Laurence Sterne: Dare voce a Tristram Shandy

Laurence Sterne: Dare voce a Tristram Shandy

Laurence Sterne, contemporaneo del padre ecclesiastico di Jane Austen, George Austen (1731-1805) era una voce ben nota della famiglia Austen. Le lettere sia a che da Jane alludono ai suoi scritti, e Maria Bertram in realtà cita i suoi Viaggio sentimentale nel capitolo 10 di Mansfield Park. Il lavoro più familiare di Sterne La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo (1759) condivide i temi con un altro famoso romanzo comico, il 1749 di Henry Fielding La storia di Tom Jones, un trovatello, che anche Jane Austen conosceva. È difficile dire come questi due romanzi (a volte scioccanti) abbiano influenzato la sua stessa scrittura. Ritratto di Laurence Sterne di Joshua Reynolds, 1760 Laurence Sterne (24 novembre 1713 - 18 marzo 1768) era un romanziere anglo-irlandese e un pastore anglicano. È meglio conosciuto per i suoi romanzi La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo e Un viaggio sentimentale attraverso la Francia e l'Italia; ma pubblicò anche molti sermoni, scrisse memorie e fu coinvolto nella politica locale. Sterne è morto a Londra dopo anni di lotta al consumo. Sterne è nato a Clonmel, nella contea di Tipperary. Suo padre, Roger Sterne, era un guardiamarina in un reggimento britannico recentemente tornato da Dunkerque, che è stato sciolto il giorno della nascita di Sterne. Nel giro di sei mesi la famiglia era tornata nello Yorkshire e nel luglio 1715 si erano trasferiti di nuovo in Irlanda, dopo aver "lasciato il campeggio con Bag & Baggage per Dublino", nelle parole di Sterne. Il primo decennio della vita di Sterne fu trascorso spostandosi da un posto all'altro mentre suo padre veniva riassegnato in tutta l'Irlanda. Durante questo periodo Sterne non visse mai in un posto per più di un anno. Oltre a Clonmel e Dublino, la sua famiglia viveva anche, tra gli altri luoghi, a Wicklow Town, Annamoe (contea di Wicklow), Drogheda (contea di Louth), Castlepollard (contea di Westmeath) e Carrickfergus (contea di Antrim). Nel 1724, suo padre portò Sterne dal ricco fratello di Roger, Richard, in modo che Sterne potesse frequentare la Hipperholme Grammar School vicino ad Halifax; Sterne non vide mai più suo padre poiché Roger fu ordinato di recarsi in Giamaica dove morì di febbre nel 1731. Sterne fu ammesso a un sizarship al Jesus College, Cambridge, nel luglio 1733 all'età di 20 anni. Il suo bisnonno Richard Sterne era stato il Maestro del college e l'Arcivescovo di York. Sterne si laureò con una laurea in lettere nel gennaio 1737; e tornò nell'estate del 1740 per ricevere il diploma di Master of Arts. Sterne fu ordinato diacono nel marzo 1737 e sacerdote nell'agosto 1738. Poco dopo Sterne ottenne il vicariato vivente di Sutton-on-the-Forest nello Yorkshire. Sterne sposò Elizabeth Lumley nel 1741. Entrambi erano malati di consumo. Nel 1743, fu presentato al vicino vivente di Stillington dal Rev. Richard Levett, Prebendario di Stillington, che era il patrono dei vivi. Successivamente Sterne fece servizio sia lì che a Sutton. Era anche un prebendario di York Minster. La vita di Sterne in quel periodo era strettamente legata a quella di suo zio, il dottor Jaques Sterne, arcidiacono di Cleveland e precentore di York Minster. Lo zio di Sterne era un Whig ardente, e ha esortato Sterne a iniziare una carriera di giornalismo politico che ha provocato uno scandalo per Sterne e, alla fine, un litigio terminale tra i due uomini. Primo Ministro della Gran Bretagna In carica dal 4 aprile 1721 all'11 febbraio 1742 Jaques Sterne era un potente ecclesiastico, ma un uomo meschino e un politico rabbioso. Nel 1741-42 Sterne scrisse articoli politici a sostegno dell'amministrazione di Sir Robert Walpole per un giornale fondato da suo zio ma che presto si ritirò dalla politica disgustato. Suo zio divenne il suo acerrimo nemico, ostacolando il suo avanzamento ogni volta che era possibile. Sterne visse a Sutton per vent'anni, durante i quali mantenne un'intimità iniziata a Cambridge con John Hall-Stevenson, uno spiritoso e compiuto bon vivant, proprietario di Skelton Hall nel distretto di Cleveland nello Yorkshire. Nel 1759, per sostenere il suo decano in un battibecco in chiesa, scrisse Sterne Un romanzo politico (successivamente chiamato La storia di un buon cappotto caldo), una satira swift di dignitari delle corti spirituali. Su richiesta di uomini di chiesa imbarazzati, il libro è stato bruciato. Così, Sterne perse le sue possibilità di avanzamento clericale ma scoprì i suoi veri talenti; fino al completamento di questo primo lavoro, "non sapeva quasi di poter scrivere, tanto meno con umorismo da far ridere il lettore". Avendo scoperto il suo talento, all'età di 46 anni, cedette le sue parrocchie a un curato e si dedicò alla scrittura per il resto della sua vita. Fu mentre viveva in campagna, avendo fallito nei suoi tentativi di integrare il suo reddito di agricoltore e lottando con la tubercolosi, che Sterne iniziò a lavorare al suo romanzo più noto, La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo, i cui primi volumi furono pubblicati nel 1759. Sterne stava lavorando al suo celebre romanzo a fumetti durante l'anno in cui sua madre morì, sua moglie era gravemente ammalata e anche sua figlia si ammalò di febbre.[6] Scrisse il più velocemente possibile, componendo i primi 18 capitoli tra gennaio e marzo 1759. Tristram Shandy Prima edizione dorsali di The Laurence Sterne Trust - Questo file è stato donato da Laurence Sterne Trust come parte dello Yorkshire Network GLAMwiki. Il Trust gestisce Shandy Hall, la casa di Sterne a Coxwold, nello Yorkshire Tristram Shandy Prima edizione dorsali di Il Laurence Sterne Trust Una versione iniziale, fortemente satirica, fu rifiutata da Robert Dodsley, il tipografo londinese, proprio quando la vita personale di Sterne era sconvolta. Sua madre e suo zio sono morti entrambi. Sua moglie ha avuto un esaurimento nervoso e ha minacciato il suicidio. Sterne ha continuato il suo romanzo a fumetti, ma ogni frase, ha detto, è stata "scritta con la massima pesantezza del cuore". In questo stato d'animo, ha ammorbidito la satira e ha raccontato i dettagli delle opinioni di Tristram, della famiglia eccentrica e dell'infanzia sfortunata con un umorismo comprensivo, a volte esilarante, a volte dolcemente malinconico - una commedia che sfiora la tragedia. Shandy Hall, la casa di Sterne a Coxwold, North Yorkshire La pubblicazione di Tristram Shandy ha reso famoso Sterne a Londra e nel continente. Era deliziato dall'attenzione e trascorreva parte di ogni anno a Londra, festeggiandosi quando apparivano nuovi volumi. In effetti, il barone Fauconberg ha premiato Sterne nominandolo curato perpetuo di Coxwold, nel North Yorkshire. Sterne continuò a lottare con la sua malattia e lasciò l'Inghilterra per la Francia nel 1762 nel tentativo di trovare un clima che alleviasse le sue sofferenze. Sterne ebbe la fortuna di legarsi a un partito diplomatico diretto a Torino, poiché l'Inghilterra e la Francia erano ancora avversarie nella Guerra dei Sette Anni. Sterne fu gratificato dalla sua accoglienza in Francia, dove i rapporti del genio di Tristram Shandy lo aveva reso una celebrità. Aspetti di questo viaggio in Francia furono incorporati nel secondo romanzo di Sterne, Un viaggio sentimentale attraverso la Francia e l'Italia. Nel 1766, al culmine del dibattito sulla schiavitù, il compositore ed ex schiavo Ignazio Sancho scrisse a Sterne incoraggiandolo a usare la sua penna per fare pressioni per l'abolizione della tratta degli schiavi.
"Quell'argomento, trattato nel tuo modo sorprendente, allevierebbe il giogo (forse) di molti - ma se solo uno ... Dio misericordioso! - che festa per un cuore benevolo!"
Nel luglio 1766 Sterne ricevette la lettera di Sancho poco dopo aver finito di scrivere una conversazione tra i suoi personaggi immaginari, il caporale Trim e suo fratello Tom a Tristram Shandy, in cui Tom descriveva l'oppressione di un domestico nero in un negozio di salsicce a Lisbona che aveva visitato. La risposta ampiamente pubblicizzata di Sterne alla lettera di Sancho divenne parte integrante della letteratura abolizionista del XVIII secolo:
C'è una strana coincidenza, Sancho, nei piccoli eventi (così come nei grandi) di questo mondo: poiché avevo scritto una tenera storia dei dolori di una povera ragazza negra senza amici, e i miei occhi avevano appena finito dolorante, quando è arrivata da me la tua lettera di raccomandazione a favore di tanti suoi fratelli e sorelle - ma perché i suoi fratelli? - o la tua, Sancho! non più del mio? È per le tinte più fini e le gradazioni più insensibili che la natura discende dal viso più bello di San Giacomo, alla carnagione più fuligginosa dell'Africa: a quale tinta di questi, è che i legami di sangue devono cessare? e quante ombre dobbiamo scendere ancora più in basso nella scala, prima che la misericordia svanisca con loro? Ma non è una cosa insolita, mio ​​buon Sancho, che metà del mondo usi l'altra metà come bruti, e poi cerca di renderli tali. | Laurence Sterne, 27 luglio 1766
di Louis Carrogis ('Louis de Carmontelle'), disegno, 1762 circa Viaggio sentimentale fu pubblicato all'inizio del 1768. Il romanzo fu scritto in un periodo in cui Sterne era sempre più malato e debole. Meno di un mese dopo Viaggio sentimentale Fu pubblicato, all'inizio del 1768, la forza di Sterne gli venne meno, e morì nel suo alloggio al 41 di Old Bond Street il 18 marzo, all'età di 54 anni. Fu sepolto nel cimitero di St George's, Hanover Square. Si diceva che il corpo di Sterne fosse stato rubato poco dopo essere stato sepolto e venduto agli anatomisti dell'Università di Cambridge. Circostanzialmente, si diceva che il suo corpo fosse stato riconosciuto da Charles Collignon, che lo conosceva, e reinterpretato con discrezione a St George's, in una trama sconosciuta. Un anno dopo un gruppo di massoni eresse una lapide commemorativa con un epitaffio in rima vicino al suo luogo di sepoltura originale. Una seconda pietra fu eretta nel 1893, correggendo alcuni errori di fatto sulla lapide commemorativa. Quando il sagrato della chiesa di San Giorgio fu riqualificato nel 1969, tra 11.500 teschi dissotterrati, molti furono identificati con tagli drastici da anatomizzazione o da un esame post mortem. Uno è stato identificato per essere di una dimensione che corrispondeva a un busto di Sterne realizzato da Nollekens. Laurence Sterne di Joseph Nollekens, 1766, National Portrait Gallery, Londra Il teschio è stato ritenuto suo, anche se con "una certa area di dubbio". Insieme alle ossa scheletriche vicine, questi resti furono trasferiti al cimitero di Coxwold nel 1969 dal Laurence Sterne Trust. La storia della reinterrazione del teschio di Sterne in Coxwold è accennata nel romanzo di Malcolm Bradbury All'Eremo. Legacy I primi lavori di Sterne erano lettere; fece pubblicare due sermoni ordinari (nel 1747 e 1750) e si cimentò con la satira. Fu coinvolto e scrisse sulla politica locale nel 1742. La sua principale pubblicazione prima del Tristram Shandy era la satira Un romanzo politico (1759), finalizzato ai conflitti di interesse all'interno di York Minster. Un pezzo pubblicato postumo sull'arte della predicazione, Un frammento nello stile di Rabelais, sembra sia stato scritto nel 1759. Rabelais era di gran lunga l'autore preferito di Sterne, e nella sua corrispondenza chiarì che si considerava il successore di Rabelais nella scrittura umoristica, prendendo le distanze da Jonathan Swift:
Io ... nego di essermi spinto fino a Swift: si tiene a debita distanza da Rabelais; Mi tengo a debita distanza da lui.
Sterne è meglio conosciuto per il suo romanzo La vita e le opinioni di Tristram Shandy, gentiluomo, per cui è diventato famoso non solo in Inghilterra, ma in tutta Europa. Le traduzioni dell'opera iniziarono ad apparire in tutte le principali lingue europee quasi subito dopo la sua pubblicazione, e Sterne influenzò scrittori europei diversi come Diderot e i romantici tedeschi. Il suo lavoro ha avuto anche un'influenza notevole sull'autore brasiliano Machado de Assis, che ha fatto un uso eccezionale (e straordinariamente originale) della tecnica digressiva nel romanzo magistrale Le memorie postume di Bras Cubas. In effetti, il romanzo, in cui Sterne manipola il tempo e la voce della narrazione, parodizza la forma narrativa accettata e include una buona dose di umorismo "osceno", è stato ampiamente liquidato in Inghilterra come troppo corrotto. Il verdetto di Samuel Johnson nel 1776 fu che "Niente di strano durerà a lungo. Tristram Shandy non durò ". Questo è sorprendentemente diverso dalle opinioni dei critici europei dell'epoca, che lodavano Sterne e Tristram Shandy come innovativo e superiore. Voltaire lo definì "chiaramente superiore a Rabelais", e in seguito Goethe lodò Sterne come "lo spirito più bello che sia mai vissuto". Sia durante la sua vita che per molto tempo dopo, molti si sforzarono di rivendicare Sterne come un arci-sentimentalista; parti di Tristram Shandy, come il racconto di Le Fever, furono estratti e pubblicati separatamente con ampi consensi da parte dei moralisti dell'epoca. Il successo del romanzo e la sua natura serializzata hanno anche permesso a molti imitatori di pubblicare opuscoli riguardanti i personaggi di Shandean e altro materiale correlato a Shandean anche quando il romanzo era ancora incompiuto. Il romanzo stesso è difficile da descrivere. La storia inizia con la narrazione, di Tristram, della sua stessa concezione. Procede a singhiozzo, ma soprattutto per quelle che Sterne chiama "divagazioni progressive" in modo da non arrivare alla nascita di Tristram prima del terzo volume. Il romanzo è ricco di personaggi e umorismo e le influenze di Rabelais e Cervantes sono presenti ovunque. Il romanzo termina dopo 9 volumi, pubblicati nell'arco di un decennio, ma senza nulla che possa essere considerato una conclusione tradizionale. Sterne inserisce sermoni, saggi e documenti legali nelle pagine del suo romanzo; ed esplora i limiti della tipografia e del design di stampa includendo pagine marmorizzate e, cosa più famosa, una pagina interamente nera, all'interno della narrazione. Molte delle innovazioni introdotte da Sterne, adattamenti nella forma che dovrebbero essere intesi come un'esplorazione di ciò che costituisce il romanzo, furono molto influenti per scrittori modernisti come James Joyce e Virginia Woolf e scrittori più contemporanei come Thomas Pynchon e David Foster Wallace. Riferito Italo Calvino Tristram Shandy come "il capostipite indiscusso di tutti i romanzi d'avanguardia del nostro secolo". Lo scrittore formalista russo Viktor Shklovsky considerato Tristram Shandy come l'archetipo, il romanzo per eccellenza, di cui tutti gli altri romanzi sono semplici sottoinsiemi: "Tristram Shandy è il romanzo più tipico della letteratura mondiale. "Tuttavia, le principali opinioni critiche di Tristram Shandy tendono ad essere nettamente polarizzate nelle loro valutazioni del suo significato. Dagli anni '50, seguendo l'esempio di DW Jefferson, ci sono coloro che sostengono che, qualunque sia la sua eredità di influenza, Tristram Shandy nel suo contesto originale rappresenta in realtà una rinascita di una tradizione rinascimentale molto più antica dello "spirito istruito", dovuta a influenze come l'approccio scribleriano. Un viaggio sentimentale attraverso la Francia e l'Italia è un libro meno influente, sebbene sia stato accolto meglio dai critici inglesi dell'epoca. Il libro ha molti parallelismi stilistici con Tristram Shandy, e in effetti, il narratore è uno dei personaggi minori del romanzo precedente. Sebbene la storia sia più semplice, Un viaggio sentimentale può essere inteso come parte dello stesso progetto artistico a cui Tristram Shandy appartiene. Due volumi di Sterne's Sermoni furono pubblicati durante la sua vita; altre sue copie Sermoni sono state vendute durante la sua vita rispetto alle copie di Tristram Shandy, e per un po 'fu più conosciuto in alcuni ambienti come predicatore che come romanziere. I sermoni, però, sono convenzionali sia nello stile che nella sostanza. Diversi volumi di lettere furono pubblicati dopo la sua morte, così com'era Diario di Eliza, una lettera d'amore più sentimentale che umoristica a una donna che Sterne stava corteggiando durante gli ultimi anni della sua vita. Rispetto a molti autori del XVIII secolo, il corpo di lavoro di Sterne è piuttosto piccolo.
Per ulteriori informazioni sulla familiarità di Jane Austen con le opere di Sterne, leggi Jane Austen e Laurence Sterne.