Wickham's Diary di Amanda Grange

Diario di Wickham di Amanda Grange

George Wickham è un uomo cattivo. Facciamolo uscire di mezzo proprio davanti. È vanitoso, egorato, e non sembra interessare quante vite distrugge mentre cerca un guadagno personale. Perché dovremmo voler leggere i suoi pensieri più intimi? Almeno, questo è quello che pensavamo quando abbiamo sentito parlare per la prima volta dell'ultima produzione di Amanda Grange, Diario di Wickham. Siamo registrati come grandi fan dei diari degli eroi di Grange, ma in realtà vogliamo sapere cosa stanno pensando. Ma Wickham? Veramente? Non vogliamo che sia redento o reso comprensivo. È un uomo cattivo. Fortunatamente, Amanda Grange resiste a qualsiasi tentazione di rendere Wickham terribilmente comprensivo. È viziato, vanitoso, egoista ed edonista, proprio come dovrebbe; ma è anche piuttosto divertente, e davvero, come è passato dall'essere il "compagno della mia giovinezza" di Fitzwilliam Darcy a qualcuno che cercava vendetta completa su di lui, oltre che guadagno monetario, tagliando la pace della povera Georgiana Darcy? Eravamo titubanti, ma questo ci aveva alla seconda pagina, allacciati per un giro accidentato. Incontriamo Wickham (e Darcy) per la prima volta all'età di 12 anni. Wickham non è ancora l'uomo cattivo che diventerà, ma è sulla buona strada: viziato dalla sua madre capricciosa e stravagante, che manipola il marito infatuato, e dato dai suoi poveri principi - invece di preparare e incoraggiare suo figlio a farsi strada nel mondo, gli insegna a trarre vantaggio dalla buona natura degli altri. I Darcys, padre e figlio, sono disposti e felici di dare al giovane George Wickham preferenze e vantaggi. In un primo momento George è lieto di immaginare se stesso in carica dei vivi che Mr Darcy Sr. interesse. Tuttavia, Wickham non ha il carattere o l'addestramento per sfruttare le sue opportunità, ma si risente per la fortuna della nascita del suo vecchio amico e cade in modi dissipati e abbandonati. Se la cava con il suo fascino; l'unica persona immune è, ovviamente, Darcy (anche se c'è una scena in cui il comportamento di Darcy nei confronti di Wickham voleva assolutamente farci abbracciare Darcy, una nuova esperienza per l'Editrix; Darcy, per le sue molte buone qualità, non è esattamente abbracciabile). Darcy continua a cercare di aiutare Wickham a vedere la follia dei suoi modi, ma alla fine si arrende quando capisce come Wickham gli ha manipolato e mentito. Scopriamo come Wickham incontra la famigerata signora Younge e come lavorano insieme per aiutarlo a fare un passo avanti nel cuore di Georgiana Darcy. È un peccato che nessuno dei due abbia una fortuna, perché sono una coppia perfetta, una coppia di truffatori nati che usano tutti quelli che li circondano, tranne l'un l'altro. Grange fa il suo solito lavoro scrupoloso nel creare la sua storia attorno al testo scritto da Jane Austen. Sappiamo che per molti lettori tale fedeltà non è necessaria, e l'introduzione di più incidenti, per usare il termine di John Murray, è auspicabile; ma certamente ci sono abbastanza incidenti nella storia passata di Wickham con cui andare avanti, e preferiamo che gli autori di paraletterature suonino nella sandbox di Jane Austen secondo le regole di Jane Austen. Il diario di Wickham è una lettura molto breve - sospettiamo che sarà troppo breve per alcuni lettori - e non si espande enormemente sulla storia come la conosciamo, ma fornisce un paio d'ore di intrattenimento coinvolgente e breve quanto è, abbiamo avuto alcuni "a-ha!" momenti in cui abbiamo riconosciuto un altro punto in cui la trama si inseriva perfettamente nell'originale di Jane Austen. Una cosa che i lettori imparano da Orgoglio e pregiudizio è che ci sono due lati di ogni storia, e forse è il più grande genio di Grange, e ciò che ci riporta ai suoi libri più e più volte, che anche fornendo quello che dovrebbe essere un lato del storia, il lettore attento riesce comunque a ottenere il quadro completo. Quindi questo non è l'equivalente letterario di Wickham che singhiozza sul divano di Oprah in cerca di perdono pubblico. Grange gli dà alcuni valori redentori: ama sua madre, non saggiamente ma troppo bene; non vuole davvero fare del male ad Anne o Georgiana, ma è convinto che li renderà deliranti felici mentre sperpera le loro fortune, anche se forse questo può essere attribuito più alla vanità che a qualsiasi altra cosa; ed è un tipo piuttosto divertente. Non può piacergli, anche se forse potrebbe voler bere una birra con lui al pub. Tieni solo una mano sulla borsa mentre lo fai, perché George Wickham è un uomo cattivo. (Se ti piace il suono di Amanda Grange Diario di Wickham, potrebbe piacerti anche leggere il romanzo di Amanda Grange, Diario del signor Darcy.) Brossura: 208 pagine Editore: Sourcebooks, Inc (30 aprile 2011) ISBN-10: 1402251866 Rrp: £11.99
Margaret C. Sullivan è la webmistress di Tilney e botte-porte. Scopre di essere troppo simile al signor Darcy per apprezzare veramente le sue numerose perfezioni, e quindi lascia quell'apprezzamento agli altri mentre si dedica al rettore della parrocchia di Woodston.

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati