Salta al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Orgoglio e pregiudizio e il problema di Elizabeth, Jane e Mr. Bennet

Pride and Prejudice and the Problem of Elizabeth, Jane, and Mr. Bennet - JaneAusten.co.uk
academic

Orgoglio e pregiudizio e il problema di Elizabeth, Jane e Mr. Bennet

Orgoglio e pregiudizio e il problema di Elizabeth, Jane e Mr. Bennet

 

 

Diverse relazioni in Orgoglio e pregiudizio merita l'attenzione primaria. Elizabeth e Charlotte si riguardano il matrimonio e se una visione romantica del matrimonio (stima, amore e così via) è rilevante in un mondo pragmatico in cui le donne si sposano prevalentemente per "proteggere"[1] Un marito, come Charlotte ricorda spesso Elizabeth e lo fa da sola quando sposa Collins. Elizabeth e Jane ogni vista e trattano le persone in modo diverso; Jane tende a cercare il bene negli altri, spesso al punto di ingenuità, mentre la critica di Elizabeth è di solito sarcastica e cinica.

Poi c'è Elizabeth e suo padre, il signor Bennet. Tende a difendere le azioni di suo padre e condivide il suo sarcasmo e il cinismo. In quanto segue, esamineremo più da vicino la tendenza di Elizabeth ad essere come suo padre; Jane sarà valutata per fornire una visione opposta. Un problema per il romanzo, quindi, è se Elizabeth e l'approccio sarcastico e cinico di suo padre alla vita sia migliore della benevolenza di Jane.

Il signor Bennet, con una conversazione con sua moglie nel primo capitolo, favorisce senza riserve Elisabetta per le sue altre quattro figlie. Lui dice.

[Le mie figlie] sono tutte sciocche e ignoranti come altre ragazze; Ma [Elizabeth] ha qualcosa di più di rapidità delle sue sorelle.

L'atteggiamento cinico del signor Bennet nei confronti delle sue figlie è evidente mentre tiene fortemente l'intelletto umano. "Sciocco" e "ignoranti" descrivono entrambi ciò che il signor Bennet crede sia la condizione debole e ignorante della mente femminile media ("come altre ragazze"). La sua esclusione di Elisabetta dalla popolazione femminile - in particolare le sue altre figlie, a causa della "rapidità" della sua mente - è un primo passo per capire perché preferisce Elizabeth e come l'intelletto umano le unisce. 

Perché enfatizzare il potere della mente di Elizabeth piuttosto che di altre qualità (come i "risultati" femminili, che sono apprezzati da altri personaggi nel romanzo o, in questo contesto, essendo "buoni umorazioni" (sic) e "belli", attributi menzionati di signora Bennet)? Nel contesto immediato, il narratore attira la nostra attenzione sulle "parti veloci" di Mr. Bennet, che, come Elizabeth, si riferiscono alle sue capacità intellettuali. Di conseguenza, le sue quattro figlie "sciocche", insieme alla "media comprensione" della signora Bennet, li renderebbero sicuramente emarginati per coloro che possiedono capacità intellettuali più elevate.

Mentre un lettore potrebbe sostenere che il signor Bennet non è semplicemente gentile con le sue figlie e la sua moglie qui, il narratore non sembra simpatizzare con loro, in particolare la signora Bennet, quando dice che la signora Bennet ha solo "conforto" nella vita con "Notizie visite e relative al marito]"; È nervosa altrimenti. Ciò è significativo perché il narratore, sebbene non un difensore del sarcasmo del signor Bennet in senso ufficiale, rafforza il fastidio di quest'ultimo e il valore che mette sull'intelletto umano permettendo al signor Bennet di riferirsi ai nervi di sua moglie come i suoi "vecchi amici" e commentando la "comprensione media" della sua mente da passare senza controllo[2]

Insieme all'intelletto umano, Bennet ed Elizabeth condividono le risate. Elizabeth "Caro amore [s] una risata", ma include una componente morale per guidare le sue risate: vuole solo ridere di "[f] ollies e sciocchezze, capricci e incoerenze;" Non vuole ridere di ciò che è "saggio e buono". (Fa questa confessione dopo che il signor Darcy la avverte che un'azione virtuosa è spesso "resa ridicola da una persona il cui primo oggetto nella vita è uno scherzo", che è un eventuale respingimento contro la filosofia delle risate e "sport" di Mr. Bennet che sarà citato in questo saggio). Per Elizabeth, ridere degli altri è un "sub [sion]". Una "diversione" è di solito qualcosa che porta il piacere temporaneo della mente; La mente è diretta lontano dal suo solito corso, ma alla fine riprenderà il suo percorso regolare una volta terminata la "diversione". Sapere quando le risate sono appropriate è importante per Elizabeth, a quanto pare, specialmente quando il signor Darcy la sospetta di fare diversamente.

Una distinzione tra Elisabetta e suo padre è l'aspetto morale delle risate. Questa differenza viene gradualmente resa nota prima e durante la visita di Collins ai Bennets quando guardiamo come reagiscono Elizabeth, Jane e il signor Bennet. Bennet legge la lettera di Collins nel capitolo 13 e Jane ed Elizabeth sono entrambi confusi sul perché Collins si scuserebbe per essere stato il prossimo nella commissione poiché ovviamente non aveva una scelta. Se non uno ha una scelta legalmente, allora quella persona è innocente nel fare torto. Nonostante la confusione iniziale, Jane dice che il "desiderio" di Collins di "renderci l'espiazione ... è certamente dovuto al suo merito", mentre Elizabeth dice che la sua scrittura "Stile" (sic) è "molto pomposa" e deve essere una "stranezza . " Si chiede persino se Collins sia "sensibile". Elizabeth non performante, ma abbastanza accuratamente, riconosce che Collins è uno sciocco, mentre Jane gli dà il beneficio del dubbio e cerca di pensare a lui in termini più delicati. Dato che la valutazione di Elizabeth è corretta, il "pensiero troppo bene" di Jane è problematico dal momento che il motivo di Collins dietro le recinzioni riparando è il comando di Lady Catherine de Bourgh piuttosto che la sua buona volontà.

Tuttavia, le opinioni contrastanti di Elizabeth e Jane potrebbero inizialmente scrollarsi le spalle e dire: "Non so cosa fare di Collins". Bennet afferma il cinismo di Elizabeth:

Ho grandi speranze di trovarlo piuttosto il contrario [di Sensible]. C'è una miscela di servilità e importanza di sé nella sua lettera, che promette bene. Sono impaziente di vederlo.

Essere "impaziente" non è di solito una virtù, né suggerisce di avere una mente calma, qualcosa di apprezzato da Mr. Bennet ed Elizabeth. Tuttavia, considera la lettera come prefigurazione di molti divertimenti nella prossima visita di Collins. Essere in grado di ridere delle "follie e sciocchezze" degli altri in un momento particolare (una "diversione") è qualcosa che Elizabeth apprezza, ma non ci indica che condivide "l'impazienza" di suo padre per vedere Collins. Inutile dire che Collins, in tutta la sua gloria, non delude la ricerca di Mr. Bennet di divertimento nel capitolo 14.

Elizabeth e Mr. Bennet si dividono presto sul comportamento di Collins quando legge circa tre pagine dai sermoni di Fordyce[3]. Lydia (in modo divertente) interrompe il sermone di Collins per chiedere delle azioni di suo zio Philips. Il suo sfogo è spiacevole per Elizabeth e Jane che hanno entrambi "offerto" Lydia per "tenere la lingua". Il signor Bennet, il cui obiettivo "impaziente" di trovare Collins "divertente" è stato soddisfatto, non rafforza la "offerta" di Elizabeth a Lydia per tacere mentre Collins predica loro. Sebbene Elizabeth probabilmente trovi il sermone di Collins "assurdo", che è, capisce che l'interruzione di Lydia è inappropriata per l'occasione come Jane. 

Una domanda da considerare ulteriormente è il motivo per cui il signor Bennet non "ha fatto", Lydia per tacere mentre Elizabeth e Jane lo fanno. Dice il narratore

Le aspettative del signor Bennet hanno avuto una risposta completamente. [Collins] era assurdo come aveva sperato, e lo ascoltava con il divertimento più acuto, mantenendo allo stesso tempo la compostezza più risoluta del volto, e tranne che a uno sguardo occasionale a Elizabeth, non richiedendo alcun partner nel suo piacere. All'ora del tè, tuttavia, la dose era stata sufficiente e il signor Bennet era felice di portare di nuovo il suo ospite nel salotto, e quando il tè era finito, felice di invitarlo a leggere ad alta voce alle donne.

Questo è uno dei passaggi chiave del Mr. Bennet del romanzo. Come precedentemente affermato sopra, aveva "aspettative" che erano state "pienamente risposte". "Goditi [ing]" "Keen [ly]" di "assurdo [ity]" di Collin crea un ulteriore problema, "occasionale [ly] glanc [ing]" a Elizabeth per condividere "il suo piacere". Questo "piacere" è condiviso da Elizabeth in un'altra scena in cui dice che ha diritto al "godimento della sua antipatia originale" di Miss Bingley e della signora Hurst. "Ssclenk [ing]" qualcuno sta bene, poiché entrambe le donne sono ostentate e, nei passaggi di cui sopra, Collins è un idiota. In Elizabeth's situation with Bingley's sisters, when Jane visits Netherfield and becomes sick, Miss Bingley and Mrs. Hurst, “three or four times,” express how “grieved” they were, how “shocking” it was to have a cold, and how "Eccessiva" non gli piacevano essere malati; Quindi "non pensavano più alla questione". L'iperbole è il loro modo di mascherare la loro vera indifferenza verso Jane. Mentre diceva a Jane che a loro non importa davvero sarebbe meschino, Elizabeth probabilmente preferirebbe che rimangano in silenzio piuttosto che fingere di avere preoccupazione per Jane. Elizabeth's Walking to Netherfield (che è significativo per diversi motivi), prima di questa scena, è un forte contrappunto alle sorelle di Bingley: Elizabeth ignora i confini sociali (e i confini della recinzione letterale) per amore per il benessere di Jane; Il cinismo è assente mentre Elizabeth aderisce al suo cuore (sentimento/emozione), non alla sua mente (ragione). 

Sebbene Elizabeth "non piaccia" la signorina Bingley e la signora Hurst, e il romanzo la condividerebbe sicuramente "antipatia", Orgoglio e pregiudizio è turbato dalla sua sensazione di diritto a questa "antipatia originale". "Original" si riferisce alla sua prima impressione di loro. Mentre la sua prima impressione di queste donne è, di nuovo, corretta, "godendo" che la prima impressione non consente il cambiamento più di quanto la benevolenza di Jane la acceca dal vedere la signorina Bingley e la signora Hurst per la quale sono veramente. 

Ad esempio, verso la fine del romanzo, Jane ed Elizabeth riflettono su tutte le disgrazie che si erano verificate tra Jane e Bingley. Quando Elizabeth affronta l'argomento del perché Bingley non si rendeva conto che Jane era in città la scorsa primavera, chiede a Jane di dare il "account [di]" di Bingley. Dice Jane

Deve essere stato le sue sorelle. Non erano certamente amici per il suo conoscente con me, che non posso chiedermi, dal momento che avrebbe potuto scegliere molto più vantaggiosamente sotto molti aspetti. Ma quando vedono, come mi fido che lo faranno, che il loro fratello è felice con me, impareranno ad essere contenti e saremo di nuovo in buoni rapporti; Anche se non possiamo mai essere ciò che una volta eravamo l'un l'altro.

Elizabeth poi dice a Jane che questo è il "discorso più spietato ... che [lei] abbia mai sentito [lei] pronunciare". Il sarcasmo di Elizabeth qui è pensato per essere istruttivo piuttosto che cinico: non vuole che Jane sia di nuovo "ingannata" dall'insincerità delle sorelle. Ciò che rende interessante l'analisi di Jane è che dice qualcosa di critico sulle sorelle di Bingley anche se non rileva il sarcasmo di Elizabeth. Prima di questa critica, la gentilezza di Jane la indirizza a incolpare se stessa: le sorelle di Bingley non desiderano "la sua conoscenza" con lei, e Bingley "potrebbe aver scelto molto più vantaggiosamente"; Quindi, non potrebbero mai essere sbagliati. Quindi la sua ingenuità la convince che le sorelle "vedranno" che il signor Bingley è "felice" con lei e che "impareranno ad essere contenti", mettendo di nuovo tutti in "buoni termini". La parola "di nuovo" indica un cambiamento dalla condizione originale della relazione. La sua ipotesi, che non è corretta, è che alle sorelle Bingley piacesse fino a quando Bingley non voleva sposarla. Poi presume erroneamente che la "felicità" di loro fratello diventerà essenzialmente la loro "felicità": questa "felicità" condivisa[4] Riestrerà Jane in quello che ritiene sia originale di buona posizione con le sorelle. 

Quanto sopra è come Jane comprende la situazione fino a quando non aggiunge: "Anche se non possiamo mai essere ciò che una volta eravamo l'uno con l'altro". "Mai" esclude alcuna possibilità che la relazione torni alla sua forma originale poiché Jane lo capiva originariamente. Tuttavia, la sua valutazione finale è un modo accurato di vedere le cose anche se non sono sicuro che Jane capisca perché sia ​​accurato. Nella sua mente, poiché il matrimonio con Bingley è stato problematico e perché si incolpa, lo sforzo delle sorelle per affettare Jane è a dir poco eroico. In realtà, alle sorelle non è mai piaciuta Jane sin dall'inizio, quindi certamente non saranno mai ciò che eravamo reciprocamente "se Jane presume che" ciò che eravamo una volta "significhi essere in buoni rapporti. Allo stesso tempo, sarebbe anche corretto perché il livello di antipatia è probabilmente aumentato notevolmente da quando Miss Bingley voleva che Bingley sposasse la Georgiana per rafforzare la sua posizione coniugale con il signor Darcy. Tuttavia Jane capisce questa situazione, sarà gentile con i suoi nemici, che moralmente va molto oltre di Elizabeth e del rispettivo "godimento" di suo padre di "non pianto" qualcuno; Anche Jane non consente di gravi delusioni per oscurare la sua vita e l'eventuale matrimonio. Ciò significa che l'ingenuità di Jane ha stranamente valore. Riconosce una differenza nella sua relazione con le sorelle Bingley, ma onestamente pensa che il suo matrimonio sarà favorito da tutti, permettendole di "godersi" il suo nuovo matrimonio senza fare affidamento sull'approccio sarcastico-cynical alla vita. 

Tornando ora al problematico "appassionato di godimento" di Mr. Bennet per il comportamento assurdo di Collins, una volta che ha avuto il suo riempimento di Collins, lo invita a leggere ad alta voce alle femmine nella stanza. Lydia quindi interrompe il sermone, come menzionato sopra. Bennet permette a Collins di predicare alle sue figlie su come dovrebbero vivere la propria vita. Normalmente, un padre avrebbe una mano grande in tale istruzione. Tuttavia, in un passaggio che esamineremo più tardi in questo saggio, Elizabeth riconosce che suo padre non ha mai fatto uno sforzo adeguato per insegnare alle sue figlie; Invece, li ha lasciati ai loro dispositivi. Poiché Elizabeth sembra essere naturalmente "veloce", le altre figlie di Mr. Bennet non lo sono. Invece di fare sforzi per migliorare le loro menti, il signor Bennet ha rivolto il suo favore verso Elizabeth e ha occupato il suo tempo rimanente con i suoi "goduti principi": "Il paese e ... libri". Presto sviluppò una visione cinica verso coloro che non erano come se stesso. Elizabeth, in "offerta" Lydia per tacere, sta assumendo il ruolo di suo padre su se stessa. Sebbene questo non sia un attacco direttamente al signor Bennet, Elizabeth, che sia consapevolmente consapevole di ciò, sta raccogliendo il gioco per suo padre. Anche se Collins è inappropriato, riconosce ancora che la maggior parte delle figlie hanno bisogno di supervisione per migliorare il loro comportamento "sciocco". Questo punto di vista si spinge contro il signor Bennet perché i suoi sforzi oziosi sembrano essere in gran parte responsabili del comportamento "sciocco" delle sue figlie; Avrebbe potuto fare molto di più per migliorarli. Invece, li prende in giro e "gode" il momento. 

Il cinico "divertimento" di Mr. Bennet diventa ulteriormente problematico quando "gode di [s] la scena" come la signora Bennet Hobnobs con i Bingingys dopo la palla nel capitolo 18. Dovremmo ricordare che Elizabeth, quando il signor Bennet "si è divertito" Collins " Visita, non ha criticato suo padre anche se ha preso la parte della parte di Jane, "offrire" Lydia per tacere. Dopo la palla,

Il partito di Longbourn era l'ultima di tutte le compagnie a partire e, dalla manovra (sic) della signora Bennet, dovette aspettare le loro carrozze un quarto d'ora dopo che tutti gli altri erano spariti, il che diede loro il tempo di vedere quanto di cuore Erano desiderati da parte della famiglia. La signora Hurst e sua sorella si aprirono a malapena la bocca se non per lamentarsi della fatica e evidentemente erano impazienti di avere la casa per sé. Hanno respinto ogni tentativo della signora Bennet durante la conversazione, e così facendo hanno lanciato un languido su tutto il partito, che è stato molto poco sollevato dai lunghi discorsi del signor Collins, che si è complimentato con il signor Bingley e le sue sorelle sull'eleganza del loro intrattenimento e dell'ospitalità e della cortesia che avevano segnato il loro comportamento ai loro ospiti. Darcy non disse affatto. Il signor Bennet, in pari silenzio, si stava godendo la scena. Il signor Bingley e Jane erano in piedi insieme, un po 'distaccati dal resto, e parlavano solo l'uno con l'altro. Elizabeth ha conservato un silenzio stabile come la signora Hurst o la signorina Bingley; E anche Lydia era troppo affaticato a pronunciare più dell'occasionale esclamazione di "Signore, quanto sono stanco!" Accompagnato da uno sbadiglio violento. 

Il passaggio sopra è simile alla visita di Collins. Lydia ha uno sfogo e il signor Bennet, che "gode" la scena, non fa nulla per intercedere. Il suo "divertimento" passivo è anche a spese di sua moglie, che viene snobbata da Miss Bingley e Mrs. Hurst, e il comportamento sciocco di Collins soddisfa il prurito "impaziente" del signor Bennet per "divertimento". L'inazione del signor Bennet ha ulteriori conseguenze poiché Jane e Bingley sono stati "distaccati" dal gruppo, e il signor Darcy ha detto "niente di affatto". L'osservazione del signor Darcy è importante perché alla fine fa riferimento a questa scena quando difende la sua decisione di separare Bingley-Jane e quando dà a Elizabeth, in una delle proposte più non romantiche ma brutalmente oneste in letteratura, molteplici obiezioni al suo matrimonio. Inoltre, il "silenzio" di Elizabeth è diverso da quello di suo padre. Qui, è probabilmente imbarazzata dal comportamento della sua famiglia di fronte al signor Darcy, che al momento non piace fortemente, ed è preoccupata per la posizione coniugale di Jane con Bingley. Il signor Bennet è "silenzioso", quindi "gode semplicemente la scena" senza interruzioni.

Un momento chiave per la graduale separazione di Elizabeth da suo padre, in modo filosofico, accade dopo aver rifiutato la prima proposta del signor Darcy. Le eroine di Austen riflettono spesso su eventi precedenti in una stanza a parte. Nella sua stanza, Elizabeth legge la lettera del signor Darcy, che spiega la duplicità di Wickham e perché lui (il signor Darcy) ha separato Jane e Bingley. Finendo la lettera, Elizabeth dice che "non ha mai saputo" fino a "questo momento". Quella rivelazione è significativa per diversi motivi. Nel capitolo quattro, ad esempio, Jane ed Elizabeth riflettono sulla danza (dove il signor Darcy ha snobbato Elizabeth e Bingley ha ballato con Jane). Jane dice che è stata "molto lusingata" da Bingley le sta chiedendo di ballare due volte e non si aspettava un tale complimento ". Elizabeth procede a rafforzare il "complimento" di Bingley, che terminano sarcasticamente con 

[Bingley] è certamente molto piacevole e ti do il congedo per lui. Ti è piaciuta una persona più stupida

Rafforzare che Bingley sembra un brav'uomo per Jane. Da lì, Elizabeth dice a Jane

Sei un grande affare troppo ... per apprezzare le persone in generale. Non vedi mai un difetto in nessun corpo. Tutto il mondo è buono e gradevole ai tuoi occhi. Non ti ho mai sentito parlare male di un essere umano nella mia vita.

Jane è d'accordo, dicendo

  Vorrei non essere frettoloso nel censurare nessuno; Ma parlo sempre quello che penso.

Elizabeth procede a chiamare Jane "onestamente cieco" e binari su come Jane sia "sincero senza ostentazione o design", ma prende il "bene" del personaggio di tutti e lo rende "ancora migliore". Questa conversazione è molto importante perché Jane concorda sul fatto che ha sempre opinioni positive delle persone, non volendo "frettolosa" nel "censurare" chiunque, ma dice sempre ciò che sente veramente. Mentre Elizabeth si sforza anche di essere onesti con ciò che pensa e sente, "conoscere meglio ora ora" porta a diverse realizzazioni sorprendenti, una delle quali è che Wickham l'aveva ingannata per il signor Darcy. Sebbene questa non sia la prima eroina di Austen ad essere ingannata da un uomo bello e ben parlato, la riflessione di Elizabeth è significativa perché riconosce la sua "cecità". (Un'attenta lettura della storia di W La verità. Si può ovviamente dire qualcosa che sembra sincero ma ancora mentono. Elizabeth ha anche ascoltato il racconto di Wickham con un "determinato" "antipatia" del signor Darcy. E così via).

Un'altra rivelazione nel riflesso di Elizabeth è che lei singola Jane. Mentre Jane è ovviamente rilevante a causa della decisione del signor Darcy di separare lei e Bingley, questa non è la situazione che prima entra nella mente di Elizabeth:

Io [Elizabeth], che mi sono valutato sulle mie capacità! che hanno spesso disprezzato il generoso candore di mia sorella [Jane] e ha gratificato la mia vanità ... quanto umiliante questa scoperta! - ancora, come solo un'umiliazione!

Questa confessione cambia il panorama del romanzo in termini di come vede la benevolenza di Jane. Elizabeth "disprezzato" il "generoso candore" di Jane, che è simile ai sentimenti cinici del signor Bennet nei confronti di sua moglie perché, come menziona in seguito Elizabeth, è stato "affascinato da [Mrs. Bennet] giovine e bellezza. " Incolpare la bellezza della signora Bennet per "accattivarsi" non è solo irragionevole (anche se comprensibile per il motivo per cui sarebbe sconvolto a lungo termine per la sua decisione), ma significa. Di conseguenza, il signor Bennet diventa sarcastico e cinico nel tentativo di affrontare i problemi della vita, in particolare il suo errore nel sposare la signora Bennet. 

Mentre molto può essere scritto Perché Elizabeth "disprezzo" il "generoso candore" di Jane, un posto per iniziare è il crescente disgusto di Elizabeth per le persone che vivono nel suo mondo. In precedenza, Elizabeth, dopo aver appreso il matrimonio di Charlotte con Collins, dice

Più vedo del mondo, più ne sono soddisfatto; E ogni giorno conferma la mia convinzione dell'incoerenza di tutti i personaggi umani e della piccola dipendenza che può essere collocata dall'aspetto di merito o senso. Ultimamente ho incontrato due istanze; Uno che non menzionerò (Bingley e Jane); L'altro è il matrimonio di Charlotte. Non è responsabile! In ogni punto di vista, non è responsabile! 

Mentre Jane ha deluso nella vita, non perde mai la sua natura gentile e la sua convinzione nella bontà umana, quindi la "incoerenza di tutti i personaggi umani" di Elizabeth non è l'opinione di Jane, che è direttamente colpita dalla partenza di Bingley. Elizabeth, come suo padre, ha avuto molteplici delusioni, alcune delle quali ha portato su se stessa (come già accennato) e avrebbe potuto evitare se non avesse "valutato" le sue capacità tanto quanto lei. Tale orgoglio e pregiudizio non violano mai il temperamento di Jane poiché dà sempre a tutti il ​​beneficio del dubbio. Questo è uno dei motivi per cui non può incolpare né Wickham né Darcy dopo aver sentito parlare della storia di Wickham. A quanto pare, Wickham è da biasimare. Tuttavia, poiché Jane ha anche liberato le sorelle Bingley dal fare sbagliato, l'ingenuità di Jane e la benevolenza non portano al numero di errori dannosi che la ragione di Elizabeth spesso fa. Il suo errore di giudizio del signor Darcy, il matrimonio del signor Bennet con la signora Bennet e il ruolo di Bennet nella caduta di Lydia sono tre dei casi più spettacolari del romanzo.

Inoltre, Elizabeth afferma: "In ogni punto di vista", il matrimonio di Charlotte e il presunto jilting di Jane di Bingley sono entrambi "non responsabili". Il cinismo di Elizabeth è problematico qui poiché la sua "insoddisfazione" per il mondo l'ha convinta che tutti gli umani sono "incoerenti". Sebbene questa non sia un'affermazione irragionevole che le persone sono "incoerenti", il pragmatismo di Charlotte è "coerente", e anche la malleabilità di Bingley è "coerente". Entrambi i personaggi hanno dato vari indizi che Elizabeth ha scelto di non prendere sul serio (ad esempio, quando Charlotte ha detto a Elizabeth che vuole "proteggere" un marito e che nel matrimonio "la felicità è una questione di possibilità", Elizabeth ha riso e ha detto a Charlotte che il suo pensiero era Non "suono. [Charlotte] so [s] non è solido ... e ... non si agite mai in questo modo"). Qualcosa è "non responsabile" solo se altre possibilità sono state chiuse. La "conoscenza di se stessa ora" di Elizabeth sarebbe apparentemente accolta in precedenza in precedenza "non responsabili" in modo che potesse rivedere le sue opinioni originali. Il signor Bennet non rivede mai il suo pensiero.

L'ultimo punto della lettera del signor Darcy che vale la pena notare è la realizzazione di Elizabeth su quanto sia veramente ridicola la sua famiglia. Il suo senso di "vergogna era grave". Quando è in grado di mettere da parte la persona, il signor Darcy, dall'accusa, "improprietà della condotta" della sua famiglia e considerare onestamente la scena della palla, si rende conto che il signor Darcy non era errato per agire contro Bingley e Jane, Soprattutto non sapendo che Jane aveva sentimenti per Bingley (in una discussione precedente, Charlotte aveva avvertito Elizabeth che Jane doveva essere più aperta o che Bingley potrebbe non pensare di essere interessata a lui; Elizabeth sosteneva diversamente. Allo stato attuale, Charlotte aveva ragione e corretto e corretto Elizabeth si rende conto che ora: "Non ha potuto fare a meno di ricordare quale fosse sempre stata l'opinione di Charlotte.") Dovremmo ricordare che il signor Bennet non si sentiva "vergogna" dopo la palla; Ancora una volta, ha semplicemente "apprezzato la scena". 

Dopo la riflessione di Elizabeth e la maggiore conoscenza di sé, le prossime trenta pagine circa si occupano in gran parte di Elizabeth, Jane e Mr. Bennet. Queste pagine sono significative perché Elizabeth continua a vedere il mondo in modo diverso da suo padre e ora inizia a riconoscere quella differenza. Ad esempio, Elizabeth e Jane decidono di non rivelare la vera natura di Wickham. Dice Elizabeth

Il signor Darcy non mi ha autorizzato a rendere pubblica la sua comunicazione. Al contrario, ogni particolare parente di sua sorella doveva essere tenuto il più possibile per me stesso, e se mi sforzo di non avere più persone quanto al resto della sua condotta, chi mi crederà? Il pregiudizio generale contro il signor Darcy è così violento che sarebbe la morte della metà delle brave persone a Meryton, tentare di metterlo in una luce amabile. Non sono uguale ad esso. Wickham sarà presto sparito; E, quindi, non lo significherà a nessuno qui, quello che è veramente. Qualche tempo quindi sarà tutto scoperto, e poi potremmo ridere della loro stupidità nel non saputo prima. Al momento non dirò nulla al riguardo.

Jane è d'accordo:

Avere errori di [Wickham] resi pubblici potrebbero rovinarlo per sempre. Ora è forse dispiaciuto per quello che ha fatto e ansioso di ristabilire un personaggio. Non dobbiamo renderlo disperato.

La valutazione di Jane è al solito. Mentre informare il pubblico sulla duplicità di W L'umanità di Jane è encomiabile qui, poiché la reputazione di una persona può essere rovinata per sempre una volta trasmessa la biancheria sporca per la visione pubblica. Tuttavia, Wickham non dà mai prova che è "ansioso" di riscattarsi; La sua "ansia" è un prodotto del presupposto di Jane il meglio di lui. 

Inoltre, Jane dice "forse" Wickham è "scusa per quello che ha fatto". Da un lato, "forse" di Jane si rende conto che Wickham non si è mai scusato direttamente, né ha dato alcuna indicazione di "dispiacere" per i suoi illeciti. In effetti, la storia suggerisce il contrario nel modo in cui ha approfittato della famiglia Darcy e poi ha proceduto a ingannare Elizabeth e altri a suo vantaggio. Le persone possono cambiare e alcuni lo fanno. Wickham non è uno di loro, quindi "forse" di Jane è meglio che dire "sarà dispiaciuto" ma è ancora un risultato irrealistico. 

D'altra parte, "forse" di Jane è seguito da lei presupponendo che Wickham sia "ansioso" per ripristinare la sua reputazione. Sebbene Wickham non sia "ansioso", il pensiero di Jane di Wickham, di per sé, non è male. È onesta con il modo in cui si sente e non è cinica o sarcastica qui, un contrasto con Elizabeth e i soliti processi di pensiero di Bennet. Tuttavia, se Wickham non sente rimorso, allora diventa sempre più difficile non informare il pubblico sulle sue cattive azioni.

Elizabeth, a differenza di Jane, ora assume il peggio di Wickham. Il suo pensiero iniziale onora il desiderio del signor Darcy di mantenere in silenzio i dettagli relativi a Wickham e sua sorella, poiché sarebbe preoccupato per la reputazione di sua sorella. La scelta appartiene a Georgina e Mr. Darcy su quante informazioni dovrebbero essere trapelate al pubblico ed Elizabeth è d'accordo. È buono.

Dopo la sua buona volontà nel tacere su Wickham, l'orgoglio di Elizabeth inizia a influenzare il suo pensiero. Sarcasticamente, Elizabeth esagera l'opinione pubblica quando dice che il "pregiudizio generale" contro il signor Darcy è "così violento, che sarebbe la morte della metà delle brave persone di Meryton, per tentare di metterlo in una luce amabile". Elizabeth non ha modo di confermare tale affermazione, né quel fattore di sentimento nel suo motivo originale, che era quello di proteggere la reputazione di Georgiana Darcy. 

Elizabeth dice quindi che presto la gente imparerà sulla vera natura di Wickham. A quel tempo, Elizabeth "riderà" per la loro "stupidità" per non aver già saputo del tradimento di Wickham prima. La buona volontà iniziale di Elizabeth è ora cinica. Perché potrebbe essere cinica qui quando il suo motivo per proteggere la Georgiana è bravo? Guardando indietro al cinismo di Mr. Bennet nei confronti di sua moglie, che incolpa per essere bello, vediamo un modo simile di pensare qui con Elizabeth. All'inizio del romanzo, sia per la signora Gardiner o per il signor Darcy, Elizabeth ha fermato ferventemente la causa di Wickham. In questo passaggio, sembra essersi dimenticata del suo favoritismo nei confronti di Wickham e ha dimenticato di essere stata tentata da lui. Mentre il suo pregiudizio contro Darcy aiutava a alimentare la tentazione, Wickham aveva ancora la capacità di influenzare i sentimenti di Elizabeth, sia con il suo aspetto che con la sua retorica. Elizabeth è di solito una donna razionale e persino il defunto padre del signor Darcy ha pensato molto a Wickham. Se può convincerli a pensare bene a lui, allora Elizabeth non dovrebbe essere sorpresa che anche gli altri possano essere ingannati da lui. "Ride" a coloro che Wickham ha ingannato non è utile o gentile.

Un ultimo punto, che è un'estensione del punto precedente, è che altre donne potrebbero, e Lydia, si innamorano di Wickham. Elizabeth, grazie in gran parte alla lettera del signor Darcy e all'impegno temporaneo di Miss King, è stata risparmiata (non ha lasciato Wickham per sua volontà; Wickham l'ha lasciata). Invece di Elizabeth, Lydia prende la caduta quando va a Brighton e alla fine incontra Wickham. Se il signor Darcy non avesse costretto la mano di Wickham a sposare Lydia, la sua reputazione sarebbe stata rovinata per sempre. Questo non è degno di "risate".

Una domanda, quindi, è se tacere su Wickham sia buono, considerando i precedenti pro e contro. Prima di affrontare questa domanda, è necessario prendere in considerazione l'opinione del signor Bennet sul viaggio di Lydia a Brighton e il suo matrimonio con Wickham. Nel capitolo 41, Elizabeth esprime la sua preoccupazione per suo padre per il viaggio di Lydia. Vedendo che il "Whole Heart di Elizabeth era in materia", la logica del signor Bennet dietro permettendo a Lydia di visitare Brighton è alimentato dal suo solito cinismo e sarcasmo:

[S] Per fortuna è troppo povero per essere un oggetto di preda a chiunque. A Brighton, sarà di meno importanza anche come flirt comune di quanto non sia qui. Gli ufficiali troveranno le donne che meritano meglio il loro preavviso. Speriamo, quindi, che il suo essere lì possa insegnarle la sua insignificanza. In ogni caso, non può peggiorare molti gradi, senza autorizzarci a rinchiuderla per il resto della sua vita.

Mentre Lydia non ha mostrato virtù e non ha una mente ragionevole, abbiamo stabilito che la passività del signor Bennet è problematica. Questo è il caso qui. Lydia viene insegnata una lezione di oggetti non è male, poiché quegli insegnamenti possono spesso portare a riflettere e cambiare il comportamento in meglio una volta inteso che lo stile di vita attuale non è vantaggioso. Tuttavia, consegnare la sua responsabilità al colonnello Forster di "tenere [Lydia] fuori da qualsiasi vero malizia" non è ciò che un padre responsabile farebbe. Desiderando che anche sua figlia fosse colpita da più uomini è duro. Elizabeth può solo

forza ... [se stessa] ad essere contenta; Ma la sua opinione [su Brighton Trip di Lydia] continuò lo stesso e lasciò [suo padre] deluso e dispiaciuta.

Sapendo che non poteva fare nulla per cambiare l'opinione di suo padre, la consolazione di Elizabeth era che aveva "eseguito il suo dovere".

La principale preoccupazione di Elizabeth è la reputazione sia di Lydia che della famiglia Bennet. È già stata il destinatario delle critiche del signor Darcy nei confronti della sua famiglia e Jane, per ora, ha perso l'opportunità di sposare Bingley a causa del comportamento imbarazzante della sua famiglia. Lydia avrebbe solo peggiorato le cose. Mentre Elizabeth non sfida suo padre né si sofferma sulla sua decisione di non fare nulla, è "delusa" in lui.

Questa "delusione" incoraggia quindi Elisabetta a riflettere ulteriormente su suo padre. Dice, in un passaggio che avevamo menzionato in precedenza in questo saggio,

[Sig. Bennet] amava il paese e i libri; E da questi gusti avevano sorto il suo principale godimento. A sua moglie, era molto poco in debito, che come la sua ignoranza e la sua follia avevano contribuito al suo divertimento. Questo non è il tipo di felicità che un uomo vorrebbe in generale di dover a sua moglie; Ma laddove sono desiderati altri poteri di intrattenimento, il vero filosofo trarrà beneficio da quello che sono dati. Elisabetta, tuttavia, non era mai stata cieca per l'improprietà del comportamento di suo padre come marito. L'aveva sempre visto con dolore; Ma rispettando le sue capacità e grata per il suo affettuoso trattamento di se stessa, si sforzò di dimenticare ciò che non poteva trascurare e di bandire dai suoi pensieri che la continua violazione dell'obbligo coniugale e del decoro che, esponendo sua moglie al disprezzo dei suoi stessi figli, Così altamente riprovevole. Ma non si è mai sentita così fortemente come adesso, gli svantaggi che devono partecipare ai figli di un matrimonio così inadatto, né sono mai stati così pienamente consapevoli dei mali derivanti da una direzione così mal giudicata di talenti; I talenti, che giustamente usavano, avrebbero potuto almeno preservare la rispettabilità delle sue figlie, anche se incapace di ingrandire la mente di sua moglie. 

Il signor Bennet non è "il vero filosofo". "Il vero filosofo" trova felicità in ogni circostanza; Detto "filosofo" non è sarcastico e cinico come lo sono il signor Bennet ed Elizabeth. Elizabeth si sente "fortemente" gli "svantaggi" dell'uso improprio del signor Bennet per i suoi "talenti" perché questa riflessione è immediatamente dopo la sua "delusione" che suo padre non ha impedito a Lydia di viaggiare a Brighton per flirtare con gli uomini. Inoltre, il signor Darcy aveva appena proposto a Elizabeth, nonostante avesse più problemi con la sua famiglia, e Bingley ascoltò il signor Darcy e terminava temporaneamente il suo coinvolgimento con Jane. Mentre il pregiudizio di Elizabeth e la ragione imperfetta sono responsabili di molteplici problemi nella sua vita, il romanzo sembra dare più colpa al signor Bennet come Elizabeth, sebbene "grato per il trattamento affettuoso di [suo padre] di se stessa", non esita a biasimarlo qui qui . Anche il romanzo non mette in discussione la critica di Elizabeth come altrove.

Il momento del capstone per il friggibile del romanzo il sarcasmo e il cinismo di Mr. Bennet è quando è "orgoglioso" di Wickham, l'uomo che ha sedotto, quindi ha cercato di abbandonare e ha sposato Lydia solo quando è intervenuto il signor Darcy. Dice Bennet

[Wickham] è un bel tipo ... come sempre ho visto. Simpers e sorride e fa l'amore per tutti noi. Sono prodigiosamente orgoglioso di lui. Sfido anche lo stesso Sir William Lucas, per produrre un genero più prezioso. 

Wickham è "prezioso" per il signor Bennet per le sue qualità spregevoli. (Vediamo sarcasmo e cinismo simili quando dice a Elizabeth, all'inizio del romanzo, che Wickham l'avrebbe fatta "credibilmente"). Inoltre, "Impatience" del signor Bennet di vedere Collins era frustrato quando Charlotte lo sposò. Mentre la "filosofia" di Mr. Bennet si basa fortemente sugli altri per "divertirlo", Wickham ora soddisfa l '"impazienza" che il signor Bennet una volta doveva vedere Collins, motivo per cui "sfida" Sir William Lucas a "produrre un più prezioso genero." Questa "sfida" non è il modo in cui "il vero filosofo" trova felicità nella vita.  

Ora considerando i motivi del signor Bennet e considerando il silenzio di Elizabeth e Jane su Wickham, Jane esce in cima, perché è la più altruista dei tre. Elizabeth glorie nell'essere giusta, mentre altri potrebbero essere ingannati da Wickham e il signor Bennet vuole un genero "prezioso" per il suo divertimento. Inoltre, la colpa è più lanciata sul signor Bennet perché la sua mancanza di genitorialità è in gran parte responsabile della situazione di Lydia. Se fosse intervenuto, Lydia non si innamora mai di Wickham.

L'ultima culatta filosofica tra Elizabeth e suo padre è nel capitolo 57. La convinzione del signor Bennet è che ciò per cui vive lui ed Elizabeth è "fare sport per i nostri vicini (sic) e ridere a loro volta". Il contesto è che il signor Bennet ha ricevuto la parola che il signor Darcy vuole sposare Elizabeth. Con il solito sarcasmo, dice a Elizabeth che il signor Darcy guarda solo le donne per vedere una "imperfezione" e probabilmente non ha mai guardato Elizabeth nella sua vita. Elizabeth, come ha fatto allo stesso modo in precedenza nel romanzo, "Force [d]" un "sorriso più riluttante". "Wit" di suo padre non era "gradevole" per lei. Questo è quando il signor Bennet fa a Elizabeth la domanda di cui sopra, seguendo la sua domanda notando come "l'indifferenza" del signor Darcy e la "antipatia a punta di Elizabeth" fa l'idea che il signor Darcy propone "deliziosamente assurdo". Elisabetta "forze" a ridere, e il capitolo termina con Elizabeth che si chiede se avesse "immaginato troppo" per quanto riguarda il matrimonio del signor Darcy. Bennet angoscia inconsapevolmente sua figlia, ma crede solo che il signor Darcy sia "indifferente" perché Elizabeth lo ha detto cinicamente in tutto il romanzo; In un certo senso, ha un assaggio della sua stessa medicina mentre suo padre "gode" il momento a sue spese, ma presuppone che anche lei condivida nel suo "divertimento".

Poco dopo questa scena, il signor Darcy propone a Elizabeth e hanno una conversazione chiave che delinea le rispettive filosofie di vita. Elizabeth afferma che "dovremmo solo pensare al passato come il suo ricordo ci dà piacere". Questa filosofia non è la benevolenza di Jane e non è esattamente ingenua, ma è simile nel modo in cui si concentra sui precedenti bei momenti della vita e non coinvolge sarcasmo e cinismo o il motto della vita di suo padre per "fare sport" e "ridere" vicinato. Inoltre, questa filosofia è diversa dai passaggi precedenti in cui Elizabeth si è abituata ai suoi errori. Bennet ha anche commesso errori, ma la sua soluzione era quella di punire sua moglie con osservazioni sarcastiche e trascurare le sue altre quattro figlie. Elizabeth sceglie di mettere le spalle i suoi errori ora e solo "ricorda" ciò che porta "piacere". Il "piacere" di Mr. Bennet è libri e campagne; Nessuno di questi, sebbene rispettivamente, comporta la cura di un'altra persona; Invece, implicano l'isolamento dagli altri. 

Darcy ha anche proposto a Elizabeth. Spesso, quando una persona soffre di errori o effetti degli errori, si rimproverà. Elizabeth ora è felice, quindi la sua mente è in grado di mettere indietro quegli errori. Inoltre, il signor Darcy si sta rimproverando per la sua lettera, che è stata esaminata in precedenza in questo saggio, a Elizabeth. Sapendo che il signor Darcy sta soffrendo, Elizabeth può dichiarare la sua filosofia per gentilezza e amore, volendo che entrambe le parti si godano insieme il loro nuovo matrimonio e la loro vita. Se il signor Darcy ha rimpianti per tutta la vita, quei rimpianti possono rendere il matrimonio miserabile, come ha visto Elizabeth con i suoi genitori e ricordarle i suoi errati giudici riguardanti il ​​signor Darcy. Tuttavia, Elizabeth non si sforza necessariamente di migliorare se vuole semplicemente dimenticare qualsiasi cosa che non porti "piacere" e il signor Bennet non ha usato i suoi precedenti errori per migliorare se stesso o i suoi figli, trovando un "piacere" a spese degli altri . Mentre entrambi questi "piaceri" hanno problemi, Elizabeth non è a scapito degli altri, rendendolo migliore dell'approccio sarcastico-cynical. 

Nel complesso, Jane, Elizabeth e Mr. Bennet sono probabilmente i tre personaggi più problematici in Orgoglio e pregiudizio Nel modo in cui sfidano un lettore a pensare a quale sia meglio: la benevolenza di Jane, che deriva in gran parte da Naiveté, o la tendenza di Bennet (e di Elizabeth ad essere come suo padre) il pensiero sarcastico e cinico razionale? Mentre il romanzo tende a favorire la ragione, questo punto di vista non significa che Jane voglia essere gentile con tutti è cattivo, perché il modo in cui trattiamo le persone è spesso della massima importanza. Abbiamo anche visto che la ragione può avere gravi carenze; A volte, ciò che ha senso non è sempre corretto. Forse, come in Emma, Il motivo alla base di una decisione conta più, a volte, che la decisione stessa. Ad ogni modo, il problema di Elizabeth, Jane e Mr. Bennet varranno per sempre a discutere.

 

[1] Durante questo saggio, quando mi riferisco a parole specifiche da Orgoglio e pregiudizio Metterò queste parole tra virgolette.

[2] Questo punto è importante perché i narratori di Jane Austen sono capaci di ironia e critiche. (Ad esempio, Emma "sembrava unire alcune delle migliori benedizioni dell'esistenza", il matrimonio di Charlotte con Collins era la "soli disposizione onorevole (sic)" per una donna nella sua posizione, e così via. Questi passaggi, e ce ne sono molti altri , chiedi se il narratore parli in modo diretto o ironicamente).

[3] Questi sermoni erano religiosi nei contenuti e si rivolgevano agli argomenti ritenuti rilevanti per le femmine che includevano appuntamenti, matrimonio, educazione e così via. In breve, questi sermoni usavano la religione per favorire il dovere e l'obbedienza nelle femmine; Inoltre, la forte disapprovazione di Collins per i romanzi, che presentava personaggi solitamente riconoscibili alla maggior parte dei lettori, erano visti come un degrado per la mente femminile e presumibilmente l'avrebbero suscitata un'eccessiva emozione (o sensibilità) poiché la mente femminile era vista come debole (o, Come accennato in precedenza, "sciocco"). In Jane Eyre, Mr. Brocklehurst - Un bullo tirannico e religioso che il romanzo disprezza, per fortuna - soggetti le ragazze a disumane, punizioni ingiuste quando non riescono a sottomettersi e obbedire all'autorità. Mary Wollstonecraft, in a Rivendicazione dei diritti della donna, dice: "Non dovrei permettere alle ragazze di esaminare [Fordyce], a meno che non abbia progettato per cacciare ogni scintilla della natura dalla loro composizione, sciogliendo ogni qualità umana nella mansuetudine femminile e nella grazia artificiale. Dico artificiale, per la vera grazia deriva da una sorta di indipendenza della mente. " 

[4] Questa felicità condivisa è simile al narratore di John Keats, in "Ode to a Nightingale", quando crede che il suo cuore "fa male" dall'essere "troppo felice nella felicità [di The Nightingale] (la vera fonte del" dolore "del narratore è discutibile nella poesia). 


Seth Snow ha conseguito un master in letteratura inglese presso l'Università di Akron e insegna un corso chiamato Jane Austen, dove lui e i suoi studenti leggono e discutono Emma E Persuasione. Insegna anche Orgoglio e pregiudizio E Senso e sensibilità Nella letteratura britannica e nella letteratura femminile, rispettivamente.

4 commenti

I think Austen made it clear that Elizabeth’s values, thoughts, and actions, in comparison to her entire family, comes on top. The criticisms in the book about Mr. Bennet is quite direct. Jane’s character appeases the proper ideal of Austen’s time, but Austen also in a way criticizes the ideal. Jane’s flaw is complete at the end when she is generous to Wickham, whom Austen makes clear is truly bad. Jane’s remark about the Bingley sisters establishes that Elizabeth’s way of thinking is the ideal, because in making such a remark, Jane is becoming less like herself and more like Elizabeth – and the remark is clearly a character development. On the other hand, when Elizabeth goes through character development, she does not become more like Jane, but more of a mature version of herself. Even since the beginning of the novel, Elizabeth is not merely sassy and sarcastic (though readers love her for that), but explicitly written to also be sweet (“sweet and arch”) and kind to others, even when they do not deserve it. She even says she likes the Bingley sisters at one point, even though she remains wary of their intentions. In other words, Elizabeth is written as the perfect balance of cynical and sweet.

The major debate is not between values of Elizabeth and Mr. Bennet/Jane, but rather Elizabeth and Charlotte. Austen writes that both Elizabeth and Charlotte are valid in their thoughts, values, and actions, despite them having different approaches to marriage.

Linda

I found this a really enjoyable, interesting and thought-provoking argument. However, my feeling is that both Jane and Elizabeth are young women and we see them both maturing during the course of the novel. Jane becomes less naive, while still maintaining her sweet nature, and Lizzy experiences periods of profound self-realisation. Mr Bennet’s attributes are fixed: all of his life’s experiences have made him somewhat cynical and, to some extent, ungentlemanlike. He does not change his behaviour, nor do we expect someone of his generation and age to do so. Yes, Lizzy is her father’s daughter, but I think we see her learn to govern her reactions – her demeanour to Darcy during her visit to Pemberley with her aunt and uncle is very different from that when she first meets him. She has become more genteel and poised as a result of observing, from outside, as it were, the behaviour of members of her own family. In my opinion, she is the bridge between the two hierarchies of society; born in one sphere, but having the opportunity, natural qualities and self-confidence to act with suitable propriety in another.

Kathy Dunce

I think Mr. Bennet is bitter at the way his life has turned out, and in him we get a glimpse of what Elizabeth could become in similar circumstances. But he is also indolent, and his lack of intervention in his daughters’ upbringing is a result of that indolence as much as his bitterness.

I don’t think you are quite fair to Bingley’s sisters. I think they do like Jane; only it is a shallow liking, and doesn’t interfere with their worldly assessment of her poor marriage prospects, shown in the discussion after Elizabeth’s arrival when Jane is ill, or any of their other worldly concerns.

Also, somehow your calling Mr. Collins “Collins” jars a bit. While Bingley and Wickham are men of fashion and such familiarity is consistent with their characters, Austen never calls Mr. Collins anything other than Mr. Collins – and I don’t imagine Charlotte ever does, either.

Thanks for an interesting essay.

Rachel Port

Very interesting (apart from the atrocious Americanised spellings, which are an unfortunate affront to the English language).
However, I don’t think Seth Snow has an understanding of rhetorical speech. When Mr Bennet says things like he is “impatient” to meet Mr Collins, this is not to be taken literally! It is a British way of saying that he has an obligation to meet Mr Collins, but would rather not do so if there was any choice in the matter. Mr Bennet, therefore, is not at all “impatient” for the “diversion” of meeting him, actually he is weary at the thought of having to suffer another fool gladly. And frankly, Mr Bennet would rather be in his study reading a book, than having to entertain this man. At several points in his essay Seth Snow continues to make this mistake in understanding the wry-and-dry rhetorical nature of various character’s comments.
I have heard it said that Americans are often too literal in their understanding of our culture, and this certainly seems to be bourne out here. I wish the writer well, but respectfully suggest he take another look.

Jo

Commenta

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Per saperne di più

Women's Circles Broken - Part Five - JaneAusten.co.uk
Christina Rossetti

Cerchi spezzati di donne - Parte quinta

In questa puntata finale, Meagan riunisce tutte le sue analisi.

Per saperne di più
The Janeites by Rudyard Kipling - JaneAusten.co.uk
janeite

I Janeites di Rudyard Kipling

Questo racconto è spesso considerato l'origine del termine "Janeite"

Per saperne di più