Natale con Babbo Natale

Vintage-Santa-con-slitta-Image-GraphicsFairy - CopiaL'idea moderna di Babbo Natale nel suo abito rosso, che consegna regali tramite una slitta trainata da renne è stata realizzata da Clement C.Moore nella sua poesia del 1823, Una visita da San Nicola. Questo Babbo Natale era basato sull'olandese Sinterklaas (San Nicola) e fino alla metà del 1800 non incrocia (e si fonde) con il "vecchio" inglese, Babbo Natale. Babbo Natale, infatti, è l'incarnazione delle festività natalizie, senza uno specifico attaccamento religioso, anche se forse qualche leggera inclinazione druidica. Assomiglia, in effetti, a Spirit of Christmas Present di Charles Dickens, anche l'incarnazione di tutto il bene della stagione, anche se con un taglio vittoriano. Questo spirito, uno dei quattro a visitare Ebenezer Scrooge nel romanzo del 1843, A Christmas Carol, viene presentato al lettore in Stave 3. Il fantasma qui inizia la notte piuttosto giovane e robusto e invecchia durante il giorno - dopo tutto, più di diciotto anni cento dei suoi fratelli hanno camminato prima di lui, e la vita di questo spirito dura solo un giorno:
"Le pareti e il soffitto erano talmente ricoperti di verde vivo che sembrava un boschetto perfetto; da ogni parte scintillavano bacche luminose e scintillanti. Le fresche foglie di agrifoglio, vischio ed edera riflettevano la luce, come se tanti piccoli specchi erano stati sparpagliati lì; e un fuoco così potente ruggiva su per il camino, come quella sorda pietrificazione di un focolare non aveva mai conosciuto ai tempi di Scrooge, o di Marley, o per molti e molti una stagione invernale passata. a formare una specie di trono c'erano tacchini, oche, selvaggina, pollame, brawn, grandi pezzi di carne, maialini da latte, lunghe ghirlande di salsicce, pasticci di carne macinata, budini di prugne, barili di ostriche, castagne roventi, ciliegia - mele guance, arance succose, pere succulente, enormi dodicesimi dolci e ciotole ribollenti di punch, che rendevano la camera oscura con il loro delizioso vapore. In uno stato facile su questo divano, sedeva un allegro Gigante, glorioso da vedere :, che portava una torcia splendente, di forma non dissimile dal corno di Plenty, e la tenne alta, in alto, a gettò la sua luce su Scrooge, mentre sbirciava dalla porta. "Entra!" esclamò lo Spettro. "Entra e conoscimi meglio, amico." Scrooge entrò timidamente e abbassò la testa davanti a questo Spirito. Non era il tenace Scrooge che era stato; e sebbene gli occhi dello Spirito fossero chiari e gentili, non gli piaceva incontrarli. "Io sono il fantasma del regalo di Natale", disse lo Spirito. "Guardami." Scrooge lo fece con riverenza. Era vestito con una semplice veste verde, o mantello, bordato di pelliccia bianca. Questa veste pendeva così liberamente sulla figura, che il suo ampio petto era nudo, come se disdegnasse di essere protetto o nascosto da qualsiasi artificio. Anche i suoi piedi, osservabili sotto le ampie pieghe della veste, erano nudi; e sulla sua testa non portava altro che una corona di agrifoglio, fissata qua e là con scintillanti ghiaccioli. I suoi riccioli marrone scuro erano lunghi e liberi; libero come il suo viso geniale, il suo occhio scintillante, la sua mano aperta, la sua voce allegra, il suo comportamento disinvolto e la sua aria gioiosa. Cinto intorno al centro c'era un antico fodero; ma non c'era spada in essa, e l'antico fodero è stato consumato dalla ruggine ".
Il terzo visitatore di Scrooge, da Charles Dickens: A Christmas Carol. In prosa. Essere una storia di fantasmi del Natale. Con illustrazioni di John Leech. Londra: Chapman & Hall, 1843. Prima edizione. In questo brano, infatti, si possono trovare molti antichi simboli del periodo natalizio, tra cui il mostruoso fuoco (Germanico Yule Log), decorazioni di agrifoglio ed edera (in realtà tradizioni romane) e vischio (influenza druida) insieme a una vera montagna di cibo, tutto ciò sarebbe stato conosciuto e apprezzato durante la vita di Jane Austen. Dopotutto, pensiamo a Dickens come a un vittoriano e al modo in cui l'influenza vittoriana si è aggiunta alla nostra celebrazione della stagione, ma la giovane regina aveva regnato solo per quattro anni quando questa storia è stata scritta. Ma da dove viene, potreste chiedervi, questa idea dello Spirito del Natale in forma di uomo, se non da San Nicola? Secondo i ricercatori, "In Inghilterra la prima personificazione conosciuta del Natale non lo descrive come vecchio, né si riferisce a lui come 'padre'. Un canto natalizio attribuito a Richard Smart, Rettore di Plymtree dal 1435 al 1477, assume la forma di un cantato dialogo tra un coro e una figura che rappresenta il Natale, variamente indirizzata come "Nowell", "Sir Christemas" e "my lord Christemas". Non distribuisce regali ai bambini ma è associato alle celebrazioni degli adulti. Dando notizia della nascita di Cristo, il Natale incoraggia tutti da bere: "Buvez bien par toute la campagnie, / Rallegrati e sii giusto allegro". Tuttavia, la rappresentazione specifica del Natale come un vecchio allegro emerse all'inizio del XVII secolo. L'ascesa del puritanesimo aveva portato a una condanna crescente delle tradizioni tramandate dai tempi pre-Riforma, in particolare banchetti e bevande in comune. Con l'intensificarsi del dibattito, chi scriveva a sostegno delle celebrazioni tradizionali spesso personificava il Natale come un venerabile, parente vecchio gentiluomo, portato al buonumore ma non agli eccessi. Si riferivano a questa personificazione come "Natale", "Vecchio Natale" o "Babbo Natale". A questo punto il personaggio appartiene ancora alla letteratura e non al folklore. Estratto da The Examination and Tryal of Father Christmas (1686) di Josiah King, pubblicato poco dopo che il Natale fu reintegrato come giorno santo in Inghilterra. Ben Jonson in Natale la sua maschera, risalente al dicembre 1616, rileva la crescente tendenza a denigrare le forme tradizionali di celebrazione. Il suo personaggio 'Natale' appare quindi in mode antiquate, "vestito con tubo tondo, calze lunghe, un farsetto stretto, un cappello a corona alta con una spilla, una barba lunga e sottile, un manganello, piccole balze, scarpe bianche, le sue scarpette , e le giarrettiere hanno legato la crosse ", e annuncia" Perché signori, sapete cosa fate? ah! mi avete escluso? Natale, vecchio Natale? " Più tardi, in una maschera di Thomas Nabbes, The Springs Glorie prodotto nel 1638, "Christmas" appare come "un vecchio reverendo gentiluomo in abito e berretto di pelliccia". Durante la metà del XVII secolo, il dibattito sulla celebrazione del Natale divenne politicamente carico, con i realisti che adottarono una posizione pro-natalizia e puritani radicali che cercarono di vietare completamente il festival. All'inizio del 1646 scrisse un autore satirico anonimo L'accusa, la condanna e l'imprigionamento del Natale, in cui una signora realista è alla frenetica ricerca di Babbo Natale: questo è stato seguito mesi dopo dal poeta realista John Taylor La denuncia del Natale, in cui Babbo Natale visita mestamente le città puritane ma non vede "... nessun segno o segno di alcun giorno santo". Un libro risalente ai tempi del Commonwealth, La rivendicazione del NATALE o le osservazioni sui tempi dei suoi dodici anni (Londra, 1652), coinvolgeva il "Vecchio Natale" sostenendo un allegro Natale alcolico e denigrando i motivi caritatevoli dei puritani al potere. Allo stesso modo, un umoristico opuscolo del 1686 di Josiah King presenta Babbo Natale come la personificazione delle tradizioni festive precedenti al Commonwealth puritano. È descritto come un anziano gentiluomo dall'aspetto allegro, "che quando è arrivato non sembrava così compiaciuto e piacevole, le sue guance color ciliegia apparivano attraverso le sue sottili ciocche bianche come il latte, come (b) rose lussureggianti ricoperte di Tiffany bianca come la neve". Il suo carattere è associato alla festa, all'ospitalità e alla generosità verso i poveri piuttosto che al dono di doni. Questa tradizione continuò nei secoli successivi, con "Vecchio Babbo Natale" evocato nel 1734 nell'opuscolo Intorno al nostro fuoco di carbone, come "Mostrare cosa fosse l'ospitalità nei tempi passati, e quanto poco ne resta al momento", un rimprovero alla nobiltà "avara".  Uno scrittore di "Time's Telescope" (1822) afferma che nello Yorkshire alle otto della vigilia di Natale le campane salutano "Old Father Christmas" con un allegro rintocco, i bambini sfilano per le strade con tamburi, trombe, campane, (o in la loro assenza, con l'attizzatoio e la pala, presi dal loro umile fuoco di casa), si accende la candela di Natale, e; "In alto sul fuoco allegro. È ardente visto l'enorme marchio natalizio." Una lettera a I tempi nel 1825, l'avvertimento contro i commercianti di pollame che vendono disonestamente oche al di sotto degli standard nel periodo natalizio, viene scherzosamente firmato "Babbo Natale". 1855 disegno di Babbo Natale da The Family Circle. 1855 disegno di Babbo Natale da Il circolo familiare In questi primi riferimenti, Babbo Natale, sebbene invariabilmente un uomo vecchio e allegro, è principalmente associato a banchetti e bevande per adulti piuttosto che a fare regali ai bambini. Negli anni 1840, tuttavia, questo aveva cominciato a cambiare e Babbo Natale cominciò gradualmente a fondersi con il donatore pre-moderno San Nicola (Sinterklaas olandese, da cui Babbo Natale) e il folklore associato. "Old Father Christmas" appare come un personaggio in due commedie di mummia registrate nel Worcestershire e nell'Hampshire rispettivamente nel 1856 e nel 1860: non ha abiti specifici o coerenti, ma porta un agrifoglio (Worcestershire) o, nell'esempio dell'Hampshire, un "mentre va con le stampelle, indicando che è ancora un promemoria del dovere tradizionale di sostenere i poveri a Natale piuttosto che essere lui stesso un portatore di doni." Jane avrebbe avuto familiarità con l'idea di Babbo Natale? Assolutamente. Gli Austen erano un famiglia colta, storicamente acuta. Avrebbero celebrato una parte del Natale con un cenno del capo a questo personaggio? Personalmente, penso che sia improbabile - Babbo Natale non ha avuto una parte integrante della vacanza come fa Babbo Natale oggi - per il Austens, il Natale (e i successivi 12 giorni) sarebbe stato prima di tutto una festa religiosa, un momento meraviglioso per riunirsi con amici e familiari, scambiare piccoli segni di affetto, indulgere a ballare, forse s (non dimenticare mai che Jane Austen incontrò Tom Lefroy durante le vacanze di Natale del 1795). Per le famiglie Regency, tuttavia, la dodicesima notte rimase, come per centinaia di anni, la celebrazione dell'ilarità e del divertimento, dei banchetti e dei balli, della recitazione e il romanticismo. Sarebbero passate un'altra o due generazioni prima che diventasse riconoscibile come la festa che riconosceremo oggi, completa di albero, calze, Babbo Natale e montagne di doni.
Laura Boyle corre Austentation: accessori Regency. Visita il suo sito web o lei Negozio Etsy per oltre una dozzina di stili di cappelli e cuffie, oltre a numerosi altri accessori Regency. Segui Austentation su Facebook e ricevere una notifica dei nuovi prodotti non appena vengono aggiunti all'inventario. Informazioni storiche sulle origini di Babbo Natale e immagini da Wikipedia.com.