Un calendario degli eventi di Jane Austen

Immagine di Debby Hudson su Unsplash

Come risultato di un attento esame dei calendari nei romanzi di Austen durante il quale ho costruito un calendario di eventi di Austen per ciascuno come parte di uno studio in corso sul suo uso delle lettere in tutti i suoi romanzi al fine di far luce sulle possibili origini diOrgoglio e pregiudizioSenso e sensibilità, e anche in parteMansfield Park 's racconto epistolare, mi sono imbattuto in uno schema curioso e ripetitivo. Con l'eccezione diL'abbazia di Northanger, Austen fa chiaramente in modo che certi tipi simili di eventi cruciali nei suoi romanzi finiti più a lungo si verifichino di martedì. Questi eventi spesso includono uno snobbamento o un'umiliazione dell'eroina o dell'eroe (o dell'antieroe o della coeroina) come parte significativa dell'evento e portano a epiloghi o climax. Nella maggior parte di questi non è necessario calcolare che il giorno è martedì; Austen te lo dice più di una volta:

The Snub

Senso e sensibilità

InS&S il terribile momento traumatico in cui Willoughby snobba Marianne si verifica un martedì che mi risulta essere il 16 gennaio 1798; dice a Marianne, non hai ricevuto il mio biglietto che ho lasciato a casa tua martedì scorso; la mattina seguente, quando all'alba la troviamo sveglia, e quasi isterica mentre scrive la sua ultima lettera a lui si dice specificamente che sia un mercoledì. La festa alla quale Lucy Steele ed Elinor Dashwood incontrano la "loro" futura suocera è chiamata "il martedì importante" che ho notato essere avvenuto il 13 febbraio 1798. È a questa festa che Lucy fa la sua fortunata impressione su Fanny Dashwood e la signora Ferrars, e questo porta Fanny a invitare Lucy e Ann Steel a casa sua per respingere il marito pensando che dovrebbero invitare Elinor; il loro arrivo a casa sua porta alla rivelazione del fidanzamento; a questa festa la signora Ferrars fa tutto il possibile per mortificare Elinor e Marianne diventa pubblicamente profondamente angosciata mentre si identifica con ciò che sta accadendo all'interno di Elinor.

Orgoglio e pregiudizio

InP&P il Netherfield Ball in cui la famiglia Bennet svergogna così tanto Elizabeth, e durante il quale Darcy si rende conto che tutti dicono che Bingley sposerà Jane, consapevolezza che lo porta a rimuovere Bingley martedì 26 novembre 1811; Bingley lo ricorda mesi dopo come avvenuto martedì 26 novembre e l'anno che dobbiamo a Chapman (sebbene sia stato contestato); Dirò anche che usando il calendario di Chapman, si scopre che Elizabeth incontra Wickham a Meryton di fronte a Darcy e Bingley per la prima volta di martedì, ma da quando ho dovuto risolverlo e poiché la mortificazione dovrebbe essere attribuita a Wickham - sebbene sia Darcy che diventa bianco - non si adatta perfettamente allo schema; ma è ancora lì, quindi lo menziono.

Mansfield Park

InMP: ci viene detto che Fanny e William arrivano a Portsmouth un martedì sera che mi risulta essere il 7 febbraio (l'anno è il 1809 o il 1797, quest'ultimo scelto da Litz, l'ex Chapman); quella sera inizia la lunga lezione fondamentale e medicinale che Sir Thomas intendeva fare a Fanny; è mortificata, snobbata dalla sua famiglia (perché in fondo non è più "loro"); la notte della festa della signora Frazer, che è così fatale per Henry e Maria, ci viene raccontata più di una volta un martedì 14 marzo. Non ci siamo; dobbiamo capire dalle lettere, ma quello che è successo è stato che Maria ha snobbato Henry ed è stato umiliato e determinato a farla cedere ancora una volta.

Emma

InEmma: la festa di Coles in cui Emma si rende così ridicola, dicendo a Frank da un lato che il piano è un regalo del signor Dixon, è lei stessa mortificata dal suono del piano di Jane, ma in cui Jane soffre molto di più dal sapere cosa sta vivendo ha detto di lei, dalle pavoneggianti offerte trionfali della signora Cole di permettere a Jane di usare il pianoforte in qualsiasi momento (facendo eco a Lady Catherine de Bourgh a Elizabeth), dal flirt di Emma e Frank che si verifica un martedì il cui giorno viene menzionato più di una volta; Jo Modert (e sono d'accordo) dice che sarà il 15 febbraio, il che rende il giorno dell'arrivo del pianoforte il giorno di San Valentino (lunedì, 14 - Frank si è fatto tagliare i capelli sabato 12); Frank lascia Highbury un martedì che Jo Modert (e sono d'accordo) definisce martedì grasso; ancora una volta non siamo a conoscenza della scena della perdita di Jane, ma vediamo Frank che ci prova e pensa che stia confessando il suo amore all'ottusa Emma; nel 1814 il martedì grasso è il 22 febbraio e funziona; Il nadir di Emma, ​​il giorno dopo che Harriet le ha fatto sapere che ama Knightley e le ha fatto credere in parte che Knightley la ama, è un martedì; ancora una volta ci viene detto che è martedì più di una volta; viene enfatizzato lo strano freddo; Anche Jane ha il suo momento difficile perché la signora Weston è andata a trovarla e la signora Weston riferisce della loro conferenza in carrozza; Emma scrive ad Harriet dicendole che non devono vedersi; è il giorno successivo, mercoledì, che il cielo si schiarisce e Knightley propone; questo martedì è il vecchio giorno di mezza estate, il 5 luglio, il mercoledì 6 luglio, è il vecchio giorno di mezza estate.

Persuasione

La festa concerto intensamente drammatica alla quale il capitano Wentworth viene parzialmente snobbato; dove sperimenta un'agone di gelosia; dove Anne cerca di uscire dal suo guscio e fargli sapere quanto lo ama, cosa che è contrariata dalla presenza di Mr Elliot che si verifica un martedì che mi risulta essere il 21 febbraio 1815; l'importantissima conferenza di Anne con la signora Smith in cui la signora Smith fa cadere tutti quei fagioli si tiene il giorno successivo, mercoledì; i giorni sono accuratamente nominati. Richiamo altri due martedì che ci sono ma non così chiaramente contrassegnati o elaborati come sopra: il giorno in cui la festa dell'Uppercross arriva a Lyme è un martedì, ma deve essere risolto dal calendario; sarebbe stato il 22 novembre e Louisa sarebbe caduta mercoledì 23: gli eventi includono il primo incontro di Anne con il signor Elliot quel martedì; si ricorderà che Charles Musgrove ha comprato dei biglietti per andare a teatro il sabato sera che può essere calcolato come il 25 febbraio, ma Elizabeth aveva una festa così lui li ha scambiati e tutti sarebbero andati a teatro il martedì successivo. Questo martedì - durante il quale Lady Russell non avrebbe avuto le informazioni che Anne avrebbe dovuto fornirle sul signor Elliot - non è mai uscito.

I Watsons

La frase di apertura di questo romanzo incompiuto ci dice che il ballo in cui Emma vede per la prima volta il signor Howard e balla con il piccolo Charles è stato un martedì 13 ottobre: ​​presento l'anno 1801 - non sono d'accordo con la datazione che è stato offerto finora per questo libro, e penso che sia molto più elaborato di quanto sia stato realizzato, e quello che abbiamo non è una bozza iniziale ma successiva.

Lady Susan

Martedì è il giorno della maggiore crisi di Lady Susan nel romanzo così come l'abbiamo, il giorno in cui Sir James arriva ei Vernon iniziano a capire per la prima volta perché Frederica è fuggita dalla scuola, e Reginald affronta Lady Susan e la spinge a far partire Sir James. ; Risulta che sia il 18 febbraio se l'anno è il 1804 (ancora una volta non sono d'accordo con la borsa di studio pubblicata di recente e penso che la data originale di Chapman del 1804-5 per il libro fosse giusta); mercoledì mattina abbiamo una scena esattamente parallela a quella di Marianne inS&S dietro la lettera di Frederica a Reginald: l'ha scritta all'alba mentre era mezza isterica; Mentre l'epilogo finale del romanzo si verifica un lunedì, essendo il giorno in cui Reginald viene a Londra e si ritrova a confrontarsi con la signora Manwaring a casa di Mr Johson, è convinto che Lady Susan sia in quel momento indulgente nella sua relazione con Manwaring, tutti le brutte e brutte lettere tra i due vengono scritte martedì il giorno successivo, e il mercoledì vede la partenza di Reginald per Parklands e Lady Susan per Churchill per riprendersi Frederica.

Santditon

Non ho trovato martedì cruciali inSanditon e mentre Catherine (L'abbazia di Northanger) fa il suo primo giro con i Thorpes di martedì, il cui giorno è chiamato e descritto come "una bella giornata mite di febbraio" (io lo faccio il 13), gli altri balli, balli, snobbing e l'espulsione di Catherine dal L'abbazia si verifica nei giorni fortunati; non c'è alcun tentativo di farli funzionare su uno schema mar / mer.

L'abbazia di Northanger

Sono incuriosito che NA non abbia questo schema. Questo perché così spesso si legge che NA "deve" essere in anticipo anche se chiaramente è il prodotto di una revisione matura e brilla e si muove in modi esistenti in S&S, che in realtà è il primo e il meno maturo esteticamente parlando dei romanzi. Le persone non riescono sempre a "provare" che NA sia in anticipo. Infatti la sua rapidità di movimento, il controllo esperto del tempo interno ed esterno, la scrittura brillante e incisiva e le allusioni di ogni sorta, ricordano Persuasione. Penso piuttosto che la possibilità che li ha portati a essere stampati insieme abbia qualcosa da dirci.

Anche entrambi i romanzi di Bath (a proposito). Forse lo schema del martedì è il nostro unico indizio per suggerire che fosse prima nelle sue prime bozze. Ha un calendario chiaramente elaborato; infatti a volte è più inchiodato al movimento quotidiano rispetto agli altri 5. Suggerisce che Austen abbia usato il tempo del calendario per insegnare a se stessa a rappresentare il tempo in un modo che abbia verosimiglianza e possa far sentire al lettore che lui o lei è in un mondo reale come il suo per quanto riguarda tempo e distanza.

Credo che Lady Susan non sia uno dei primi romanzi; è troppo disilluso, troppo consapevole. Quindi il lavoro di martedì nel romanzo può essere un'indicazione che è arrivato dopo che Austen ha iniziato a inserire questo strano schema nei suoi libri. Ho postato quanto sopra in una serie di messaggi ad Austen-L qualche tempo fa, e su quella lista Stephen Bishop, Elvira Casal e pochi altri mi hanno suggerito fuori dalla lista e sulla lista a cui questo uso del martedì nero potrebbe ricollegarsi Mary Queen of Scots di cui ha scritto AustenStoria dell'Inghilterra, si dice che simpatizzasse con e che ebbe una brutta notte un martedì del 1585 perché fu giustiziata il giorno successivo, mercoledì. Ho convenuto che Austen sembrava aver simpatizzato con Mary (anche se non sono sicuro che non sia anche satirica su Mary) e ci sono prove che Austen ha letto ed è stata influenzata da Sophia LeeThe Recess un emozionante romanzo di memorie in cui passiamo del tempo con le traumatizzate e tragiche figlie gemelle di Maria; nondimeno la gravità degli eventi e il loro legame con l'umiliazione che li collega alla presentazione di molti orchi e snob mortificanti nei suoi romanzi da parte di Austen a cominciare da Lady Grenville e Maria nella Juvenilia, passando per zia Norris e Fanny e poi su Sir Walter e Anne Elliot (suo padre ha impedito il matrimonio con il capitano Wentworth tanto quanto Lady Russell) a mio avviso suggerisce una profondità di emozione qui che può riguardare qualcosa nella vita privata di Austen di cui non possiamo sapere perché forse non c'è traccia. Tuttavia, ho trovato uno schema in due romanzi che Austen conosceva bene che mi ha fatto riflettere e mi ha fatto pensare che potesse essere uno scherzo in corso: in Richardson'sSir Charles Grandison Charlotte è costretta a sposare Lord G un martedì, e su questo si parla molto; si chiama martedì importante; le lettere sono disseminate di riferimenti all'incombente martedì, e poi ovviamente al temuto martedì sera (quando Charlotte dovrà andare a letto con l'uomo), e siamo trattati da quanto goffamente "naviga" mercoledì mattina.

Grandi dibattiti si verificano se Charlotte debba celebrare un matrimonio pubblico o privato il martedì importante. Ora la mia opinione è qualunque cosa abbia detto il fratello di AustenGrandison nella sua prefazione è sospetto perché presentava al pubblico un volto pio. In molti dei suoi riferimenti aGrandison Austen prende in giro questo libro; lo trovava tanto ridicolo quanto affascinante. Tutto questo ansimare di martedì potrebbe averla trovata ridicola. Ma ah! InClarissa non è divertente. L'evento centrale di questo libro è ovviamente lo stupro, e indovina un po ', è avvenuto nelle prime ore di un lunedì sera fino a martedì mattina, e le famose lettere di Lovelace dove ha detto "E ora Belford, non posso andare oltre. La relazione è finita. Clarissa vive "ecc." è datata "martedì mattina. "La stessa Clarissa impazzisce per tutto quel mercoledì, siede - come Marianne Dashwood e Frederica Vernon - dall'alba al tramonto a scrivere lettere folli al suo stupratore.

E anche Clarissa, non cattiva signora quando si trattava di tenere il tempo e la contabilità, aveva inciso sulla sua lapide la data del 10 aprile. Clarissa è scappata con Lovelace dalla casa di suo padre il 10 aprile; era un lunedì, ma le lettere e il trauma a riguardo sono scritti in una lunga lettera datata martedì 11 aprile. Tuttavia le circostanze di ciascuno degli incidenti non sono romantiche; non hanno in loro alcun riferimento alla storia o ai romanzi gotici. Sono anche sorprendentemente simili. Sulla questione, potrebbe essere stato inconscio? Comincio a convincermi di no. C'è un passaggio meraviglioso in Wilde L'importanza di essere sinceri dove l'eroe che ascolta i pezzi del puzzle sulla sua nascita di cui ancora non sa nulla, dice qualcosa come bene una volta è una coincidenza, e forse due volte, ma tutte queste volte sembrano indicare una deliberazione, uno schema (questa è una parafrasi). Quello che mi sembra sorprendente è che non c'è bisogno di allenarsi è un martedì; ci viene detto ancora e ancora. Nella maggior parte degli studi del calendario dei romanzi di Austen devono essere elaborati i giorni; non è difficile e Austen è solo pieno zeppo di dati per il lettore che è interessato a questo modo di strutturare il tempo.

È una considerazione seria, quella di dare al lettore un senso realistico del tempo, uno storico o del mondo e l'altro psicologico e quello della storia e di intrecciarli insieme, e lei è brillante in questo. Ma è anche un gioco di sorta. Il mio senso di Austen è che la sua commedia profondamente sentita rappresenta il suo modo di affrontare il dolore della vita. I calendari stessi sono costrutti, modi per intensificare le sue fantasticherie, stimolare il movimento delle sue trame e radicare le narrazioni e le meditazioni drammatiche e pittoriche in una cornice in cui il lettore può identificarsi e attraversare. Questo è chiaramente qualcosa che qualcuno fa in silenzio. Il calendario inEmma è particolarmente giocosa:

Jo Modert mostra ad Austen indizi ironici per noi e allinea eventi significativi con i festival e altri giorni stagionali. È l'unico calendario in cui è specificato il giorno di Natale: ho menzionato che il pianoforte è arrivato il giorno di San Valentino e Frank ha tentato di confessarsi a Emma il martedì grasso; Il signor Elton lasciò Highbury ed Emma fu costretta a dire ad Harriet la brutta verità il 28 dicembre, Innocents Day; Harriet viene attaccata dagli zingari venerdì 13; la visita all'abbazia di Donwell avviene la vigilia di mezza estate - ed è anche il compleanno di Harriet, cioè il 23 giugno (in realtà ci viene detto non solo il compleanno di Harriet e la sua età, ma anche quella di Martin - aveva 24 anni l'8 giugno dell'estate prima del romanzo si apre); il viaggio a Box Hill avviene il 24 giugno, giorno di mezza estate, e così via. Questo è adorabile e fantasioso, e si è riluttanti ad attaccarlo a uno stress profondo. Ora, se lo schema del martedì è uno scherzo, direi che la famiglia lo sapeva e avrei preferito Richardson. Austen ha scritto una commedia divertente per la famiglia da eseguire. Tutti leggono Richardson.

Ciò suggerisce che erano tutti altrettanto capaci di ridere della semi-isteria che attraversa Clarissa e hanno assunto un atteggiamento robusto nei confronti del sesso e dello stupro, perché se è Richardson mi sembra che lo stupro di Clary tra lunedì e martedì, la sua fuga proprio quei giorni, e la data incisa sulla lapide collega una prospettiva comica con una traumatica. C'è sicuramente qualcosa di ridicolo nel romanzo Clarissa.

Quindi prenderei in giro Grandison e Clarissa più che la Mary Queen of Scots. Quest'ultimo non è così significativo; è solo un'opera, una Austen ha scritto quando era giovane, e si potrebbe sostenere che sia ironica anche nei confronti di Mary. Eppure c'è la ripetizione delle umiliazioni, degli snobbi, degli emarginati, e questo ci riporta direttamente alla più carica e meno sottile di queste scene della Juvenilia: il trattamento brutale di Maria da parte di Lady Grenville, e questo ha radici autobiografiche, ed è precisamente quel genere di scena che non lascia alcun documento, nessuna traccia. Alcune persone si fanno beffe del profondo dolore della signorina Bates. Un incidente che ferisce una persona non viene notato da molti.

Siamo ulteriormente ostacolati per sempre e tagliati fuori dalla vita privata di Austen dal fatto che Cassandra abbia distrutto quella che la nipote chiamava la maggior parte delle lettere. La maggioranza. Tuttavia - e sto facendo di più che fare semplicemente l'avvocato del diavolo quando continuo a dire, tuttavia, perché penso che ci sia qualcosa da spiegare qui oltre uno scherzo poiché, come ho detto prima, le battute sono di solito chiare, esplicite e brevi o in qualche modo segnato, non qualcosa che si deve scovare - Sono colpito dalla stretta somiglianza negli eventi cruciali in molti modi e dalla loro ripetizione durante la carriera di Austen dal momento della rappresentazione davvero selvaggia dell'umiliazione brutalmente rozza di Lady Greville di Maria nella Juvenilia. Non è divertente. È sempre il caso di una festa (come in questa terza lettera e nella prima Catherine, o il Bower - che tuttavia non combina la narrazione in un calendario), un'ambientazione familiare di gruppo. È tutt'altro che banale e poco importante.

Ellen Moody è docente di inglese alla George Mason University. La sua scoperta dell'uso fondamentale che Jane Austen fa del martedì nei suoi romanzi formerà un capitolo di un libro che sta scrivendo su Jane Austen. Ha pubblicato un libro su Anthony Trollope e conversazioni di gruppo nel cyberspazio:Trollope in rete, che è stato pubblicato nel 2000 da Hambledon Press ed è disponibile per l'acquisto. È anche traduttrice della poesia italiana rinascimentale e ha pubblicato su donne inglesi poeti e romanzi epistolari.