Classici del mondo di Oxford: senso e sensibilità

Senso e sensibilità

Di Jane Austen Introduzione di Margaret Anne Doody Recensione di Ellen Moody Sono stato felicissimo quando Laurel di Austenprose mi ha chiesto di unirmi a lei per scrivere recensioni sulla recente ristampa delle edizioni standard di Oxford dei romanzi di Austen. Potevo guardare le diverse copertine, leggere introduzioni, note, appendici e, se ce ne fossero state incluse, illustrazioni. Come avrai intuito, sono uno di quelli che sceglie in parte di acquistare un libro in base alla copertina. Mi piacciono le presentazioni (occasionalmente più della storia che introducono), mi piacciono le mappe e le illustrazioni di sfondo e soprattutto le note ironiche. Esaminando la questione ho scoperto che avrei dovuto indagare su cosa fosse la differenza tra queste nuove ristampe e le precedenti ristampe dell'edizione 1970-71 di James Kinsley, da cui sono stati presi tutti i successivi testi di Oxford. Perché dopo aver esaminato i primi testi Kinsley ha deciso di ristampare l'edizione del 1923 dei romanzi di Austen di R. W. Chapman con alcune modifiche? Hmm. La mia curiosità mi ha reso incapace di resistere al confronto tra le Oxford e le altre edizioni dei romanzi di Austen che possiedo. Nel caso di Austen's Senso e sensibilità, un romanzo che ho letto per la prima volta quando avevo 13 anni e quello che più mi sta a cuore, possiedo 14 edizioni e ristampe diverse e traduzioni in francese e italiano. Il lettore più cinico e meno devoto di Austen potrebbe ben dire, aspetta un minuto qui. Quale sarebbe il punto o l'interesse, dal momento che probabilmente le differenze nei testi stessi sarebbero minuscole, i paratesti proprio il genere di cose che Catherine Morland avrebbe saltato, e questa ondata di proliferazione di libri semplicemente il risultato di un mercato altamente competitivo. Ma questo è il punto. Possiamo chiederci perché fornire tutto questo se l'obiettivo è produrre un testo pratico e poco costoso e il motivo del profitto? La risposta torna che i romanzi di Austen sono allo stesso tempo testi di prestigio, amati e best seller che continuano a vendere perché sono libri più venduti. Hanno gruppi molto diversi e contrastanti di consumatori (chiamiamoli così). Quindi, per non offendere e persuadere il maggior numero di lettori possibile ad acquistare almeno una o ancora una volta, gli editori sono spinti a produrre libri che siano informativi e piacevoli, accurati e accessibili - e aggiornati. Poiché le ristampe coprono più di un quarto di secolo, potremmo vedere diversi introduttori che lottano per presentare le rispettive agende, che, come i cambiamenti nelle copertine dei libri, riflettono il clima in continua evoluzione di un'Austenland sorprendentemente tempestosa. Avevamo anche più dei famosi sei libri perché dal 1980 Oxford aveva scelto di accompagnare L'abbazia di Northanger con Lady Susan, i Watsons, e Sanditon, I romanzi meno noti di Austen (il primo epistolare, gli ultimi due incompiuti). Laurel e io avevamo un viaggio intrigante davanti a noi. Decidemmo di formare revisioni sorelle, ciascuna controparte dell'altra. Una lettura di La recensione di Laurel darà una buona panoramica del libro. Concordo con Laurel sul fatto che la ristampa del 2008 dell'edizione 2004 di Oxford di Kinsley's Senso e sensibilità è un buon acquisto. Evita gli estremi, o è una via di mezzo tra le serie che riproducono solo un testo non annotato, solo a volte con un breve saggio di “Postfazione ”2; e serie che possono sovraccaricare i lettori con un apparato sul retro di documenti contemporanei, saggi critici recenti (alcuni il risultato della moda di quest'anno nel mondo accademico) e contengono introduzioni aggressive e eccessivamente astratte da parte di scrittori che sembrano assumere una posizione decisamente ostile ai testi e la maggior parte dei suoi lettori3. Il saggio introduttivo di Margaret Anne Doody è brillante, eloquente e completo; dal 2004 l'Oxford ha incluso due appendici di Vivien Jones che ha scelto saggiamente di spiegare due tipi di preoccupazioni e avvenimenti fondamentali in tutti i romanzi di Austen: l'Appendice Uno spiega il rango e lo stato sociale dei personaggi, e l'Appendice Due, i diversi balli inclusi in lei romanzi e come possono funzionare. Claire Lamont ha in gran parte migliorato e riscritto le note esplicative dell'edizione precedente: le nuove sono più complete e vengono citati testi più contemporanei. Il metodo consiste nel fornire il riferimento per numero di pagina e utilizzare un asterisco; questo consente un rapido salto avanti e indietro4. Questo per quanto riguarda la complementarità. Laurel ha riassunto gli argomenti dell'introduzione di Doody e gli elementi interessanti citati nella bibliografia, ha discusso la vita fin troppo breve e il ruolo di chaperon nella vita di una giovane donna signorile (come suggerito dall'appendice sulla danza) e mi ha lasciato la faccenda non irrilevante di ciò che ci viene presentato come il romanzo esistente scritto di Jane Austen. A questo aggiungerò un po 'di copertina e brevi informazioni sui 5 adattamenti cinematografici disponibili del romanzo. Vale a dire, non abbiamo in tutto o in parte alcuna versione manoscritta di Austen di Senso e sensibilità quindi non possiamo sapere con certezza come fosse il suo testo di questo romanzo. Come fanno oggi, le tipografie allora avevano stili propri e nessun testo era affatto sancito dai cambiamenti nella punteggiatura, nella grammatica, nei paragrafi e simili. Delle versioni di S&S pubblicate durante la vita di Austen, la prima pubblicata nel 1811 andò esaurita. Austen si rallegrò e nel 1813 ci fu un secondo. Austen è stato attivamente coinvolto nella produzione di entrambi; ha corretto il primo, ma, ahimè, a quanto pare non il secondo, e nel testo del 1813 sono stati trovati errori di ogni tipo. D'altra parte, Austen fece piccole revisioni di questo testo del 1813, quindi quelle sono le sue ultime modifiche in stampa. Qui dobbiamo ricordare la dolorosa verità che Jane Austen è morta giovane e non ha avuto molte possibilità di ripensarci per il suo libro: stava producendo le copie finali per tutti e 4 che ha visto in stampa e li ha scritti tutti e sei (più forse un settimo , Sanditon). Una signora davvero molto impegnata e poi mortalmente malata. Nel corso del XIX secolo gli errori si insinuarono nelle numerose ristampe dei libri di Austen; e nel 1923 R.W. Chapman si sedette per produrre testi accademici scrupolosamente accurati che erano l'equivalente di quelli stampati per autori maschi di altissimo livello; seguiva gli standard del suo tempo, che includevano correzioni discrete di grammatica, punteggiatura e paragrafi. Per Senso e sensibilità scelse l'edizione del 1813 dopo averla corretta, ed è il testo di Chapman che Kinsley ha studiato, modificato in qualche modo ed è la base per tutti gli Oxford in seguito. Di recente, tuttavia, è stato affermato che Chapman ha corretto eccessivamente e così lucido il testo di Austen che perdiamo sapore, tono e qualcosa della voce colloquiale di Austen; e nella nuova edizione di Penguin del 2003, Kathryn Sutherland ha compiuto il raro passo di utilizzare il testo del 1811 come base. Chapman ha davvero alterato lo spirito dei libri di Austen? Sì e no. L'edizione di Sutherland ci offre un testo meno raffinato e con una punteggiatura più scarsa. Dovrebbe essere ammesso, come per le introduzioni ai testi, questa è una specie di lotta all'ordine del giorno. Kathryn Sutherland, Claudia Johnson (editrice della recente edizione di Norton) e altri ritengono che la pittoresca sensazione percepita e l'atmosfera pittoresca degli Oxford originali di Chapman abbiano contribuito a sostenere una visione kitsch ed elitaria di Austen. E 'anche una lotta sul campo: gli editori di questi testi hanno bisogno che le loro scelte siano rispettate per ottenere il pieno pubblico di Austen. Ma anche qui c'è qualcosa di più. Austen ha cambiato alcune parole effettive nell'edizione del 1813. Ora è vero che a volte il primo testo dell'autore era quello superiore; a volte lo è l'ultimo corretto. È una questione di giudizio e gusto. Ciò che è importante è che il testo non sia esagerato. Nel 1813 Austen tagliò una seconda frase che appare nel testo del 1811: nel 1811 al picnic dell'Abbazia di Delaford, il narratore ripete la voce secondo cui il colonnello Brandon ha una "figlia naturale" che la breve menzione della signora Jennings rese pubblica. Ci viene detto così nella dichiarazione della onorevole Jenning
"Ha scioccato la delicatezza di Lady Middleton che per bandire un argomento così improprio come la menzione di una figlia naturale, in realtà si è presa la briga di dire qualcosa sul tempo" (I: 3).
Stranamente, per tutte le lamentele di Sutherland su Chapman, ha incluso la frase del 1811 nella sua ristampa del testo del 1813. Ha semplicemente fatto una chiamata di giudizio intelligente e l'ha rimessa a posto. Ahimè, da qualche parte lungo la linea questa frase offensiva è stata omessa da tutte le edizioni rigorosamente basate sul testo del 1813, e ora appare solo nelle note a piè di pagina a tutti, compresa l'ultima Oxford del 2008! Quello che mi preoccupa è nelle note che la maggior parte degli studiosi si rifiuta ripetutamente di riconoscere l'ovvio, che Austen ha cancellato la frase perché era troppo franca. Invece otteniamo interpretazioni supersottili che Austen ha rimosso il passaggio perché non voleva che la situazione venisse nascosta con tatto. Ma come potrebbe essere, dal momento che la signora Jennings ha fatto uscire il gatto dalla borsa, e questo è uno di quei tanti segreti che il signor Knightley di Austen ci dice che è proprio il genere di cose che tutti sanno. Sulle copertine. C'è una lunga abitudine di scegliere le foto di due donne della classe superiore (spesso sorelle) in piedi o sedute vicine per la copertina di S&S. Questo iniziò nelle prime edizioni popolari del XIX secolo, il volume di Bentley del 1833 in cui vediamo Lucy ed Elinor camminare insieme. Si vede nella scelta di James Kinsley di un'illustrazione di Hugh Thomson del momento esatto in cui Marianne vede Willoughby all'assemblea di Lady Middleton. Del tutto tipico di ogni scelta che ho visto è come la rappresentazione psicologica di Thomson sia del tutto inadeguata. Si scelgono coppia dopo coppia di donne i cui volti sono inespressivi, ma le cui credenziali, di classe superiore, carnale (un tempo segno di alto rango), bianche ed eleganti, sono inattaccabili. Per esempio, Sara Coleridge con Edith May Warner di Edward Nash [1820], copertina di Oxford del 1980; Ellen & Mary McIlvane di Thomas Sully [1834], la copertina di New Penguin del 2003. Queste ultime Oxford differiscono solo nel preferire concentrarsi su un dettaglio ingrandito delle due donne, qualcosa che Laurel mi dice è di moda nelle copertine. Una versione precedente può essere trovata in un Bantam del 1983, Charlotte e Sarah Hardy di Thomas Lawrence (1801) Nessuno contesta la centralità di una coppia di sorelle come centrale nel romanzo (e primordiale per Austen come in tutti i suoi romanzi li troviamo), ma sono abbastanza eterodox da dichiararlo come lettore di Austen, Sono della festa che sente se vogliamo avere due donne, cerchiamo di avere immagini davvero efficaci, o uno dei tanti alai efficaci dei film recenti, come nelle copertine del 1995 Signet e 1996 Everyman. Anche un paesaggio rolento di pittoresco o qualche punto cardo nella storia dei Dashwoods sarebbe sufficiente. Quest'ultima scelta non è comune, anche se norton del 2002 ha scelto Paesaggio del Devonshire di William Payne (c. 1780). Ciò che mi è piaciuto particolarmente del saggio di Margaret Doody in questa nuova Oxford è che dimostra la trama-design, i culminanti e gran parte del testo del romanzo riguarda tanto la vita sociale, il rapporto delle donne con altre donne, l'ingiustizia economica, le ipocrisie estetiche e l'affettività quanto una storia d'amore. Brossura: 384 pagine Editore: OUP Oxford; Rev. Ed. / edizione (17 aprile 2008) Lingua: Inglese ISBN-10: 0199535574 ISBN-13: 978-0199535576 Rrp: £ 4.99 Ellen Moody, docente di inglese alla George Mason University, ha compilato i calendari più accurati per il lavoro di Jane Austen, fino ad oggi. Ha creato timeline per ciascuno dei sei romanzi e dei tre frammenti di romanzo incompiuti. Attualmente sta lavorando a un libro, I film di Austen. Visitala Sito web per ulteriori articoli relativi ad Austen.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati