emma

Un racconto in tre capitoli

Per saperne di più