Amore e Lattes di Mimi Hall

Ultimamente, Laura aveva preso voli di fantasia che l'hanno portata ben oltre i confini della caffetteria.  La monotonia del suo tempo a "The Daily Grind", unita alla società limitata offerta dal suo ambiente di lavoro, significava che raramente passava un'ora quando non era impegnata in quel tipo di fantasticheria sconfinata che poteva semplicemente trasportare una ovunque.  Così per ogni signore che ha varato la soglia, Laura intrattenuto una nozione particolare; che sono venuti tutti in cerca d'amore, mai solo chicchi di caffè. Anche nelle bevande fatte da Laura, ha dedotto l'essenza e la forma stessa del carattere di un gentiluomo. La scelta del Cappuccino ha mostrato un gusto classico e persino temperamento. A Latte ha presentato un uomo gentile e più sentito. Ma è stato l'ordinamento di un Doppio Espresso che ha catturato soprattutto l'immaginazione di Laura, perché ha rivelato un tipo cosmopolita, urbano, in possesso di una passione a cui era abbastanza impotente a resistere. Laura è stata spezzata dai suoi pensieri dalla visione invadente di un gentiluomo che era una presenza regolare in 'The Daily Grind'. Alto, bello, con serrature nere tousled, era un grande favorito di Laura per una figura più audace e audace che riusciva a malapena a immaginare. "Signore, posso... cosa, cosa ti piacerebbe, il solito? Ha levigato il grembiule regolazione, colore che sale nelle guance. "Un grande nero. Colpo extra, molto caldo.  E in fretta. Per di più, ha sempre, Sempre, aveva il suo caffè proprio come descritto, il che, per Laura, lo rendeva davvero una scelta molto pericolosa.  Soffiò un po 'd'aria tra le labbra e si concentrò duramente nel dargli il giusto cambiamento.  Preparò il suo caffè, il suo cuore che svelva, la testa piegata per fissare il coperchio della tazza da a portata di mano, lottando un po 'mentre si rifiutava di sedersi felicemente. "Non prendere tutto il giorno, ho una riunione alle nove tagliente, fretta non è vero?"  Si spezzò, strappandole il caffè, un po 'di esso che si riversò da sotto il coperchio nella fretta. "E ancora ti ammiro" Laura sussurrò alla sua impaziente, frugante code di cappotto, mentre si girava sul tallone e sbatteva la porta dietro di lui, "perché sono davvero uno sciocco". Così impegnato, ha appena notato l'altro signore prima di lei, cioè fino a quando non sentì una dolce radura della gola. "Oh, davvero, perdonami!  Non ti avevo visto! Era evidente che lo straniero non apparteneva alla corsa mattutina della folla d'affari, perché indossava abiti casual che non davano alcun suggerimento che guadagnasse quasi abbastanza migliaia all'anno.  Il suo volto affascinante e modo facile non erano ancora sufficienti per convincere del suo merito comparabile. "Va bene così".  Fece una pausa.  "Pregate, cosa raccomandate?" "Consiglio?", Ha perplesso," Perché, signore, questa è una caffetteria. Le persone entrano ogni giorno, e mi dicono esattamente quello che vogliono senza mezzi termini. "Forse sì", ha continuato il giovane gentiluomo, "Ma dovrei apprezzare molto se si vuole dare un suggerimento.  Cos'è che tu vorrebbe fare per Me?"  Sorrise, e Laura piuttosto pensato che stava prendendo in giro di lei. "Mi stuzzica, signore?  Se desideri che il tuo caffè sia nero, dillo a me.  Se lo desideri per il latte, di' se deve essere soia o scremato o intero.  Riconoscetemi le dimensioni della tazza e io vi obbligherò. Non ho bisogno di continuare signore, perché lei mi prende in giro, ne sono certo". "Tu mi sbagli.  Preferirei semplicemente piegare il vostro buon senso.  Non ho preconcetti su quale bevanda vorrei, solo che vorrei che tu lo servisse a me. "Oh, è troppo.  Comportamento riprovevole davvero! "Vi assicuro, dico solo la verità. Ti guardo attraverso la finestra ogni giorno mentre passo, ma non ho mai osato avventurarsi.  Vedi, io non... cura per il caffè. "Non ti interessa il caffè ...?" "No! Fin da quando ero il più piccolo dei ragazzi e l'ho assaggiato - era così terribilmente amaro che ho pensato che non avrei mai dovuto cancellare il gusto dalla mia bocca.  Così... cosa dovrei fare venendo qui, una caffetteria, e guardando nient'altro che uno sciocco?  Alla fine, tuttavia, non sono stato in grado di resistere.  Per il tuo fascino, ho messo da parte i miei pregiudizi. Laura agitò una mano, "vendiamo muffin..." gracchiò, abbastanza incerto di una risposta adeguata.  Perché era vero, vendevano muffin.  "O..." si fermò un attimo, raccogliendo se stessa, "o, forse potrei farti un drink che potrebbe cambiare idea del tutto." "Pregate continuate" livellato lo straniero, il cui abbigliamento rilassato era diventato molto più piacevole di qualsiasi abito. "Per te" disse Laura, guardandosi coraggiosamente negli occhi che erano improvvisamente ancora più attraenti per il loro colore brillante e la fronte fiera, "potrei fare una tazza di caffè bella, calda, schiumosa e dolce con un filo del miglior sciroppo di nocciole. E 'il mio signore preferito, e vi prometto che vi tenterà, nonostante quello che dici. "Allora sarei molto contento se lo farete", disse il signore, che ora era diventato del tutto molto bello, "perché vedo già che sarà di mio gradimento.  Pregate, a che ora finisci oggi? E così, con molta cura e più di una piccola ammirazione, Laura ha fatto per lui la bevanda più dolce, calda e avveratrice che potesse, non dando più pensiero agli stati d'animo neri e agli sguardi scuri che in precedenza le avevano riempito la mente. In questo stato felice, era tutto ciò che poteva fare per resistere a far cadere un bacio nella tazza, mentre si abbassava dietro il bancone per schiumare il latte. Perché è una verità universalmente riconosciuta, che se un gentiluomo mostra prima una debolezza, poi un po 'di dolcezza, una signora si scioglierà rapidamente, come lo sciroppo in caffè caldo.

La fine