Mele al forno della signora Bates

La panetteria del cottage Chawton mostra i tipi di forni usati dalla famiglia Austen. Il forno era spesso un edificio indipendente come misura aggiuntiva di sicurezza contro il fuoco e per preservare la casa dal caldo della cottura tutto l'anno. Dentro il forno a casa di Jane Austen a Chawton. "Non c'è niente che le piaccia così bene come queste mele cotte, e sono estremamente salutari, perché ho colto l'occasione l'altro giorno per chiedere al signor Perry ..." La signorina Bates parla con Emma del piacere di Jane Fairfax per le mele inviate dal signor Knightley. Poiché i Bates non avevano un forno, erano obbligati a fare affidamento sulla signora Wallis per cuocere le loro mele, anche se in realtà sono un piatto semplice da preparare. Puoi abbinare questo piatto con panna montata zuccherata o gelato alla vaniglia e biscotti. copia di mele al forno  
Cuocere le mele intere Mettete le mele in una teglia di terracotta, con qualche chiodo di garofano, un po 'di scorza di limone, un po' di zucchero grosso, un bicchiere di vino rosso: mettetele in un forno veloce, e faranno cuocere un'ora. Hannah Glasse, The Art of Cookery Made Plain and Easy, 1747
  • 4 mele di medie dimensioni
  • 12 chiodi di garofano
  • 1 ½ cucchiaino di scorza di limone
  • 57 g / 2 oz / ¼ di tazza di zucchero di canna
  • 240 ml / 8 fl oz / 1 tazza di vino rosso o succo di mela, diviso
Preriscalda il forno a 177 ° C / 350 ° F. Pelare e togliere il torsolo dalle mele, lasciandole intere. Mettetele in una pirofila di ceramica e cospargetele con i chiodi di garofano, lo zucchero di canna e la buccia di limone. Versare 6 once / ¾ tazza di vino o succo sulle mele. Cuocere senza coperchio per 1 ora. Mescola di tanto in tanto, se necessario, per evitare che il succo si bruci. Togli le mele dal piatto e mettile nei piatti da portata. Versare 2 once / ¼ di tazza di vino o succo nella teglia e mescolare insieme al sugo della padella. Versa questa salsa sulle mele e servi.
Estratto da Cucinare con Jane Austen e gli amici di Laura Boyle.