Joseph Bramah: Inventor Extraordinaire

Non si parlò quasi di niente durante l'intera giornata, o la mattina dopo, tranne la loro visita a Rosings. Mr Collins li stava istruendo attentamente su ciò che dovevano aspettarsi, che la vista di quelle stanze, di così tanti servitori e di una cena così splendida non li avrebbe del tutto sopraffatti. Quando le signore si stavano separando per la toilette, disse a Elizabeth: "Non ti preoccupare, mia cara cugina, per il tuo abbigliamento. Lady Catherine è ben lontana dal richiedere quell'eleganza di vestire in noi, che diventa lei stessa e figlia. ti consiglio semplicemente di indossare quello che dei tuoi vestiti è superiore al resto, non c'è occasione per niente di più. Orgoglio e pregiudizio
Joseph Bramah (13 aprile 1748-9 dicembre 1814), nato Stainborough Lane Farm, Wentworth, Yorkshire, Inghilterra. Era un inventore e un fabbro. È noto soprattutto per aver inventato la pressa idraulica. Insieme a William George Armstrong, può essere considerato uno dei due padri dell'ingegneria idraulica. Bramah era il secondo figlio nella famiglia di tre figli e due figlie di Joseph Bramma (notare la diversa ortografia del cognome), un contadino e sua moglie, Mary Denton. Ha studiato presso la scuola locale di Silkstone e dopo aver lasciato la scuola è stato apprendista presso un falegname locale. Terminato l'apprendistato si trasferisce a Londra, dove inizia a lavorare come ebanista. Nel 1783 sposò Mary Lawton di Mapplewell, vicino a Barnsley, e la coppia si stabilì a Londra. Successivamente hanno avuto una figlia e quattro figli. La coppia viveva prima di tutto al 124 di Picadilly, ma in seguito si trasferì a Eaton Street, Pimlico. La sua prima invenzione di successo a Londra fu un water closet migliorato. Ha scoperto che l'attuale modello di water closet installato nelle case di Londra aveva la tendenza a congelarsi con il freddo. Ha progettato un nuovo modello in cui la solita valvola a cassetto è stata sostituita da un lembo incernierato che ha sigillato il fondo della ciotola. Ottenne un brevetto per il suo design nel 1778 e iniziò a produrre water in un laboratorio in Denmark Street, St Giles. Il design fu un successo e la produzione continuò fino al XIX secolo. I suoi bagni originali sono ancora funzionanti a Osbourne House, la casa della regina Vittoria sull'Isola di Wight. Dopo aver frequentato alcune lezioni sugli aspetti tecnici delle serrature, Bramah, ha progettato una serratura tutta sua. Ha ricevuto un brevetto per la sua nuova serratura nel 1784. Di conseguenza, Bramah ha avviato la società Bramah Locks al 124 di Picadilly. che sopravvive oggi. Le serrature prodotte dalla sua azienda erano famose per la loro resistenza allo scassinamento e alla manomissione, la società aveva notoriamente una "serratura della sfida" che era esposta nella vetrina del loro negozio di Londra del 1790 montata su una lavagna contenente l'iscrizione:
L'artista che può realizzare uno strumento che scassinerà o aprirà questa serratura riceverà 200 ghinee nel momento in cui viene prodotto.
La sfida durò per oltre 60 anni fino a quando, alla Grande Esposizione del 1851 un fabbro americano di nome Alfred Charles Hobbs riuscì ad aprire la serratura e, a seguito di alcune discussioni sulle circostanze in cui l'aveva aperta, ottenne il premio . Il tentativo di Hobbs gli ha impiegato ancora circa 51 ore, distribuite su 16 giorni. Il Challenge Lock si trova al Science Museum di Londra. Un esame della serratura mostra che è stata ricostruita da quando Hobbs la scelse, originariamente aveva 18 scivoli in ferro e 1 molla centrale. È stato ricostruito per avere 13 scivoli in acciaio, ciascuno con la propria molla. Bramah ha ricevuto un secondo brevetto per un progetto di serratura nel 1798. In parte a causa dei requisiti di precisione delle sue serrature, Bramah ha trascorso molto tempo a sviluppare strumenti che lo assistessero in vari processi di produzione. Faceva molto affidamento sull'esperienza di Henry Maudslay che impiegava nella sua officina dall'età di 18 anni. Tra di loro crearono una serie di macchine innovative che rendevano più efficiente la produzione delle serrature di Bramah, ma che erano applicabili anche ad altri campi di produzione . Poco prima della morte di Bramah, i suoi laboratori impiegarono anche Joseph Clement che, tra le altre cose, diede diversi contributi nel campo della progettazione del tornio.

L'invenzione più importante di Bramah fu la pressa idraulica. La pressa idraulica dipende dal principio di Pascal, che la pressione in tutto un sistema chiuso è costante. La pressa aveva due cilindri e pistoni di diverse aree di sezione trasversale. Se una forza fosse esercitata sul pistone più piccolo, questa si tradurrebbe in una forza maggiore sul pistone più grande. La differenza tra le due forze sarebbe proporzionale alla differenza di area dei due pistoni. In effetti i cilindri agiscono in modo simile a una leva per aumentare la forza esercitata. Bramah ottenne un brevetto per la sua pressa idraulica nel 1795. La pressa idraulica di Bramah risultò avere molte applicazioni industriali e lo fa ancora oggi. A quel tempo l'ingegneria idraulica era una scienza quasi sconosciuta e Bramah (con William George Armstrong) era uno dei due pionieri in questo campo. La pressa idraulica è ancora conosciuta come la Bramah Press dal nome del suo inventore. Bramah è stato un inventore molto prolifico. Non tutte le sue invenzioni erano importanti quanto la sua pressa idraulica. Tra queste: una macchina da birra (1797), una pialla (1802), una macchina per la fabbricazione della carta (1805), una macchina per la stampa automatica di banconote con numeri di serie sequenziali (1806) e una penna stilografica (1809). Bramah morì a Pimlico il 9 dicembre 1814 dopo aver preso un raffreddore che si trasformò in polmonite. Fu sepolto nel cimitero di St Mary's, a Paddington.