Ombrelli del XVIII secolo

Quando siamo arrivati ​​la prima volta, tutti gli ombrelloni erano alzati, ma ora i marciapiedi stanno diventando di nuovo bianchissimi. Jane Austen a Cassandra Bath, 17 maggio 1799
Gli ombrelli appaiono spesso nei romanzi di Austen come risposta cavalleresca al bisogno di una donna. Da sinistra a destra, Persuasion, Emma, ​​Mansfield Park. Durante il XVII secolo, le donne usavano gli ombrelloni per proteggersi dal sole. Un secolo dopo usavano anche ombrelli oliati come protezione dalla pioggia. All'inizio del XIX secolo, il design dell'ombrello era migliorato e il suo utilizzo si era diffuso. Dopo il matrimonio di Maria, Fanny Price è stata raggiunta da un forte acquazzone vicino alla canonica e ha cercato riparo sotto una quercia. Quando i Grant l'hanno individuata, hanno inviato un servitore, ma Fanny era riluttante a entrare:
Un impiegato statale a cui aveva resistito ma quando il dottor Grant stesso usciva con l'ombrello non c'era altro da fare se non vergognarsi moltissimo ed entrare in casa il più velocemente possibile; e alla povera Miss Crawford, che aveva appena contemplato la cupa pioggia in uno stato d'animo molto abbattuto, sospirando per la rovina di tutti i suoi piani di esercizio per quella mattina e di ogni possibilità di vedere una singola creatura oltre se stessi per la prossima ventiquattr'ore su ventiquattro, il rumore di un piccolo trambusto alla porta d'ingresso e la vista della signorina Price grondante di umidità nel vestibolo erano deliziosi. - Jane Austen, Mansfield Park  
Un secolo prima della pubblicazione di Mansfield Park (1814) gli uomini non usavano gli ombrelli, che erano considerati accessori femminili:
Un giovane che ne prese uno in prestito da un caffè durante un acquazzone nel 1709 fu condannato come effeminato su un giornale. Sarebbe stato un modello ingombrante, inadatto ad essere portato in giro. Ombrelli pesanti simili erano conservati nelle chiese per proteggere il parroco durante i servizi di sepoltura. - Una breve storia dell'ombrello
Eppure il seguente passaggio da Note e domande, volume 54, William White (Oxford University Press, 1876, p. 202), suggerisce che gli uomini iniziarono a usare gli ombrelli prima di Jonas Hanway, che sfidò il ridicolo dei monelli di strada e dei cocchieri, che consideravano l'uso dell'ombrello una minaccia per il loro sostentamento :
1745 - Si paga per ombrellone, scatola e carrozza.
Non è indicato per chi sia stato destinato; molto probabilmente per il ministro quando officia ai funerali. Questa è una voce notevole, poiché l'introduzione degli ombrelli in Inghilterra è attribuita a un periodo molto successivo. Si dice che l'impiego dell'ombrello nelle strade di Londra sia stato di Jonas Hanway, morto nel 1786; ma il seguente passaggio dal Trivia of Gay, morto nel 1732, mostra che era in uso in un periodo molto precedente
Buone casalinghe difese dal capanno oleoso dell'ombrello, Sicuro sul battistrada bagnato e tintinnante. "
Nel 1893, Georgiana Hill scrisse questa storia descrittiva dell'ombrello in Inghilterra:
Gli ombrelli erano una moda recente nella prima parte del secolo. Durante i primi dieci anni del regno di Giorgio III, gli unici ombrelli in uso erano grandi ombrelli da carrozza, che richiedevano un assistente per tenerli. In campagna erano poco conosciuti. Il filantropo, Jonas Hanway, nel 1756, dispiegò coraggiosamente un ombrello per le strade di Londra, essendo il primo uomo che si avventurò in una simile innovazione. Sicuramente Hanway merita di essere tenuto in grato ricordo dal sesso maschile per questo vivace sforzo verso l'emancipazione dei suoi fratelli dalla schiavitù dell'usanza. Fu schernito e ridicolizzato dalla popolazione, ma non doveva essere deriso nel rinunciare alla cerata che lo proteggeva. Circa vent'anni dopo, un valoroso cameriere di nome John Macdonald iniziò a usare un ombrello di seta, che aveva portato dalla Spagna. I ragazzi gli gridarono dietro: "Francese, perché non prendi un allenatore?" ma afferrò più saldamente l'ombrello e se ne andò, e in circa tre mesi fu in grado di usarlo senza commenti entusiasmanti. La signorina J. Gay Trivia Hutton, scrivendo nel 1779 dal Derbyshire, dice: "La signora Greaves ci ha prestato il loro ombrello e il servo per portarlo". Il fratello della signorina Hutton era la persona che ha usato un ombrello a Birmingham, un francese è stato il primo.
   
Il fidanzato della città, quando ha portato per la prima volta un ombrello, è stato messo in una caricatura nelle stampe come il ragazzo della pioggia che tiene un minuscolo ombrellone sopra la testa. Un gentiluomo una volta prese in prestito un ombrello dall'amante di un caffè a Cornhill, e dopo il seguente annuncio satirico su The Female Tatler: "Il giovane gentiluomo della Custom house, che per paura della pioggia ha preso in prestito l'ombrello dalla Will's Coffee House a Cornhill, della padrona, è pubblicizzato che sarà asciutto dalla testa ai piedi nella stessa occasione in cui sarà il benvenuto tra i pattens della cameriera. "
Un'illustrazione della mancanza di ombrelli offerta in una delle caricature del periodo, che mostra la famiglia di un rispettabile cittadino di Vauxhall sotto un diluvio di pioggia: il vecchio gentiluomo con un fazzoletto legato sulla testa per salvare la parrucca e il cardinale di sua moglie addosso il suo per proteggere il suo cappotto migliore, mentre la moglie stessa e le sue figlie inciampano in abiti arrotolati intorno alla vita e le loro teste avvolte in fazzoletti colorati. Nel 1797 c'era un ombrellone in tutta Cambridge, che veniva tenuto in un negozio e lasciato fuori a ore come una portantina. A Londra le donne portavano gli ombrelli prima che gli uomini li avessero portati, ma i primi ombrelli erano macchine pesanti e goffe fatte di tela cerata o taffetà. Tuttavia, nonostante il loro carattere ingombrante, le donne che dovevano arrancare per le strade nei giorni di pioggia si rallegravano nel loro rifugio. Con mantello e ombrellone riuscirono ad affrontare i tetti gocciolanti e le trombe d'acqua, da evitare tanto quanto la pioggia. Alla signora alla moda. che camminava solo con il bel tempo, l'unica considerazione importante era il parasole, ma era il contrario con la parsimoniosa cittadinanza. Grande deve essere stato il sollievo e il risparmio dei vestiti quando la nuova invenzione è entrata in uso:
Buone casalinghe disprezzano tutta la rabbia dell'inverno, difese dal travestimento del Cappuccetto; O sotto l'ombra oleosa dell'ombrello, al sicuro sul battistrada bagnato e tintinnante. Che le dame persiane mostrino le costole dell'ombrello, Per proteggere le loro bellezze dal raggio di sole; O gli schiavi sudati sostengono il carico ombroso, Quando i monarchi orientali mostrano il loro stato all'estero; La Gran Bretagna in inverno conosce solo il suo aiuto, per proteggere la cameriera che cammina dalle docce gelide. - J Gay Trivia - Una storia dell'abbigliamento inglese dal periodo sassone ai giorni nostri, Volume 1, Di Georgiana Hill, 1893, p. 173-74.
  I primi ombrelli erano pesanti e ingombranti da usare:
I primi ombrelli erano fatti di seta oliata con pesanti telai di legno che li rendevano difficili da aprire o chiudere quando bagnati. È stato utilizzato anche l'osso di balena (baleen), ma questo rendeva l'articolo pesante. Fu solo nel 1852 che Samuel Fox inventò l'ombrello a coste d'acciaio sostenendo che stava usando le scorte acquistate per fare corsetti. Ciò ha reso gli ombrelli molto più leggeri e più portatili. -Vieni con la pioggia o con il sole: ombrelloni e ombrelloni storici
 
Vic Sanborn supervisiona due blog: Jane Austen's World e Il mondo di Jane Austen. Prima del 2006 adorava semplicemente Jane Austen e leggeva fedelmente Orgoglio e pregiudizio ogni anno. In questi giorni, è immersa nella lettura e nella scrittura della vita dell'autore e dell'era Regency. Co-fondatrice del suo gruppo di libri locale (e molto piccolo), Janeites on the James, ha iniziato i suoi blog come un modo per condividere le sue ricerche sull'era Regency per il suo romanzo, che si trova inedito su uno scaffale polveroso. Nella sua vita lavorativa, Vic fornisce risorse e sviluppo professionale per insegnanti e amministratori dei programmi di alfabetizzazione e istruzione per adulti della Virginia. Questo articolo è stato scritto per Jane Austen's World e viene utilizzato qui con il permesso.