Un esame di sottovesti Regency

Sottogonne reggenza: come erano?

Una sottoveste o sottogonna è un capo di abbigliamento per le donne; in particolare un indumento intimo da indossare sotto una gonna o un vestito. La sottoveste è un indumento separato che pende dalla vita (a differenza della chemise che è più simile alla camicia in natura e pende dalle spalle.) In contesti storici (dal XVI alla metà del XIX secolo), sottoveste si riferisce a qualsiasi gonna separata indossata con un abito, una camicia da letto, un corpetto o una giacca; queste sottovesti non sono, a rigor di termini, biancheria intima come sono state fatte per essere viste. In contesti sia storici che moderni, sottoveste si riferisce a indumenti intimi simili a una gonna indossati per riscaldarsi o per dare alla gonna o al vestito la forma alla moda desiderata. * Una sottoveste Regency altamente decorativa, completa di spalline per mantenerla al suo posto. Una sottoveste Regency altamente decorativa, completa di spalline per mantenerla al suo posto. Notare la parte anteriore liscia e il retro arricciato. Dal Oregon Regency Society Prima del Regency, un numero qualsiasi di sottovesti poteva essere indossato sotto un abito, con lo strato più esterno spesso destinato all'esposizione, come l'elaborata sottogonna indossata in questo ritratto: Madame Pompadour alla sua cornice Tambour, 1864, di Drouais. Naturalmente, queste sottovesti Regency si allacciavano in vita, tuttavia, la forma connica degli abiti Regency, non solo significava un numero ridotto di sottovesti (da uno a cinque) per lo più destinate a rimanere nascoste, ma dovevano anche allacciarsi all'altezza del busto per ospitare la linea di cintura rialzata. Alcune sottovesti erano anche "corpino", compreso un supporto per il busto, che poteva anche essere indossato al posto dei soggiorni. Come in ogni epoca, avere le basi giuste era fondamentale per portare avanti la moda del giorno. A tal fine, una donna indosserebbe un sottoveste o una sottoveste (potrebbe anche dormirci dentro), una sorta di camicia a maniche lunghe e corte, che sarebbe morbida e di cotone. Questo avrebbe protetto i suoi vestiti dal sudore, dall'olio per il corpo, ecc. Su questo sarebbe andato il corsetto, se indossato (in realtà si chiamava soggiorni all'epoca.) I corsetti caddero in disgrazia durante la rivoluzione della moda del 1790, ma tornarono in una forma abbreviata in all'inizio del 1800. Infine, oltre a questo sarebbero andate le sottovesti. Regency Era Shift / Chemise Data la rabbia in quel momento per i tessuti leggeri e trasparenti, le sottovesti aggiungevano il calore necessario, oltre a un certo grado di modestia, anche se c'era anche la tendenza per le sottovesti color pastello indossate sotto abiti di mussola trasparente, come questo piatto di moda di Costume Parisien: bd1b520bc403f67568aa9628b93a63b9 Alcune donne sono persino arrivate all'estremo di inumidire i loro abiti per consentire alla sottoveste e / o alla figura sottostante di essere più completamente rivelati. Anche se questo può essere presentato come "tipico" in alcuni romanzi ambientati in Regency, e persino in linea con il commento di Austen sul fatto che la signora Powlett fosse "vestita in modo costoso e nudo" (8 gennaio 1801), questa era più probabile l'eccezione rispetto alla regola. Come sottolinea Vic Sanborn, nel suo articolo su Sottogonne e chemisier, "L'insolita (e rara) pratica di inumidire il proprio abito all'inizio del secolo fu molto probabilmente seguita da amori leggeri, cortigiane, coccinelle, cipriani e donne di cattiva reputazione. Donne aristocratiche che erano sicure del loro inattaccabile lo status avrebbe potuto farla franca con un comportamento così licenzioso in una sfida, e le loro inclinazioni alla moda avrebbero potuto essere considerate "au courant", ma nessuna donna perbene, nessuna giovane signorina al mercato dei matrimoni, nessuna figlia di mercanti che cerca di migliorare la sua posizione nella vita, per un momento prenderebbe in considerazione l'idea di uscire in pubblico senza la protezione di una chemise o sottoveste, tanto meno bagnare il suo abito per renderlo più rivelatore. Mentre i caricaturisti mostravano un enorme entusiasmo nel descrivere le nuove mode rivelatrici, esageravano la tendenza di questi abiti fragili. di ogni proporzione nei loro commenti visivi ". Le Tre Grazie nel vento forte, James Gillray, 1810 Le tre grazie nel vento forte Sebbene considerata "biancheria intima", Jane Austen menziona spesso sottovesti nelle sue lettere, e chi può dimenticare l'arrivo di Elizabeth Bennet a Netherfield, con la sua sottoveste "sei pollici di profondità nel fango". Secondo Henry Churchyard's note su Orgoglio e pregiudizio, questa "sottoveste sarebbe stata leggermente più corta dello strato più esterno (l'abito) e fatta di un materiale più ruvido, più economico e più facile da lavare rispetto all'abito, in modo che quando Elizabeth camminava nel fango, si sarebbe sollevata sollevare la veste e lasciare che la sottoveste sottostante prendesse il peso della sporcizia (proteggendo così l'abito, pur essendo coperto in modo decente fino vicino alle caviglie; a quel tempo, la parte inferiore della sottoveste esterna non era realmente considerata biancheria intima, ed era spesso decorato nell'aspettativa di essere visto pubblicamente). L'idea era che quando fosse arrivata a Netherfield, avrebbe potuto abbassare il piumino dell'abito (lo strato più esterno e fragile che aveva cercato di preservare) in modo che coprisse la sottoveste fangosa, e avrebbe avuto un aspetto più presentabile (esternamente non truccato). " bravingthemudblog Scrivendo a sua sorella Cassandra, Jane commenta: "Ho letto [di Byron] Il corsaro, aggiustato la mia sottoveste e non ho nient'altro da fare". (5 marzo 1814) ... inserendo così il poema epico di Byron con i dettagli mondani della vita, come riparare. In un'altra lettera, scrive che presto trasformerà un abito consumato in una sottoveste, parsimonia ed economia diventando la madre dell'invenzione.
Sono pieno di gioia per molte delle tue informazioni ... che dovresti meditare sull'acquisto di un nuovo abito di mussola, sono circostanze deliziose. io Sono determinato a comprarne uno bello ogni volta che posso, e sono così stanco e mi vergogno di metà delle mie scorte attuali, che arrossisco persino alla vista dell'armadio che le contiene. Ma non sarò più a lungo calunniato dal possesso della mia rozza macchia; Lo trasformerò molto presto in una sottoveste. 24 dicembre 1798
Tutto sommato, la sottoveste Regency forniva calore e una barriera visiva contro le mussole sottili dell'epoca (ricorda che i sottotetti erano l'eccezione, non la regola, in questo momento.) Per citare ancora una volta Vic Sanborn, "Lo scopo principale di questi Gli indumenti intimi servivano a proteggere il delicato indumento esterno dallo sporco. In epoca reggenza le persone non si lavavano frequentemente e le sottovesti e le camicie da notte costituivano una barriera tra la pelle non lavata e sudata e l'abito. Poiché gli indumenti intimi erano fatti di tessuti più robusti, potevano essere lavati di più Inoltre, le persone con meno mezzi possedevano meno abiti e impiegavano meno servi per fare il bucato. Anche queste donne possedevano un certo numero di camicie (di solito fatte in casa) e sottovesti che potevano essere lavate frequentemente, proteggendo così i loro abiti quotidiani E speciali.