Northanger Abbey: The Austen Project, di Val McDermid

abbazia-di-northanger-austen-progetto-val-mcdermid-2014-x-200Northanger Abbey: The Austen Project, di Val McDermid

Dalla scrivania di Laurel Ann Nattress: Nella seconda puntata di The Austen Project, la scrittrice poliziesca scozzese di bestseller Val McDermid prova una rivisitazione contemporanea del romanzo più sottovalutato di Jane Austen, L'abbazia di Northanger. Scritta alla fine del 1790 quando Austen era uno scrittore alle prime armi, questa parodia gotica sulle prime esperienze della giovane eroina Catherine Morland nella società di Bath e la sua storia d'amore con l'eroe piatto Henry Tilney è uno dei miei romanzi preferiti di Austen. Fresco e divertente, lo stile di scrittura non è così completo come le sue opere successive, ma nessuno può ignorare la qualità dei dialoghi arguti di Austen né la sua battuta gentile sulla narrativa gotica melodrammatica così popolare ai suoi tempi. Sono stato incoraggiato dalla scelta di McDermid come autore e incuriosito nel vedere come avrebbe trasportato la storia nel 21stsecolo. La nostra eroina moderna, la sedicenne Cat Morland, è la figlia di un vicario che vive una vita piuttosto deludente nella Piddle Valley del Dorset. Sua madre e suo padre litigavano raramente e non litigavano mai, e i suoi fratelli erano così normali che disperava di scoprire qualche oscuro segreto di famiglia per aggiungere eccitazione alla sua vita. Educata a casa, non riesce a comprendere la storia, il francese o l'algebra, ma si diverte a leggere per alimentare la sua vivida immaginazione, prediligendo storie di fantasmi, racconti di zombie e vampiri. Dopo anni passati ad esplorare gli angusti confini del suo territorio, desidera ardentemente l'avventura all'estero. I ricchi vicini Susie e Andrew Allen vengono in suo soccorso invitandola a viaggiare con loro e partecipare al Festival di Edimburgo in Scozia, dove Cat "è nel suo elemento, vedendo il potenziale di terrore e avventura attorno a ogni svolta delle strade strette". Introdotta al teatro, all'arte e ai libri, e grazie alla fashionista Mrs. Allen, Cat acquisisce presto un nuovo guardaroba e lezioni di ballo dove collabora con un affascinante e spiritoso giovane avvocato, Henry Tilney. Dopo aver cercato Henry su Facebook e Google, scopre che suo padre è il generale molto decorato che si è fatto un nome nella guerra delle Falkland prima che lei nascesse. Ancora più interessante per l'immaginazione intrisa di gotico di Cat, è il proprietario dell'Abbazia di Northanger, un'abbazia medievale di Borders in Scozia. Cat incontra anche Martha Thorpe, compagna di scuola scomparsa da tempo della signora Allen, e le sue tre figlie, una delle quali ha solo l'età di Cat. Bella, che riconosce il cognome Morland, conosce il fratello maggiore di Cat, Jamie, che frequenta Oxford con suo fratello Johnny. In poco tempo stavano "spettegolando sulle cose che intrattengono giovani donne di una certa età e tipo", e diventando migliori amiche. Blowhard Johnny Thorpe arriva nella sua vivace macchina sportiva rossa con l'amico James Morland al seguito. Cerca di corteggiare Cat, ma tutto ciò a cui riesce a pensare sono Henry e sua sorella Ellie. Quando Cat frequenta un céilidh, si aspetta di ballare l'avventura delle Highland e spera di incontrare di nuovo Henry Tilney, che sicuramente la salverà dalle attenzioni indesiderate del rozzo Johnny Thorpe. Mentre lei e Bella esplorano la stanza, notano una bella e pallida giovane donna vestita tutta di bianco:
"Chi diavolo era quello?" Bella ha chiesto: "Si comporta come se fosse dentro Orgoglio e pregiudizio. " "Questa è la sorella di Henry Tilney, Ellie." Cat fissò la figura che stava scomparendo. C'era qualcosa in Ellie, qualcosa fuori dal tempo e fuori moda, come se tu fossi un vampiro di duecento anni, pensò con un misto di paura e gioia. "
La storia continua, rispecchiando il testo di L'abbazia di Northanger pagina per pagina e scena per scena. Cat si reca all'abbazia di Northanger come ospite dei Tilney e la storia diventa gotica e misteriosa, proprio come aveva ideato Austen. McDermid ha fatto scelte intelligenti, creative e ragionevoli nella modernizzazione L'abbazia di Northanger spostando l'azione dall'Inghilterra alla Scozia. Il Festival di Edimburgo sostituisce facilmente il bagno georgiano del diciottesimo secolo consentendo un centro sociale simile nel contesto: teatro, shopping e balli country. Più tardi, ci viene offerto un ambiente medievale davvero inquietante per un castello scozzese / Abbazia di Northanger. Cat è appropriatamente dipendente dai romanzi gotici moderni che rivaleggiano con il famoso Northanger Canon: Arpie Herbridean, Ghasts di Ghia e persino Orgoglio un pregiudizio e zombi! McDermid costruisce lentamente il tema del vampiro, consentendo a Henry ed Ellie di essere pallidi di carnagione, anacronistici nel comportamento e abbastanza misteriosi da innescare l'immaginazione di Cat. Le sue caratterizzazioni sono azzeccate: Henry è buffo e svenevole come sempre, Cat un po 'sbadato e impressionabile, Bella un brillante pezzo di lavoro e il generale Tilney ingannevole e tirannico. La trama si svolge come ci si aspetterebbe, e se non l'avessi letta L'abbazia di Northanger prima di non notare che l'autore ha davvero creato una traduzione completa, scena per scena e talvolta parola per parola: a No Fear Shakespeare versione di L'abbazia di Northanger. Mentre ammiravo le scelte creative di McDermid per portare la storia nel mondo moderno (telefoni cellulari, Facebook, lingua e cultura), sono rimasto immediatamente perplesso dalla sua scelta di stile narrativo. Questo romanzo è davvero una rivisitazione invece della rivisitazione in cui era stato pubblicizzato. Lo svantaggio di una traduzione sta nei suoi limiti creativi, con il risultato che le frasi di McDermid sono influenzate e innaturali. Volevo solo che uscisse dalla morsa che aveva posto su se stessa e usasse la trama e la caratterizzazione come trampolino di lancio, e non come cappio. Limitare se stessa in questo modo può essere stato il suo modo di onorare Austen, ma penso che abbia reso un grande disservizio alla sua stessa scrittura. Non avendo letto nessuno dei suoi acclamati romanzi gialli, non ho idea del suo vero talento. Credo che la stessa Austen, che ha affinato la sua arte in modo così preciso, sarebbe sconcertata dal fatto che un autore sminuisse i propri doni a scapito di un altro. Come la reazione alla rivisitazione contemporanea di Joanna Trollope di Senso e sensibilità pubblicato lo scorso anno, ogni volta che si giocherella con i classici ci sono sicuramente quelli che sono aperti al concetto e quelli completamente chiusi. Ho letto questo romanzo in attesa di godermelo. Col senno di poi, non penso che sia stato scritto per un fan della Austen che ha familiarità con l'originale, ma per chi non lo sapesse che potrebbe vederlo sotto una luce completamente diversa. RRP: £18.99 Grove Press (2014) Rilegato (368) pagine ISBN: 978-0802123015
Laurel Ann Nattress è un'accolita per tutta la vita di Jane Austen, l'editrice dell'antologia di racconti brevi Jane Austen me l'ha fatto faree Austenprose.com, un blog dedicato all'opera del suo autore preferito e ai numerosi libri e film che ha ispirato. È un membro a vita della Jane Austen Society of North America, collaboratrice regolare della rivista online Jane Austen Center. Laurel Ann, espatriata della California meridionale, vive in un cottage di campagna vicino a Snohomish, Washington, dove piove molto. Visita Laurel Ann nel suo blog Austenprose - Un blog di Jane Austen, su Twitter come @Austenprosee su Facebook come Laurel Ann Nattress. Questa recensione di Val McDermind's L'abbazia di Northanger originariamente apparso su Austenprose.com e viene utilizzato qui con il permesso. Immagine di copertina per gentile concessione di Grove Press © 2014; testo Laurel Ann Nattress, Austenprose.com