Oh! Mr Best, sei molto cattivo

Jane Austen scrisse questa vivace poesia nel 1806 quando stava cercando di trovare un modo per farle venire a trovare la sua amica Martha Lloyd. Apparentemente, il signor Best non poteva essere convinto a partire per un viaggio e dare un passaggio a Martha. È dubbio che abbia mai visto l'opera, anche se sicuramente ha causato un notevole divertimento alla famiglia Austen. Oh! Mr. Best, sei molto cattivo e tutto il mondo lo saprà; Il tuo comportamento spregevole sarà cantato da me, un poeta melodioso - Andavi ad Harrowgate ogni estate come veniva, e perché prego dovresti rifiutarti di andare quest'anno lo stesso? - La strada è così semplice, la strada è come liscia, il distacco non è aumentato; Non sei più robusto di quello che eri, non più giovane, signore, almeno. Se mai le acque fossero state utili, perché ora il loro uso rinunciare? Potresti non vivere un altro anno, tutto è mortale qui sotto. È tuo dovere, Mr Best, riparare la tua salute. Altrimenti saranno vane le tue pillole di Richard, e vane le cure della tua Consorte. Ma ancora un dovere più nobile Ti chiama ora verso il Nord. Alzati nobilitato - mentre Escort Of Martha Lloyd si fa avanti. Vuole il tuo aiuto - ti onora Con una chiamata distinta. Fatti avanti per essere l'amica di lei che è l'amica di tutti .-- Prendila e meravigliati della tua fortuna nell'avere una tale fiducia. Il suo colloquio sensibile e dolce bandirà il caldo e la polvere. Così breve che farà sembrare il viaggio. Ordinerai alla Chaise di stare ferma. Sarà come guidare a tutta velocità Da Newb'ry alla collina di Speen. Portatela al sicuro alla moglie di Morton E io dimenticherò il passato E scriverò alcuni versi a tua lode Con la massima precisione e rapidità. Ma se continui a rifiutarti di andare, non ti lascerò mai riposare, Ti perseguiterò con una canzone di rimprovero Oh! malvagio Mr. Best! - J.A Clifton 1806 Ti è piaciuto questo articolo? Sfoglia il nostro libreria su janeaustengiftshop.co.uk

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati