Un Blaise of Glory?

"Blaize Castle!" gridò Catherine. "Cos'è quello'?" "Il posto più bello in Inghilterra, vale la pena fare cinquanta miglia in qualsiasi momento per vederlo." "Cosa, è davvero un castello, un vecchio castello?"
A molti lettori di L'abbazia di Northanger, Blaise Castle (o come scrisse Jane Austen, Blaize Castle) non è altro che un punto di riferimento che Catherine non è riuscita a visitare. I lettori contemporanei, tuttavia, immaginavano molto di più. Il castello di Blaise rappresentava la superficialità e la falsità non solo dei Thor, ma della finzione dell'epoca e delle idee che ispirava. Blaise Castle è una frode. Costruito nel 1766 (due anni dopo l'uscita dell'agghiacciante Castello di Otranto, la prima delle storie del terrore gotico e un modello per i libri di Ann Radcliffe, in particolare, I misteri di Udolpho.) fu ristrutturato nel 1796 da Humphrey Repton. Il famoso "Libro rosso" di Repton per il castello di Blaise - schizzi dei suoi suggerimenti per i suoi clienti, con prima e dopo i piatti, è ora di proprietà del City of Bristol Museum and Art Gallery.
D'altra parte, il piacere di esplorare un edificio come Udolpho, come la sua fantasia rappresentava il Castello di Blaize, era un tale contrappeso di bene che poteva consolarla per quasi tutto.
Non erano le rovine abbandonate che Catherine supponeva, ma una piccola casa di campagna piuttosto accogliente, costruita per assomigliare a un castello. Non c'erano passaggi lunghi e bui con paura ad ogni svolta, ma un interno pulito e luminoso, con una vista eccellente sui boschi molto impervi che lo circondavano. Il proprietario del "castello", Thomas Farr, viveva in un comfort moderno a pochi chilometri di distanza. Ha usato l'edificio come residenza estiva, incoraggiando nel contempo i vari miti e storie che erano in circolazione, arrivando addirittura a creare un falso Salto dell'amante e la Grotta del ladro. Blaise Castle Costruito in una formazione triangolare, l'architettura del castello presenta tre torri angolari e una sala centrale e rotonda. Un proprietario successivo ha aggiunto otto cannoni intorno alla parte superiore del castello per aumentare l'impressione non così ostile. Apparentemente i proprietari della tenuta (Farr, e in seguito John Scandrett Harford, che la acquistò nel 1789) amavano giocare a "far finta" poiché costruivano anche un "autentico" villaggio Tudor in cui i loro lavoratori potessero vivere. Nell'abbazia di Northanger, nessuno corregge mai la percezione che Catherine ha del castello. È lasciata, in tutta la sua miserabile intattezza, alla sua immaginazione ... ea quella del lettore. Solo chi sa apprezzerà lo scherzo che Jane Austen ha recitato non solo sulla sua eroina, ma anche sul suo pubblico. Senza dubbio Catherine avrebbe apprezzato i deliziosi terreni che circondano il castello, ma non si può fare a meno di pensare che sarebbe rimasta delusa dal guscio vuoto che le veniva presentato, invece delle deliziose rovine che immaginava lì. Non è questa una foto della sua amicizia con Isabella? Non tutto è come appare all'inizio ... o come immaginiamo che sia. Questo è il messaggio nel romanzo e la storia di Blaise Castle. Ristampato da Laura Sauer's Sito di Northanger Abbey Film. Visita per informazioni sul film in uscita (?). Ti è piaciuto questo articolo? Visita il nostro negozio di articoli da regalo e fuga nel mondo di Jane Austen.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati