Catturato da Jane: An Exhibit at The Morgan

 
Lo spettacolo di Austen al The Morgan Library & Museum trasporta i suoi visitatori in un paradiso dell'Austen - il puro paradiso Janeite.
Quaggiù, sulla terraferma, troviamo lo spettacolo una decisa vittoria del bibliotecario sul cybrarian. L'impressionante partecipazione della mostra - sempre un indicatore dei gusti e della pianificazione curatoriale - afferma il valore continuo di libri e manoscritti rari nella cultura veloce odierna di download wireless e comunicazioni istantanee. Il Kindle avrà i suoi utenti, ma l'artefatto fisico del libro e del manoscritto continua a suscitare rispetto.
Coloro che hanno assistito alla mostra di Austen nella nuova Englehard Gallery della Morgan sono rimasti colpiti dalla bellezza del design della mostra e dalla sua autorità culturale. I cultisti di Austen furono rinfrescati, la passione rinnovata; i noviziati furono catturati da Jane.
Lo spettacolo Morgan's Austen è stato il successo letterario della stagione invernale 2009-2010 di New York City; è stato anche il primo grande spettacolo su questo romanziere inglese negli Stati Uniti. L'obiettivo dell'evento, come affermato nell'affascinante etichetta serigrafica a parete nell'incantevole alcova della galleria (un ingresso di 12 x 12 '), era esplorare la vita e l'eredità di Austen: cosa ha ottenuto, cosa ha lasciato per noi oggi, essere noi lettori o scrittori. In una chiacchierata con Clara Drummond, co-curatrice con Declan Kiely della mostra Austen, le sfide della mostra erano un argomento prevedibile:

“Ebbene, la sfida di questo progetto, oltre alla selezione dei contenuti e quindi all'installazione fisica, era la varietà di cui avevamo bisogno per prestare all'intero sforzo. Ciò ha richiesto una pianificazione e un coordinamento considerevoli con diversi collaboratori qui al The Morgan, alla Berg Collection della New York Public Library, con specialisti del video e con alcune delle personalità letterarie più attraenti di oggi. Cercali nel video creativo dello spettacolo: The Divine Jane. "

L'impressionante risultato dello spettacolo The Morgan's Austen è il suo approccio multimediale; si basa su diversi mezzi: libri stampati, manoscritti, video, Internet e programmi pubblici interattivi, tutti volti a coinvolgere ed educare la metropoli più diversificata del mondo. Con la mostra Austen, la Morgan Library and Museum ha affermato il suo ruolo pubblico nella vita culturale di una grande città. Ha anche stabilito un alto precedente nella pianificazione di mostre. Per quanto riguarda la varietà, la varietà ha avuto a che fare. I due impegnati curatori della mostra non si sono limitati a "appendere una mostra": hanno creato un portale - un ventricolo - per Jane Austen e il suo mondo Regency.
Il loro compito era duplice: mostrare ciò che Jane Austen produceva (e ispirava anche nel lavoro di altri); e per situare Austen nella sua epoca. Il risultato è stato un premuroso assemblaggio di 103 mostre, una mostra letteraria di medie dimensioni. La galleria, 29 'x 52', non era un grande spazio, ma l'installazione di molti oggetti era economica e intelligente, in modo che i visitatori potessero spostarsi attraverso la stanza senza ostacoli ed esaminare effettivamente i display da vicino. Con l'eccezione di una lettera di Yeats e di un estratto da una conferenza su Austen di Nabokov (entrambi gli articoli prestati dalla Berg Collection della New York Public Library), tutti i 103 articoli dello spettacolo sono stati tratti dalla illustre collezione di The Morgan di Austen. Primo, i libri. I libri pubblicati da Austen, accuratamente esposti in 10 grandi vetrine, sono stati una grande attrazione dello spettacolo. In queste vetrine rivestite di vetro, i visitatori hanno visto le prime edizioni dei romanzi di Austen nelle loro originali tavole marocchine marrone scuro, tutte in condizioni straordinariamente buone e ciascuna con la propria etichetta descrittiva. Nelle selezioni di libri, i visitatori potevano visualizzare una varietà di formati di libri, nonché diverse rilegature, caratteri tipografici e design di frontespizi. La varietà delle edizioni è stata impressionante; ad esempio, i curatori hanno offerto due diverse edizioni del primo dei sei romanzi pubblicati da Austen, Senso e sensibilità. Un romanzo in tre volumi. Da una signora (Londra, 1811). I visitatori hanno visto l'edizione del 1813 stampata per Austen da Roworth e pubblicata da Egerton, con il frontespizio con la punta della prima edizione del 1811 e l'edizione del 1899 rilegata in modo decorativo (Londra: George Allen), introdotta da Joseph Jacobs e notoriamente illustrata da Chris Hammond. Il frontespizio originale del 1811 del romanzo è importante in quanto mostra l'approccio prudente della Austen alla paternità e la sua alta considerazione per la privacy, soprattutto perché le scrittrici editoriali hanno continuato a essere ridicolizzate dall'establishment letterario inglese come sfacciate scribacchie (sì, anche nel 1811).
Tutti i romanzi di Austen sono stati pubblicati in forma anonima. Eppure Austen ammise alla sorella Cassandra, in una lettera del 16 gennaio 1796, "Scrivo solo per la fama". Evidentemente, la scrittrice che conosciamo come Jane Austen aveva alcune questioni irrisolte e complesse sulla sua identità pubblica. Torna ai libri. Una delle vetrine più grandi e popolari è stata una raccolta di libri di alcuni degli scrittori preferiti di Austen, tra questi Frances Burney, Laurence Sterne, Samuel Richardson e un corrispondente speciale di Austen: Samuel Johnson ("My dear Dr. Johnson "). Alcuni specialisti potrebbero aver perso in questa raccolta di influenze letterarie le selezioni di libri di alcune figure letterarie aggiuntive, principalmente la scrittrice anglo-irlandese Maria Edgeworth, così apprezzata da Austen (e così raccolta da The Morgan; oltre 80 voci nel suo catalogo online).
Forse i vincoli di spazio hanno precluso un libro di Edgeworth. È interessante notare che, se possiamo soffermarci su questo punto, Austen raramente, se non mai, riconosce le sue prime sorelle della penna, come due personaggi abbastanza famosi - uno, inglese, uno no - i cui nomi e scritti non avrebbero potuto essere sconosciuti Austen, anche se mai menzionata nelle sue lettere e nei suoi scritti a causa del contenuto sessuale del loro lavoro. Questi due predecessori sono i famosiAphra Behn, i cui romanzi conquistarono il mercato del libro di Londra negli anni ottanta del Seicento, e Mariana Alcoforado, la suora portoghese abbandonata le cui cinque torride lettere di desiderio e tradimento affascinarono i lettori di Londra (Les lettres portugaises, 1669; edizioni in lingua inglese, dal 1681 al 1817, e successivamente ; vedere il catalogo integrato della British Library in linea e NYPL / CATNYP); entrambe le donne avevano gusti dolorosi negli uomini, come ammettono liberamente nei loro scritti.
Se la Austen era interessata alla fama, come scrive nella corrispondenza di famiglia, stava certamente osservando il mercato commerciale, attenta a cosa si vendeva e cosa no; è difficile credere che non avrebbe conosciuto (e probabilmente beneficiato) il lavoro di queste prime scrittrici. Sì, erano cifre precedenti, ma il loro lavoro era sensazionale e ancora in circolazione sul mercato londinese ai tempi di Austen; inoltre, la Austen (come mostra la sua paternità pubblica nascosta) non era indifferente al fenomeno della scrittrice editrice. Come potevano scrittori di così alto profilo come Behn e la famosa suora portoghese non avere familiarità con una scrittrice, specialmente una scrittrice come Austen, la cuimestiere donne e uomini erano insieme (politica di genere e sue sfumature)?
E questo pone la domanda: quali erano i gusti di lettura effettivi di Jane Austen e cosa includeva davvero la sua biblioteca privata? In considerazione dell'energica ricerca sulle prime donne scrittrici - le loro vite pubbliche e nascoste, le loro cerchie e reti, il loro vero io dietro gli esterni ordinati - dobbiamo chiederci come sarà Jane Austen nel 2050. In questo decennio è molto apprezzata come scrittrice e le prime edizioni dei suoi libri hanno ottenuto somme elevate in una recente asta di New York City. Ma i gusti letterari cambiano e la fama è una cosa volubile e capricciosa.
A complemento dell'importante esposizione di libri della mostra, la presentazione delle selezioni di manoscritti era emozionante da vedere. Delle 160 lettere sopravvissute (registrate) di Jane Austen, The Morgan ne possiede 51. La maggior parte dei manoscritti della mostra sono esposti sulle pareti della galleria in cornici rivestite di vetro, tutte con dettagliate etichette descrittive; alcuni sono visualizzati nei quattro frame indipendenti dello spettacolo. La maggior parte delle selezioni di manoscritti sono lettere firmate e datate di Jane a sua sorella maggiore, Cassandra Austen. Le loro affettuose e frequenti annotazioni illustrano ciò che gli studiosi della Austen hanno osservato di questa intrigante relazione tra fratelli: Cassandra Austen era meno una sorella maggiore e più una confidente e compagna di vita di Jane.
Questa stretta relazione tra le sorelle era quasi un matrimonio surrogato, una "sacra amicizia" tra donne, come una delle predecessore letterarie di Austen, Katherine "l'ineguagliabile Orinda" Philips, descrisse un tale legame. E qui, ancora una volta, entro il 2050 potremmo sapere molto di più sulle sorelle Austen. Le loro lettere sono scambi spiritosi e rilassati sui "piccoli nulla" della loro vita, chiacchiere leggere e divertenti su ciò che vedono e sentono ogni giorno: voci, pettegolezzi, musica, balli, tendenze della moda, tensioni familiari, riunioni locali e potere politica tra i sessi.
Le lettere della Austen sono importanti per quello che ci dicono sulle trame e sui personaggi dei romanzi di Jane; spesso nelle lettere si individuerà il seme di una grave crisi o di uno scambio in uno dei romanzi, o un riferimento casuale a un coxcomb locale che più tardi si presenta all'estremità calda del recinto occupato di Jane. Notate anche dai visitatori dello spettacolo sono la forma, la forma e l'ortografia delle lettere. Alcuni di essi illustrano i sistemi di scrittura creativa di Austen, essendo la scrittura di lettere un'abilità strettamente formalizzata e appresa durante i giorni di Austen (e molto prima). Vediamo in alcune delle selezioni di lettere dello spettacolo la sua pratica della 'scrittura incrociata' interlineare (non un pollice di spazio inutilizzato; Figura 5), ​​e anche (in una lettera a sua nipote 'Cassy' Austen), un divertente esempio di ' scrittura all'indietro 'dove le parole sono letteralmente scritte al contrario.
Oltre alle lettere, i manoscritti letterari dello spettacolo sono particolarmente preziosi in quanto ci raccontano le abitudini compositive di Jane Austen. La vediamo lavorare in modo editoriale (critico) sulla propria scrittura, ed è una `` fissatrice letteraria '' di prima classe: intere frasi cancellate, scelte di parole migliorate, aggettivi tirati, punteggiatura modificata per riflettere meglio la lingua parlata e così via. Visualizzare un manoscritto, al contrario di un libro stampato, è un'esperienza speciale. Uno spettatore percepisce un corpo e una mente dietro il foglio di carta. I manoscritti della mostra di Austen offrono ai visitatori l'opportunità di impegnarsi in modo creativo con l'intera produzione di un foglio scritto: possono immaginare l'impegno fisico di Austen. Ecco la scena: è seduta a un tavolo o uno scrittoio, con la mano in bilico sopra un foglio bianco; lavora intensamente la penna d'oca, si muove vivacemente sulla superficie del foglio; si ferma a leggere le sue parole ... riprende. C'è un campo di energia nel manoscritto di uno scrittore, un'accusa che non si trasmette da un libro, i libri sono merci costruite da mani al di fuori dell'orbita personale dell'autore.

Tra le offerte di manoscritti ci sono anche selezioni dai documenti finanziari di Austen. In uno di questi reperti (Figura 6), ha calcolato i profitti derivanti dalla vendita dei suoi scritti. Come afferma l'articolo, la Austen ha investito i profitti dei suoi (primi tre) romanzi in "£ 600 in the Navy Fives", azioni governative che restituivano il 5% di interesse annuo, portandole così 30 sterline all'anno. Come hanno dimostrato gli studiosi (Claire Tomalin, ad esempio), i profitti complessivi della Austen dai suoi sei romanzi pubblicati non avrebbero potuto sostenerla; fortunatamente poteva contare sui soldi della famiglia. I suoi conti finanziari sono importanti per noi oggi in quanto la mostrano al lavoro in un ruolo professionale come una seria autrice di carriera in vista del reddito e del valore commerciale del suo talento. L'idea che molte delle prime scrittrici pubblicassero le loro storie, poesie e memorie per il loro (caratteristico) divertimento è stata finalmente sostituita nel secolo scorso da una seria ricerca sulle donne scrittrici come seri carrieriste che seguivano le vendite dei loro libri, che corrispondevano regolarmente con editori e che a volte hanno collaborato con i loro contemporanei letterari (proprio come fanno oggi le scrittrici). A offrire un sollievo visivo dalla densità dei libri e dei manoscritti della mostra sono le selezioni dei curatori di arte georgiana, che sono deliziose immagini visive dell'era di Austen. Tra i disegni e gli acquerelli ci sono selezioni memorabili di Isabel Bishop e James Gillray. Le immagini della mostra, esposte sulle pareti della galleria in cornici rivestite di vetro, fungono da mondo parallelo ai libri e ai manoscritti; ad esempio, alcune delle immagini in mostra sono state ispirate da momenti dei romanzi di Austen, come un delizioso schizzo di Isabel Bishop (Figura 7), adottato come logo dello spettacolo: Altre immagini, in particolare le caricature, si intersecano con l'arguzia acuta di Austen nei suoi romanzi e lettere sull'argomento dei cattivi matrimoni o "disalleanze" (Figura 8): La familiare caricatura di Gillray di una nuova moda nei cappelli da donna per piume alte e piume di struzzo (Figura 9) funge da analogo comico alle osservazioni di Austen in una lettera a Cassandra sui gusti delle donne nell'auto-esibizione alla moda (Bath, 2 giugno 1799; Morgan Library MA 977.4). Scrivendo sull'inclinazione delle donne per la frutta assemblata sui loro cappelli, osserva: "Fiori e frutti sono molto consumati, e la frutta è ancora di più la cosa [sui cappelli] - Elizabeth ha un mazzo di fragole, e ho visto uva, ciliegie, Piume e albicocche ... " Il capolavoro della mostra, che ne illustra il moderno design multimediale, è il video presentato nella parte posteriore della galleria in un cubicolo blu (immagini 2, 2a, sopra). La divina Jane è un documentario di 16 minuti diretto da Francesco Carrozzini; il suo soggetto è l'eredità di Austen. Sei devoti di Austen - tre scrittori, una madrina di Austen, un'attrice di eroine di Austen, un accademico - parlano davanti alla telecamera dei loro legami speciali con Austen. Sono Fran Lebowitz, Siri Hustvedt, Colm Tóibín, Sandy Lerner, Harriet Walter e Cornel West. Il film è una buona visione e ogni oratore ha una "visione" diversa di Austen e della sua reputazione. Fran Lebowitz, nel suo discorso divertente, dice che "abbiamo sbagliato tutto" e che Austen è apprezzata oggi "per tutte le ragioni sbagliate; non è una scrittrice di romanzi rosa, ma piuttosto un'ironica dotata che ha saputo osservare e rappresentare la natura umana ”. Lebowitz ha ragione, perché ben prima di Henry James e Edith Wharton, c'erano Jane Austen ei suoi romanzi di buone maniere. Cornel West ci ricorda prevedibilmente che l'interesse principale di Austen è il potere, anche se la sua tela (il piccolo interno domestico) è limitata. Potrebbe sfidare alcuni spettatori quando paragona Austen a Shakespeare e Cechov. Siri Hustvedt, lei stessa una scrittrice affermata, parla dell'esattezza e dell'economia del linguaggio di Austen. Il film non è un complemento della mostra, ma parte integrante dell'intero evento. I curatori hanno sapientemente reso il film una componente fisica della mostra rendendolo accessibile all'interno dello spazio della galleria stessa. Dopo un divertente 16 minuti, i visitatori hanno una serie affidabile di riflessioni sull'eredità di Austen da parte di fratelli e sorelle del mestiere, individui nelle arti letterarie che possono apprezzare i romanzi e la vita in modi speciali.

 

Il mezzo finale utilizzato dal team curatoriale della mostra è Internet, sfruttato con grande vantaggio. Un intero Sito web sullo spettacolo è stato costruito, presentando non solo il film dello spettacolo, ma anche un campionamento di immagini dello spettacolo, oltre a discorsi in galleria da parte dei curatori e un programma dei programmi pubblici organizzati da The Morgan, workshop, conferenze , letture e un gala di Austen di balli georgiani con musica dal vivo per celebrare la chiusura dello spettacolo (la festa conclusiva). Il sito web include anche collegamenti di natura tecnica sugli inchiostri e le carte utilizzate da Austen e altri scrittori del suo tempo. Suonando una nota bassa e discordante, è deplorevole che il team curatoriale della mostra non abbia assemblato un lussuoso catalogo stampato da utilizzare sia come prezioso ricordo che come risorsa da studiosi, insegnanti, studenti e molti altri interessati. Gli spettatori avrebbero anche apprezzato un'esposizione dedicata di musica selezionata dell'era di Austen, come i libri di canzoni del periodo georgiano, i libri delle lezioni e gli spartiti, tutti disponibili nelle distinte raccolte musicali di The Morgan.
Jane Austen era evidentemente una discreta brava pianista e un'accurata copista; sappiamo dalla corrispondenza di famiglia che suonava "belle melodie" sul suo pianoforte quasi tutte le mattine, e la musica è il motivo principale di tutti i suoi romanzi. Per ulteriori informazioni sul musical Jane e sui suoi libri di canzoni sopravvissuti, i lettori possono consultare il sito Web di Chawton House e le numerose registrazioni recenti, ora su CD, associate ad Austen e ai suoi gusti musicali. Vedi anche questo recente saggio offerto dalla Jane Austen Society of Australia. Un tocco finale che la mostra avrebbe potuto includere sarebbe stato un chiosco informatico interattivo, collocato nell'alcova della galleria, in cui i visitatori potevano accedere a una serie preparata di collegamenti essenziali sulla vita e gli scritti di Austen; il posto d'onore sarebbe la pubblicità sull'attuale edizione autorevole degli scritti di Austen, pubblicata in a Set 9 volumi (2009) di Cambridge University Press, con Janet Todd come redattore generale. Tanto di cappello a The Morgan per aver organizzato un impressionante omaggio a Jane Austen. Entro il 2050, con il continuo interesse e la ricerca su questo scrittore, avremo bisogno di un altro grande spettacolo di Austen. Speriamo di incontrarci lì.   Ringraziamenti L'autore è lieto di ringraziare tutti i seguaciing: David Baldock, Laura Boyle e Donna Lodge, Jane Austen Centre, Bath, Regno Unito. Declan Kiely, Clara Drummond, Sandra Ho, Morgan Library & Museum, New York. Philip Sheppard, violoncellista e compositore, Londra, Regno Unito. Matthew Hands e Todd Dunlap, FirstCom Music / Universal Music, Carrollton, Texas.
Nota sull'autore Maureen E. Mulvihill, borsista e scrittrice a Brooklyn, NY, e membro eletto (1991) del Princeton Research Forum (Princeton, New Jersey), è una specialista di letteratura inglese e irlandese ampiamente pubblicata. Il dottor Mulvihill ha studiato presso l'Università del Wisconsin-Madison, lo Yale Center for British Art, la Columbia University Rare Book School e (come membro della NEH), la Johns Hopkins University. È stata professoressa in visita di Shakespeare e di letteratura globale alla St John's University di Manhattan (2005-2007); ha anche avviato e insegnato "Diaspora Paradigms & Early New York City" presso la New York University (2007). La sua indagine sulle ultime settimane di Virginia Woolf, “Dancing On Hot Bricks”, con 8 immagini, appare in Rapportagerivista (2009, Vol XII; Lancaster, Pa.). È redattrice consultiva, Irlanda e Americhe, 3 voll. (ABC-Clio, 2008) e il primo editore delPoesie di Mary Shackleton Leadbeater (Dublino e Londra, 1808; Alexander Street Press, Virginia, serie Irish Women Poets, 2008). Attualmente sta lavorando agli scritti politici delle donne irlandesi precedenti al 1800.