Jane Austen e Food, di Maggie Lane - A Review

senza nomeJane Austen e Food, di Maggie Lane - Una recensione di Sarah Emsley:

È più facile o più difficile scrivere se sei anche responsabile dell'alimentazione e della cura della tua famiglia? "La composizione mi sembra impossibile, con la testa piena di spinelli di montone e dosi di rabarbaro", scrisse Jane Austen alla sorella Cassandra nel settembre 1816, dopo un periodo in cui gestiva la casa a Chawton Cottage in assenza di Cassandra. Fortunatamente per Jane - e per noi, come lettori della sua narrativa - il più delle volte è stata Cassandra a ricoprire questo ruolo, liberando Jane a scrivere. Nella sua scrittura, non menziona molto spesso il cibo, ma il libro di Maggie Lane Jane Austen e Food mostra che i suoi riferimenti ad esso sono significativi perché "lo usa per definire il carattere e illustrare il valore morale". Jane Austen e Food è stato pubblicato per la prima volta nel 1995 da The Hambledon Press, ed è recentemente disponibile come e-book economico da Endeavour Press. Non è un libro di cucina, ma una discussione sul cibo nelle lettere e nei romanzi di Austen. Ho sempre amato quella frase delle sue lettere sulla composizione e la lettura Jane Austen e Food mi ha aiutato a capirlo meglio. Ho imparato che "montone" non è sempre solo montone e che "rabarbaro" non è quello che io considero rabarbaro. Mutton, dice Lane, "sembra essere diventata la parola generica per carne o per cena stessa". Cita l'esempio di Mansfield Park del dottor Grant che invita Edmund Bertram "'a mangiare il suo montone con lui il giorno successivo', senza supporre, per un momento, che 'il conto del prezzo' come lui lo chiama sia in realtà montone (in realtà è tacchino)". Il rabarbaro a cui si riferisce Austen non è "la pianta a cui pensiamo, i cui gambi vengono mangiati come frutto", ma "il portainnesto medicinale delle specie di reum coltivate in Cina e Tibet", importato in polvere per essere "usato come un purgante da parte della parte sovralimentata della popolazione. " Lane lo fa notare L'abbazia di Northanger, Catherine Morland alla fine si rende conto che i veleni non sono così prontamente disponibili come dosi di rabarbaro. Jane Austen e Food inizia con una discussione sull '"economia domestica" nella vita e nelle lettere di Austen, delineando il contesto storico per la successiva analisi dei pasti, dei menu, dei costumi e della morale nei suoi romanzi. Il libro è pieno di fatti divertenti, inclusa la scelta del tacchino della famiglia Austen a Natale (hanno allevato i propri tacchini a Steventon) mentre molte altre famiglie mangiavano carne di manzo; La preferenza di Jane Austen per il termine "roba da giardino" invece di "verdura", una parola che non ha usato nella sua scrittura fino a Sanditon nel 1817; la rara comparsa di similitudini nel suo lavoro ("White as a Whipt Syllabub" e "cool as a cream-cheese" sono entrambe in Castello di Lesley); e l'importanza dell'ora in cui una famiglia ha cenato. Lane traccia una progressione dagli "umili" Watsons, che cenano alle tre, ai Dashwoods e ai Woodhouse (quattro), ai Grants (quattro e mezzo), ai Tilney (cinque). Chi è alla moda o aspira a essere considerato alla moda, cena tardi. A Netherfield, l'ora è le sei e mezza, due ore intere dopo l'ora di cena a Longbourn. Dove mangiano i personaggi è importante quanto quando mangiano e cosa mangiano. Lane parla del motivo per cui il signor Knightley si oppone così fortemente al mangiare fuori - si pensa che sia "pericoloso a causa della sua tendenza a infrangere quelle attente regole di comportamento che sono state costruite nel corso delle generazioni per proteggere uomini e donne da se stessi". Chi ha il controllo sul cibo è anche una domanda chiave nei romanzi e l'analisi di Lane è affascinante. Possiamo imparare molto, dice, sul generale Tilney e il dottor Grant dalla loro ossessiva attenzione alla quantità e alla qualità del loro cibo. Mentre il primo è "attivo e invadente" e il secondo è "ozioso", Austen "mostra come stili di uomini apparentemente molto diversi possono usare il cibo per manipolare e tiranneggiare la loro famiglia immediata". Anche i personaggi che hanno poco o nessun controllo sul tipo di cibo, sul tempo o sul luogo in cui viene servito trovano modi per esercitare il controllo. Marianne Dashwood, Fanny Price e Jane Fairfax rifiutano il cibo nei momenti di intenso disagio emotivo. Lane scrive che "si può quindi dire che i disturbi alimentari di Marianne, Fanny e Jane rispecchiano un grado di disordine sociale". Al contrario, le altre eroine di Austen sono indifferenti al cibo. “Mangiano per mantenersi in salute, per essere socievoli, per conformarsi. Ma nessuno di loro anticipa o esprime piacere in un pasto, né ammette di apprezzare un determinato cibo ". Che un personaggio stia mangiando o non mangiando, parlando di cibo o non ne parli, le scelte di Austen sono sempre determinanti. Il libro si conclude con non una ma due interpretazioni di Emma, un romanzo "così pieno di cibo che richiede un intero capitolo per sé" e un utile indice di cibi e bevande nei romanzi, in modo da poter cercare riferimenti a ciliegie, pollo e cioccolato, ad esempio, o pastinache, pernici e ananas. Il cibo e le pulizie possono essere considerati "banali" da alcuni, come dice Lane nella sua introduzione, ma la sua eccellente analisi dimostra che entrambi sono centrali nel mondo morale dei romanzi di Austen. Gli scrittori devono decidere da soli se la cura e il nutrimento di una famiglia li distrae dallo scrivere o nutre la loro vita creativa. Ma il cibo nella narrativa continuerà ad affascinare lettori e scrittori. Maggie Lane's Jane Austen e Food ci intrattiene con una grande quantità di informazioni sul contesto storico e fornisce un argomento convincente per il significato morale del cibo nell'arte così come nella vita. Jane Austen e Food, di Maggie Lane £ 1,99, Kindle Edition Endeavour Press Ltd. (2013) Digital eBook (218) pagine ASIN: B00GYJD9CC
Sarah Emsley è autrice di Philosophy of the Virtues di Jane Austen e curatrice del romanzo di Edith Wharton The Custom of the Country. Vive ad Halifax, Nuova Scozia e attualmente sta lavorando a un romanzo. Ha trascorso due anni come borsista post-dottorato presso il Rothermere American Institute, Università di Oxford, e in seguito ha tenuto corsi su Jane Austen nel corso di scrittura presso l'Università di Harvard. Scrive su Austen e Wharton su www.sarahemsley.com, e per celebrare il 200 ° anniversario di Mansfield Park nel 2014, sta ospitando una conversazione sul romanzo sul suo blog, con post di Juliet McMaster, Laurel Ann Nattress, Syrie James, Lynn Shepherd, Margaret C. Sullivan, Deborah Yaffe, Devoney Looser e molti altri meravigliosi scrittori. Segui Sarah su Twitter (@Sarah_Emsley), visitatela su Facebook (https://www.facebook.com/sarahlbemsley) e iscriviti al blog per ricevere aggiornamenti su questa eccitante celebrazione. Questa recensione è apparsa originariamente su Austenprose.com e viene utilizzato qui con il permesso.