Giovanni Battista Belzoni

Giovanni Balzoni Novembre 1778-3 dicembre 1823), a volte noto come Il Grande Belzoni, fu un prolifico esploratore italiano e pioniere archeologo delle antichità egizie. Belzoni è nato a Padova. Suo padre era un barbiere che ha generato quattordici figli. La sua famiglia era romana e quando Belzoni aveva 16 anni andò a lavorare lì, sostenendo di "studiare idraulica". Aveva intenzione di prendere i voti monastici, ma nel 1798 l'occupazione della città da parte delle truppe francesi lo allontanò da Roma e cambiò la sua carriera proposta. Nel 1800 si trasferisce in Olanda dove si guadagna da vivere come barbiere. Nel 1803 fuggì in Inghilterra per evitare di essere mandato in prigione. Lì sposò una donna inglese, Sarah Bane (1783–1860). Belzoni era un uomo alto a 6 piedi e 7 pollici (2,01 m) (una fonte dice che sua moglie era di corporatura altrettanto generosa, ma tutti gli altri racconti di lei la descrivono come di corporatura normale) ed entrambi si unirono a un circo itinerante. Per qualche tempo furono costretti a trovare la sussistenza eseguendo esibizioni di imprese di forza e agilità come un uomo forte nelle fiere e per le strade di Londra. Un trucco per cui era famoso era sollevare una piattaforma che conteneva dodici persone e portarla sul palco. Nel 1804 appare impegnato al circo dell'anfiteatro di Astley in una varietà di spettacoli. Belzoni aveva anche un interesse per la fantasmagoria e sperimentò l'uso di lanterne magiche nei suoi spettacoli. Nel 1812 lasciò l'Inghilterra e dopo una tournée di spettacoli in Spagna, Portogallo e Sicilia, si recò a Malta nel 1815 dove incontrò Ismael Gibraltar, un emissario di Muhammad Ali, che all'epoca stava intraprendendo un programma di bonifica agraria e importante lavori di irrigazione. Belzoni voleva mostrare a Muhammad Ali una macchina idraulica di sua invenzione per sollevare le acque del Nilo. Sebbene l'esperimento con questo motore abbia avuto successo, il progetto non è stato approvato dal pascià. Belzoni, ora senza lavoro, era deciso a continuare i suoi viaggi. Su indicazione dell'orientalista, JL Burckhardt, fu inviato da Henry Salt, console britannico in Egitto, al Ramesseum di Tebe, da dove rimosse con grande maestria il colossale busto di Ramesse II, comunemente chiamato "il Giovane Memnone" . Il giovane Memnon, una figura colossale in mostra al British Museum.  

Gli uomini di Napoleone avevano cercato e fallito di scavare e rimuovere questa statua in Francia durante la sua spedizione del 1798 lì, durante la quale ha acquisito ma poi perso la Rosetta Stone. Fu durante questo tentativo che si dice che sia stato praticato il foro sulla destra del busto (appena sopra il capezzolo destro di Ramesse).

Il giovane Memnon viene trasportato da Tebe.

Usando le sue capacità idrauliche e ingegneristiche, Balzoni fece tirare la testa su rulli di legno con corde sulla riva del Nilo di fronte a Luxor da centinaia di operai. Poiché nessuna barca era ancora disponibile per portarlo ad Alessandria e così Belzoni effettuò una spedizione in Nubia, tornando entro ottobre. Con collezionisti francesi anche nella zona che forse cercavano di acquisire la statua, inviò operai a Esna per procurarsi una barca adatta e nel frattempo eseguì ulteriori scavi a Tebe. Alla fine caricò i prodotti di questi scavi, più il Memnon, su questa barca e lo portò al Cairo entro il 15 dicembre 1816. Lì ricevette e obbedì agli ordini di Salt di scaricare tutto tranne il Memnon, che fu poi inviato ad Alessandria e Londra senza di lui.

Anticipato dalla poesia di Shelley Ozymandias, la testa arrivò nel 1818 in poi Weymouth a Deptford. Nell'antichità, Ozymandias era un nome alternativo per il egiziano Faraone Ramesse II. Shelley ha scritto la poesia in amichevole competizione con il suo amico e collega poeta Horace Smith (1779–1849) che scrisse anche un sonetto sull'argomento. La poesia di Smith sarebbe stata pubblicata per la prima volta in L'esaminatore poche settimane dopo il sonetto di Shelley. Entrambe le poesie esplorano il destino della storia e le devastazioni del tempo: che tutti gli uomini di spicco e gli imperi che costruiscono sono impermanenti e le loro eredità sono destinate alla decadenza e all'oblio. L'installazione di The Younger Memnon nella galleria di sculture BM dei Royal Engineers. La testa fu finalmente acquistata da Salt nel 1821 dal British Museum e fu inizialmente esposta nelle vecchie Townley Galleries (ora demolite) per diversi anni, poi installata (utilizzando funi pesanti e attrezzature di sollevamento e con l'aiuto dei Royal Engineers) nel 1834 nella nuova Galleria di sculture egiziane (ora Sala 4, dove ora risiede). I soldati erano comandati da un veterano di Waterloo, il maggiore Charles Cornwallis Dansey, zoppo per una ferita riportata lì, che quindi sedeva mentre li comandava. S10.08_Abu_Simbel, _image_9492 Dopo aver consegnato il suo carico di manufatti, Balzoni ha ampliato le sue indagini al grande tempio di Edfu, ha visitato Elefantina e Philae, ha ripulito il grande tempio di Abu Simbel dalla sabbia (1817), ha fatto scavi a Karnak e ha aperto il sepolcro di Seti I, della XIX dinastia. Un disegno dell'interno della tomba, attribuito al Balzoni. La tomba KV17, situata nella Valle dei Re egiziana, è ora conosciuta anche con i nomi di "Tomba di Belzoni", "Tomba di Apis" e "Tomba di Psammide, figlio di Nechois". È una delle tombe meglio decorate della valle, ma oggi è quasi sempre chiusa al pubblico per danneggiamenti. Fu scoperto per la prima volta il 16 ottobre 1817. Quando Balzoni entrò per la prima volta nella tomba trovò le pitture murali in condizioni eccellenti con la pittura sulle pareti ancora fresca e alcuni pittori e pennelli ancora sul pavimento. Arte murale dalla tomba di Seti I. La tomba più lunga della valle, a 137,19 metri, (quasi la lunghezza della cattedrale di St. Paul) contiene rilievi molto ben conservati in tutte le sue undici camere e stanze laterali tranne due. Una delle camere posteriori è decorata con il Rituale del Apertura della bocca, che affermava che gli organi del mangiare e del bere della mummia funzionavano correttamente. Credere nella necessità di queste funzioni nell'aldilà, questo era un rituale molto importante. Un tunnel molto lungo (corridoio K) conduce in profondità nel fianco della montagna da sotto il punto in cui si trovava il sarcofago nella camera funeraria. Recentemente è stato completato lo scavo di questo corridoio. Non c'era nessuna "camera sepolcrale segreta" o qualsiasi altro tipo di camera alla fine. I lavori sul corridoio furono abbandonati per la sepoltura di Seti. Il sarcofago rimosso per conto del console britannico Henry Salt si trova dal 1824 nel Sir John Soane's Museum di Londra. La seconda piramide di Giza. Balzoni è stato il primo a penetrare nella seconda piramide di Giza, dopo aver scoperto il suo ingresso segreto. L'ingresso forzato all'incisione della piramide di Chephren (Khafra) secondo un disegno di Giovanni Belzoni, 1820. L'ingresso forzato alla piramide di Chephren (di Khafra)
Il vero ingresso all'Incisione della Piramide di Chefren dopo un disegno di Giovanni Belzoni, 1820. Il vero ingresso alla Piramide di Chefren
Il sarcofago di Khafre fu scolpito da un solido blocco di granito e affondato parzialmente nel pavimento, in esso, Belzoni trovò ossa di un animale, forse un toro. Un'altra fossa nel pavimento probabilmente conteneva il petto canope, il suo coperchio sarebbe stato una delle lastre di pavimentazione. Una cosa che Balzoni ha fatto particolarmente bene è stato documentare i suoi reperti con disegni che sono inestimabili per i ricercatori moderni. I passaggi originali e forzati nell'incisione della piramide di Chephren di Charles Hullmandel secondo un disegno di Giovanni Belzoni, 1820. I passaggi originali e forzati nella Piramide di Chephren
Incisione di Charles Hullmandel dopo
Appassionato avventuriero, sempre alla ricerca della prossima "grande scoperta", Balzoni divenne il primo europeo in tempi moderni a visitare l'oasi di Bahariya. Identificò anche le rovine di Berenice sul Mar Rosso. Nel 1819 tornò in Inghilterra e pubblicò un resoconto dei suoi viaggi e scoperte intitolato Narrazione delle operazioni e delle recenti scoperte all'interno delle piramidi, templi, tombe e scavi in Egitto e Nubia, & c l'anno successivo.  Nell'agosto del 1821 il Norfolk Remembrancer Segnalato
"Mr. Belzoni, il celebre viaggiatore e scopritore di antichità egiziane, visitò Norwich; rimase con Jeremiah Ives, Esquire, di St. Catherine's Hill; prima della sua partenza ha ricevuto l'alto grado masso massonico di Cavaliere Templare.
Tra il 1820 e il 1821 espose anche ccichimili della tomba di Seti I. La mostra si tenne alla Egyptian Hall di Piccadilly, Londra e nel 1822 Belzoni mostrò il suo modello a Parigi. Nel 1823 partiò per l'Africa occidentale, con l'intenzione di recarsi a Timbuktu. Dopo aver avuto il permesso di attraversare il Marocco, scelse la rotta della costa della Guinea. Raggiunse il Regno del Benin, ma fu colto dalla dissenteria in un villaggio chiamato Gwato, e vi morì. Secondo il celebre viaggiatore Richard Francis Burton fu assassinato e derubato. Nel 1829 la vedova pubblicò i suoi disegni delle tombe reali di Tebe.
Informazioni e immagini da Wikipedia.com