Kandukondain Kandukondain: L'industria cinematografica indiana assume Jane Austen

È una verità universalmente riconosciuta ... che le opere di Jane Austen devono essere popolari ovunque si trovino. Sebbene le sue opere siano state tradotte in molte lingue in tutto il mondo, sono solo i film recenti che l'hanno resa un nome familiare, anche con bambini piccoli che hanno familiarità con i suoi personaggi e le sue trame. Non sorprende, quindi, che Bollywood, il soprannome dato all'industria cinematografica indiana ("B" per Bombay) - inizi a produrre i propri film ispirati ad Austen. L'industria cinematografica indiana è enorme, produce fino a 800 film all'anno - il doppio di Hollywood - importante poiché circa 14 milioni di indiani vanno al cinema ogni giorno. Con quel tipo di richiesta, i film in lingua inglese sono spesso l'ispirazione per questi grandi musical. Sì, musical. Ricchi di colore, commedia (anche se a volte involontaria) e numeri musicali sontuosi, questi film sono come nessuno prodotto altrove. Nel 2000 è stata prodotta una versione modernizzata di Sense and Sensibility, intitolata Kandukondain Kandukondain. Il film (in tamil con sottotitoli in inglese) segue due sorelle dopo la morte del padre. Quando il fratellastro e la cognata li costringono a lasciare la loro casa di famiglia, sono lasciati a trovare lavoro nella grande città per prendersi cura della madre e della sorella minore. La graziosa sorellastra, anche se all'inizio sfortunata in amore (ah! L'intrigante e indegno agente di cambio che le spezza il cuore!) Trova finalmente una relazione con un soldato più anziano che è un amico di famiglia. La sorella maggiore, anche se all'inizio sembra senza speranza, alla fine sposa il suo cavaliere in armatura scintillante, un giovane regista emergente che viene ostracizzato dal padre dopo aver rifiutato l'azienda di famiglia nella speranza di una carriera da regista. Il culto che segue Kandukondain ricevuto, in qualche parte, deve aver ispirato Gurinder Chadha, il regista dell'acclamato film Sognando Beckham. Sta girando una versione in lingua inglese modernizzata di Orgoglio e pregiudizio, che, pur essendo Bollywood in natura, ha lo scopo di attrarre un vasto pubblico britannico e americano. Con Aishwarya Rai, ex Miss World, nei panni di Lalita Bakshi e Martin Henderson (Windtalkers) nei panni di Will Darcy, sembra essere il membro più insolito della famiglia cinematografica della Austen. Il film, le cui riprese sono iniziate a Londra nel luglio (2003), racconta la storia di una famiglia con quattro figlie e di come i loro genitori abbiano difficoltà a trovare loro uno sposo perché non possono permettersi di pagare enormi somme in dote. "La nostra versione può avere culture e ambientazioni diverse, ma parla ancora di persone che si sposano con background diversi". Dice il Chadha. Il film che includerà coreografie di canti e balli (e si dice che sia "tutto canta / tutto balla" !?) è stato girato in esterni in India, Regno Unito e Stati Uniti "Si dice che altri film britannici siano" troppo piccoli e interiori -guardando 'ma si spera che questo spinga i confini di ciò che è il cinema britannico ... La mia intenzione con questo film è di introdurre il cinema di Bollywood con un tocco britannico in tutte le città e nel cuore delle persone in tutta l'America.

Kandukondain Kandukondain viene trasmesso occasionalmente dalla televisione britannica ed è disponibile su DVD. Laura Boyle è una collezionista di Jane Austen Films e cimeli cinematografici. Corre anche lei Austentation, una società specializzata in accessori Regency personalizzati.