James Lind: Pioniere medico

James Lind (4 ottobre 1716 - 13 luglio 1794) era un medico scozzese a cui si può attribuire il merito di aver migliorato, se non addirittura salvato, le vite dei fratelli marinai di Jane Austen, Francis e Charles. I progressi che ha fatto nel trattamento e nella prevenzione dello scorbuto e del tifo sono stati scoperti per il loro tempo e continuano ad essere implementati oggi. James_Lind_by_Chalmers Lind è noto per aver condotto la prima sperimentazione clinica in assoluto dopo aver sviluppato la teoria che gli agrumi curassero lo scorbuto. Ha sostenuto i benefici per la salute di una migliore ventilazione a bordo delle navi militari, la migliore pulizia dei corpi dei marinai, dei vestiti e della biancheria da letto e della fumigazione sottocoperta con zolfo e arsenico. Ha anche proposto che l'acqua dolce possa essere ottenuta distillando l'acqua di mare. Il suo lavoro ha fatto avanzare la pratica della medicina preventiva e migliorato la nutrizione. Lind è nata a Edimburgo, in Scozia, nel 1716 in una famiglia di mercanti. Aveva una sorella maggiore. Nel 1731 iniziò i suoi studi di medicina come apprendista di George Langlands, un membro della Incorporation of Surgeons che ha preceduto il Royal College of Surgeons di Edimburgo. Nel 1739 entrò nella Marina come compagno di chirurgo, prestando servizio nel Mediterraneo, al largo delle coste dell'Africa occidentale e nelle Indie occidentali. Nel 1747 era diventato chirurgo dell'HMSSalisbury nella flotta della Manica, e ha condotto il suo esperimento sullo scorbuto mentre quella nave pattugliava il Golfo di Biscaglia. Subito dopo quella pattuglia ha lasciato la Marina, ha scritto la sua tesi di laurea in medicina sulle malattie veneree e si è laureato in Medicina presso la University of Edinburgh Medical School, e gli è stata concessa una licenza per esercitare a Edimburgo, in Scozia. Lo scorbuto è una malattia ora nota per essere causata da una carenza di vitamina C, ma ai tempi di Lind il concetto di vitamine era sconosciuto. La vitamina C è necessaria per il mantenimento di un tessuto connettivo sano. Nel 1740 il risultato catastrofico della circumnavigazione di Anson attirò molta attenzione in Europa; su 1900 uomini, 1400 erano morti, la maggior parte presumibilmente per aver contratto lo scorbuto. Secondo Lind, lo scorbuto ha causato più morti nelle flotte britanniche rispetto alle armi francesi e spagnole. Pagina dal diario di Henry Walsh Mahon che mostra gli effetti dello scorbuto, dal suo tempo a bordo della HM Convict Ship Barrosa. 1841/2. Sin dall'antichità in varie parti del mondo, e dal XVII secolo in Inghilterra, si sapeva che gli agrumi avevano un effetto antiscorbutico, quando John Woodall (1570-1643), un chirurgo militare inglese della British East India Company li raccomandò ma il loro uso non si è diffuso. Sebbene Lind non sia stato il primo a suggerire gli agrumi come cura per lo scorbuto, è stato il primo a studiarne l'effetto mediante un esperimento sistematico nel 1747. È considerato uno dei primi esperimenti clinici nella storia della medicina. Lind pensava che lo scorbuto fosse dovuto alla putrefazione del corpo che poteva essere aiutata dagli acidi, e quindi incluse nell'esperimento un integratore alimentare di qualità acida. Ciò è iniziato dopo due mesi in mare quando la nave è stata affetta da scorbuto. Ha diviso dodici marinai scorbutici in sei gruppi di due. Hanno ricevuto tutti la stessa dieta ma, in aggiunta, al gruppo uno è stato somministrato un litro di sidro al giorno, al gruppo due venticinque gocce di elisir di vetriolo (acido solforico), al gruppo tre sei cucchiai di aceto, al gruppo quattro mezza pinta di acqua di mare , il gruppo cinque ha ricevuto due arance e un limone e l'ultimo gruppo una pasta speziata più un bicchiere di acqua d'orzo. Il trattamento del gruppo cinque si interruppe dopo sei giorni quando finirono la frutta, ma a quel punto un marinaio era in grado di svolgere il servizio mentre l'altro si era quasi ripreso. A parte questo, solo il gruppo uno ha mostrato anche qualche effetto del suo trattamento. Poco dopo questo esperimento, Lind si ritirò dalla Marina e inizialmente esercitò privatamente come medico. Nel 1753 ha pubblicato Un trattato sullo scorbuto, che è stato praticamente ignorato. Nel 1758 fu nominato capo medico del Royal Naval Hospital Haslar a Gosport. Quando James Cook partì per il suo primo viaggio trasportava mosto (0,1 mg di vitamina C per 100 g), crauti (10-15 mg per 100 g) e uno sciroppo, o "rapina", di arance e limoni (il succo contiene 40– 60 mg di vitamina C per 100 g) come antiscorbutici, ma sono stati pubblicati solo i risultati degli studi sul mosto. Nel 1762 Lind's Saggio sui mezzi più efficaci per preservare la salute dei marinai apparso. In esso raccomandava di coltivare insalata, cioè. crescione (662 mg di vitamina C per 100 g) —su coperte bagnate. Questo fu effettivamente messo in pratica e nell'inverno del 1775 l'esercito britannico in Nord America fu rifornito di semi di senape e crescione. Tuttavia Lind, come la maggior parte della professione medica, credeva che lo scorbuto fosse essenzialmente il risultato di cibo mal digerito e putrefatto all'interno del corpo, cattiva acqua, lavoro eccessivo e vivere in un'atmosfera umida che impediva una sana traspirazione. Così, pur riconoscendo i benefici degli agrumi (sebbene ne abbia indebolito l'effetto passando a un concentrato bollito o "rapina", la cui produzione purtroppo ha distrutto la vitamina C), non ha mai sostenuto il succo di agrumi come un'unica soluzione. Credeva che lo scorbuto avesse molteplici cause che quindi richiedevano molteplici rimedi. Illustrazione tassonomica dettagliata di Franz Eugen Köhler, 1897. L'establishment medico a terra continuava ad essere legato all'idea che lo scorbuto fosse una malattia della putrefazione, curabile con la somministrazione di elisir di vetriolo, infusi di mosto e altri rimedi progettati per "ravvivare" il sistema. Non poteva spiegare i benefici degli agrumi e respingeva le prove a loro favore come non provate e aneddotiche. In Marina, tuttavia, l'esperienza aveva convinto molti ufficiali e chirurghi che i succhi di agrumi fornivano la risposta allo scorbuto anche se il motivo era sconosciuto. Su insistenza di alti ufficiali, guidati dal contrammiraglio Alan Gardner, nel 1794 fu rilasciato del succo di limone a bordo del Suffolk in ventitré settimane, viaggio non-stop in India. La razione giornaliera di due terzi di oncia mescolata a grog conteneva quasi l'assunzione giornaliera minima di 10 mg di vitamina C. Non ci furono gravi focolai di scorbuto. Questo incredibile evento ha provocato una richiesta diffusa all'interno della Marina per il succo di limone, sostenuta dal Sick and Hurt Board il cui numero era stato recentemente aumentato da due pratici chirurghi navali che erano ben consapevoli dell'esperimento di Lind con gli agrumi. L'anno successivo l'Ammiragliato accettò la sua raccomandazione di distribuire regolarmente il succo di limone a tutta la flotta.[9] Un altro scozzese, Archibald Menzies, raccolse piante di agrumi e le portò a Kealakekua Bay alle Hawaii durante la spedizione di Vancouver, per aiutare la Marina a rifornirsi nel Pacifico. Questa non era la fine immediata dello scorbuto nella Marina, poiché all'inizio il succo di limone era così scarso che poteva essere usato solo nelle acque domestiche come cura sotto la direzione dei chirurghi piuttosto che somministrato regolarmente come prevenzione. Solo dopo il 1800 l'offerta è aumentata sufficientemente in modo che, su insistenza dell'ammiraglio Lord St Vincent, ha iniziato ad essere emessa in generale. Lind ha anche notato che il tifo era scomparso dall'ultimo piano del suo ospedale, dove i pazienti venivano lavati e ricevevano vestiti e biancheria da letto puliti. Tuttavia, l'incidenza era molto alta ai piani inferiori dove tali misure igieniche non erano in vigore. Lind raccomandava che i marinai fossero spogliati, rasati, lavati e consegnati regolarmente vestiti e biancheria da letto puliti. Di conseguenza, i marinai britannici non soffrivano di tifo, dando alla marina britannica un vantaggio competitivo significativo rispetto ai francesi. Pagina di copertina del saggio di Lind. Nel XVIII secolo i marinai portavano con sé acqua, sciroppo e latte in botti. Secondo il Regolamenti e istruzioni relativi al servizio in mare di Sua Maestà, che era stato pubblicato per la prima volta nel 1733 dall'Ammiragliato, i marinai avevano diritto a un gallone di birra debole al giorno (5/6 del solito gallone britannico, equivalente al gallone americano moderno o poco più di tre litri e mezzo ). Poiché la birra era stata bollita durante il processo di fermentazione, era ragionevolmente priva di batteri e durava per mesi, a differenza dell'acqua tenuta in una botte per lo stesso tempo. Nel Mediterraneo si produceva anche vino, spesso fortificato con acquavite. Una fregata con 240 uomini, dotata di provviste per quattro mesi, trasportava più di cento tonnellate di liquido potabile. La qualità dell'acqua dipendeva dalla fonte originale dell'acqua, dalle condizioni delle botti e da quanto tempo era stata conservata. Durante i periodi normali ai marinai non era permesso portare via l'acqua. Quando l'acqua scarseggiava, veniva razionata e l'acqua piovana veniva raccolta a vele spiegate. L'acqua fresca veniva raccolta anche quando si presentava l'occasione in viaggio, ma i luoghi di abbeveraggio erano spesso paludosi e ai tropici infestati dalla malaria. Nel 1759, Lind scoprì che il vapore dell'acqua salata riscaldata era fresco. Ha anche proposto di utilizzare l'energia solare per la distillazione dell'acqua. Ma solo quando nel 1810 fu introdotto un nuovo tipo di fornello da cucina si presentò la possibilità di produrre acqua dolce per distillazione su scala utile. Lind aveva due figli: John e James. Il figlio maggiore, John (1751–1794), studiò medicina e successe a James Lind come capo medico presso l'Haslar Hospital nel 1783. Anche il figlio più giovane, James (1765–1823), intraprese una carriera con la marina britannica. Ha prestato servizio in mare per un certo numero di anni, raggiungendo il grado di post-capitano, ed è stato notevole per il suo ruolo nella battaglia di Vizagapatam nel 1804, per la quale è stato nominato cavaliere. Morì come Cavaliere Comandante dell'Ordine del Bagno nel 1823.
Immagine e testo da Wikipedia.com

Lascia un commento